Diete e moda

0

Del gruppo sanguigno,a zona,a punti,dissociata,dei colori,chetogenica,paleolitica e chi più ne ha…Chi di noi nel percorso di vita non s’è trovato ad incappare in una dieta?Un amico che la propone,un sito internet piuttosto che il programma di turno su rete nazionale. Non è lo scopo dell’articolo fare da manuale ma ci sono alcuni punti cardine sui quali vorrei portare la vostra attenzione. Le CALORIE,ormai siamo bombardati da questa parola inflazionata,dieta a 2000 cal. dieta a 3000 cal. ma che parametro di giudizio ci dà questa unita di misura?La caloria (o piccola caloria, simbolo cal) è un’unità di misura dell’energia, nata in ambito termodinamico. Viene comunemente definita come la quantità di energia necessaria per elevare da 14,5 a 15,5 °C la temperatura di un grammo di acqua distillata situata a livello del mare (pressione di 1 atm). Cosa questo abbia a che fare col nostro metabolismo ancora non mi è chiaro. Immaginiamo per assurdo di ingerire 1000 cal. provenienti dalla pasta,ora sostituiamo l’alimento pasta con i broccoli lasciando però immutato il valore caloria,pensate che avremo lo stesso effetto metabolico dall’assunzione dei due alimenti?Non bisogna essere Nobel per intuire che la differenza non è la caloria in sé ma il “messaggio” che il cibo dà all’organismo una volta assunto. Un parametro ben più significativo è l’indice glicemico e ancor di più il carico glicemico,che altro non è l’impatto glicemico di quel determinato alimento e del suo contenuto di carboidrati. All’inizio degli anni ’80 tutti gli slogan dei sedicenti “alimenti fitness” erano “low fat” poi si son accorti che il problema non sono i grassi (anzi fondamentali nella nostra alimentazione) e da lì giù coi “low carb”,ora è la volta degli “sugar free” che altro non ha fatto che dare spazio ad aspartame ed acesulfame K sostanze “potenzialmente cancerogene” come dire che una testata nucleare è “potenzialmente pericolosa” ovvio che bisogna innescarla ma io ci girerei alla larga a prescindere. Senza entrare troppo nel dettaglio,se l’alimento che comprate è confezionato (evitatelo) ma se proprio dovete,leggete bene l’etichetta se negli ingredienti c’è qualche voce che non conoscete (sigle varie es. E501) desistete da acquistare quel prodotto. In parole povere,invece di inseguire diete mangiate quello che di buono e nutriente ci offre madre natura,i nostri amici saranno macellerie,ortofrutticoli e pescherie.Ricordate che “dieta” non è una restrizione ma uno stile di vita! Buona non dieta!

Lascia una risposta