Gragnano due rapine a Farmacie una gang sui Monti Lattari

0

Una vera e propria gang delle “farmacie” sui Monti Lattari  Come capita sempre, nei periodi festivi, si incrementa il numero di furti, scippi e rapine. L’episodio più grave si è verificato sabato santo a Gragnano. Alcuni malviventi, infatti, hanno rapinato una farmacia di via Madonna delle Grazie, al confine con Santa Maria la Carità. Erano da poco passate le 13 quando due giovani, armati di pistola e con il volto coperto dal casco, sono entrati nel negozio, dove c’erano ancora dei clienti. I titolari della farmacia non hanno potuto fare altro che obbedire alle minacce dei rapinatori, scappati via con 1000 euro in contanti. Sempre la scorsa settimana, nel mirino dei malviventi finì la farmacia Iervolino di via Marianna Spagnuolo. In quell’occasione il bottino, raddoppiato rispetto al colpo di ieri, fu di 2mila euro. Le modalità molto simili. adottate nelle due rapine fa pensare all’azione di una vera e propria «gang delle farmacie», ma le indagini delle forze dell’ordine proseguono a 360 gradi. Tanto più che sono stati registrati anche altri episodi che hanno fatto crescere la tensione e la paura tra i cittadini. Sempre a Gragnano, infatti, una 45enne è stata scippata della borsa nel quartiere Rosario. Ad Agerola, invece, sono stati denunciati due furti in appartamento: vittime un’ostetrica e un insegnante in pensione, per un bottino che ammonta a svariate centinaia di euro, oltre a gioielli di vario tipo. Intanto proseguono le indagini dei carabinieri. Il primo nodo da sciogliere è capire se c’è una correlazione tra gli episodi di Gragnano e Agerola. Ad ogni modo la pista al momento più seguita porterebbe ad una baby–gang locale, anche se non sono escluse altre ipotesi. Intanto proseguono i lavori per l’installazione di 90 telecamere di videosorveglianza nei comuni di Gragnano, Agerola, Sant’Antonio Abate e Santa Maria la Carità. Le telecamere – fisse, mobili o di rilevazione transiti – verranno collegate con le sale operative dell’ordine. Un progetto ad ampio respiro, finanziato nell’ultimo Pon Sicurezza gestito dal Ministero dell’Interno con 960mila euro, che si pone l’obiettivo di garantire maggiore sicurezza ai cittadini. A Gragnano in particolare, saranno installate 22 telecamere su tutto il territorio cittadino. Di queste, dieci saranno posizionate nel centro storico, mentre le altre 12 nelle zone periferiche, che vanno da Iuvani al Parco Imperiale. Francesco Fusco Il Mattino