Si toglie la vita il 43enne marzanese Giuseppe Vastola

0

San Valentino Torio. Trovato impiccato nel retro della propria abitazione. Così ha deciso di porre fine alle proprie sofferenze Giuseppe Vastola, di 43 anni, cittadino della periferia di San Valentino. A trovarlo il padre che, dopo essersi accorto dell’assenza ambigua del figlio, l’ha ritrovato nel pagliaio adiacente la propria abitazione, sospeso in aria tramite una corda. L’uomo non viveva da tempo una felice situazione matrimoniale, ragione per cui era tornato a vivere con i propri genitori a seguito di una recente separazione dalla moglie. Prima della tragedia l’uomo non aveva destato alcun sospetto circa ciò che stava apprestandosi a fare. Come di consueto, era anche uscito di casa per poi farvi ritornato dopo qualche minuto. Solo a metà mattinata il padre di Giuseppe ha cominciato a cercarlo, convinto fosse affaccendato in una delle stanze della loro abitazione. Poi la tragedia quando l’uomo ha ritrovato il corpo esanime del figlio. Inutili si sono rivelati i soccorsi giunti a via Tauro, arteria della periferia di San Valentino, i quali hanno solo potuto constatare la morte dell’uomo. Giuseppe Vastola, noto alle forze dell’ordine per vari precedenti, lascia una moglie e due figli. Il gesto disperato del quarantenne, è probabile, sia stato dettato da una serie di debiti cumulati nell’ultimo periodo che hanno rincarato una già difficile situazione emotiva, scaturita dalla fine del proprio matrimonio. Inoltre la tragedia si è consumata in un altro nefasto giorno per la famiglia Vastola. Infatti, la madre di Giuseppe, al momento del ritrovamento del corpo del figlio, si trovava in viaggio verso Roma per poter prendere parte al funerale del fratello, di 63 anni, morto poche ore prima. Il dramma ha visto i due coniugi Vastola separati da vari chilometri e incapaci di potersi fare forza a vicenda in un giorno così funesto. I familiari, che mai avrebbero pensato a un gesto così disperato, attendono ora i funerali di Giuseppe e non riescono a trovare una ragione a un gesto così inaspettato del loro caro. Il suicidio di Giuseppe Vastola rievoca l’inaspettata morte di un suo concittadino, morto suicida proprio un anno fa, il quale si era tolto la vita dopo aver perso il lavoro. Salvatore Gaeta METROPOLIS