Napoli. NarteA sostiene il restauro del Museo delle Arti Sanitarie: in scena “Kairòs, sussurri del t

0

C’è una parola precisa che indica “quel tempo nel mezzo” in cui qualcosa di speciale si realizza: Kairòs, un momento giusto. L’Associazione Culturale NarteA propone questa visita guidata teatralizzata, in collaborazione con il Museo delle Arti Sanitarie, con l’intenzione di tutelare la cultura e il patrimonio partenopeo: “Kairòs, sussurri del tempo” è una particolare visita itinerante alla scoperta del Complesso e del Museo delle Arti Sanitarie dell’Ospedale degli Incurabili messa in scena da NarteA per sostenere il progetto di ristrutturazione del Museo delle Arti Sanitarie. “Il tempo che dedichiamo alla promozione e alla valorizzazione del nostro territorio, è sempre un tempo ‘giusto’, – sostiene Mariano Penza, vicepresidente di NarteA – poi spendere un momento per la cultura, emozionandosi in luoghi mai visitati prima, non è mai tempo perso”. Sabato 13 dicembre 2013, ore 18:30, l’Associazione Culturale NarteA e il Museo delle Arti Sanitarie aprono al pubblico “Kairòs, Sussurri del tempo”, un originale percorso teatralizzato, che vuole trasportare i visitatori alla scoperta della rinascimentale struttura del Complesso degli Incurabili, attraverso personaggi storici redivivi, animati da attori professionisti, quali Federica Altamura, Annalisa Direttore, Raffaele Ausiello e Stefano Ferraro. Un’immersione alternativa nel segno della storia e delle tradizioni partenopee, nel pieno periodo di fioritura del Rinascimento napoletano, in quel luogo dove il tempo resta imprigionato, come l’impronta di un momento in cui i sentimenti diventano protagonisti assoluti delle vicissitudini storiche: l’ospedale degli Incurabili non fa eccezione. Fondato nel 1521 da Maria Lorenza Longo che volle tener fede ad un voto fatto quando era vittima di una malattia che l’aveva paralizzata, oltre ad altri pregi, questo spazio racchiude in se il segno di un tempo, il respiro di un battito ormai andato, che si ferma a guardare le passioni, gli amori, gli ideali che si sono susseguiti nei secoli tra quelle mura. Come mostrano le donne della Buona Morte che sono qui passate, c’è sempre un tempo per cambiare…o meglio c’è un tempo per ogni cosa: vivere, soffrire, guarire, amare, morire! In questo luogo, in ogni momento, si sente ancora il sussurro di quel tempo, che parla ancora. L’ingresso al pubblico è previsto al Complesso degli Incurabili, sito a Napoli in via Maria Longo n°50, su prenotazione obbligatoria al 339.7020849 – 334.6227785. Costo € 15,00 a persona.