SANT´AGNELLO SALVATI SUI PROGRAMMI POLITICI DEI CANDIDATI OSCENITA´

0

Ho appreso dagli organi di stampa le recenti proposte ed i programmi dei possibili candidati sindaci alle prossime consultazioni amministrative di maggio! Mi sono letteralmente cadute le braccia nel leggere certe oscenità che mi hanno ancora più radicato nella convinzione di aver detto basta ad una politica illusoria, fatta di induzione alla violazione di norme, di affari e di riproposizione di figure istituzionali fallimentari! Sarò monotono e ripetitivo e sarò, sicuramente ,anche di parte ma l’unico ad aver proposto( almeno come programma)un’inversione di tendenza è stato proprio il leader della lista “S. Agnello prima di tutto” ,Piergiorgio Sagristani che ha affermato di voler puntare sull’anagrafe degli eletti, sulla trasparenza e sul risanamento dei conti pubblici. Gli altri invece ,senza assolutamente scomporsi, hanno continuato a riproporre concetti triti e ritriti che già hanno fallito in precedenza o miranti ad illudere chi ha trasgredito le leggi vigenti o addirittura ipotizzando, a mio parere ovviamente, una nuova cementificazione del paese. Esprimo più nel dettaglio ciò che, come al solito e senza peli sulla lingua, mi pare di aver desunto chiaramente dalla lettura delle dichiarazioni degli aspiranti sindaci di S. Agnello. Comincio da Salvatore Siviero, leader di Forza S. Agnello che non ha fatto mistero di voler introdurre una nuova figura istituzionale ovvero il tutor del cittadino, chiamato a garantire l’attuazione del programma di governo ed il buon andamento dell’amministrazione comunale! Ebbene, mi domando, cosa altro non è il tutor del cittadino se non la figura del difensore civico comunale ,di manzoniana memoria, che nel tempo è scomparso dai Comuni che ancora lo riportano nei propri Statuti comunali ma che mai hanno funzionato a garanzia della tutela dei diritti dei cittadini? Mi fermo qui passando velocemente a Rosario Salerno che vorrebbe istituire un comitato contro l’abbattimento delle case abusive distinguendo tra abusi edilizi di necessità e quelli speculativi, un progetto totalmente improponibile (ma di sicuro effetto e richiamo per chi si trova in quella condizione!) se non cambieranno le leggi vigenti. E che dire del sindaco uscente Orlando, di professione ingegnere ,che intende approvare un nuovo piano urbanistico comunale per mettere in sicurezza gli immobili esistenti e costruire nuovi alloggi per le famiglie, senza consumare ulteriormente il territorio ?Un bel campionario di idee che sicuramente non mancherà di attrarre tutti quei cittadini che continueranno a credere con forza a chi propone una soluzione illusoria e transitoria ai loro problemi. Davvero sconcertanti questa pochezza di programmi, questa carenza di idee, questo continuo ripercorrere la falsariga del passato e sono davvero contento di non essermi più riproposto ai cittadini di S. Agnello. Certo questo non mi esime anche da colpe passate ma credo che un rinsavimento possa sempre accadere, così come nel mio caso! Il problema è che non si vede all’orizzonte il rinsavimento degli altri! Un saluto. Gianni Salvati, ex consigliere comunale di S. Agnello