SORRENTO:GAETANO MASTELLONE SOLO A FINE CAMPIONATO DIRO´ LA VERITA´

0
5

«Ci credo perché sono un combattente. Parlerò di tante “cosucce” a fine campionato. Ora silenzio!». Gaetano Mastellone si sfoga dopo il ko di Perugia. Il Sorrento è ultimo, a -3 da Barletta e Carrarese con lo spettro della retrocessione diretta che ora è più di un incubo. Ed il vicepresidente dice la sua, dopo che – anche sul web – la tifoseria è esplosa contro squadra, allenatore e dirigenza per un’annata horror da censura. Mastellone scende in campo su Facebook, con un «post» preciso: «Mai ammainare la bandiera o la fascia, ci credo ancora» scrive il vicepresidente rispondendo fra le righe a chi mette la società sul banco degli imputati. «Lotterò, ovviamente dal di fuori e non dal campo, sino alla fine come mi auguro faranno gli altri, anche i colpevoli di questa situazione. I conti li tireremo alla fine del campionato. Il giorno dopo parlerò di tutto e di più. Ora solo silenzio. Una persona, non sorrentina, oggi mi ha inviato una mail, e ne riporto solo un pezzo: “Cosa ne sarà di questo Sorrento dottore? Se malauguratamente dovesse finire così, non sparirà mica il calcio in costiera? Non datela vinta a chi non vuole il Sorrento a Sorrento…”. Statene certi chi non ama il Sorrento a Sorrento sarà pubblicamente additato per gli errori o per le promesse fatte; noi, uomini veri, non abbiamo paura di parlare anche documentando. Societariamente dal punto di vista finanziario sono stati fatti dei miracoli. Sul versante “tecnico” ci sono state tante, troppe, interferenze e tanti errori. Sarà giusto far notare, poi, questi aspetti. Ora serve solo silenzio, ambiente tranquillo e concentrazione. Ce la possiamo fare, ma serve lottare in campo con maggiore determinazione. Dobbiamo avere fame! Alla fine del campionato poi faremo i conti con “i tanti professori” (interni ed esterni) che ritengono di capirne di calcio! Ognuno, me compreso (ma io so stare dalla mia parte), deve fare bene il proprio mestiere, mestieranti fasulli non servono e devono mettersi da parte come coloro i quali pensano di saperne di calcio solo perché lo guardano in tv. Ho tante, troppe, cose da dire; le dirò con estrema chiarezza. Ora un solo grido: forza Sorrento».

(Salvatore Dare)

fonte:metropolisweb

Lascia una risposta