PENISOLA: L´APPELLO,CONDANNA BIS PER I NARCOS‏

0

 

Riceviamo e pubblichiamo Un’indagine dei Carabinieri della Penisola sorrentina porto’ prima agli arresti e poi alle condanne in primo per grado per 5 presunti narcos locali; infatti col rito abbreviato il GIP dott. Fiorentino del Tribunale di Torre Annunziata,rifilo’ oltre 8 anni di reclusione al pregiudicato G.Varlese, 5 anni a E.De Luca,G.Carrano e G.Cosentino,e infine 20 mesi pena sospesa per S.A. di Sorrento. Nei giorni scorsi la Corte d’Appello di Napoli ha sostanzialmente confermato le condanne, in quanto G.Varlese ha avuto un lieve sconto di pena a 7 anni e 6 mesi; condanne uguali al primo grado per G.Carrano di Vico Equense,E.De Luca di Massa Lubrense e S.A.; infine lieve sconto di pena per G.Cosentino di Piano che passa a 4 anni e 6 mesi. Attualmente sono detenuti agli arresti domiciliari sia il Carrano,sia il Cosentino,sia il Varlese; detenuto in comunita’ il De Luca; a piede libero S.A.che ha goduto fin dal primo grado della pena sospesa. Grida la propria innocenza l’incensurato G.Carrano,che insieme a qualche altro condannato di questa inchiesta,si ritiene vittima di un abbaglio,nel senso che si dichiara fraintesa la propria posizione, che doveva essere ritenuta di consumatore in gruppo e non di narcotrafficante o spacciatore. Alcuni di loro,infatti, starebbero meditando un clamoroso ricorso in Cassazione. I nostri auguri al Carrano e al Cosentino che da anni sono conosciuti in paese come persone tranquille,anche se a volte,vittime loro stessi dell’uso di droga.

(nicola.demarian@libero.it)