Sorrento sabato in biblioteca evento per l’ingresso dei libri del Fondo Andrea Savino

0

Articolo aggiornato dall’inviato della redazione Positanonewtv Luigi Russo, presente all’evento e che ha riportato video interviste foto e impressioni.

Inaugurazione presso la Biblioteca Comunale di Sorrento, del “Fondo Savino”, un patrimonio di oltre 4000 libri che gli eredi del prof. Savino hanno donato alla collettività.
Questo non stupisce chi ha avuto il piacere di conoscerlo.
Il prof. Andrea Savino oltre alla profonda Cultura è ricordato soprattutto per averla sempre condivisa con tutti.

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi

Sorrento sabato in biblioteca evento per l’ingresso dei libri del Fondo Andrea Savino . L’evento ci è stato segnalato dal dottor Inciso, ricordiamo come centinaia di sorrentini volevano dedicare la biblioteca proprio a Savino, tuttora è dedicata allo storico di Napoli  Bartolommeo Capasso, ma per Savino è stato costituito un Fondo ed un’ala tutta sua.

La redazione ha ricevuto questo comunicato dagli amici del compianto prof. Andrea Savino che hanno curato la realizzazione del fondo librario presso la Biblioteca Comunale di Sorrento: Alfaro Luigi, Ascione Filippo, Cambi Maurizio, D’ Alessio Pasquale,  Inciso Giovanni e Morelli Quinzio.

“Sabato 20 maggio alle ore 19, presso la Biblioteca Comunale di Sorrento in Piazza Tasso, sarà inaugurato il “Fondo Andrea Savino”.
Si tratta di oltre quattromila volumi di grande interesse scientifico su temi che vanno dalla filosofia alla matematica, dalla storia alla religione, dall’economia agli studi sociali. Una raccolta di testi rappresentativa dell’intenso percorso intellettuale del prof. Andrea Savino, scomparso improvvisamente due anni fa, che gli eredi hanno voluto donare ai suoi concittadini.
Una scelta generosa, operata nel solco della continuità con i valori che hanno caratterizzato la vita del prof. Andrea Savino: la convinta attività di divulgazione della cultura e di condivisione della conoscenza considerate come forme di democrazia. Un’attività portata avanti per anni con passione, che ha contribuito alla formazione culturale, intellettuale ed etica di molte generazioni di giovani della Penisola sorrentina.
Nell’incontro di sabato prossimo, il prof. Maurizio Cambi, che insieme ad altri affezionati amici dello stimato prof. Savino ha curato l’assemblaggio e l’organizzazione del patrimonio librario donato alla città, illustrerà i contenuti del fondo e le modalità di catalogazione tese a favorire, per i frequentatori giovani e meno giovani della Biblioteca Comunale di Sorrento, la curiosità e il desiderio di conoscenza.

All’appuntamento interverranno il Sindaco di Sorrento avv. Giuseppe Cuomo e l’Assessore alla Cultura Maria Teresa De Angelis. Interverrà, inoltre, Adriana Ventolino, moglie di Andrea Savino, che ha voluto donare alla città il prezioso fondo librario.”

HELMUT NEWTON. FOTOGRAFIE Napoli, PAN Palazzo Arti Napoli

0
!HUSTON 4498-9

dall’inviato di Positanonews Luigi Russo

Non sarebbe una cattiva idea, anche in considerazione dell’imminente 8 marzo, visitare la mostra dedicata a Helmut Newton; si perché malgrado i suoi scatti fossero osé e rivoluzionari per l’epoca, non furono mai volgari, anzi il Maestro mise la Donna sempre al centro della sua opera.

Stamane 24 febbraio 2017, nella sala Convegni “Roberto Di Stefano”, del Palazzo delle Arti di Napoli (PAN), si è tenuta l’anteprima per la stampa, della Mostra: “Helmut Newton. Fotografie. White Women / Sleepless Nights / Big Nudes”. Dopo i saluti di Nino Daniele assessore al Comune di Napoli e di Alberto Rossetti AD di Civita Mostre; l’esposizione è stata illustrata dai curatori Matthias Harder e Denis Curti

Il progetto, realizzato da June Newton, vedova di uno dei più famosi fotografi del Novecento e presidente della Helmut Newton Foundation, è stato promosso dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, in collaborazione con Civita Mostre, e raccoglie oltre 200 immagini tratte dai primi tre libri del fotografo pubblicati tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80.

Per illustrare al meglio l’evoluzione dello stile di Helmut Newton, la Mostra si compone di tre sezioni ben distinte:

1 – WHITE WOMEN
Helmut Newton pubblicò il suo primo libro monografico nel 1976 e ricevette il prestigioso Kodak Photo Book Award. Per la prima volta il nudo e l’erotismo, attraverso 84 immagini a colori e in bianco e nero, entrarono nel mondo della moda e testimoniarono la trasformazione del ruolo della donna nella società occidentale.

2 – SLEEPLESS NIGHTS
Questo volume di Helmut Newton, pubblicato nel 1978, raccoglie tutti i lavori realizzati per diversi magazine, tra cui Vogue; ed è quello che lo ha reso una vera e propria icona della “fashion photography”.

3 – BIG NUDES
Newton pubblicò questo libro nel 1981, quando raggiunse il ruolo di protagonista della fotografia del secondo Novecento, inaugurando le gigantografie, cioè i nudi a figura intera ed in bianco e nero ripresi nello studio con la macchina fotografica.

Nella sezione Sleepless Nights è possibile ammirare uno scatto che il Maestro eseguì a Capri nel 1977, per la Rivista Vogue, dal titolo: “Capri at night”.

Berlinese, classe 1920, Helmut Newton (il cui vero nome era: Helmut Neustädter) crebbe in una famiglia ebrea della ricca borghesia, frequentò ottime scuole e poi la passione per la fotografia e il lavoro con la fotografa tedesca Else Simon. Nel 1938 la fuga dalla persecuzione nazista, a bordo della nave “Il Conte Rosso”, che da Trieste lo portò a Singapore.

Poi la II Guerra Mondiale, combattuta con la divisa dell’esercito australiano, il lavoro di freelance (anche per Playboy) e, nel 1961, il trasferimento a Parigi per concentrarsi sulla fotografia di moda.

Inutile dire che Newton fu conteso e lavorò per le più grandi riviste di moda: Vogue,Elle, GQ, Vanity Fair, Marie Claire, ecc.

Lavorò anche per stilisti del calibro di Chanel, Gianni Versace,, Yves Saint Laurent e fotografò tantissimi famosi personaggi, quali ad esempio, Ava Garner, Charlotte Rampling, Catherine Denevue,, Margaret Thatcher, ecc.

Tra i tanti episodi della sua vita, cito la cinquantesima edizione del famosissimo Calendario Pirelli (The Cal) del 2014 che non venne prodotta come sempre, ex novo, ma recuperò, invece, gli scatti in bianco e nero realizzati nel 1986 da Helmut Newton nel Chianti e a Montecarlo. Le foto inedite erano state all’epoca censurate perché “caratterizzate da una nudità aggressiva”, furono gelosamente conservate dalla Fondazione Pirelli, e riproposte anni dopo, appunto nel 2014, le fotografie ritraggono, tra le altre, le modelle Susie Bick e Antonia Feodora Dell’Atte.

Newton se ne è andato nel 2004, in seguito ad un infarto, la sua tomba è nel cimitero ebraico di Friedenau, a Berlino.

Sarà possibile visitare la mostra da Sabato, 25 Febbraio 2017 a Domenica, 18 Giugno 2017, presso il PAN in Via dei Mille 60, Napoli.

Luigi Russ

 

o

 

 

Il progetto della mostra Helmut Newton. Fotografie. White Women / Sleepless Nights / Big Nudes, nasce nel 2011 per volontà di June Newton, vedova del fotografo e presidente della Helmut Newton Foundation, e raccoglie le immagini dei primi tre libri di Newton pubblicati tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta, da cui deriva il titolo della mostra e l’allestimento articolato in tre sezioni. I tre libri sono fondamentali per capire la fotografia di Newton, che li ha progettati personalmente, selezionando le immagini fotografiche e la loro impaginazione.

L’esposizione, curata da Matthias Harder e Denis Curti e aperta al pubblico dal 25 febbraio al 18 giugno 2017 al PAN, Palazzo Arti Napoli, presenta per la prima volta a Napoli oltre 200 immagini di Helmut Newton, uno dei più importanti e celebrati fotografi del Novecento.

White Women

Nel 1976 Helmut Newton dà alle stampe il suo primo libro monografico, che subito dopo la sua pubblicazione riceve il prestigioso Kodak Photo Book Award. 84 immagini a colori e in bianco e nero in cui per la prima volta il nudo e l’erotismo entrano nel mondo della moda: si tratta di fotografie innovative e provocanti che rivoluzionano il concetto di foto di moda e testimoniano la trasformazione del ruolo della donna nella società occidentale. Visioni che trovano spunto anche nella storia dell’arte, in particolare nella Maya desnuda e nella Maya vestida di Goya del Museo del Prado di Madrid.

Sleepless Nights

Anche Sleepless Nights pubblicato nel 1978, ruota attorno alle donne, ai loro corpi, abiti, ma trasformando le immagini da foto di moda a ritratti, e da ritratti a reportage di scena del crimine. I soggetti sono solitamente modelle seminude che indossano corsetti ortopedici o sono bardate in selle in cuoio, fotografati fuori dal suo studio, quasi sempre in atteggiamenti sensuali e provocanti, a suggerire un uso della fotografia di moda come mero pretesto per realizzare qualcosa di completamente nuovo e molto personale. Sicuramente si tratta del volume a carattere più retrospettivo che raccoglie in un’unica pubblicazione i lavori realizzati da Newton per diversi magazine (Vogue fra tutti), ed è quello che definisce il suo stile rendendolo un’icona della fashion photography.

 

Big Nudes

Con la pubblicazione Big Nudes del 1981, Newton raggiunge il ruolo di protagonista della fotografia del secondo Novecento, inaugurando una nuova dimensione – misura, quella delle gigantografie che entrano prepotentemente e di fatto nelle gallerie e nei musei di tutto il mondo. Fonte di ispirazione dei  nudi a figura intera ed in bianco e nero ripresi in studio con la macchina fotografica di medio formato, sono stati per  Newton i manifesti diffusi dalla polizia tedesca per ricercare gli appartenenti al gruppo terroristico della RAF.

Il percorso espositivo permetterà di conoscere un Helmut Newton più profondo e se vogliamo più segreto rispetto a quanto già diffuso: infatti, se l’opera del grande fotografo è sempre stata ampiamente pubblicata e con enorme successo su tutte le riviste di moda, non sempre la selezione effettuata dalle redazioni corrispondeva ed esprimeva compiutamente il pensiero dell’artista.L’obiettivo di Newton aveva la capacità di scandagliare la realtà  che, dietro il gesto elegante delle immagini, permetteva di intravedere l’esistenza di una realtà ulteriore, che sta allo spettatore interpretare.Obiettivo della mostra è presentare i temi distintivi dell’immaginario artistico di Helmut Newton, offrendo la possibilità ai visitatori di comprendere fino in fondo il suo lavoro come mai prima d’ora.Promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napolila mostra è organizzata da Civita Mostre in collaborazione con la Helmut Newton Foundation.  La mostra è accompagnata da una pubblicazione edita da Marsilio.

La Ceramica Francesco De Maio a La Triennale di Milano con Gio Ponti: L’Infinito Blu

0

NOCERA SUPERIORE  – Un volume ed una mostra che la Ceramica Francesco De Maio, licenziataria per la riproduzione fedele delle maioliche Blu Ponti, dedica a Gio Ponti per valorizzare il Made in Italy in continuità con la tradizione ceramica tra passato, presente e futuro.

 “… e penso sempre alle infinite possibilità dell’arte: date a uno un quadrato di venti per venti e

– benché nei secoli tutti si siano sbizzarrirti con infiniti disegni –

c’è sempre posto per un disegno nuovo, per un vostro disegno…non ci sarà mai l’ultimo disegno…”(Gio Ponti) .

 

“Gio Ponti: L’Infinito Blu”. Una mostra ed un libro ideati dalla Ceramica Francesco De Maio di Nocera Superiore (SA), per raccontare a Milano con i disegni originali, alcuni inediti, fotografie, pezzi storici, un architetto e un designer come Gio Ponti.

Il doppio appuntamento con la mostra a La Triennale di Milano e la presentazione di un prestigioso volume firmato Ceramica Francesco De Maio ed edito da Edizioni Paguro con le testimonianze di Aldo Colonetti, Gianni De Maio, Gillo Dorfles, Patrizia Famiglietti, Fulvio Irace, Salvatore Licitra, Lisa Licitra Ponti, Fabrizio Mautone. Per la prima volta in assoluto, in un unico testo, i tre artefici del Blu Ponti.

 

Protagonisti del libro e della mostra, curati da Aldo Colonetti e Patrizia Famiglietti con la collaborazione di Salvatore Licitra, le fotografie mai pubblicate prima d’ora che ritraggono Gio Ponti come una sorta di regista “felliniano” mentre coordina in fabbrica le fasi di produzione, gli schizzi che ha tracciato velocemente per cogliere la sua creatività fuggente, le tavole e gli acquerelli fatti a mano su cui ha carpito le forme dei decori, e le maioliche che hanno reso reali le sue creazioni. In mostra anche le 33 maioliche “Blu Ponti” della Ceramica Francesco De Maio, riproduzioni fedeli non solo delle 27 maioliche ideate per il Parco dei Principi di Sorrento, ma anche degli inediti 5 decori non utilizzati e rimasti fino ad oggi solo disegni. Ed ancora la realizzazione di un decoro non compreso tra le 32 tavole disegnate da Gio Ponti, ma ritrovato nell’archivio degli schermi della Ceramica D’Agostino, ben riconducibile agli altri patterns bianchi e blu e individuabile tra gli schizzi a penna del designer.

 

Gio Ponti: L’Infinito Blu, un infinito blu di combinazioni. Prendi un decoro, lo giri di novanta gradi, e poi ancora di novanta gradi e ancora di novanta gradi e capisci che ad ogni giro si crea un disegno diverso. Linee, quadrati, punte, fiori che volgono in maniera diversa, che mirano in verticale verso il cielo o in orizzontale verso il mare. E quando il decoro viene posto a quattro, è proprio lì che l’azzurro del cielo e il blu del mare non hanno più fine in un intreccio infinito di forme e colori sempre diverso.

 

Maggiori dettagli nella conferenza stampa che si terrà giovedì 9 febbraio alle ore 18.30 al Palazzo de La Triennale di Milano, sala Quadreria.

Interverranno:

 

Aldo Colonetti, Filosofo, storico e teorico dell’arte, del design e dell’architettura, studioso di Gio Ponti

Salvatore Licitra, Erede di Gio Ponti

Gianni De Maio, CEO della Antiche Fornaci D’Agostino S.r.l.

Patrizia Famiglietti, Art Director della Ceramica Francesco De Maio S.r.l.

Fulvio Irace, Storico dell’architettura

Fabrizio Mautone, architetto che ha ristrutturato l’Hotel Parco dei Principi di Sorrento

LUTERO, COME E PERCHE’ ALL’UNITRE

0

Sabato 28 gennaio gennaio ore 16:30 nella sala della biblioteca di Piano proiezione del film LUTHER. Ingresso libero

Nell’ambito della rassegna di film storico filosofici curata dal Prof Paolella, il prossimo appuntamento è con il film Luther il sabato e la domenica la prof Kristien  Thiele pastore della chiesa Luterana di Napoli, ci guiderà nella conversazione.

video del primo incontro dedicato a Gallileo

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Positano musealizzazione Villa Romana alla ditta Pompa. Numero chiuso per le visite. De Lucia “Accordo con Soprintendenza e Chiesa per la gestione”

0

Il Comune di Positano ha reso noto, tramite un avviso ufficiale, la ditta aggiudicataria dell’appalto riguardante i lavori della Villa Romana è la ditta Pompa che già stava lavorando per il restauro .  In particolar modo, i lavori di restauro riguarderanno la musealizzazione delle cripte, restauro totale della Villa Romana risalente al I Secolo a.C. e il restyling del campanile della Chiesa di Santa Maria dell’Assunta di Positano. Ora resta da vedere come gestire questa scoperta. Non sarà come Pompei, ne come le altre ville romane della Costiera amalfitana, fra Amalfi, Tramonti – Ravello, e Minori, quest’ultima è l’unica fruibile.  Abbiamo chiesto ad archeologi e al direttore dei lavori Diego Guarino “Per la limitatezza degli spazi e la delicatezza del contesto, saranno sicuramente visite contingentate. Dieci o venti lo deciderà chi di competenza”. Già , siamo a poche settimane dalla fruibilità della struttura, tempo permettendo a marzo dovrebbe essere completa anche la piazza, e ancora non si ha certezza sulla gestione della struttura, chi deciderà come e quando usufruirne, la bigliettazione, l’ingresso, che probabilmente dovrebbe avvenire su prenotazione, perchè , come abbiamo detto non di potranno essere quelle centinaia di visitatori al giorno e , almeno all’inizio, quando la curiosità sarà grande, sarà necessario prenotare il tutto? Abbiamo chiesto al sindaco Michele De Lucia “Dovremmo fare un tavolo con la Soprintendenza di Salerno che è la massima autorità, la Chiesa che è proprietaria di parte dello spazio, e trovare un accordo che contemperi gli interessi della valorizzazione culturale e turistica del paese, è la nostra grande occasione per destagionalizzare oltre che dare un grande valore alla cultura che se non si conosce non si valorizza.” In tutto questo si innesta anche l’UNESCO, Positanonews proprio ieri a Napoli ha seguito i giovani e ha un progetto con l’ANSO, associazione nazionale stampa online che potrebbe contemperare anche questo spazio da promuovere a livello nazionale e internazionale. Ma veniamo al bando. Sono pervenute al Comune 28 offerte di ditte che chiedevano l’aggiudicazione dei lavori e la scelta, secondo il criterio della media aritmetica dei ribassi in termini assoluti di tutte le offerte pervenute meno il 20% e l’ha scampata la ditta ing. Antonio Pompa S.r.l. con sede a Napoli, in via Giovanni Porzio n.4, Centro Direzionale Isola A2. L’importo di aggiudicazione provvisorio è di euro 88.334,68.

In seguito alla scoperta straordinaria del settembre del 2015, la Villa Romana di Positano ha attirato l’attenzione dei media e curiosi di tutto il mondo.  E’ stata ritrovata otto metri sotto il livello della strada ed è una costruzione risalente al I secolo d.C., stupendamente affrescata. Una scoperta che lasciò di stucco gli addetti ai lavori e attirò una miriade di curiosi e giornalisti da tutto il mondo: una villa enorme, che rappresentava gran parte dell’area del posto. Una vera e propria villa dei misteri, che sorge sotto la chiesa di Santa Maria Assunta, e che è stata letteralmente sepolta dall’eruzione del 79 d.C. Probabilmente, anzi quasi certamente, doveva trattarsi di un’abitazione di facoltosi proprietari, vista la qualità degli affreschi presenti.

Lunedì mattina si sono già visti all’opera i responsabili dei lavori in Piazza Flavio Gioia, nei pressi della Chiesa Madre, e noi abbiamo incontrato l’assessore Antonio Palumbo. Si sta lavorando assiduamente per un restyling importante: prima di tutto verrà effettuata un’opera di restauro della stessa Piazza, in senso generale, mentre in senso più stretto si sta lavorando per creare l’ingresso per la Villa Romana.

Super offerte al Pollio Speciale Epifania

0

Super Offerte ai supermercati Pollio, netto e Tre esse, speciale Epifania.

Prodotti di prima qualità scontatissimi, inoltre, in vista della festività,speciale sconti su dolci e caramelle.

Le offerte sono valide dal 27 dicembre all’8 gennaio 2017

In allegato la locandina

Info e contatti

Pollio Sorrento Via degli Aranci, 157 tel 081 8074465 Aperti giovedì pomeriggio

Tre Esse Piano di Sorrento Corso Italia, 377 tel 081 8088875 Aperto giovedì pomeriggio aperto domenica mattina orario continuato

Netto Maiori Via Orti, 44 Tel. 089 8541640 aperto giovedì pomeriggio

Netto Sorrento Via Santa Lucia, 15 tel 081 8781454 Aperto giovedì pomeriggio e domenica mattina

Netto Sant’Agnello Corso Italia, 178 tel 081 8774851 aperto giovedì pomeriggio aperto domenica mattina orario continuato

Netto Maiori Via Nuova Provinciale Chiunzi tel 089 854019 Aperto giovedì pomeriggio.

CLICCA QUI AVANTI SULLA P PER L’OFFERTA COMPLETA O SUL BANNER POLLIO P

Sorrento lutto Giovanna Caluzzi , Gianfranco D’Esposito

0

Sorrento in questi giorni natalizie ci sono stati dei lutti non tutti ci sono stati noti. Facciamo le nostre più sentite condoglianze per la scomparsa di Giovanna Caluzzi Ostetrica nota e amata vedova dell’avvoacato Nicolangelo Esposito e madre degli avvocati Andreina, Gianvincenzo e Danilo. A loro tutti e alla famiglia tutta diamo le nostre condoglianze. In questi giorni è scomparso anche il Comandante Gianfranco D’ Esposito titolare dell’ hotel Alpha di anni 73 , facciamo le condoglianze ai figli Francesco Saverio, Luigi e Alessandra la signora Michela e i parenti tutti .
Per chiunque voglia pubblicare le sue condoglianze potete inviarci una mail a direttore@positanonews.itlutto3.jpg

Amalfi e Atrani la meraviglia Calata della Stella a Natale 2016 – VIDEO

0

amalfi-calata-stella-2016

amalfi-calata-stella-2016-02

gruppo-calata-stella-2016Amalfi e Atrani la meraviglia Calata della Stella a Natale 2016 alcuni video su Positanonews dello straordinario spettacolo che ha incantato la Costiera amalfitana, per Atrani una tradizione che continua ad Amalfi che ritorna. Qui sotto quelli di Atrani le foto di Michele Abagnara premiato di recente da Positanonews e sotto Glassi videoatrani-natale

atrani-calata-stella

Amalfi è stato un ritorno quello della discesa della stella, sul cavo  d’acciaio, collocato tra il rione Sant’Antonio e la Darsena, che ha illuminato tutta la baia d’ Amalfi . Un percorso diverso e più suggestivo di quello percedente quando la cometa che scendeva dalla torre Tabor verso la cattedrale, ora dopo dieci anni la Stella è tornata con un percorso diverso è più affascinante . «Siamo contenti e commossi, inutile negarlo- dice con soddisfazione l’assessore alla cultura e alle tradizioni Enza Cobalto subito dopo lo spettacolo andato in scena ieri notti dinanzi a Piazza Flavio Gioia – Grazie a chi ha creduto in questo progetto, al sindaco, all’amministrazione comunale, al comitato Natale e Capodanno, ed ai tanti volontari, dopo alcuni anni di stand by siamo riusciti a far ritornare un rito che ha arricchito e impreziosito il natale amalfitano. Ci siamo adoperati per individuare una soluzione alternativa al percorso originario e riteniamo che la nuova stella luminosa che ha attraversato la baia di Amalfi la notte del 24 dicembre ha una suggestione maggiore». Ad Atrani la tradizione dura da 138 anni. Dopo Amalfi, che è partita ad un quarto a mezzanotte, subito dopo le campane che annunciano il Natale, cominciano i fuochi di artificio che riempono di colori la piccola e suggestiva città-presepe della Costiera amalfitana per poi far arrivare la Stella che attraversa il nucleo abitato affascinando tutti i presenti per la sua bellezza

Sorrento cadono calcinacci a Via del Capo intervengono i pompieri

0

sorrento-calcinacciSorrento cadono calcinacci a Via del Capo intervengono i pompieri per timore che venissero colpiti i passanti .  L’allarme è scattato poco prima delle 13 quando alcune parti di intonaco e di muratura di un cornicione sono cadute sul marciapiedi sottostante, per fortuna senza colpire nessuno.

Sono intervenuti gli agenti della polizia municipale di Sorrento che hanno bloccato il transito pedonale lungo il marciapiedi ed allertato i vigili del fuoco del distaccamento di Piano di Sorrento. I pompieri sono intervenuti con un’autopompa ed hanno utilizzato le scale in dotazione per raggiungere il balcone del primo piano dove hanno potuto provocare la caduta dei calcinacci giudicati pericolanti in modo da mettere in sicurezza lo stabile ed evitare rischi per l’incolumità dei passanti.

Atrani e Amalfi torna la meraviglia della calata della stella a Natale

0

Una Tradizione che vive in Costiera amalfitana ne parla il decano dei giornalisti della Divina Sigismondo Nastri 

Il recupero della calata della stella cometa, ad Amalfi – una tradizione che s’era bruscamente interrotta e sembrava ormai perduta – non può che farmi piacere. Dico di più: l’innovazione, che la sposta da piazza Duomo al fronte mare, mi piace. Darà alla gente, presumo tantissima, che si accalcherà sullo stradone e il lungomare, il vantaggio di non dover stare con lo sguardo rivolto in alto e scansarsi la cenere dei bengala che inevitabilmente viene giù a pioggia. Peccato che io non ci possa essere.

La calata della stella, nel 1970, suscitò l’interesse di Peter Nichols, mitico giornalista inglese, che su La Stampa raccontò: “Quest’anno ho realmente visto la stella di Betlemme nel cielo italiano. E, a differenza dei Magi, non ho dovuto cercarla e seguirla; è stata la stella a venire dove ero io e a posarsi sopra la città dove avevo portato la mia famiglia a passare il Natale. Avrete senz’altro già indovinato il nome della città: Amalfi. Qui un’enorme stella risplendente di fuochi d’artificio appare d’improvviso alta sulla città alla mezzanotte della vigilia di Natale e lentamente discende, per mezzo di un cavo, lungo le pendici della montagna, fino alla piazza della cattedrale, illuminando la città come se fosse un gigantesco presepe napoletano, una Betlemme italianizzata in dimensioni umane.”

Cambia lo scenario, le farà da sfondo il vasto orizzonte tra cielo e mare, ma l’emozione rimane la stessa.

Di questa stella cometa, in competizione tra Amalfi e Atrani, ebbe tante volte a occuparsi, nel corso di una ultracinquantennale militanza nel mondo della carta stampata, sempre attento alle vicende del nostro territorio, l’indimenticabile Gigino de Stefano. I suoi scritti sono ormai fonte indispensabile per gli storici. Come, spero, lo saranno i miei.

Mi piace riportare qui uno stralcio dell’articolo di Gigino pubblicato sul Mattino del 23 dicembre 1990 a proposito della stella di Amalfi e di quella di Atrani: “Due stelle comete per due paesi: compariranno, a mezzanotte in punto di domani, nel cielo di Amalfi [in effetti, l’orario è fissato alle 23,45] e in quello di Atrani [leggo che ad Atrani avverrà un quarto d’ora dopo la mezzanotte] senza, però, che tra i due eventi ci sia un minimo di coincidenza. Miracolo di Natale? La gente fa finta di crederci pur sapendo del piccolo trucco che gli Atranesi ripetono, puntualmente, tutti gli anni perché quanti lo vogliono, e specialmente i turisti, possano assistere anche alla loro festa in onore di Gesù Bambino. Niente di magico, comunque, e tantomeno di macchinoso ma solamente le lancette dell’orologio municipale (sulla facciata del Salvatore dove venivano incoronati i Dogi) che stranamente si ritrovano indietro di mezz’ora. Entrambi gli appuntamenti, del resto, sono veramente da non perdere. È la stella che scivola lentamente sui tetti antichi [questo avverrà solo ad Atrani, ndr] indietro un fantastico scintillio di argento ed oro. Le case sono illuminate da una tenue luce riflessa, che disegna il paesaggio di un grande presepio. Le zampogne suonano in concerto mentre i fuochi di artificio si frantumano in mille colori.”

Mi auguro che la webcam della Lega Navale mi dia la possibilità di assistere, anche da lontano, allo spettacolo di Amalfi.

michele-abbagnara stella-cometa-amalfi

Seiano, il wwf denuncia una cittadella balneare in riva al mare.

0

 inserito da Salvatore Caccaviello

Alle Axidie , gli ambientalisti segnalano scavi, smantellate le cabine ,cementificazioni e roghi inquinanti  in area protetta e ad alto rischio idrogeologico.

Meta di Sorrento –Combustione rifiuti speciali, sbancamento terreno e opere edili in corso in proprietà Le Axidie a Marina d’Equa nel Comune di Vico Equense” … è questo l’oggetto dell’ennesimo esposto inviato dal WWF Terre del Tirreno alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata con la richiesta di un urgente intervento. E’ praticamente axidie-dallalto-18-nov-2016passato un mese da quando, il 17 novembre, giungeva al WWF Terre del Tirreno una segnalazione che allertava i volontari del Panda di operazioni di combustione di rifiuti in atto nel comune di Vico Equense, in località Marina d’Equa, all’interno della proprietà Le Axidie, consistenti nella bruciatura di cabine balneari, scavi-in-riva-al-mare-18-nov-2016smantellate e depositate a centinaia nella vasta area parcheggio localizzata sotto il costone pericolante. Il fumo sprigionato dal rogo appariva visibile anche da mare. Contemporaneamente, nella stessa proprietà, in area limitrofa alla fascia demaniale costiera, erano in corso d’opera lavori edili con mezzi pesanti consistenti in un grosso distanza-dal-maresbancamento di terreno e roccia che venivano depositati nella cava, utilizzata come parcheggio, sotto il costone calcareo, in area classificata nel Piano di Stralcio dell’Autorità di Bacino Campania Centrale (Tav. 466092) a rischio frana molto elevato e rischio idraulico molto elevato. Le telefonate fatte da un cittadino alle forze dell’ordine sin dalla mattinata non sortivano alcun effetto e solo grazie all’interessamento del WWF, che allertava del rogo in atto praticamente tutte le forze dell’ordine, giungeva sul posto (dopo 22 ore!) un rappresentante della Polizia Municipale di Vico Equense a verificare la legittimità dello scavo in atto. Prima del sopralluogo tuttavia per una strana coincidenza (?) la bruciatura dei rifiuti veniva interrotta e sul cumulo di cenere veniva sversato un intero camion di terreno! “Su questa vicenda vogliamo vederci chiaro – dichiara il Presidente del WWF Terre del Tirreno – a Seiano si sta edificando un vero e proprio villaggio in riva al marecabine-in-cemento-al-12-dicembre-2016-1 che, a ben leggere le norme di salvaguardia vigenti nell’area, a nostro avviso non si sarebbe potuto realizzare!!! E’ passato un mese dalla nostra prima segnalazione e, ad oggi, all’esterno della proprietà non sembra esserci alcuna tabella di cantiere come invece prescritto dalla legge. Ci si chiede se gli zelanti vigili, che non esitano a multare le auto private in sosta se sprovviste di park-card, abbiano notato o meno la prescritta tabella indicante i lavori in corso? Restiamo in attesa di conoscere se e chi abbia mai potuto autorizzare tutto ciò! I lavori edili, mai interrotti, hanno di fatto comportato una modifica dello stato dei luoghi con sbancamento di terreno e roccia e cementificazione del suolo a poca distanza dal mare all’interno dell’area di 30 metri di rispetto dal confine demaniale. Inoltre la bruciatura delle cabine balneari, in legno verniciato e materiali di copertura in plastica, ha prodotto pericolose diossine e un grave inquinamento dell’aria. I lavori segnalati sul nascere sono proseguiti senza alcuna interruzione e, ad oggi, al posto delle preesistenti cabine in legno si sta procedendo all’allocazione di casette in cemento che configurano, di fatto, la realizzazione di una vera e propria cittadella balneare!!!” –cabine-in-cemento-al-12-dicembre-2016-2 Visto che l’intero territorio del Comune di Vico Equense è stato dichiarato di notevole interesse paesaggistico e ricade nell’ambito di efficacia del P.U.T. per l’Area Sorrentino-Amalfitana statuito con la L.R. n. 35/87; nell’area oggetto di segnalazione insistono tutta una serie di opere edili quali edifici, manufatti, baracche, tettoie, piscine, strade e parcheggi  che non presentano di certo il carattere della provvisorietà; l’area oggetto della combustione dei rifiuti e del deposito/discarica di tonnellate di terreno, rocce e rifiuti rientra in zona classificata nel PSAI dall’Autorità di Bacino Campania Centrale (Tav. 466092) in relazione alle strutture ed infrastrutture antropiche presenti a Rischio Frana Molto Elevato (R4) e Rischio Idraulico Molto Elevato (R4), mentre l’area oggetto dello sbancamento rientra in zona classificata a Rischio Frana Medio (R2), il WWF ha chiesto un sollecito intervento della Procura della Repubblica al fine di accertare fatti e responsabilità. – 19 dicembre 2016 – Claudio D’Esposito Wwf Terre del Tirreno.

BERLINO UN CAMION SULLA FOLLA DEI MERCATINI DI NATALE, 9 MORTI

0

Un camion contro la folla, come a Nizza. Questa volta gli attentatori hanno colpito un mercatino di Natale. Sono almeno nove i morti e decine i feriti dell’attacco avvenuto vicino alla Chiesa del Ricordo di Berlino. Il mezzo ha invaso un marciapiede e falciato le persone. La chiesa si trova nel mezzo del Mercato natalizio situato in pieno centro della parte ovest della città nel quartiere di Charlottenburg dove ci sono le vie dello shopping. Secondo alcuni testimoni sul camion c’erano due persone. Uno dei due sarebbe stato arrestato, mentre l’altro sarebbe stato ucciso. Media parlano di rivendicazione dell’Isisberlino

Sorrento, Coast to Coast ed il divario tra sport e rispetto del territorio.

0

di Salvatore Caccaviello

 Il divertimento, le  passioni, non dovrebbero terminare solo nel momento in cui si toglie spazio e libertà a coloro che hanno altri interessi. Ma bensì quando organizzatori e sportivi si impongono regole ferree verso un territorio che oltre ad offrire determinate opportunità dovrebbe  innanzitutto  essere rispettato. La visione stamane delle nostre strade dopo la Coast to Coast sta a dimostrare che in penisola sorrentina  si è ben lontani dal costruire una coscienza ecologica anche per chi pratica sport.

Sorrento – Ancora un’ulteriore dimostrazione, quella rappresentata  all’indomani della ottava edizione della Maratona Coast to Coast, che non basta essere sportivi per essere ecologisti e magari rispettare le altrui esigenze. Oltre agli innumerevoli disagi provocati dallo stop alla circolazione per un periodo considerato, in un periodo di festività, prolungato ed insostenibile da cittadini e commercianti ,  un ulteriore grave disagio lo si può cogliere osservando stamane le nostre strade.  wp_20161219_12_43_37_pro1 Basta dare un’occhiata a cosa  hanno lasciato dietro di se’ i maratoneti dopo i vari ristori per capire quanto sia ancora grande il divario tra coloro che intendono fare sport  ed il rispetto di un territorio che si è offerto per tali manifestazioni. Se si può tollerare  che a gettare per terra un bicchiere o una bottiglietta di plastica sia colui che sta primeggiando, non lo si può assolutamente comprendere per i  numerosi amatori  che compongono la stragrande maggioranza di tali manifestazioni, che altresì potrebbero  fermarsi e tranquillamente utilizzare cesti e bidoni senza compromettere di sicuro la loro esibizione. Invece ancora una volta, la popolazione residente è  costretta a subìre uno spettacolo degradante composto da mucchi di bottiglie di plastica  e rifiuti di ogni genere lasciati lungo i cigli delle carreggiate. Al di là della ormai risaputa inerzia, dimostrata in varie altre occasioni,  la cittadinanza si aspettava un solerte intervento durante la mattinata affinché tali rifiuti venissero  rimossi.wp_20161219_12_44_06_pro1 Soprattutto perché trattasi per la maggior parte di materiale plastico (bottigliette e buste) che giacciono all’interno delle cunette dove , visto il peggioramento meteorologico, ed il probabile   scorrere di una grossa ed imminente quantità di acqua. Pertanto tale materiale oltre ad ostruire le caditoie, verrà probabilmente trasportato dall’acqua nei numerosi rivoli presenti lungo il territorio comunale, con destinazione il nostro già inquinato mare. wp_20161219_12_43_39_pro1 Non è la prima volta che rifiuti di ogni genere  vengono lasciate lungo le cunette per fare poi bella mostra per mesi dopo eventi sportivi realizzati lungo le strade della penisola sorrentina. Dove, visto ormai il livello di cultura  tendente sempre più verso il basso , non arriva la consapevolezza di un pubblico accecato dall’euforia nel godere uno spettacolo offerto da determinate competizioni , ma altresì non è tollerabile che non solleciti  l’ intelligenza e la perspicacia, oltre che degli organizzatori, almeno degli amministratori preposti a tali eventi. Ancora una volta , dinanzi a semplici  e banali problematiche  si è costretti a sollecitare chi di dovere sperando che il messaggio sia almeno recepito. 19 dicembre 2016 – salvatorecaccaviello

Rising sun torna a Positano dopo Ischia e Capri

0

Il Rising Sun, tra i primi dieci yacht più grandi al mondo è a Positano in Costiera amalfitana, dopo Ischia e Capri, con lui ci sono decine di yacht tutti eccezionali, ma questo è una vecchia conoscenza della Costa d’ Amalfi che porta sempre grandi Vip e attori, l’anno scorso Paul Mc Cartney dei Beatles per esempio. . Rising Sun è un super yacht disegnato da Jon Bannenberg e costruito dalla tedesca Lürssen. Fu originariamente acquistato da Larry Ellison, CEO di Oracle Corporation, mentre attualmente è di proprietà di David Geffen, il famoso produttore americano fondatore della Geffen Records. Lo yacht ha una lunghezza di quasi 138 metri. Sarebbe costato oltre 200 milioni di dollari nel 2004. E’ dotato di: quattro motori, quattro eliche che consentono di raggiungere una velocità di crociera di 28 nodi, 82 camere su cinque piani che sviluppano una superficie di circa 8.000 metri quadrati, controsoffitti di onice, bagni con vasca idromassaggio, una sauna e una palestra/spa, un’ampia cantina, un cinema privato con uno schermo gigante al plasma, circa 3.300 m2 di spazio su un ponte in teak-stratificato, un campo da basket sul ponte principale che può essere utilizzato per atterraggio elicotteri se necessario.

Il ricordo di Virginia Amendola, un angelo di Agerola

0

Il ricordo di Virginia Amendola, un Angelo di Agerola

Virginia amore mio Un anno fa questa era il mio ultimo giorno con te,ti vedevo soffrire ma non riuscivo a credere ,nonostante i medici ce lo dicessero da giorni,che te ne saresti andata cosi’ presto.Pensavo di vivere ancora tanti anni con te…che avremmo fatto ancora tante cose insieme,tanti viaggi,tante esperienze. Era la tua presenza a rendermi forte,mi eri accanto senza chiedermi nulla,a sopportare i miei stati d’animo,con pazienza,tenerezza,quante volte tu figlia guidavi me nel cammino della vita… e quando in quello sguardo ho capito che te ne stavi andando,quegli occhi verdi che si stavano spegnendo non li dimentichero’ mai,cosa mi volevi dire…anche il mio respiro si e’ fermato. Il tuo amore mi riempiva il cuore, ero molto orgogliosa della mia Virginia bella,giovane,forte …non sopravvivo senza il tuo affetto, forse perche’ me ne hai dato tanto…e adesso mi manca da morire…ho bisogno della tua presenza…non so come faro’ ad accettare che tu non ci sia piu’ e ad andare avanti come tu avresti voluto.Credevo di morire anche io….eppure si sopravvive si va avanti…e il tempo passa e ti rendi conto che vivi nonostante tutto…ed e’ gia’ passato un anno…un anno senza di te. Spero che il mio amore infinito possa raggiungerti anche adesso che non ti vedo piu’.Farei qualsiasi cosa per riaverti anche solo per un minuto,ascoltare la tua voce,ricevere un tuo abbraccio,incontrare il tuo dolce sguardo sentire il tuo respiro sulla mia pelle quando mi stringevi forte al tuo petto,l’odore delle tue bellissime mani quando mi accarezzavi…ma questa e’ la vita che continua…ti prego stammi vicina perche’ so che il tuo amore vive anche dopo la morte. Ritorna malinconica la notte e ti sento arrivare,nelle tue mani porti il mio riposo,accarezzi i miei pensieri e le tue dita sanano ogni mia ferita. Ovunque tu sia abbi cura di questo cuore che non riesce a sopravvivere al dolore della tua assenza,alla mancanza dei tuoi abbracci e del dolce e melodioso suono della tua voce…tu piccola mia sarai sempre il mio primo pensiero del mattino e l’ultimo della sera fino a quando potro’ riabbracciarti spero presto ti amo piccola mia ❤

Carmela Cuomo

Positano sfiorata tragedia a mare, un ferito alla testa su uno yacht

0

Positano, Costiera amalfitana. Sfiorata una tragedia a mare poco fa .Un uomo di un equipaggio di uno yacht nella rada della cittadina si è ferito alla testa , una ferita piùttosto ampia . Ad intervenire immediatamente i Lucibello che appena accortasi del problema, hanno prelevato con una propria imbarcazione il personale della Croce Rossa , che si trova sulla postazione sul molo, che poi ha soccorso l’uomo. Da Amalfi è arrivata anche una vedetta della Capitaneria di Porto che hai poi portato il ferito al porto dove un’ambulanza ha trasportato immediatamente il ferito all’ Ospedale Costa d’ Amalfi di Castiglione di Ravello. Da segnalare l’efficacia dei soccorsi sulla spiaggia grazie alla presenza di un presidio che Positanonews ha sempre invocato e la grande solidarietà dimostrata dagli operatori positanesi in una giornata di duro lavoro si sono prodigati, come sempre fanno, per intervenire in ogni emergenza. 

Massa Lubrense domani i funerali di Antonino Pane “Ciriniello”

0

Domani a Massa Lubrense l’ultimo saluto a Cirniello, nella chiesa parrocchiale del Santissimo Salvatore della frazione di Nerano, i funerali di Antonino Pane, il 71enne deceduto in seguito alla collisione tra il suo barchino con cui era uscito per una battuta di pesca, ed un gommone. Impatto verificatosi mercoledì sera verso le 22 al largo di Marina del Cantone. Alle ore 16 è in programma la cerimonia per tributare l’estremo saluto a “Ciriniello” il soprannome con cui tutti a Massa Lubrense conoscevano la vittima del drammatico schianto in mare. Sarà l’occasione per la comunità del borgo dei pescatori di far sentire la propria vicinanza alla moglie Francesca ed ai due figli del 71enne, Ernesto e Filomena.

La salma di Antonino Pane è stata restituita ai familiari dopo l’autopsia effettuata venerdì scorso dal medico legale nominato dal pm della Procura di Torre Annunziata, Emilio Prisco, titolare del fascicolo di indagine sull’incidente. Lo stesso sostituto procuratore ha iscritto nel registro degli indagati per l’ipotesi di reato di omicidio colposo il 50enne che, secondo le testimonianze raccolte dalla Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia, era al timone del gommone al momento dell’impatto, Giuseppe Milano.

I risultati dell’autopsia saranno resi noti solo tra qualche settimana. L’obiettivo è di chiarire le cause del decesso di “Ciriniello”. Nel frattempo gli uomini della Guardia Costiera, agli ordini del comandante Guglielmo Cassone, proseguono nelle indagini per ricostruire la dinamica dell’accaduto. Grazie anche alle testimonianze fornite dai passeggeri a bordo del gommone, gli investigatori puntano a stabilire la velocità tenuta dall’imbarcazione di Giuseppe Milano e se il barchino di Antonino Pane fosse dotato delle luci di segnalazione. 

Facciamo le condoglianze della redazione di Positanonews e di tutti i lettori dalla Costa d’ Amalfi e Sorrento alla famiglia per questa bravissima persona, un uomo di mare vero, che ci lascia 

ATTENZIONE Sorrento / Vico Equense galleria di Seiano bloccata

0

Avviso ai nostri lettori . Ci hanno segnalato che la galleria di Seiano a Vico Equense, sulla Statale che collega Sorrento a Castellammare di Stabia e l’entrata dell’autostrada Napoli – Salerno, è bloccata da due ore. Niente di strano, ordinaria follia di una galleria costata milioni di euro che non serve a niente, ma vi avvisiamo.Cercate di aspettare un pò verso le 21 stando alle nostre esperienze si dovrebbe camminare meglio. #positanonews vicina ai cittadini

Conca dei Marini, Afef Jnifen alla spiaggia del Saraceno – FOTO

0

Ancora vip in Costiera Amalfitana. Questa volta è stato il turno di Afef Jnifen, conduttrice, ex modella e showgirl tunisina naturalizzata italiana, nonché moglie dell’industriale Tronchetti Provera. Afef ha fatto visita alla spiaggia del Saraceno tra Conca dei Marini e Vettica di Amalfi.

Afef è stata lanciata da Jean-Paul Goude, il regista fotografo che ha lanciato anche Grace Jones, con il quale ha lavorato per alcuni spot pubblicitari. Successivamente ha lavorato per celebri stilisti dell’haute couture italiana e francese, come Alaia, Armani, Gaultier, Chanel, Cavalli. Ha un figlio di nome Sammy. Tra il 1996 e il 1997 ha lavorato in televisione partecipando come ospite fissa al Maurizio Costanzo show. Durante un lavoro in Mediaset ha conosciuto l’imprenditore Marco Tronchetti Provera, che ha sposato nel 2001.

Cetara-shock, rinvenuto sub 67enne da alcuni bagnanti: inutili i soccorsi

0

Episodio scioccante nelle acque che bagnano Cetara e Vietri Sul Mare. Poche ore fa, infatti, è stato rinvenuto il corpo di un sub di 67 anni il quale era intento a pescare in apnea. Pare che il suo corpo sia stato recuperato da alcuni bagnanti e dopo un primo soccorso nella zona di Fuenti da parte della Guardia Costiera di Salerno, sarebbe perito. Inutili, quindi, i soccorsi: il suo corpo è stato trasportato presso l’obitorio di Salerno. Intervenuti sul posto anche i Carabinieri di Vietri Sul Mare: ora si indaga sulle cause del decesso, con la Procura che è stata già informata dell’accaduto.

Da Meta a Marina della Lobra una riflessione del WWF su porti scellerati

0

Da Meta a Marina della Lobra una riflessione del WWF su porti scellerati che avrebbero portato a maggiore afflusso via mare, quell’afflusso che oggi sta provocando incidenti e vittime da Sorrento a Massa Lubrense, riflessione fatta da Claudio d’ Esposito sul suo profilo facebook ” .. c’è da chiedersi dove erano TUTTI … quando il WWF criticava e si opponeva nelle sedi opportune (Procura, TAR e CdS) alla tanto visionaria quanto demente idea (seguita da finanziamenti a pioggia per chiunque ne facesse richiesta) di realizzare sulla linea di costa della penisola sorrentina, gran parte rientrante nell’Area Marina Protetta Punta Campanella, ben 9 opere portuali con una previsione di incremento di ben 7000 unità da diporto???
E’ bene ricordare che solo grazie alla volontà dell’allora Sindaco di Meta, dott. Bruno Antonelli, si evitò che l’ennesima colata di cemento trasformasse in Porto quello che oggi è il più vasto lido sabbioso dell’intera penisola frequentato da migliaia di cittadini, turisti e bambini. Il dott. Antonelli, contrapponendosi al suo sfidante (dott. Carlo Sassi) “promise” che qualora fosse stato eletto avrebbe “restituito” i soldi (già ottenuti!) alla Regione Campania e preservato la spiaggia di Meta Alimuri. Detto… fatto … Fu l’unica opera portuale che venne frenata. La storia degli altri porti (Piano di Sorrento, Sant’Agnello, Puolo, ecc…) la conosciamo tutti … e continua fino ai giorni nostri … arrivando al fantomatico progetto spacciato come di “risistemazione, riqualificazione e rilancio di Marina della Lobra a Massa Lubrense” … storia che, ahimè, apprendiamo in questi giorni, è tutt’altro che conclusa, avendo il privato proposto ricorso al TAR contro la Deliberazione conclusiva della Conferenza dei Servizi che metteva la parola fine all’ennesimo scempio annunciato!”

La Penisola Sorrentina brucia ancora: fiamme a Marina di Puolo e Vico Equense

0

Ancora incendi in Penisola Sorrentina. Nella giornata di ieri, infatti, le fiamme si sono propagate nuovamente nella zona di Marina di Puolo: a bruciare è stato ancora il tratto della provinciale che collega Sorrento e Massa Lubrense, ma il fatto grave è che questa volta il fuoco è divampato vicino un’abitazione, per fortuna, disabitata. Solo qualche settimana fa la stessa zona era stata interessata da un altro incendio di grandissime dimensioni, il quale aveva necessitato l’intervento dei Vigili del fuoco e diversi volontari. La cosa è alquanto preoccupante: due incendi di questa portata nel giro di poche settimane dovrebbero far riflettere seriamente chi di dovere. C’è bisogno di un controllo e di un servizio di vigilanza serio. Ne va della bellezza di questa terra.

Ma non solo. Un altro incendio si è sviluppato a Vico Equense, nella zona di Moiano precisamente. La frazione collinare ha cominciato a bruciare: le fiamme hanno distrutto una vasta area che era coperta da vegetazione. Vista la posizione dell’incendio, inoltre, è stato necessario l’intervento di un elicottero. Insomma, ancora una volta non c’è pace per la Penisola Sorrentina a causa degli incendi che stanno devastando gran parte della Regione Campania.

Positano dai Grassi a Fornillo si mangia sano e anche vegano

0

Positano dai Grassi a Fornillo si mangia sano e anche vegano . Fornillo per tripadvisor è la spiaggia più bella dell’ Italia continentale, fra le prime dieci del mondo, qui , anche con la calura , si sta sempre freschi se si vuole, ma non solo si riceve accoglienza e cordialità da tutti. Vogliamo parlare della curiosità dell’estate allo stabilimento dai Grassi, raggiungibile facilmente dalla spiaggia Grande con la barchetta del “caronte” Stefano, simpatia pura, come tutti i Grassi Brother’s, quest’anno abbinati alla cucina eccezionale di Paolo, che rispecchia quello delle storiche famiglie positanesi, ci sono anche i frullati vegani dell’Algida.  Se si vuole si può gustare il miglior tonno in circolazione, tutti prodotti selezionati da Paolo, come pure parmigiana di melenzana super che vi consigliamo, ma anche cucina vegana da insalate di pomodori del giardino e la classica caponata e anche da frullati. Insomma qui i turisti vengono coccolati e tutti possono scegliere il prodotto che desiderano, anche i vegani possono avere quello che vogliono… Ma qui puoi trovare di tutto, il più giovane , Robertino, bravissimo Dj, Sorbillo, il pizzaiolo dei due mondi, con la sua pizza gourmet sfonda a New York e viene qui per rilassarsi .. e non solo, si viene da Grassi per stare bene e sani 😉

Penisola Sorrentina, svolta: Commissione Regionale approva modifiche PUT

0

Una vera e propria svolta che potrebbe cambiare molte cose in Penisola Sorrentina. E’ stata approvata dalla Commissione Urbanistica della Regione Campania, infatti, la proposta di legge del consigliere regionale Alfonso Longobardi, il quale ha presentato una richiesta per modificare il cosiddetto PUT, Piano Urbanistico Territoriale. L’altro step da superare, ora, sarà il consiglio Regionale della Campania e si potrà dire che la modifica sarà ufficiale. Ciò semplificherà la situazione in modo decisivo per quanto riguarda i vincoli urbanistici, alcuni davvero ormai obsoleti, e verrà adeguato il tutto alle esigenze dei singoli territori comunali: particolare attenzione sarà rivolta all’area dei Monti Lattari e della Penisola Sorrentina. E’ da tempo, infatti, che i vari sindaci che si sono susseguiti chiedono un ammodernamento dei rigidissimi vincoli paesaggistici in vigore. Interventi che consisteranno nell’ammodernamento del patrimonio edilizio, procedure più rapide per la manutenzione ordinaria e straordinaria, semplificazioni per procedure di recupero abitativo dei sottotetti, per il reperimento di spazi per i parcheggi pertinenziali, per i porti e approdi. Insomma, pronta una vera rivoluzione.

Cava de Tirreni incidente sull’autostrada, caos traffico per Salerno e costiera

0

Cava de Tirreni incidente sull’autostrada, caos traffico per Salerno e costiera amalfitana. Un incidente nei pressi dell’uscita di Cava poco fa, dopo mezzogiorno, sta rendendo un inferno il viaggio per i turisti che dalla A3 Autostrada Napoli – Salerno intendono andare o verso il Cilento o verso la Costa d’ Amalfi. Traffico paralizzato per tre chilometri

I limoni in festa a Massa Lubrense boom con Avitabile VIDEO

0

Stasera ultimo appuntamento di tre giorni della festa per il Limone a Massa Lubrense. Insomma il limone, simbolo della bellezza della nostra terra, l’oro giallo per Goethe, nato qui , val bene tre giorni di festa che i turisti aspettavano e sono arrivati numerosi. Avitabile ha fatto il boom in questo contesto meraviglioso, noi di Positanonews non nascondiamo l’amore per le bellezze di Massa con la quale abbiamo anche un grande rapporto di fratellanza fra gli uomini di mare . Teresa Pappalardo come presidente della pro loco, con il Comune di Massa, ha fatto il suo, distrutta dalla fatica, ma felice col direttore di Positanonews alla fine della manifestazione . Meraviglioso il concerto di Avitabile uno spezzone in un suo video sta su Positanonews TV o qui https://www.youtube.com/watch?v=TVZin5AhUqw&feature=youtu.be Poi la descrizione non si può non riprendere dal nostro amico Lello Acone che racconta la sua città e rilanciarla su tutti i nostri canali.. “Per le Immagini, clicca qui, della seconda serata, vissuta tutti insieme ieri a Massa, della manifestazione I Limoni in festa che ha fatto registrare un’ottima affluenza di pubblico, residente ed ospite.
Tantissimi i Visitatori fino all’orario di chiusura della mostra artistica allestita di Michele Guadagnuolo nella sede della Pro Loco che hanno ammirato le Sue opere aventi a Tema, in maggioranza, scorci di Massa e tantissimi, centinaia e centinaia, i visitatori che hanno acquistato il pass per gustare le prelibatezze preparate dai nostri ristoratori, pasticcceri e barman tutte rigorosamente a base di limone, delizie, arancini, gelati, rustici, polpettine, limoncelli, granite, bruschette, pizza, birra e risotto come tantissimi quelli che han gustato lo spettacolo musicale, proposto in una piazza gremita all’inverosimile e chiusa al traffico ma gestita alla grande dal servizio d’ordine predisposto dai nostri vigili agli ordini del Vicecomandante Fabiano, che ha visto per la prima volta esibirsi a Massa Centro il grande artista del Soul Napoletano Enzo Avitabile con la Sua Band. Artista simpaticissimo che ha trascinato la piazza in un crescendo di applausi e cori passando per i saluti del Sindaco Balducelli, che ha consegnato anche una targa ricordo della serata all’artista, della vicesindaco Staiano e della Presidente della Pro Loco Pappalardo e per un momento commovente da brividi e dolce quando con tutte le luci spente come chiesto da Enzo e tutti i telefonini accesi ha intonato la Canzone Terra mia del compianto e mai dimenticato Pino Daniele. E dopo un’ora e mezzo di grande musica, il saluto ad Enzo ed ancora, da parte dei tanti presenti, un giro per gli stands e per completare il tour gastronomico al limone … tutto buono da assaggiare. Stasera ci sarà anche la possibilità, ancora poi mostra, stands, il concerto con i Tre soprani le Lovings mentre alle 16 e 30 passeggiata attraverso l’Annunziata, la Lobra e lo storico Fondo del Gesù. Partecipazione gratuita.”

Costa d’Amalfi, 78enne di Conca salvato in extremis: poteva non ricevere cure

0

Una vicenda che poteva finire in tragedia in una maniera assurda. Questa mattina, infatti, è stato soccorso un 78enne di Conca Dei Marini il quale aveva avvertito forti dolori al torace. L’uomo, prima è stato portato all’ospedale Costa D’Amalfi a Castiglione di Ravello, dove le analisi e gli esami vari hanno evidenziato una dilatazione dell’aorta. La dilatazione dell’aorta, ricordiamo, è dovuta al cedimento della parete vasale la cui componente elastica è stata indebolita da fenomeni degenerativi, infiammatori o traumatici. Di conseguenza è stato immediatamente portato al porto di Maiori in ambulanza, dove è stato trasferito tramite elisoccorso presso l’Ospedale Ruggi di Salerno. Ora è ricoverato al reparto di cardiologia.

Ricordiamo che il presidio di Castiglione di Ravello è attualmente sprovvisto del reparto di cardiologia dalle ore 20 alle ore 8 e quindi il 78enne è stato molto fortunato. Una situazione che va assolutamente risolta. Possibile che la vita di una persona debba essere appesa ad un filo fino a questo punto? Noi crediamo di no. Crediamo che sia diritto di ogni cittadino poter ricevere le cure adeguate.

Positano e Sorrento turisti truffati da case vacanza su siti internet

0

Positano e Sorrento turisti truffati da case vacanza su siti internet . Positanonews è un riferimento per la Costiera amalfitana e Penisola sorrentina anche all’estero, da 13 anni esistenti in rete siamo ovviamente su tutte le piattaforme di chi cerca notizie per la Costa d’ Amalfi e Sorrento ma anche per chi vuole denunciare delle truffe. Non ce la sentiamo di scrivere in dettaglio i protagonisti di queste vicende, in particolari le ultime. Con due casi diversi, a Positano arriva un turista americano per una casa vacanza dove non c’era posto che ci racconta un episodio incredibile “Doveva andare in una casa vacanza bellissima, pubblicizzata su un portale internet, sono partito da Miami per farmi un mese di vacanza , ma arrivato qui non c’era posto in questa struttura che è esistente, allora nel frattempo che si liberava un posto mi hanno fatto andare in un albergo con spese fuori dal mio budget previsto, a questo punto me ne sono tornato …” A Sorrento è andata peggio a un turista inglese “Sono arrivato qui e non ho trovato ne la casa, ne il proprietario… mi sono dovuto arrangiare”.  I casi qui da noi, per fortuna, non sono moltissimi, ma si stima che siano quasi un migliaio in Italia, stranamente non sono Napoli e Salerno e le coste della Campania ad avere il record, molti concentrati nella riviera adriatica e in Puglia, e ogni anno vi sono diverse indagini quando vi sono le denunce, ma in tanti lasciano perdere, a volte oltre al danno la beffa di indagini lunghe, giornate perse fra la polizia e il tribunale, eppure la denuncia è l’unico modo per smontare il fenomeno. “Bisogna fidarsi da chi è professionale e ha una storia alle spalle – spiega Paola d’ Esposito titolare di Progetto Casa Immobiliare, un’agenzia di Piano di Sorrento che opera nelle due costiere – C’è chi, partito dalla città con la speranza di godersi le meritate ferie, è rimasto senza casa nella località di mare dove aveva pagato per soggiornare. E chi si è ritrovato ad aver affittato a sua insaputa lo stesso appartamento insieme ad altri. Chi, nella casa vacanza dei suoi sogni, ha trovato invece i proprietari che mai si sarebbero sognati di affittare il loro appartamento a degli estranei. Succede di tutto. Meglio il contatto diretto con un’agenzia immobiliare, verificate se hanno dei riferimenti telefonici ovviamente,  e consiglio di visionare anche le proprie pagine facebook   https://www.facebook.com/ProgettoCasaImmobiliare/, se sono attive e interattive è difficilissimo che possano essere truffatori.”

Salernitana mette gli occhi su Gazzi: Bollini lo allenò tra i baby

0

La Salernitana ha completato le coppie a centrocampo ma solo sulla carta. Con Signorelli in sei per il reparto mediano (ci sono anche Ricci, Minala, Odjer, Della Rocca e Zito) ma Alberto Bollini potrebbe non veder esaurire qui gli innesti in quella zona di campo. Soprattutto se dovessero verificarsi delle partenze. Secondo quanto riportato dall’odierna edizione del Mattino, la Salernitana avrebbe messo gli occhi su Alessandro Gazzi (’83), in uscita dal Palermo con cui ha ancora un anno di contratto. L’anno scorso il mediano ha disputato 25 partite in massima serie coi rosanero.

Gazzi, assistito dal procuratore Marrucco, è però reduce da un infortunio: sta recuperando dalla lesione dei legamenti acromion-claveare e coraco-claveari, alla spalla, patita sul finire della scorsa stagione. Bollini ha comunque fiducia nelle capacità del calciatore, che è cresciuto calcisticamente proprio sotto la sua ala protettiva nella primavera della Lazio nella stagione 2001/02.

ROCCAPORENA DAY 9. In ritiro spunta Zavaglia: “Salernitana si toglierà soddisfazioni”

ROCCAPORENA DI CASCIA (PG). Franco Zavaglia, potente procuratore calcistico, ha fatto capolino questa mattina nel ritiro della Salernitana. “Non bolle nulla in pentola”, ha detto sornione. Fece altrettanto due anni fa a Cascia, poi arrivò Russotto. Chissà che proprio dal suo cilindro non possa spuntare qualche tassello mancante in casa granata: Zavaglia ha scambiato due parole con Alberto Bollini, poi s’è congedato incollandosi al telefono. Il ds Fabiani non è a Roccaporena.

image“La Salernitana è una buona squadra, costruita anche abbastanza bene, direttore e allenatori sono bravissimi. Bollini è bravo a sfruttare al massimo le caratteristiche dei giocatori. I granata potranno togliersi molte soddisfazioni– ha detto l’agente, che non assiste nessuno dei calciatori attualmente in organico alla Salernitana – La Serie B quest’anno è abbastanza competitiva, ci sono squadre che ci riprovano, oltre al Palermo, il Frosinone e il Carpi stesso. Sarà una bella lotta per andare in Serie A. Manca la punta? Io ho ottimi rapporti sia con Fabiani che con Bollini ma non so che tipo di attaccante possano cercare e se orbita nei campionati italiani oppure no. Può essere che ci sia anche una pista estera, ormai le frontiere sono aperte. Avranno già in mente chi prendere, faranno un’ottima scelta. Oggi il mercato è particolare, è radicalmente cambiato da quando ho iniziato, e sono stato uno dei primi. Oggi non mi riconosco molto con questi procuratori: oggi tutti possono fare gli agenti, non c’è regolamentazione e basta versare 500 Euro alla Figc”.

fonte solosalerno.it

SORRENTO TRIS DI ACQUISTI: IN ROSSONERO GUARRO, CIFANI E RIZZO

0

TRIS DI ACQUISTI: IN ROSSONERO GUARRO, CIFANI E RIZZO

Il Sorrento è lieto di annunciare l’ingaggio di tre calciatori per la prossima stagione sportiva: i difensori Antonio Guarro e Luigi Rizzo e l’attaccante Fabio Cifani.

Antonio Guarro, esperto difensore classe 1985 nativo di Torre Annunziata, reduce proprio da due annate con i bianchi del Savoia ma con alle spalle esperienze e successi con diversi club campani: nei professionisti con Juve Stabia, Paganese e Nocerina, in serie D con Sarnese e Agropoli.

Luigi Rizzo, giovane difensore classe 1997 nativo di Pompei, che dopo gli esordi nelle giovanili della Juve Stabia, può vantare esperienze nelle formazioni primavera della Juventus e del Vicenza, nonchè presenze in nazionale under17 guidata dal tecnico federale Tedino.

Fabio Cifani, attaccante napoletano classe 1985, bomber d’Eccellenza specialmente nel girone molisano con le maglie del Campobasso, Isernia e Termoli. Già alle dipendenze di mister Guarracino per due stagioni a Positano prima dell’annata trionfale con la Sibilla Bacoli culminata con la vittoria del campionato

Emergenza idrica in Costiera amalfitana. Ravello chiude serbatoi di notte

0

Non c’è solo Roma senz’acqua  o il Cilento in difficoltà .Un’estate intera senza una giornata di pioggia e comincia a sentirsi l’emergenza idrica in Costiera amalfitana . Le prime avvisaglie ad Amalfi per Pogerola, poi a Positano dove Nocelle ha avuto seri problemi e tuttora le zone alte sono in difficoltà ovunque, ora Ravello provvede a chiudere i serbatoi di notte. Il Consorzio dell’ Ausino di Cava de Tirreni , che gestisce le acque di questa parte della provincia di Salerno, è molto criticato sui suoi interventi. A dire la verità non abbiamo ricevuto ne visto alcun suo comunicato che potesse in qualche moto chiarire la situazione ed imporre la riduzione generalizzata dei consumi. Intanto ecco l’ordinanza tempestiva  del sindaco Salvatore di Martino che così ha evitato il peggio 

Charlot giovani: gli artisti del futuro

0

Mario Luzzatto Fegiz ha inaugurato ieri mattina di fatto la XXIX edizione del premio. Stasera otto cabarettisti si sfideranno per la sezione giovani. Ospiti della serata, il cantante Andrea Sannino,  il violinista Giuseppe Gibboni e Gianfranco e Massimiliano Gallo

 Di Olga Chieffi

L’evoluzione della musica leggera, i retroscena dei backstage, gli incontri con i grandissimi del genere. Ieri mattina, Mario Luzzatto Fegiz si è raccontato a Palazzo di Città,bcon la solita sua vivacità professionale, evocando gli artisti fra palco e realtà, senza filtri e pudori, in mezzo secolo anni di canzoni e personaggi che hanno condizionato i costumi e la società, svelando segreti e trucchi del mestiere del critico musicale. Per scrivere una buona intervista non occorrono giuste domande, ma buone risposte, per scrivere una buona recensione non occorrono belle canzoni ma buone orecchie. Certo, di errori ne ha commessi anche lui, ma resta ancora un critico che ama fare il suo mestiere, protagonista oggi di un mondo in cui si fa fatica a ritrovarsi tra grandi nomi che inaugurano scuole mangiasoldi, talk show e sponsor miliardari. Al termine della mattinata, Claudio Tortora, ha consegnato la statuetta raffigurante Charlie Chaplin per il libro dell’anno “Troppe Zeta nel Cognome”. Un incontro in cui il noto critico ha stilato anche una sua personale pagella su alcuni degli artisti più noti del momento, sino a chiudere con un omaggio all’indimenticato Lucio Dalla e al parto della sua Caruso. Calato il sipario su questa prima giornata della terza parte della XXIX edizione del Premio Charlot, ora ci si prepara alla serata di stasera, quando all’Arena del Mare, alle ore 21, con ingresso libero, saliranno sul palco, presentati da Marita Langella, otto giovani cabarettisti pronti a sfidarsi per contendersi lo “Charlot Giovani”. Otto cabarettisti provenienti da tutt’Italia e selezionati nel corso dell’anno. A decretare chi tra di loro si aggiudicherà lo Charlot Giovani 2017 sarà il pubblico dell’Arena del Mare chiamato a votare attraverso delle schede che saranno consegnate ad inizio della serata. Alla giuria, composta, dal direttore artistico Claudio Tortora, dall’autore Alessio Tagliento, dal giornalista Gabriele Bojano, e dagli attori Gianfranco e Massimiliano Gallo il compito di assegnare il premio della critica, mentre il pubblico di internet sarà chiamato a votare, fino alle 22.30, attraverso il sito www.premiocharlot.it per assegnare il Premio Web. Sette i minuti a disposizione per ogni concorrente. Sette minuti in cui dovranno riuscire a conquistare pubblico per portarsi a casa l’ambito premio. A salire sul palco saranno il milanese Davide Spadolà, il bresciano Rubes Speziati, il genovese Gianluca Macrì, il romano Paolo Sparacino, il barese Daniele Condotta, ed ancora da Lodi arriverà Filippo Caccamo, mentre da Napoli arriveranno Luca Bruno e Francesca Puglisi. Ospiti della serata dedicata ai giovani emergenti cabarettisti, Andrea Sannino. Il “ragazzo” classe ’85 che attualmente costituisce l’orgoglio, la punta di diamante della musica emergente partenopea, fresco e forte della meravigliosa esperienza coltivata con maestri quale Lucio Dalla, su di tutti, per finire al suo ultimo lavoro teatrale con Sal Da Vinci e Alessandro Siani. Accanto ad Andrea i protagonisti del Sindaco di Rione Sanità, titolo eduardiano che chiuderà la stagione di prosa del nostro massimo Gianfranco e Massimiliano Gallo Ma cosa ha un attore, un cabarettista, in comune con un musicta? Sicuramente le tavole del palcoscenico e il pubblico. Con la settima arte conosciamo un violino utilizzato per esprimere sentimenti, voci e pensieri. Nel cinema il violino appare spesso come elemento catalizzatore: ad esempio, nelle mani di Charlie Chaplin in Luci Della Ribalta. Ed ecco che sul prestigioso palcoscenico del premio Charlot, salirà Giuseppe Gibboni, pupillo di Salvatore Accardo, in predicato per la partecipazione al temibilissimo Premio Paganini, il quale dedicherà alla platea due Capricci del genio genovese, il V e il XXIV opera testamento di questo strumento che fece esclamare a David Oistrakh: “Dopo Paganini nessuno  ha dato un contributo simile al repertorio del violino”.

Positano presidio sanitario della Croce Rossa sul molo, spiaggia più sicura

0

Positano presidio sanitario della Croce Rossa sul molo, spiaggia più sicura. Soccorsi migliori e più veloci, disponibilità ed assistenza ai turisti che hanno problemi di ogni sorta. Il presidio sanitario sul molo sta funzionando bene. In genere ci sono interventi per malori per il calore, sbucciature o ferite accidentali in spiaggia. Un presidio che nella cittadina della Costiera amalfitana era necessario per intervenire per le piccole emergenze e per velocizzare i soccorsi nel caso di gravi emergenze. Vogliamo cominciare con una buona notizia oggi buona domenica da Positanonews..

Vettica di Amalfi: festeggiamenti in onore della VIRGO POTENS

0

Come ogni anno nella seconda Domenica di luglio, si terranno i festeggiamenti in onore della “Virgo Potens” nella zona bassa di Vettica di Amalfi, sulla Nazionale per Positano, evento tanto atteso dai fedeli e molto sentito in questa zona.

Di seguito il programma:

GIOVEDI’ 20 – VENERDI’ 21 – SABATO 22 LUGLIO 2017

TRIDUO in preparazione alla FESTA

Ogni Giorno ore 19:00 Rosario – Coroncina della Virgo Potens – Santa Messa

DOMENICA 10 LUGLIO – Festa della Virgo Potens

ore 10.30 Rosario – Coroncina della Virgo Potens

ore 11.00 Santa Messa – Benedizione del pane

ore 11.30 Arrivo del complesso bandistico “Città di Minori”

ore 18.30 Rosario – Coroncina della Virgo Potens

ore 19.00 Santa Messa

ore 20.00 Processione con la statua della Virgo Potens

al rientro: Preghiera di Consacrazione alla Virgo Potens

Breve storia

Si narra che un giorno due pescatori si trovavano in alto mare e all’ improvviso il mare iniziò ad agitarsi, da calmo divenne mosso con onde alte, i due pescatori impauriti invocarono la Vergine potente chiedendole la grazia di farli salvare, loro due promisero che se si salvavano a quella tempesta edificavano una cappella intitolata alla Virgo Pontens.

Appena invocarono la Madonna il mare si calmò e si rifugiarono sulla spiaggia di Santa Croce sottostante e qui i pestatori per devozione sulla collinetta di Vettica soprastante edificarono questo tempio.

Infermiere ucciso, il killer confessa

0

NOCERA INFERIORE – È stato arrestato con l’accusa di omicidio volontario aggravato da futili motivi e dalla presenza di un minore, l’assassino di Maurizio Fortino, il 53enne accoltellato, l’altra sera, a Nocera Inferiore nel Salernitano. A sferrargli una coltellata che gli ha perforato un polmone, secondo l’accusa,è stato stato Davide Sanzone Giancane, 42enne detto il “siciliano”, già noto alle forze dell’ordine, fermato dai carabinieri della Sezione Radiomobile del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore e che ha confessato il delitto. L’aggressore, secondo la ricostruzione fornita dai carabinieri, è stato sorpreso per le vie del centro cittadino dopo aver accoltellato l’infermiere che lavorava nel dipartimento di salute mentale dell’ospedale Umberto I. Alla base dell’aggressione motivi di gelosia. Il 42enne, di ritorno da Milano dove svolgeva lavori saltuari, quella sera si era recato a casa dell’ex compagna per salutare la figlia di otto anni.

 

Una volta nell’abitazione ha trovato l’infermiere con il quale ha iniziato un acceso diverbio sfociato, poi, nell’aggressione. Fortino, dopo l’attacco, è anche riuscito a salire in sella al suo scooter e dirigersi verso l’ospedale ma lungo il tragitto, a causa della copiosa perdita di sangue, si è sentito male e si è accasciato a terra. Nonostante l’aiuto di un passante che lo ha visto e lo ha caricato sulla sua auto, l’uomo è deceduto poco dopo l’arrivo al nosocomio. Dalle prime ricostruzioni non è emerso con chiarezza se tra la vittima e la donna ci fosse una relazione sentimentale: sicuramente, pero’, Sanzone Giancane non ha gradito che un uomo si aggirasse in casa in presenza della figlioletta.

L’uomo, dopo essere stato fermato dai militari, ha reso dichiarazioni spontanee confessando l’accaduto ed e’ stato condotto al carcere di Salerno, in attesa della convalida dell’arresto. Ci sono ancora alcune divergenze rispetto a quanto dichiarato dalla donna e soprattutto rispetto alla ricostruzione effettuata, attraverso sopralluoghi e rilievi, dai carabinieri i quali, pero’, stanno lavorando in queste ore proprio per delineare l’esatta dinamica dei fatti che sarà ancora piu’ chiara dopo l’autopsia. Quel che è certo è che la coltellata è stata sferrata con un coltello da cucina che l’aggressore ha trovato in casa della ex compagna, una trentenne del posto.

I carabinieri hanno recuperato l’arma del delitto ancora nell’abitazione una volta giunti per i rilievi. Si dovra’ aspettare almeno martedi’ o mercoledì per l’autopsia sul corpo di Fortino. Grande lo sgomento della comunità nocerina dove l’infermiere era molto stimato e apprezzato non solo a livello professionale ma anche per il carattere gioviale e sempre socievole. Addolorato anche il sindaco di Nocera Inferiore, Manlio Torquato il quale ricorda la vittima come “un uomo ben voluto da tutti. Io – dice – lo conoscevo bene in quanto, tra l’altro, abitavamo nella stessa zona. Inspiegabile questo gesto di cui nessuno trova una ragione. Siamo tutti scossi dalla gravità e dalla imprevedibilità’ dell’accaduto”.

LA CITTA DI SALERNO

Giovane militare di Castel San Lorenzo stroncato da un infarto

0

CASTEL SAN LORENZO – Muore a 23 anni Giuseppe Amendola: il giovane di Castel San Lorenzo era arruolato nell’Esercito e lavorava presso la caserma Vitrani, Brigata Pinerolo di Bari, in via fanelli. Entrare nell’Esercito era stato il suo sogno più grande e, circa due anni fa, lo aveva portato a compimento. Un triste destino ha voluto che la sua vita si spezzasse proprio in caserma.

 

Da una prima ricostruzione, il militare giovedì sera, mentre faceva jogging all’interno della caserma, improvvisamente si è accasciato accusando un malore. I suoi commilitoni hanno subito effettuato le manovre di primo soccorso nell’attesa che sopraggiungesse un’ambulanza del servizio del 118. I sanitari, purtroppo, non hanno potuto far altro che accertare il decesso. E’ scattata la procedura di prassi e la salma è stata messa a disposizione dell’autorità giudiziaria.

A stroncare la vita di Giuseppe, molto probabilmente, un infarto fulminante che non gli ha lasciato scampo. La salma ieris era è giunta a Castel San Lorenzo, oggi saranno celebrati i funerali con l’ultimo abbraccio della comunità.

La notizia della morte del giovane militare a Castel San Lorenzo si è diffusa nelle prime ore di ieri. “Siamo addolorati e sgomenti. la tragica notizia della morte di Giuseppe, bravo figlio dedito alla sua realizzazione professionale, sconvolge l’intera comunità di Castel San Lorenzo, che si approcciava a vivere momenti impegnativi di festa. Il nostro cordoglio si stringa ai genitori – afferma il sindaco Gisueppe Scorza – alle sorelle, alla fidanzata, ai nonni e ai parenti tutti, con la speranza che la vicinanza della comunità lenisca la loro disperazione. Giuseppe vivrà nei nostri pensieri e nei nostri ricordi. Castel San Lorenzo si ferma, annullando impegni fissati per i prossimi giorni, per esprimere solidarietà alla famiglia e rendere tangibile il sentimento di rispetto e di mestizia che viviamo”.

I genitori sono stati avvisati duarnte la notte, e sono partiti per Bari. Giuseppe in paese era molto conosciuto e faceva parte anche del Forum dei giovani. “Un ragazzo impegnato e ben viluto da tutti – lo ricorda il presidente del Firum giovani, Cosmo Passaro – sempre attivo e sorridente”. E sui social corre il dolore per quanto accaduto. “Niente è più triste dell’avere come ricordo il dolore più grande”, scrive Alfredo. “Amore mio non ho parole per descrivere questa tragedia, questo non è un addio ma un arrivederci. Sei l’angelo più bello che c’è illuminaci il cammino con la tua luce e dacci tanta forza per andare avanti ti amo di bene”, il post del cugino Marcello.

ANGELA SABETTA LA CITTA DI SAKERNO

Ragazzina napoletana stuprata a Marechiaro

0

 Ci sono almeno un paio di spettatori inermi, nella storia della violenza sessuale di gruppo sugli scogli di Posillipo. Due ragazzini che hanno assistito almeno a una prima fase di molestie, che potrebbero aiutare a mettere la parola fine su quanto avvenuto un paio di mesi fa a Marechiaro. E potrebbero rendere meno isolata la posizione della vittima, della studentessa che ha avuto la forza di denunciare i suoi aggressori, di puntare l’indice contro i presunti componenti del branco. Una indagine che fa leva sul coraggio di una ragazzina, una studentessa di Chiaia, finita anche al centro di una trama di offese e di minacce, attraverso i social network.

 

Dopo la violenza, sono arrivate le intimidazioni. Facebook come canale, come piattaforma virtuale di insiedie terribilmente reali. Tre indagati per violenza sessuale di gruppo, tre minori sotto accusa, uno dei quali si fa avanti e si presenta come «amico» attraverso la chat: «Smettila di dire queste fesserie – è il senso della conversazione – forse non hai capito chi sono io. Sono da poco uscito dalla comunità di recupero, se non ritratti e stai al posto tuo, vengo a dare fuoco alla tua abitazione». Una minaccia su cui sono in corso accertamenti, da parte dei carabinieri della compagnia di Bagnoli, intervenuti subito dopo quella terribile mattinata vissuta a Marechiaro. (Il Mattino)

Affittanze estive, blitz dei Cc a Ischia

0

 ISCHIA (NAPOLI), Un blitz dei Carabinieri è in corso a Ischia Porto (Napoli) dalla prima mattinata per controllare la regolarità o meno delle affittanze estive, anche alla luce delle disposizioni impartite dal Ministero dell’Interno che prevedono che il semplice affitto estivo di un appartamento deve essere comunicato all’autorità di PS. I carabinieri verificano anche la presenza di soggetti indesiderati. (ANSA).

Piromane arrestato nell’avellinese

0

 AVELLINO,  Un uomo di 30 anni è stato arrestato dai carabinieri ad Atripalda (Avellino) per aver dato fuoco a delle sterpaglie all’interno di un’area boschiva demaniale. I militari lo hanno colto in flagranza di reato nel corso dei controlli sul territorio, intensificati dopo l’emergenza incendi.
    Le fiamme hanno interessato una zona di Atripalda che costeggia il raccordo autostradale per Salerno e la linea ferroviaria. Negli ultimi giorni, i carabinieri hanno denunciato 8 persone alla Procura di Avellino per aver acceso roghi di sterpaglie e rifiuti vegetali.

ansa

Caserta Incendio in capannone elettrodomestici

0
Capua

CASERTA, Un vasto incendio si è sviluppato in un capannone di elettrodomestici ubicato tra i comuni di Capua e Pastorano, nel Casertano. Sul posto i vigili del fuoco.
    Il rogo ha provocato una nube nera.(ANSA).

Napoli:ripreso servizio della funicolare

0

NAPOLI,  – É ripreso il servizio della funicolare centrale a Napoli. Lo fa sapere l’Anm. L’azienda pubblica di mobilità informa che oggi dopo le prime due corse delle 12.10 e delle 12.20 ”alla riapertura del rinnovato impianto funicolare centrale si é verificata una anomalia del sistema elettrico di chiusura delle porte dei treni”.
    I tecnici della Leitner sono intervenuti per risolvere il guasto imprevisto mentre gli operatori Anm hanno effettuato le prove di corsa prima della riapertura al pubblico del servizio.
    L’azienda ”si scusa per il disagio”.

ansa

Percussioni dal castello con Edoardo Giachino

0

Questa sera, la V edizione del Camerota Festival, promosso dall’Associazione Zefiro ospita il concerto finale della masterclass del percussionista Edoardo Giachino

 Di AMBRA DE CLEMENTE

 Prima serata oggi, alle ore 21,30, nell’incantevole cortile del Castello Marchesale di Camerota del cartellone della V edizione del Camerota Festival, allestito dall’Associazione Culturale-Musicale Zefiro, presieduta da Giuseppe Marotta e diretta dal compositore Leo Cammarano, con il concerto finale della masterclass di percussioni del M° Edoardo Giachino, primo percussionista dell’Orchestra dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia, Un evento, questo, sostenuto dal Comune di Camerota, unitamente al Meeting del Mare, all’Ente Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, al Conservatorio di Musica “G.Martucci” di Salerno e al Centro di Musica Contemporanea di Milano, oltre ad un folto cartello di mecenati privati. L’aspetto più entusiasmante delle percussioni è che, contrariamente a quanto si crede, hanno una grande capacità di adattamento. Infatti, pensare di non poter eseguire musica da camera di genere classico con piccoli tamburi e piatti è sbagliato, dato che l’intera gamma dei suoni prodotti da questi strumenti è a nostra disposizione, dai quasi impercettibili Pianissimo fino ai più penetranti Forte. Gli esotismi che, ancora occasionalmente udiamo o ci aspettiamo di udire, tra alcuni decenni saranno magari  superati come l’origine turca  dei piatti a mano, ma resterà il loro DNA. E’ quanto dimostrerà dopo tre giorni di studio il M° Edoardo Giachino con i suoi allievi, Antonio Restuccia, Valerio Colaci, Francesco D’Ambrosio, Marco Apicella, Riccardo Mazzarella, Antonio Colacelli i quali saranno i protagonisti del saggio finale al termine di un percorso di confronto di competenze, esperienze e personalità differenti. La formazione dei giovani strumentisti continuerà con un’altra masterclass affidata stavolta alla tromba stellare di Andrea Tofanelli il 27 luglio. Il trombettista sarà quindi in concerto il giorno successivo, il 28 con l’ Itai Doshin Trio del pianista Francesco Chiariello con Gabiele Pagliano al contrabbasso e Lucio Mele alla batteria. La serata, che si dividerà tra classico e Jazz, spazierà da Ludwig Van Beethoven, contaminato con “Nostalgia in Times Square” di Charles Mingus, all’ aria di Lauretta dal “Gianni Schicchi” valzer di Musetta dalla Bohéme, deliziosamente trasformato in bossa, per poi “cantare” l’attaccamento alla vita e al piacere  di Mario Cavaradossi, tra bellezza e amori che celebrano un forzato trionfo davanti al plotone d’esecuzione, in un “E lucevan le stelle”, speziato di “Autumn leaves”, frutto di una miscela originale di melodie accattivanti e liriche, arrangiate in modo non prevedibile, sfoceranno, magari  in un “Libiam nei lieti calici” in samba.

Normal 0 14 false false false IT JA X-NONE

 

Roma all’asciutto per la siccità, ministero

0

A Roma sta finendo l’acqua. A lanciare l’allarme è Nicola Zingaretti, governatore del Lazio, dopo che la stessa Regione ha ordinato la sospensione del prelievo dal lago di Bracciano, riserva idrica della Capitale.

“Siamo pronti a collaborare con le Regioni nel censimento dei danni e la verifica delle condizioni per dichiarare lo stato di eccezionale avversità atmosferica”. Lo annuncia il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, circa la situazione di siccità in atto. Sono state attivate misure di contrasto all’emergenza: “sono 3 – spiega – gli assi di intervento: attivazione del fondo di solidarietà nazionale, aumento degli anticipi dei fondi europei Pac, 700 mln per il piano rafforzamento delle infrastrutture irrigue”.

“C’è da scongiurare innanzitutto un danno ambientale per il lago (di Bracciano, ndr) e allo stesso tempo evitare un disagio forte a migliaia di cittadini romani”. Così in una nota il ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti. “Il passaggio per il Lazio a una condizione di severità idrica alta – continua – permette di attivare sia le procedure a sostegno del settore agricolo che la concessione eventuale dello stato di emergenza da parte della Protezione Civile, su richiesta regionale”.

“Purtroppo – dice Zingaretti – è una tragedia. Il livello del lago di Bracciano si è abbassato con il rischio di catastrofe ambientale fino a questo evento. Abbiamo tempo 7 giorni per trovare tutte le possibilità al fine di limitare al massimo il disagio per i cittadini, ma è sbagliato chiudere gli occhi. Il problema c’è ed è grave. Acea – spiega il governatore – preleva dal lago di Bracciano solo l’8% di tutto il fabbisogno e quindi immagino una quantità non importante dell’acqua – aggiunge-. Per ridurre al massimo i disagi, Acea ha stabilito degli orari di eventuale blocco. Sui dati che ha fornito però dovete chiedere a loro. Basta andare con una fotocamera a Bracciano per capire che sta accadendo l’inimmaginabile – aggiunge -. Far uscire l’acqua dai rubinetti è un diritto ma dobbiamo fare i conti con un problema enorme che è la siccità. Mi piacerebbe invitare qui Donald Trump per fargli capire cosa significa non rispettare gli accordi sul clima”.

La sindaca di Roma, Virginia Raggi assicura che “sarà fatto tutto il possibile per assicurare l’acqua ai cittadini, agli ospedali, ai vigili del fuoco, alle attività commerciali. Mi auguro che Regione e Acea – prosegue – trovino quanto prima una soluzione condivisa. Va fatto quanto necessario per aiutare e tutelare oltre un milione di romani”. 

Insorge M5S: “La Regione – dichiara il capogruppo del M5S in Campidoglio Paolo Ferrara – si è spinta troppo avanti senza coordinarsi con il Comune. Si sarebbe dovuto sentire prima il Comune visto che è una misura molto impattante sui cittadini”. 

In arrivo, dunque, c’è l’acqua razionata per un milione a mezzo di romani. Nell’estate rovente 2017, della crisi idrica e degli incendi, l’Acea annuncia l’arrivo della misura – ‘obbligata’ come sottolinea la multiutility – dopo che la decisione della Regione Lazio di sospendere il prelievo dal lago di Bracciano. A motivare la scelta dell’amministrazione regionale sono “innanzitutto” le “condizioni di deperimento del lago”. Ma l’Acea punta il dito contro l’atto, “unilaterale e illegittimo, che – avverte – comporterà importanti e gravi conseguenze per i cittadini di Roma”. “La drastica riduzione dell’afflusso di acqua alla rete idrica della Capitale ci costringerà a mettere in atto una rigida turnazione nella fornitura che riguarderà circa un milione e mezzo di romani. – annuncia il portavoce della società che gestisce acqua e energia elettrica in città – Acea, comunque, si impegna sin d’ora ad elaborare un piano dettagliato di emergenza che, non appena pronto, sarà messo a disposizione e comunicato capillarmente alla cittadinanza. Il gruppo altresì tutelerà in ogni sede non solo le proprie ragioni, ma anche gli interessi di tutta la sua utenza”. Lo scontro, insomma, è alle porte. Da parte sua la Regione Lazio afferma che “l’obiettivo” è “recuperare per quanto possibile la naturale integrità ecologica” del bacino d’ acqua. “Il decremento negativo del lago è stato dovuto essenzialmente a due fattori – spiega -: al prelievo per l’approvvigionamento idropotabile e all’evaporazione, particolarmente intensa in relazione alle alte temperature, e aggravata peraltro dalla perdurante assenza di precipitazioni nei mesi scorsi. In questo quadro, quindi, il direttore regionale delle Risorse idriche ha oggi firmato l’ordinanza che impone ad Acea Ato 2 di azzerare ogni prelievo della risorsa idrica dal bacino del lago di Bracciano, entro e non oltre le ore 24 del giorno 28 luglio prossimo, onde consentire il ripristino del livello naturale delle acque del lago e della loro qualità. Acea Ato 2, inoltre, sarà tenuta a trasmettere alla Direzione regionale i dati giornalieri del livello idrometrico del bacino. Tale ordinanza ha validità fino al 31 dicembre 2017”.

Riteniamo questo atto della Regione Lazio abnorme e illegittimo ma soprattutto inutile rispetto alla tutela del lago. Dal lago Acea sta derivando 86 mila metri cubi al giorno, a cui corrisponde un abbassamento di 1,5 millimetri. Il lago di Bracciano è profondo 164 metri”. Lo ha detto a SkyTg24 il presidente di Acea Ato 2 Paolo Saccani. “Azzerare la derivazione da Bracciano fa risparmiare 1,5 millimetri ma porterà agli abitanti di Roma pesantissimi disagi – ha aggiunto – Bracciano è basso in questo momento, ma è 90 centimetri in meno rispetto all’anno scorso su un lago di 160 metri. Stiamo attuando tutte le misure per ridurre la derivazione – ha concluso – ma interromperla è a nostro giudizio un atto irresponsabile”

In 7 giorni non troveremo altra soluzione che razionare l’acqua a 1,5 milioni di romani, alle attività produttive, turistiche, ai palazzi delle istituzioni, al Vaticano: questo succederà. Non faremo il bene dell’immagine della Capitale d’Italia”. Così il presidente di Acea Ato 2 Paolo Saccani, a SkyTg24. “Noi l’acqua non la fabbrichiamo – ha aggiunto – Le soluzioni strutturali le abbiamo proposte alla Regione Lazio con una mia lettera del 4 luglio. Il problema delle perdite c’è, non lo neghiamo. Sono un male nazionale, non di Acea. L’azienda su mandato dei sindaci ha investito negli anni scorsi in fognatura e depurazione perché lì era l’emergenza – ha concluso – non è una responsabilità di Acea”

Blitz di Israele in Cisgiordania, arrestati 25 capi di Hamas

0
epa05981970 Israeli soldiers take up position during clashes following a protest in solidarity with Palestinian prisoners in the West Bank city of Hebron, 22 May 2017. Demonstrators protested in solidarity with Palestinian prisoners in Israeli jails. Some 1,500 prisoners started a hunger strike on 17 April protesting what they call inhuman treatment and restrictions in Israeli prisons. Some Palestinian factions have called for a so-called 'Day of Rage' when US President Trump visits the Palestinian territories on 23 May, to protest against the US support for Israel. EPA/ABED AL HASHLAMOUN

TEL AVIV – Blitz dell’esercito israeliano in Cisgiordania nella notte durante il quale sono stati arrestati 25 alti esponenti di Hamas, nel contesto di misure straordinarie adottate dopo le violenze degli ultimi giorni. Fra gli arrestati, secondo fonti palestinesi, figurano un deputato e 5 miliziani di Hamas liberati anni fa da Israele nel contesto di uno scambio di prigionieri. Ieri il leader di Hamas Ismail Haniyeh ha telefonato alla famiglia al-Abed di Kobar (Cisgiordania) per congratularsi con l’attentato condotto dal figlio che ha pugnalato a morte 3 civili israeliani ad Halamish.

Tav: proteste al cantiere, bombe carta contro recinzioni

0
ARCHIVIO Scontri tra manifestanti No Tav e polizia a Chiomonte (Torino), questa notte 22 luglio 2011. ANSA/DI MARCO

TORINO, 23 LUG – Nuova notte di protesta al cantiere della Torino-Lione, in Valle di Susa. Circa duecento attivisti del movimento No Tav hanno tentato di raggiungere le recinzioni del cantiere di Chiomonte lanciando bombe carta e fuochi d’artificio contro le forze dell’ordine.
    Alcuni antagonisti si sono radunati davanti al sentiero Gallo Romano, e hanno tentato di tagliare la rete di protezione del cancello, altri si sono addentrati nei boschi e altri ancora hanno guadato il Clarea per arrivare alle spalle del cantiere.
    I manifestanti sono stati allontanati dalle forze dell’ordine con l’uso di lacrimogeni. Gli attivisti No Tav, protagonisti la scorsa notte di una sassaiola contro le forze dell’ordine schierate a protezione del cantiere, hanno poi fatto ritorno a Venaus, dove da una settimana è in corso il loro ‘campeggio’.(ANSA).

Piano di Sorrento incendio ai Colli di San Pietro

3

Piano di Sorrento incendio ai Colli di San Pietro a informarci Peppe Coppola foto 105 a quanto pare la prevenzione e la protezione civile non funziona. I vigili del fuoco poi sono riusciti a spegnere le fiamme divampato dopo le 20, quindi probabilmente da piromani. La protezione civile non è intervenuta perché ha il mezzo senza revisione.. evidentemente l’ amministrazione pensa a finanziare di tutto e di più ma non la sicurezza dei cittadini.. amaro lo sfogo di Diego Ambruos o da sempre presente sugli interventi “Incendio ai colli. In località  piano di Sorrento Sul posto sono arrivati  i vigili del fuoco di Piano. In poco tempo hanno spento le fiamme. A piano i politici parlano. I piromani stanno tra di noi. E noi volontari fermi perché ??? Chiedetelo ai vostri amministratori. Un cittadino rotto e un volontario deluso”

Cani randagi, la missione (possibile)

0

AIUTARE I CANI RANDAGI DEL CENTRO E SUD ITALIA. INIZIATIVA DAVVERO LODEVOLE. LE VOLONTARIE HANNO SCRITTO A POSITANO NEWS CHE PUBBLICA. gf

Prendiamo i cani da canili lager/strada/situazioni di maltrattamento, curiamo e facciamo adottare una media di 80 l’anno.Qualche piccolo sacrificio per la loro vita. NOI siamo 5 volontarie di diverse parti d’Italia, da Napoli a Bolzano. Abbiamo una rete di contatti (stallanti, veterinari, altri volontari, staffettisti) che abbiamo creato negli anni. PER OGNI CANE ADOTTATO NE SALVIAMO UN ALTRO. Sono oltre 100 cani che nella vita hanno conosciuto solo botte, sevizie, fame, abbandono, malattia e prigionia: cercano una famiglia che annienti il loro tremendo passato e rappresenti un futuro sereno.
Nel frattempo, per mantenerli in stallo (SI TROVANO IN RIFUGI E PENSIONI CASALINGHE DA PALERMO A TRENTO) e curarli cerchiamo adozioni a distanza (LE PRIME MAMME A DISTANZA SIAMO NOI, SIA CHIARO) con una piccola quota fissa mensile (che ognuno sceglierà a piacere purchè si tratti di un impegno serio, responsabile e duraturo nel tempo) o con una donazione una tantum.
Chi vuole aiutare i presenti, e quelli che verranno (per ogni adozione definitiva salveremo un altro cane), CONTATTI SU FB UNA DI NOI IN PRIVATO Susanna Weiss Betty Mariniello Camo Luisa Milla Alessia MorariStefania Greco O MANDI UN MESSAGGIO PRIVATO ALLA NOSTRA PAGINA SUSANNA’S DOG’S.
https://www.facebook.com/susannadogs/
Ogni donatore/adottante a distanza VERRA’ INSERITO IN UN GRUPPO DOVE POTRA’ SEGUIRE ATTRAVERSO FOTO/AGGIORNAMENTI/VIDEO il proprio protetto fino a definitiva adozione, DOVE TROVERA’ UN PUNTUALE RESOCONTO DELLE ENTRATE E TUTTE LE RICEVUTE COMPROVANTI LE USCITE, NELLA MASSIMA TRASPARENZA E SERIETA’, nonchè i nomi e i recapiti di interesse.
PROVARE PER CREDERE, NOI DIMOSTRIAMO TUTTO CIO’ CHE FACCIAMO ATTRAVERSO FATTI CONCRETI (e poche chiacchiere)

Cattivo gusto e scempi a Cetara

0

Spunta una tettoia metallizzata nel bel mezzo di una cartolina: la vista sulla marina di Cetara. Una cosa di cattivo gusto, un vero e proprio scempio secondo i nostri lettori. Come è possibile che sia stata autorizzata una cosa simile nel bellissimo borgo della Costiera amalfitana? Il PUT che regola la Costa d’ Amalfi e Sorrento lo consente?

Anche Lily Collins e Richard Gere a Positano

0

Sono a decine i Vip che stanno a Positano in Costiera amalfitana. Almeno solo quelli che Positanonews, il quotidiano online della Costa d’ Amalfi e Sorrento, è riuscito a individuare. Richard Gere oramai sulla Divina da settimane, dopo Ravello e Amalfi, è a Positano , esattamente due le puntate , una all’isola de I Galli e una a La Tagliata che, con Da Adolfo a Laurito, sta diventando l’asse dei Vip, fra mare e montagna, cena a Montepertuso e pranzo a mare insomma…

Positively Positano…

Un post condiviso da Lily Collins (@lilyjcollins) in data:

Lily Collins è figlia del musicista britannico Phil Collins e della sua seconda moglie Jill Tavelman[1]. Sorellastra dell’attrice Joely Collins e del musicista Simon Collins, ha altri due fratelli, Nicholas e Matthew, nati dal nuovo matrimonio del padre.
Carriera[modifica | modifica wikitesto]
Comincia a recitare a due anni nella serie della BBC Growing Pains. Negli Stati Uniti all’età di 5 anni ha le sue prime esperienze di recitazione teatrale in un’accademia giovanile di arte drammatica[2]. In età adolescenziale si appassiona anche al giornalismo, scrivendo per Elle Girl[3], Seventeen[4], Teen Vogue[5] e il Los Angeles Times[6]. Si laurea presso l’istituto di coeducazione Harvard-Westlake School a Los Angeles[7] e sostiene la specializzazione in giornalismo televisivo presso la University of Southern California.
Nel 2007 è scelta da Chanel per indossare un suo abito al Ballo delle Debuttanti[3][8]. L’anno seguente è eletta da Glamour modella internazionale dell’anno[9], vince un Young Hollywood Award come Newest Red Carpet Correspondent[10] e appare in due episodi della serie televisiva 90210, incluso il finale della stagione 2008-2009.
Nel 2009 appare sulla copertina del numero di agosto di Glamour, ottiene il primo ruolo cinematografico in The Blind Side e figura al dodicesimo posto nella classifica The Hottest Daughters of Rock Stars stilata dalla rivista Maxim[11]. Prende parte anche a Priest, in uscita nel 2011[2][12]. A dicembre 2010 le viene assegnato il ruolo della protagonista quindicenne Clarissa “Clary” Fray nell’adattamento cinematografico del primo romanzo della saga Shadowhunters – Città di ossa di Cassandra Clare[13]. Dopo un casting lungo due anni, le riprese cominciano ad agosto 2012[14][15].

Lily Collins nel 2012
Nel 2011 ottiene il ruolo di co-protagonista al fianco di Taylor Lautner nel film Abduction – Riprenditi la tua vita e The English Teacher[16], esordio sul grande schermo del regista Craig Zisk. Prende inoltre parte al film Biancaneve, dove interpreta la protagonista al fianco di Julia Roberts (la regina cattiva) e Armie Hammer (il principe azzurro). In Biancaneve canta I Believe in Love (Mirror Mirror Mix), cover della canzone Love di Nina Hart, comparsa per la prima volta nel film del 1971 Taking Off[17].
Nel 2012 recita in Stuck in Love, film di Josh Boone, che la vede al fianco di Jennifer Connelly, Logan Lerman e Greg Kinnear[18]: il film è presentato al Toronto International Film Festival il 9 settembre 2012[19][20]. Nell’ottobre del 2013 appare nel video musicale City of Angels dei Thirty Second to Mars. Nel 2014 è protagonista di Scrivimi ancora, adattamento dell’omonimo romanzo di Cecelia Ahern, dove recita insieme a Sam Claflin[21] e da gennaio 2014 è il nuovo volto di Lancôme[22].
A febbraio 2014 entra nel cast di L’eccezione alla regola, film di Warren Beatty[23], dove recita al fianco di Alden Ehrenreich, venendo poi candidata per questo ruolo ai Golden Globe 2017.[24]. A marzo 2016 viene annunciato il suo ruolo da protagonista nella commedia nera To the Bone, scritta e diretta da Marti Noxon[25]. Lo stesso mese si unisce al cast del film Okja, al fianco di Jake Gyllenhaal e Tilda Swinton, diretto da Bong Joon-ho e in uscita nel 2017[26]. Nel 2016 recita insieme a Matt Bomer e Kelsey Grammer nel pilot della serie tv The Last Tycoon, prodotta da Amazon Studios e tratta dal romanzo Gli ultimi fuochi di Francis Scott Fitzgerald[27].
Nel 2017 è protagonista del film Fino all’osso, in cui interpreta una giovane ragazza affetta da una grave forma di anoressia. La pellicola è stata distribuita sulla piattaforma Netflix a partire dal mese di luglio.[28]Lily Collins , che è stata all’ Ischia Global Festival e a Capri, è figlia del musicista britannico Phil Collins e della sua seconda moglie Jill Tavelman Sorellastra dell’attrice Joely Collins e del musicista Simon Collins, ha altri due fratelli, Nicholas e Matthew, nati dal nuovo matrimonio del padre. Wikipedia ci riporta una sostanziosa biografia che riprendiamo
Comincia a recitare a due anni nella serie della BBC Growing Pains. Negli Stati Uniti all’età di 5 anni ha le sue prime esperienze di recitazione teatrale in un’accademia giovanile di arte drammatica[2]. In età adolescenziale si appassiona anche al giornalismo, scrivendo per Elle Girl[3], Seventeen[4], Teen Vogue[5] e il Los Angeles Times[6]. Si laurea presso l’istituto di coeducazione Harvard-Westlake School a Los Angeles[7] e sostiene la specializzazione in giornalismo televisivo presso la University of Southern California.
Nel 2007 è scelta da Chanel per indossare un suo abito al Ballo delle Debuttanti[3][8]. L’anno seguente è eletta da Glamour modella internazionale dell’anno[9], vince un Young Hollywood Award come Newest Red Carpet Correspondent[10] e appare in due episodi della serie televisiva 90210, incluso il finale della stagione 2008-2009.
Nel 2009 appare sulla copertina del numero di agosto di Glamour, ottiene il primo ruolo cinematografico in The Blind Side e figura al dodicesimo posto nella classifica The Hottest Daughters of Rock Stars stilata dalla rivista Maxim[11]. Prende parte anche a Priest, in uscita nel 2011[2][12]. A dicembre 2010 le viene assegnato il ruolo della protagonista quindicenne Clarissa “Clary” Fray nell’adattamento cinematografico del primo romanzo della saga Shadowhunters – Città di ossa di Cassandra Clare[13]. Dopo un casting lungo due anni, le riprese cominciano ad agosto 2012[14][15].
Nel 2011 ottiene il ruolo di co-protagonista al fianco di Taylor Lautner nel film Abduction – Riprenditi la tua vita e The English Teacher[16], esordio sul grande schermo del regista Craig Zisk. Prende inoltre parte al film Biancaneve, dove interpreta la protagonista al fianco di Julia Roberts (la regina cattiva) e Armie Hammer (il principe azzurro). In Biancaneve canta I Believe in Love (Mirror Mirror Mix), cover della canzone Love di Nina Hart, comparsa per la prima volta nel film del 1971 Taking Off[17].
Nel 2012 recita in Stuck in Love, film di Josh Boone, che la vede al fianco di Jennifer Connelly, Logan Lerman e Greg Kinnear[18]: il film è presentato al Toronto International Film Festival il 9 settembre 2012[19][20]. Nell’ottobre del 2013 appare nel video musicale City of Angels dei Thirty Second to Mars. Nel 2014 è protagonista di Scrivimi ancora, adattamento dell’omonimo romanzo di Cecelia Ahern, dove recita insieme a Sam Claflin[21] e da gennaio 2014 è il nuovo volto di Lancôme[22].
A febbraio 2014 entra nel cast di L’eccezione alla regola, film di Warren Beatty[23], dove recita al fianco di Alden Ehrenreich, venendo poi candidata per questo ruolo ai Golden Globe 2017.[24]. A marzo 2016 viene annunciato il suo ruolo da protagonista nella commedia nera To the Bone, scritta e diretta da Marti Noxon[25]. Lo stesso mese si unisce al cast del film Okja, al fianco di Jake Gyllenhaal e Tilda Swinton, diretto da Bong Joon-ho e in uscita nel 2017[26]. Nel 2016 recita insieme a Matt Bomer e Kelsey Grammer nel pilot della serie tv The Last Tycoon, prodotta da Amazon Studios e tratta dal romanzo Gli ultimi fuochi di Francis Scott Fitzgerald[27].
Nel 2017 è protagonista del film Fino all’osso, in cui interpreta una giovane ragazza affetta da una grave forma di anoressia. La pellicola è stata distribuita sulla piattaforma Netflix a partire dal mese di luglio.[28]

Pepe Grani miglior pizzeria d’ Italia poi Sorbillo per Pignataro

0

Una bella competizione a suon di pizze dove vede la Campania giustamente primeggiare . È “Pepe in Grani” la migliore pizzeria d’Italia del 2017 secondo 50 Top Pizza, la prima guida on line interamente dedicata alle pizzerie del Bel Paese, firmata dal giornalista enogastronomico Luciano Pignataro, da Albert Sapere e Barbara Guerra, curatori delle Strade della Mozzarella (LSDM), ed edita da Formamentis. Il locale di Caiazzo (Caserta) del maestro Franco Pepe si è aggiudicato il gradino più alto del podio della classifica stilata in forma anonima da 100 ispettori sulla base della qualità, ma anche del servizio, della carta dei vini e delle birre, della ricerca e dell’arredamento. In seconda e terza posizione altre due mete sacre dell’arte pizzaiola partenopea: Gino Sorbillo ai Tribunali (Napoli) e Francesco & Salvatore Salvo di San Giorgio a Cremano (Napoli).

Nella serata che ha avuto come teatro la suggestiva sede di Castel dell’Ovo a Napoli, sono state svelate le prime 50 posizioni della classifica. Tra queste ben 19 i locali campani, a conferma della naturale leadership che la regione “madrepatria” della pizza continua a detenere. Ad essere ben rappresentata è però tutta la Penisola, a cominciare dal Lazio, che piazza 6 insegne nella top 50; la metà di queste tra l’altro (Sforno, Tonda e Sbanco), portano la firma di un unico interprete: Stefano Callegari. Solo un gradino sotto c’è la Toscana (5); seguono ex aequo Lombardia ed Emilia Romagna (4). Folto il gruppo a quota 2, con Puglia, Sicilia, Abruzzo e Trentino Alto Adige che si uniscono al Veneto, le cui 2 pizzerie sono entrambe posizionate tra le prime 10 dello Stivale. E stiamo parlando de “I Tigli” di Simone Padoan (San Bonifacio – Verona) e “Saporè” di Renato Bosco (San Martino Buon Albergo – Verona). Chiudono Piemonte e Basilicata con un locale.

Assegnati inoltre diversi Premi Speciali. Oltre a quelli, già annunciati, a Isabella De Cham (1947 Pizza Fritta, Napoli) come Pizzaiola dell’anno, a Pierluigi Roscioli (Antico Forno Roscioli, Roma) come Fornaio dell’anno e a Morsi & Rimorsi (Aversa – Caserta) come Pizzeria novità dell’anno, sono stati premiati:

Francesco Martucci de I Masanielli (Caserta) come Pizzaiolo dell’anno

Ciccio Vitiello di Casa Vitiello (Caserta) come Giovane dell’anno

Bonci – Pizzarium (Roma) per la Pizza dell’anno (Mozzarella di Bufala Campana a crudo, Funghi Prataioli e Prosciutto Crudo)

Francesco & Salvatore Salvo per la Miglior Carta dei Vini

La Gatta Mangiona (Roma) per la Miglior Carta delle Birre

Berberè (Castelmaggiore – Bologna) per la Miglior Carta degli Oli Extravergine di Oliva

I Tigli per il Miglior Servizio di Sala

La Masardona (Napoli) per la Miglior Proposta dei Fritti

Concettina ai Tre Santi (Napoli) per il Miglior Asporto

Di Matteo (Napoli) per la Frittatina di Pasta dell’anno

Dry (Milano) per il Miglior Comfort e Benessere Complessivo

Fandango Racconti di Grani (Filiano – Potenza) per la Sostenibilità Ambientale

Tonda per la Valorizzazione del Made in Italy

Gino Sorbillo ai Tribunali per la Miglior Comunicazione Web e Social

A Enzo Coccia (Pizzaria La Notizia 94, Napoli) è stato assegnato l’importante Premio alla Carriera

Carmine Donzetti e Vincenzo Esposito, a sorpresa, hanno ricevuto il Premio del Cuore per aver messo la loro arte della pizza al servizio di chi ha bisogno, senza cercare alcuna pubblicità

Migliore Pizzeria di Stile Napoletano fuori dall’Italia a Ober Mamma (Parigi)

“50 Top Pizza – spiegano i tre curatori della guida, Luciano Pignataro, Barbara Guerra e Albert Sapere – oltre ad essere un utilissimo vademecum per chiunque sia in cerca di un’ottima pizza (e noi ne segnaliamo ben 500) in qualsiasi angolo del Paese, rappresenta un vero e proprio viaggio attraverso i diversi stili e prodotti tipici d’Italia. Un omaggio quindi al concetto di alta qualità Made in Italy, legato al totem gastronomico tricolore che ci ha resi celebri nel mondo.”

Ecco la classifica finale dal primo al cinquantesimo posto di 50 Top Pizza:

1 Pepe In Grani – Caiazzo (CE), Campania

2 Gino Sorbillo ai Tribunali – Napoli, Campania

3 Francesco & Salvatore Salvo – San Giorgio a Cremano (NA), Campania

4 Pizzaria La Notizia 94 – Napoli, Campania

5 I Tigli – San Bonifacio (VR), Veneto

6 I Masanielli – Caserta, Campania

7 Concettina Ai Tre Santi – Napoli, Campania

8 50 Kalò – Napoli , Campania

9 La Gatta Mangiona – Roma, Lazio

10 Saporè – San Martino Buon Albergo (VR), Veneto

11 L’Antica Pizzeria Da Michele – Napoli, Campania

12 ‘O Fiore Mio – Faenza, Emilia Romagna

13 Dry – Milano, Lombardia

14 Santarpia – Firenze, Toscana

15 Pizzaria Starita a Materdei – Napoli, Campania

16 Sforno – Roma, Lazio

17 Guglielmo Vuolo a Eccellenze Campane – Napoli, Campania

18 La Masardona – Napoli, Campania

19 La Sorgente – Guardiagrele (CH), Abruzzo

20 La Kambusa – Massarosa (LU), Toscana

21 in Fucina – Roma, Lazio

22 Pizzeria Da Attilio – Napoli, Campania

23 Piccola Piedigrotta – Reggio Emilia, Emilia Romagna

24 Carmnella – Napoli, Campania

25 Pomodoro & Basilico – San Mauro Torinese (TO), Piemonte

26 Percorsi Di Gusto – L’Aquila, Abruzzo

27 Pizzarium – Roma, Lazio

28 Il Vecchio Gazebo – Molfetta (BA), Puglia

29 Berberè – Castelmaggiore (BO), Emilia Romagna

30 Pizzeria Da Albert – Trento, Trentino Alto Adige

31 Casa Vitiello – Caserta, Campania

32 Tonda – Roma, Lazio

33 Korallo Pizza & Drink – Trento, Trentino Alto Adige

34 La Braciera – Palermo, Sicilia

35 La Divina Pizza – Firenze, Toscana

36 Pizzeria Apogeo – Pietrasanta (LU), Toscana

37 Ranzani13 – Bologna, Emilia Romagna

38 Lievito Madre al Duomo – Milano, Lombardia

39 Ristorante Pizzeria Le Parule – Ercolano (NA), Campania

40 Mistral dal 1959 – Palermo, Sicilia

41 La Pizzeria Sud – Firenze, Toscana

42 Pizzeria Montegrigna Tric Trac – Milano, Lombardia

43 10 Diego Vitagliano Pizzeria – Pozzuoli (NA), Campania

44 La Campagnola – Bitritto (BA), Puglia

45 Carlo Sammarco Pizzeria 2.0 – Aversa (CE), Campania

46 Sbanco – Roma, Lazio

47 Marghe – Milano, Lombardia

48 Lievito Madre al Mare – Napoli, Campania

49 Fandango Racconti di Grani – Filiano (PZ), Basilicata

50 Pizzeria Di Matteo – Napoli, Campania

Piano di Sorrento condoglianze per scomparsa della sorella a Giuseppe Spasiano

0

Piano di Sorrento condoglianze per scomparsa della sorella a Giuseppe Spasiano collaboratore di Positanonews. I sentimenti e l’affetto per noi sono più importanti delle notizie, all’amico Peppe, che fa parte della famiglia di Positanonews da anni,  ci stringiamo con affetto per questa grave perdita.  Ad annunciarlo lui stesso sulla sua bacheca facebook “Cara sorella hai resistito ma alla fine non ce l’hai fatta, che gli angeli ti accolgano tra le loro braccia e che Lì puoi avere tanta serenità”. Facciamo le condoglianze alla famiglia tutta.

Vico Equense. Social World Film Festival: Selezioni Film

0

Vico Equense. Il Social World Film Festival è sempre alla ricerca dei migliori talenti cinematografici in circolazione. Per questo, per l’edizione 2017, sono state selezionate più 330 opere tra lungometraggi, documentari e cortometraggi in concorso e fuori concorso in 9 sezioni tra cui la nuova Selezione Mercato. Le opere, di cui 100 in anteprima, provengono da48 nazioni diverse dei cinque continenti, le più rappresentate sono Italia, Stati Uniti, Spagna, Gran Bretagna, Germania, Francia, Iran, Russia, India, Austria, Israele, Korea, Sud Africa, Australia.

GRANDE SCHERMO. Sezione non competitiva di opere cinematografiche di lungometraggio, cortometraggio e documentario di grande attualità sociale e prestigiose produzioni che hanno partecipato ad importanti festival internazionali o che hanno ricevuto particolari riconoscimenti da critica e pubblico.

CONCORSO INTERNAZIONALE. Sezione competitiva organizzata in tre categorie (lungometraggi, cortometraggi e documentari) di opere cinematografiche a tematica sociale presentante in anteprima (assoluta, internazionale, nazionale e/o regionale) o invitate direttamente dalla Direzione Artistica.

FOCUS, OCCHIO AL SUD. Sezione competitiva organizzata in due categorie (lungometraggi e cortometraggi) di opere cinematografiche a tematica sociale realizzate per almeno il 70% della metratura finale nelle regioni del Mezzogiorno d’Italia (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia) ovvero girate da un regista nato in dette regioni.

LA NOTTE DEL CINEMA. Sezione non competitiva volta a dare spazio e visibilità ad opere cinematografiche di cortometraggio e documentario di attualità sociale che non riescono ad avere una distribuzione nelle sale, televisioni e nei circuiti festivalieri tradizionali.

LA CITTÀ DEL CORTOMETRAGGIO. Sezione competitiva volta a dare spazio e visibilità ad opere cinematografiche di cortometraggio di attualità sociale realizzate da giovani registi italiani under 35. Le votazioni si tengono online sul canale Rai Cinema Channel.

FUORI CONCORSO. Sezione non competitiva di opere cinematografiche di lungometraggio, cortometraggio e documentario di grande attualità sociale che non rientrano nelle altre selezioni ma meritano di avere spazio al Social World Film Festival.

SMILE, SOCIALE CON SORRISO. Sezione competitiva di opere cinematografiche di cortometraggio di attualità sociale ma trattate con un marcato senso dell’umorismo. Un’apposita giuria di studenti, 20.000 ragazzi nelle precedenti edizioni, attribuisce i premi previsti. Le proiezioni e le attività di questa sezione si tengono in un’apposita appendice del festival nell’anno scolastico 2017/2018.

SCHOOL, CINEMA A SCUOLA. Sezione competitiva di opere cinematografiche di cortometraggio di attualità sociale realizzate da studenti di scuole di cinema o scuole di qualsiasi ordine e grado. Un’apposita giuria di studenti, 20.000 ragazzi nelle precedenti edizioni, attribuisce i premi previsti. Come per la Selezione Smile, le proiezioni e le attività si tengono in un’apposita appendice del festival. MERCATO.Sezione non competitiva volta a dare visibilità in un apposito spazio dedicato alla diffusione e commercializzazione di opere cinematografiche di lungometraggio, cortometraggio. Le proiezioni possono essere prenotate al momento durante il Mercato Europeo del Cinema Giovane e Indipendente che si tiene in alcune giornate del Social World Film Festival.

SELEZIONE GRANDE SCHERMO -IN GUERRA PER AMORE di Pif – Italia, 100’-INDIVISIBILI di Edoardo De Angelis – Italia, 78’ -IO PRIMA DI TE di Thea Sharrock – Regno Unito/Stati Uniti d’America, 110’ -LA BELLA E LA BESTIA di Bill Condon – Stati Uniti d’America, 130’-LE VERITA’ di Giuseppe Alessio Nuzzo [Film girato a Vico Equense] – Italia, 100’-MINE di Fabio Guaglione e Fabio Resinato – Stati Uniti d’America/Italia/Spagna, 106’

FUORI CONCORSO -8 ½ di Federico Fellini – Italia, 138’-I GUAPPI di Pasquale Squitieri – Italia, 130’-IL COMPLEANNO DI ALICE di Maria Grazia Cucinotta – Italia, 15’-IL GATTOPARDO di Luchino Visconti – Italia, 187’

SELEZIONE CONCORSO INTERNAZIONALE CATEGORIA LUNGOMETRAGGI -CRONACA DI UNA PASSIONE di Fabrizio Cattani – Italia, 78’-ERA GIOVANE E AVEVA GLI OCCHI CHIARI di Giovanni Mazzitelli [Anteprima assoluta] – Italia, 87’-IL CRIMINE NON VA IN PENSIONE di Fabio Fulco – Italia, 88’-IL PADRE D’ITALIA di Fabio Mollo – Italia, 93’-ORECCHIE di Alessandro Aronadio – Italia, 90’-SAAWAN di Farhan Alam [Anteprima europea] – Pakistan, 138’-VELENI di Nadia Baldi [Anteprima assoluta] – Italia, 92’

CATEGORIA DOCUMENTARI -ERO MALERBA di Toni Trupia [Anteprima Campania] – Italia, 85’-INNER ME di Francesco Piccolo [Anteprima Campania] – Repubblica Democratica del Congo, 30’-LA CITTA’ ADATTABILE di Peppe Mastrocinque – Italia, 54′ -MIRKO di Stefano Sbrulli [Anteprima assoluta] – Italia, 5′ -SAMOSELY – I SOPRAVVISSUTI DI CHERNOBYL di Fabrizio Bancale – Ucraina, 60′ -STRANE STRANIERE di Elisa Amoruso [Anteprima Campania] – Italia, 72’-SUNDAY di Daniele Currò [Anteprima Campania] – Italia, 20′ -VERY NICE SHOES di Elisa Bucchi e Nicola Bogo – Kenya, 11’

CATEGORIA CORTOMETRAGGI -(IN)FELIX di Maria Di Razza – Italia, 10’-BEAUTY BUILDING di Benoit Bargeton [Anteprima italiana] – Francia, 6’-COLD INSIDE di Valerio Burli [Anteprima Campania] – Italia, 9’-GIOCHI DI RUOLO di Francesco Colangelo [Anteprima Campania] – Italia, 12’-GOODBYE LOVE di Antonello Novellino – Spagna, 12 -IL PEGGIO DI ME di Giovanni Pellegrini [Anteprima Campania] – Italia, 17 -IL PROFUMO DELLE STELLE di Francesco Felli – Italia, 12’-IL SILENZIO di Farnoosh Samadi e Ali Asgari [Anteprima Campania] – Italia/Francia, 15’-LA PARTITA di Frank Jerky [Anteprima Campania] – Italia, 18’-LA VIAGGIATRICE di Davide Vigore [Anteprima Campania] – Italia, 15’-LE ALI VELATE di Nadia Kibout [Anteprima Campania] – Italia, 14’-LUNCH TIME di Alireza Ghasemi [Anteprima italiana] – Iran, 15’-LURNA di Nani Matos [Anteprima Campania] – Spagna, 15’-MATTIA SA VOLARE di Alessandro Porzio – Italia, 15’-MI AMIGO NAIM di José Luis López Ortiz [Anteprima italiana] – Spagna, 12’-MOBY DICK di Nicola Sorcinelli [Anteprima Campania] – Italia, 14’-PENALTY di Aldo Iuliano [Anteprima Campania] – Italia, 14’-POLIS NEA di Pierluigi Ferrandini – Italia, 16’-TANGUITO ARGENTINO di Joaquin Braga [Anteprima europea] – Argentina, 8’-TANTALUM di Johannes Richard Voelkel [Anteprima italiana] – Germania, 5’-TEDDY BEARS di Hermes Mangialardo [Anteprima Campania] – Italia, 2’-THE CLOUD AND THE WHALE di Tomilova Alyona [Anteprima europea] – Russia, 4’-THE MAN WHO FORGOT TO BREATHE di Saman Hosseinpour [Anteprima italiana] – Iran, 15 -UOMO IN MARE di Emanuele Palamara – Italia, 15’

SELEZIONE FOCUS, OCCHIO AL SUD CATEGORIA LUNGOMETRAGGI -IL VIAGGIO di Alfredo Arciero – Italia, 91’-LA RAGAZZA DEI MIEI SOGNI di Saverio Di Biagio – Italia, 95’-LA SANTA di Cosimo Alemà – Italia, 90’

CATEGORIA CORTOMETRAGGI -BARBA di Alfredo Mazzara – Italia, 14’-BLUE BOY di Ciro Apicella – Italia, 17’-CHI SOGNA PEDALA di Stefano Russo – Italia, 2′ -LA CITTA’ DEI SARTI di Filippo Filetti – Italia, 20′ -LA CONFESSIONE di Davide Dapporto – Italia, 16’-MARIA di Francesco Afro De Falco – Italia, 15’-MAU & GIO’ di Giuseppe Bucci – Italia, 3’-MODALITA’ AEREO di Enzo D’Aniello – Italia, 15′ -RICORDARE TUTTO di Paolo Caspani – Italia, 3′

SELEZIONE LA NOTTE DEL CINEMA -EFFETTO DOMINO di Fabio Massa – India, Italia, 80’-AGUJERO di Köksal Içöz [Anteprima italiana] – Italia, 15’-BANDIDOS E BALENTES – IL CODICE NON SCRITTO di Fabio Manuel Mulas – Italia, 100’-CAMMINANDO SULL’ACQUA di Gianmarco D’Agostino [Anteprima Campania] – Italia, 52’-CARETAS di Kevin Alberto Avellaneda Carbonell [Anteprima italiana] – Italia, 4’-FIAMMIFERO di Lorenzo Ambrosino – Italia, 13’-IL POTERE DELLA PAURA di Santos Martini – Israele, 39′ [anteprima italiana] -KEEP CALM di Daniele Stocchi – Italia, 6’-LA MIA FAMIGLIA A SOQQUADRO di Max Nardari – Italia, 90’-NON CERCARE LA LOGICA DOVE NON L’HAI MESSA TU di Ferdinando Maddaloni – Italia, 24’-PEOPLE IN SORRENTO di Luigi Scaglione – Italia, 52′

SELEZIONE LA CITTA’ DEL CORTOMETRAGGIO -ARIANNA di David Ambrosini – Italia, 11’-IERI E DOMANI di Lorenzo Sepalone – Italia, 18’-L’ECO DEL TUONO di Marcello Cocchi, Italia, 16’??-LA NOTTE DEL PROFESSORE di Giovanni Battista Origo – Italia, 20’-M603 di Cristian Benaglio – Italia, 15’-MUSICAMIA di Andrea Carotenuto – Italia, 15’-NATIVITA’ di Gianfranco Antacido – Italia, 20’-QUIET GENERATION di Antimo Campanile – Italia, 16’-SO CLOSE TO ME di Daniele Bonarini – Italia, 4’-THE SLEEPING BEAUTY di Fabio D’Andrea, Italia/UK, 6’

SELEZIONE SMILE, SOCIALE CON SORRISO -BUFFET di Santa De Santis e Alessandro D’Ambrosi – Italia, 15’-CONOSCE QUALCUNO? di Daniele Bondì – Italia, 6’-MISSIONE: SACCO NERO di Giuseppe Bucci – Italia, 3’-RATZINGER VUOLE TORNARE di Valerio Vestoso – Italia, 9’-SALIFORNIA di Andrea Beluto – Italia, 17’-SNAPPED di Benoit Bargeton – Francia, 3’

A Capri fino al 30 luglio “Oltre il tempo di Mondrian” di Pietro De Seta

0

Capri. Oggi sabato 22 luglio alle ore 19.00 presso la Sala Espositiva Comunale di Capri si inaugura “Oltre il tempo di Mondrian”, mostra personale del pittore Pietro De Seta.

La mostra si svolge con il patrocinio del Comune di Capri e vede la presenza all’inaugurazione dell’assessore alla Cultura ed Eventi Prof.ssa Caterina Mansi.

Pietro De Seta nasce a Belvedere Marittimo (CS). Dopo l’Istituto d’Arte di Cetraro (CS) si diploma in scenografia all’Accademia di belle Arti di Brera, Milano. Vive e lavora a Milano senza dimenticare le luci e colori della sua terra e in maniera particolare della sua Cetraro in Calabria. Esperto di Mattia Preti, pittore barocco, pubblica il libro ”Mattia Preti a Sant’Andrea della Valle – Roma – lettura degli affreschi dopo il rinvenimento dei contratti” Toso Editore. Diverse sono state le collaborazioni con enti pubblici e privati in passato, ricordiamo quello con l’ufficio di rappresentanza “Regione Calabria” distaccamento di Milano per la realizzazione di scenografie e progetti di promozione turistica e quello con il comune di Lampedusa (AG) per la promozione turistica attraverso l’arte. E’ docente di educazione all’immagine presso le scuole medie inferiori nella provincia di Milano. Collabora a diverse produzioni di spettacoli teatrali eventi fieristici e progetti cinematografici in tutta Italia. Oggi la sua attività pittorica è sempre più intensa.

Dice di lui lo scrittore d’arte Ciro Cianni: “Intervalli di tempo nell’intimo colore profondo. Vociare mondano collettivo in tele bianche bugiarde nello spazio impartito da passanti distratti astratti. Denso il tratto di linee orizzontali, verticali strade, viali blu avvolti in parole… regolano il ritmo di paesaggi di mare. Cercare il cielo fra le onde interne in barche silenziose, vegliano. Intensità di flusso d’emozione conduce il racconto in geometriche tattili visioni di un tutto in approdi sicuri. La serenità poetica del navigare, dona la chiave dello scorrere delle lancette… lente, decise, incisive in sillabe eterne. A colori.”

La mostra sarà aperta fino a domenica 30 luglio, presso la Sala Espositiva Comunale – Via Le botteghe, 30  –  Capri (NA) dalle 19.00 alle 22.30.

Magrina Di Mauro

Un’opera in mostra

Atrani festeggia Santa Maddalena con la magia dei fuochi a mare

0

Atrani festeggia Santa Maria  Maddalena con la magia dei fuochi a mare . La Santa Patrona del paese della Costiera Amalfitana  vede la santa messa alle 18 e 30, celebrata dall’Arcivescovo di Amalfi e Cava de Tirreni  Orazio Soricelli, col coro polifonico “Pina Elefante”, poi la processione con i portatori di Santa Maria a Mare di Maiori per antiche tradizioni terminerà  con la ” Corsa Santa’ dei portatori. Allieta la festa il Concerto Bandistico Città di Ailano. Poi lo spettacolo dei fuochi d’ artificio a mare a cura della ditta Luigi Di Matteo di Sant’Antimo. Ad Atrani vi è  anche la tradizione gastronomica del ” Sarchiapone ” in questi giorni. Ne profitti o per far gli auguri a tutte le Maddalene

Al Marte di Cava de’ Tirreni Venerdì 28 luglio Monica Sarnelli in concerto

0

Al Marte Mediateca di Cava de’ Tirreni continuano gli appuntamenti con la rassegna di musica live, venerdì 28 luglio in scena la suadente voce di Monica Sarnelli, accompagnata al piano dal M° Pino Tafuto.

Sotto i cieli di Marte vede protagonista la canzone italiana e partenopea interpretata dalla splendida voce della cantante, la cui carriera è da sempre centrata sulla necessità di affermare con forza l’enorme e dirompente valenza artistica e culturale della musica napoletana, dei suoi tanti musicisti, compositori, autori, interpreti.

Una carriera iniziata a soli 15 anni nel 1981, con un 45 giri intitolato Amo.

Collabora successivamente come corista di cantanti affermati come WessGianni BellaDario  Baldan BemboEdoardo BennatoLittle TonyPeppino Di CapriFred BongustoGino PaoliGigi D’AlessioSal da Vinci.

Nel 1993 pubblica il suo primo album dal titolo Plays, i suoi singoli successivi, La città che brucia Romantica (1994), Le cose che non dirò e Come cambia la vita (1995) sono trasmessi nelle radio locali ma è con l’occasione di interpretare la sigla di Un posto al sole, soap opera ambientata a Napoli che acquista notorietà anche al di fuori dell’ambito locale.

Torna alle origini, riscoprendo le sonorità napoletane, con gli album “Lazzare felici volume 1” (2004), “Lazzare felici volume 2” (2007) e la raccolta antologica “Neapolitanpower i feel” in cui interpreta brani come: Chesta sera di Nino D’AngeloCampagna di James Senese e Franco Del PreteLazzarella di Riccardo Pazzaglia e Domenico Modugno, la classica ‘O surdato ‘nnammurato di Aniello Califano, Maruzzella di Renato Carosone, oltre a tanti brani del suo “mito” Pino Daniele come: Terra mia, A me me piace ‘o blues, Chi tene ‘o mare, Canzone nova, Assaie e Lazzari felici.

In queste incisioni, di “vecchi classici” e “nuovi classici” della canzone partenopea, gli “ospiti speciali” sono tanti e di “grande prestigio”: Peppino Di CapriJames SeneseEnzo GragnanielloLino CannavacciuoloMarcello ColasurdoMarco ZurzoloSolis String QuartetAlfonso DeiddaShaOnePatrixDuenas.

Brani di ogni epoca si uniscono in un concerto che assume tinte forti e colorate, attribuendo ad ogni sfumatura un contesto e un riferimento sicuro nella secolare produzione musicale che dalle pendici del Vesuvio ha, nel tempo, travalicato ogni possibile confine.

Come sempre la serata sul suggestivo Terrazzo sarà accompagnata da ottimi drink e squisito food.

Per  Info e prenotazioni: 089 9481133 – 333 6597109; www.marteonline.com

Magrina Di Mauro

Il manifesto del concerto del 28 luglio

 

Positano e Praiano invase di barche a rischio. Gommone sfugge alla Capitaneria

0

Positano e Praiano invase di barche a rischio anche qui una tragedia come quella di Nerano a Massa Lubrense o il soffocamento che lamenta Capri. Di giorno, ma anche di sera, quando si trovano pescatori anche senza luci per stare tranquilli,  si sfiora sempre la tragedia. Oggi pomeriggio un Gommone segnalato al 1530 per l’alta velocità sotto costa sfugge alla Capitaneria di Porto perchè nel frattempo si era dileguato verso Sorrento o I Galli.

Nerano non si trovano le luci della barca di Ciriniello, indagini continuano

0

Massa Lubrense . Antonino Pane  detto Ciriniello, pescava senza luci? E’ la domanda che si pongono tutti su questa tragedia che ha colpito Massa Lubrense , anche se le limiterà, non toglie responsabilità per una tragedia non voluta, e non toglie il dolore che ha colpito il borgo marinaro. Pane qui era conosciuto e amato,  ma anche dagli uomini di mare della Costa di Sorrento e Amalfi, i marinai sono come una famiglia e se vai a Positano o Praiano tutti lo piangono, perchè il 71enne era conosciuto e amato da tanti, pescatore e muratore onesto e buono.  Andava a totani come tanti fanno in Penisola sorrentina e in Costiera amalfitana, e molti lo fanno al buio per stare più tranquilli, in particolare a Nerano di Marina del Cantone  e Praiano , dall’altro versante,  ci spiegano i pescatori Intanto è indagato Giuseppe Milano  che lo ha investito col gommone che portava sei persone alla festa che c’era a Crapolla. Anche lui persona conosciuta e stimata nelle due Costiere. Una tragedia che potrebbe ripetersi nei nostri mari, troppe imbarcazioni, Capri ha lanciato l’allarme e a Positano anche le associazioni sono preoccupate, ma anche Nerano non scherza. Ora fatta l’autopsia ieri il borgo marinaro darà l’estremo saluto a Ciriniello. Noi ci stringiamo ai familiari e alla città di Massa per questo momento triste

Massa Lubrense, rom rapinatori: si divertivano ad sgozzare maiali. Video su Fb

0

Come abbiamo riportato questa mattina, sono stati fermati due uomini di etnia rom che a giugno scorso rapinarono e picchiarono un disabile a Massa Lubrense. Si tratta di un trentenne e di un diciassettenne che sono domiciliati in un campo rom nella periferia di Napoli, con precedenti: per loro si parla di rapina aggravata. All’azione criminale presero parte in realtà in tre, tutti fratelli, solo che uno di essi all’epoca dei fatti aveva 12 anni e quindi non è imputabile. I tre, quindi, entrarono in un’abitazione nella quale risiedeva un disabile: due dei tre fratelli cominciarono a picchiare l’uomo sulla sedia a rotelle e lo obbligarono ad aprire la cassaforte, mentre saccheggiavano l’appartamento. Beni per oltre 50 mila euro furono sottratti. Pare addirittura che fosse il 12enne a minacciare il disabile con un cacciavite. La Procura di Torre Annunziata ha avviato le indagini e successivamente i Carabinieri di Sorrento hanno dato il loro decisivo contributo. Dopo un’accurata indagine sono risaliti ai tre.

Spuntano anche degli inquietanti retroscena. Pare che i tre, infatti, fossero autori di atti davvero sadici: si divertivano a sgozzare animali, in particolare dei maiali, e postavano i video su facebook degli animali agonizzanti, mentre loro erano compiaciuti dall’immergere le mani nel sangue caldo. Intanto il leader della Lega Matteo Salvini ha commentato così la cosa sul suo profilo facebook ufficiale: “Tre fratelli di 12, 17 e 30 anni hanno picchiato e rapinato un disabile in carrozzella, rubandogli 50.000 euro e mandandolo all’ospedale. I tre bravi ragazzi vivono in un campo ROM”.

Una pagina bianca per il Ricordo

0

Ad un anno esatto dalla scomparsa dell’Avvocato Rosanna Benvenuto Iannone, avvenuta il pomeriggio del 22 luglio 2016, verranno celebrate due messe in suffragio dell’amata Rosanna a Roma, questa mattina alle ore 8 a.m, presso la Chiesa di S.Maria della Mercede e S.Adriano , Via Basento 100 ed il giorno 27 luglio 2017 ore 18,30 p.m, presso la Cappella della Parrocchia San Mattia Apostolo, via Renato Fucini 285, la chiesa del quartiere d’origine.

 

Di Giulia Iannone

La mia pagina è bianca.

Non trovo e non ho trovato fino ad ora le parole giuste per un ricordo che desideravo per lei non retorico, non consueto, non stereotipato. Tutte le frasi i pensieri e gli argomenti mi sembrano così inadatti, banali, insufficienti per celebrare una figura così bella complessa profonda toccante e sensibile quale è stata Rosanna Benvenuto, soprattutto mio madre. La mia penna non vola come al solito generosamente prodiga di trame decodificate dal nostro silenzio dell’anima. Dopo l’assenza, il vuoto, il distacco dalla frequentazione quotidiana, dall’incontro durato sette anni, tutto rimane chiuso dentro di me per sempre come sigillato e avidamente conservato nel tempio della mente. Ho visto mancare mia madre, forse, due volte. L’ho vista partire per un viaggio misterioso da cui pochi fanno ritorno. Disegno divino, destino, casualità non so e non oso dirlo nella mia infinita pochezza umana , tutto così incomprensibile imperscrutabile ed inatteso. Sentimenti umani si sono alternati nella vasta gamma di colori e di moti interiori: prima la speranza, lo sconforto, la devastazione, la rabbia, l’accettazione profonda di una esistenza in penombra, un chiaroscuro dominato dal buio con qualche piccola e flebile impronta luminosa, a volte chiara a volte soffusa, più spesso sospesa. Per sette anni ho intessuto un dialogo con la mia “altra madre”, simile ad un addio costante quotidiano, lungo, interminabile e fuori dallo scorrere del tempo ordinario. Vivere nell’addio in una altra dimensione, un altro spazio, luogo, valore del tempo. Ogni nuovo giorno, senza tempo e riferimenti usuali, un regalo di Dio. Ho visto questo essere coraggioso rinascere da capo, ricominciare dall’inizio, a camminare, parlare, mangiare, scrivere, disegnare, ma non ad amare, quello in ogni sua sembianza assunta, non ha mai spesso di farlo e trasmetterlo. L’ho vista perdere ad uno ad uno i suoi ricordi, i suoi pensieri, i suoi riferimenti. Una lotta quotidiana per esistere aggrappata alla roccia della vita, crisalide prigioniera del corpo. Finché non mi ha più riconosciuta, finché è diventata, solo nel corpo, immobile fragile incapace di parlare. Questo nella percezione più tangibile e materiale di una immagine esteriore, che sapevo non essere l’unica ma sicuramente la più osservabile ad un primo impatto, almeno visibile. Il suo mondo interiore, il suo dolore, la sua essenza dallo sguardo, il suo sentire la sua comprensione di noi, non mi è ancora al momento possibile spiegarlo. Io l’ho vista svanire piano piano come l’arcobaleno appena evapora l’acqua piovana. Un attimo, e poi è svanita, come un soffio di vento. Quel 22 luglio 2016 così è stato per me: e non è stato possibile più trattenere l’arcobaleno con noi. E’ per questo che non riesco a scrivere nulla di celebrativo e grandioso su questa intollerabile pagina bianca. Eppure dovrei e vorrei tanto perché tutto quello che sono anche se infinitamente piccola , che sento, percepisco, ammiro me lo ha insegnato, ispirato, suggerito, motivato e mostrato lei. La pagina può rimanere bianca ed assolutamente intonsa perché mia madre è e ci sarà sempre in ogni mia azione, in ogni mia opera, perché la luce nelle cose ed in questo mondo ce l’ha messa lei. Lei è ed è stato il motore di questa vita attraverso il suo gesto di primo infinito amore che è stato quello di mettermi al mondo. Lei è con me dentro di me accanto a me in ogni gesto che compio, che faceva lei prima di me. E’ stata lei ad affacciarsi dentro di me in questo anno che è trascorso e si è resa tangibilmente presente nello scorrere delle stagioni e degli eventi di tutto un anno. C’era a Natale a Capodanno ed all’Epifania, il suo senso di giustizia e di verità non mi sono sfuggiti in occasione dei 25 anni dalla morte degli “eroi moderni” Falcone e Borsellino di cui mi avrebbe parlato ancora ed ancora e mi sono mancati i suoi lunghi discorsi il cui senso però non mi è totalmente ignoto, nell’imitazione di Cristo, è stata anche lei, col suo dolore salvifico, l’agnello pasquale; nei momenti di sconforto, debolezza e smarrimento ho sentito la sua mano sul capo, il suo bacio sulla fronte prima di dormire, a volte mi è pure parso di sentire lei chiamarmi, vederla portarmi la tazzina del caffè a letto, rassicurarmi prima di un esame, spronarmi a non mollare nel fallimento, ricordarmi di non studiare fino a notte inoltrata, di comprare il giornale perché bisogna conoscere ed essere informati, trovare a tavola una bella torta per il compleanno, una bustina piena di mele e carote col ciuffo per il mio cavallo goloso. I racconti estivi sull’infanzia, lo stupore per un alba o un tramonto ammirato insieme, gli occhi puntati al cielo il X agosto per contare le stelle cadenti, sorprenderci ad ammirare incantate la grazia di un volo di una foglia d’ottobre staccata da un ramo , le lacrime di commozione per la squadra italiana di salto ostacoli che vince a Piazza di Siena dopo 32 anni la Coppa delle Nazioni. Ecco, tutto questo 2017 l’ho visto e vissuto lo stesso, con lei. Quindi poso la penna. Non c’è niente da scrivere. Lascio sul tavolo la mia pagina bianca ed aspetto che la mia mamma “bussi alla porta dell’anima” , filtri come un raggio di sole nelle stanze buie del cuore, per continuare insieme a me il cammino della vita. A tutti coloro che l’hanno conosciuta amata, ammirata e stimata come amica, compagna di lavoro, conoscente, rivolgo lo stesso medesimo invito per continuare a ricordarla. Aprite il vostro cuore al suo ricordo, sarà lei a fare visita a tutti voi con la sua presenza invisibile, in memoria di ciò che avete condiviso con lei.

Festa di compleanno Amatino

0

Il quartiere minorese di via Nuova festeggia i primi ottanta anni del maestro tornitore, nonchè ideatore del mulino frangipietre, Pantaleone Amatino.

Ottanta anni spesi bene, alcuni trascorsi anche in Germania dove Pantaleone emigrò per lavoro nella prima gioventù. La moglie Nicoletta, classe 1943, ha preparato per lo sposo un ricco buffet per domani sera invitando la numerosa parentela ed i tanti amici ed estimatori.

Il tutto cade nel giorno dedicato a Santa Maria Maddalena, patrona di Atrani, di cui il maestro Pantaleone è tanto devoto

Auguri da Biagio, Gigino , Nello e Gaspare

Da Minori a Maiori. I Sentieri del Benessere

0

 

 

YOGA & PILATES

I SENTIERI DEL BENESSERE

23 LUGLIO

PASSEGGIATA TRA IL SENTIERO DEI LIMONI DA MINORI A MAIORI

Per il secondo anno lo Studio Yoga&Pilates di Maria Pia Milano, con il contributo ed il patrocinio del Comune di Minori, organizza una serie di eventi dedicati agli appassionati dello yoga da vivere immersi nella natura e nel paesaggio unico della Costa d’Amalfi.

Dopo gli appuntamenti, realizzati l’estate scorsa sul pontile di attracco, quest’anno il tema conduttore sarà il percorrere gli antichi sentieri che conducono da Minori fino a Maiori ed a Ravello, attraversando limoneti, borghi, scorci unici, e praticando l’antica disciplina dello yoga sotto la guida dell’insegnante Maria Pia Milano, lungo tali itinerari nei tipici slarghi, piazzette ed aie che puntualizzano detti percorsi.

Domenica 23 luglio si raggiungerà Maiori percorrendo l’ormai celebre “sentiero dei limoni” percorso unico che si snoda, seguendo scale e viottoli, attraverso i limoneti più belli del mondo con tappe al belvedere della Mortella che consente di ammirare l’intera Minori dall’alto, all’antica chiesa di San Michele, al belvedere di San Giuseppe, fino al santuario di Santa Maria a Mare e sempre con la costiera con in primo piano il mare che la bagna.

Domenica 13 agosto e 3 settembre si salirà a Ravello attraversando uliveti e macchie di vegetazione mediterranea che accompagneranno i partecipanti fino al borgo di Torello, con il suo caratteristico centro storico, e fino ad arrivare alla Città della musica ove si farà tappa al Belvedere della Principessa di Piemonte. Discendendo da Ravello si percorrerà un’antica scala che conduce fino al borgo di Villamena ed alla sua incantevole piazzetta dinanzi alla chiesa di San Gennaro, seguendo limoneti e vigne autoctone.

Per tutti gli eventi la partenza è fissata nel centro storico di Minori, ovvero il Largo Solaio dei Pastai cuore pulsante della tradizione locale, con appuntamento alle ore 8.30 e partecipazione gratuita. I percorsi avranno una durata media di 3/4 ore e sono caratterizzati da scale e sentieri rupestri, pertanto si consiglia di dotarsi di acqua e frutta, cappellino e scarpe da ginnastica, abbigliamento comodo e tappetino.

Intento degli eventi è la condivisione dell’energia Yoga in una cornice unica caratterizzata dai paesaggi unici della costiera amalfitana vissuti e percepiti da prospettive insolite quali gli antichi sentieri collinari; lungo il percorso sarà possibile gustare tipiche bevande a base di limone, offerte e preparate in loco.

 

 

Per informazioni: studiopilatesmilano@gmail.com – studio Yoga&Pilates Milano 3471137794

Meta. Oggi torna la giornata di tutela e pulizia dei fondali marini

0
Dopo il grande successo riscontrato nelle attività degli anni passati torna, oggi  22 luglio, l’ormai consueto appuntamento con la pulizia dei fondali delle marine di Meta ed Alimuri, appuntamento irrinunciabile per chi ha a cuore la tutela della “risorsa mare”: la manifestazione, vedrà coinvolte gli Enti e le Associazioni territoriali da sempre sensibili alla tematiche ambientali e alle problematiche legate all’inquinamento e alla salvaguardia del mare e delle coste. L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Meta, è infatti organizzata dall’Associazione Amici degli Abissi in collaborazione con AMP di Punta Campanella e MareVivo e promossa e sostenuta da Pro Loco Terra delle Sirene, dal Consorzio Terra del mare, dalla Cooperativa Amici del mare – Meta, dal Circolo Nautico Marina di Alimuri e da La Grande Onda, con la partecipazione della capitaneria di Porto.

Plastica, vetro, alluminio, gli eventuali materiali ingombranti e tutti i rifiuti solidi sottratti al mare, saranno opportunamente catalogati e censiti dagli esperti dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella, ai quali sarà affidato anche un intrattenimento didattico per i bambini delle spiagge. I rifiuti saranno quindi smaltiti, secondo gli schemi della raccolta differenziata.

La pulizia dei fondali, riproposta ad ogni stagione, rappresenta un concreto contributo alla protezione dell’ecosistema marino e costiero: oltre a ripristinare la bellezza dei fondali, aiuta a ristabilire l’habitat naturale di molte specie favorendo, la riproduzione della flora e della fauna. Per tali ragioni la pulizia e la bonifica dei fondali è divenuta ormai consueta e sana abitudine per la tutela dei nostri mari: per il mare di Meta questo del 2017 è il già il sesto appuntamento a scadenza annuale e – grazie a quanto già fatto negli anni precedenti – si assiste ad una sensibile e progressiva diminuzione di rifiuti sui fondali. Un dato positivo questo che spinge ed incoraggia le coscienze di chi ama il mare, nell’adoperarsi sempre di più per la tutela e per la salvaguardia di questo bene immenso e di chi ne fruisce.

L.C.

 

 

Positano al Fly Drink e Jazz da Paradiso

0

Positano in una cornice paradisiaca un drink sotto le stelle lo staff del fly sotto nella foto. vodka e cetriolo una delle loro creazioni fresca e leggera. Il drink “Fly” è una delle creazioni di questo posto unico , in cima al Music on The Rocks e sopra al Rada di proprietà di Peppe Black alias Giuseppe Russo. Un Mixology fresco leggero con una base di vodka e tanti cetrioli da contorno del bar con uno staff di tutto rispetto il bar manager Francesco Formicola, Bar Tender Alessandro Arcieri, Waiter Patricia Sepe . Sempre nel paradiso qui si può ascoltare il Jazz imperdibile di Pasquale De Rosa punto di riferimento della famiglia del Music, originario di Vico Equense De Rosa è uno dei jazzisti più interessanti di tutto il comprensorio. Serate a tema, creatività, estemporaneità, in particolare la domenica sera. Qui si può anche degustare sushi eccezionali ma non solo..Insomma state certi passerete una serata memorabile nel tempio del by night

Piano di Sorrento Antico Bagno Nettuno un’oasi di bontà anche per Repubblica

0

Piano di Sorrento Antico Bagno Nettuno un’oasi di bontà anche per Repubblica il principale quotidiano d’ Italia che ieri sulla pagina della Campania ha pubblicato un redazionale del locale di Vincenzo Cosenza, l’imprenditore che ha praticamente rilanciato il borgo marinaro carottese.  Qui , oltre a fare un bagno memorabile, è possibile pranzare e cenare, ma anche prendersi una pizza sul mare allo stesso costo di qualsiasi altra pizzeria e ristorante con la differenza di stare sospesi sul mare… Ma è nella qualità la differenza.. L’Antico Bagno nettuno l’arte di ospitare inizia dalle seduzioni del palato. Con questa filosofia, il ristorante Antico Bagno Nettuno ambisce ad accogliere i gastronauti, viaggiatori del gusto, che potranno immergersi in un’esperienza gastronomica unica, dove la creatività fa rima con la tradizione..

Offrono ai loro clienti un ottimo servizio di ristorazione con menù alla carta, in grado si soddisfare chiunque grazie alla sua varietà. Arricchito da piatti diversi ogni giorno, ponendo una particolare attenzione alla qualità dei prodotti usati, offrono agli  ospiti la semplicità e la qualità della cucina mediterranea.

Il menu spazia tra il classico e l’innovativo tenendo conto della cosa più importante: la qualità e la freschezza delle materie prime. Olio extravergine d’oliva, verdura, basilico e prodotti genuini a km.

Aperti sia a pranzo che a cena, offre una vasta gamma di piatti genuini e freschi. Straordinario poi fare qui un evento, un compleanno, una festa, un ricevimento.

Pietrastornina (AV). “ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI SOCIOLOGIA DEL TERRITORIO”.

0
Pietrastornina (AV)

Articolo di Maurizio Vitiello – Incontro, a Pietrastornina, sulla LEGGE REGIONALE N°13 DEL 22 MAGGIO 2017 “ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI SOCIOLOGIA DEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA”.

 

 

 

COMUNE DI PIETRASTORNINA / AVELLINO

PRESIDENZA ASSOCIAZIONE NAZIONALE SOCIOLOGI / DIP.CAMPANIA

UFFICIO STAMPA “ANS CAMPANIA NEWS” / A.N.S. DIP. CAMPANIA

 

Organizzano un incontro su

 

LEGGE REGIONALE N°13 DEL 22 MAGGIO 2017

“ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI SOCIOLOGIA DEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA”

 

A seguito della promulgazione della legge n.13 del 22.05.17, a due mesi dalla conferenza stampa di presentazione presso la Regione Campania, e un mese dopo la convention di Napoli del 23.6, anche ad Avellino e provincia si organizza un incontro con la cittadinanza, i sindaci della fascia del Partenio e i sociologi dell’Ans Campania, per informazioni e approfondimenti sul Servizio di Sociologia del Territorio.

Il convegno si svolgerà presso la Sala Consiliare del Comune di Pietrastornina, domenica 23 Luglio 2017, alle ore 11.30.

 

Interverranno:

– Presidente VI Commissione Regione Campania, consigliere Tommaso Amabile

– Presidente Associazione Nazionale Sociologi Dipartimento Regione Campania, prof. Antonio Sposito

– Referente Associazione Nazionale Sociologi Napoli e provincia, dott. Domenico Condurro

– Referente Ass. Nazionale Sociologi Avellino/Benevento e provincia, dott.ssa Sonia D’Antonio

 

La cittadinanza è invitata a partecipare.

 

Maurizio Vitiello

 

Napoli. Classico Contemporaneo – V Edizione, 7-27 Agosto 2017.

0
Napoli - Piazza Municipio

Articolo di Maurizio Vitiello – Classico Contemporaneo – V Edizione.

 

Assessorato alla Cultura e al Turismo

Cultura · Turismo · Biblioteche ed archivi

 

Conferenza stampa

 

Martedì 25 luglio 2017, ore 11.30 

PALAZZO SAN GIACOMO

Sala Giunta

 

CLASSICO CONTEMPORANEO

V EDIZIONE

 

Interverranno:

 

Nino Daniele

Assessore alla cultura ed al turismo del Comune di Napoli

 

Gianmarco Cesario e Mirko Di Martino

(Direttori artistici della rassegna)

 

I rappresentanti delle compagnie in cartellone

 

 

Dal 7 al 27 agosto 2017 ritorna Classico Contemporaneo (V edizione), la rassegna organizzata dal Teatro dell’Osso che ha luogo per il quinto anno consecutivo nel Chiostro di San Domenico Maggiore a Napoli, nell’ambito della manifestazione ESTATE A NAPOLI, a cura dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.

Nel corso della conferenza stampa l’Assessore Daniele e i direttori artistici illustreranno il programma. 

Da non perdere.

Maurizio Vitiello 

 

 

Info:

HERMES COMUNICAZIONE

Gianmarco Cesario (3804932026)

Antonio Mocciola (3920368048)

 

Sant’Agnello morte Antonino Esposito. I vigili “Non sorpassava”

2

Sant’Agnello morte Antonino Esposito. I vigili “Non sorpassava”. Le telecamere del Comune di Sant’Agnello hanno dato dei primi responsi, le attente indagini della polizia municipale guidata da Nello Gargiulo smentiscono qualsiasi illazione su Antonino Esposito. Il ragazzo, che lavorava in un’officina di Sorrento ed era appassionato di motociclette, non ha superato nessuno e pare che non corresse neanche. Da apprezzare il funzionamento e l’efficienza delle telecamere santanellesi, che ricordiamo furono apposte allora per volontà dell’assessore Tonino Castellano e del sindaco Piergiorgio Sagristani, a differenza dei comuni vicinori. Le indagini sono seguite ora dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata verso il 50enne che ha investito il ragazzo. Sono due tragedie, ovviamente il 50enne non avrebbe mai voluto provocare la morte del ragazzo. Il punto, in corrispondenza della salita di San Giuseppe, è comunque molto pericoloso.  Parleremo ancora della vicenda quando si svilupperanno le indagini vi informeremo. Pace all’anima tua Antonino.. facciamo le condoglianze a tutta la famiglia

Droni per gli incendi in Costiera!

1

 

 

Droni per gli incendi in Costiera!  

 Mi sono già permesso di esprimermi al riguardo con un articolo, pubblicato in data 12 luglio 2017 sul vostro giornale ed intitolato “Prevenzione incendi. Alcune proposte!”.  Ho tralasciato lamentazioni e piagnucolamenti di rito, limitandomi sulla base di dati strettamente tecnici a proporre per la prevenzione il monitoraggio a mezzo telecamere fisse e quello satellitare. Come si presumeva, non c’è stata alcuna reazione. Non si contano invece gli interventi che deplorano tali fenomeni, senza tuttavia definire elementi concreti a livello operativo. “Bisogna reagire!” È il commento più frequente ed esplicativo che si coglie in tali frangenti. Avrei piuttosto optato per un’espressione tipo “Bisogna agire!” In tale contesto avanzo una terza proposta, che prevede l’intervento dei drone. La segnalazione degli incendi avviene principalmente da terra; sulla base di questi dati si decide l’impiego del Canadair, di cui una sola ora di volo costa circa 4.000 euro. I droni invece potrebbero pattugliare quotidianamente le aree a rischio, ngli orari “caldi”. In questo modo, un eventuale incendio verrebbe individuato sul nascere, mentre la telecamera sul drone potrebbe trasferire immediatamente alla sala operativa le immagini dell’incendio, consentendo di valutare se sia piú o meno appropriato l’intervento del Canadair. I costi del Drone vanno da 8.000 a 20.000 euro. Per giunta lo stesso drone potrebbe essere messo a disposizione di più enti di tutela, anche per il controllo del dissesto idrogeologico, del bracconaggio, degli abusi edilizi e per la sicurezza in generale. Dove reperire i fondi? Leggo proprio oggi su Positano News che la Regione Campania ha stanziato per le manifestazioni estive, solo in Costiera, circa € 650.000. Perché non depistare parte di tali fondi sull’acquisto di drone? Perché non utilizzare ciò che resta per le opere di rimboscamento delle aree colpite? Si badi che le aree distrutte dagli incendi devono essere destinate solo ed esclusivamente al rimboscamento senza limitazioni di tempo e al riparo da deroghe protezionistiche. A questo punto il mio interlocutore, cui sto confidando le mie idee mi obietta: “Ma non credi che le opere di rimboscamento possano essere affidate all’uomo che forse sta ancora esultando per gli incendi provocati?” Resto interdetto, non ho calcolato l’eventualità dell’appalto pilotato, per cui mi rendo conto che le mie pseudo-soluzioni vanno definitivamente a farsi friggere!

Giuseppe Civale

Quagliarella nell’housing sociale diSant’Agnello? Bella notizia già vecchia

0

Quagliarella nell’housing sociale di Sant’Agnello? Una bella notizia già vecchia . Siamo stati un pò “distratti” dall’incendio che ha toccato Positano e Vico Equense a Santa Maria del Castello che abbiamo seguito, come facevano i cronisti di una volta, quindi con molto dispendio di energie e tempo. Sentiamo di polemiche sulla presenza nell’housing sociale a Sant’Agnello per la presenza dell’ex campione del Napoli uscito da una brutta storia di stalking. Ma questa per la Costa di Sorrento, e Castellammare di Stabia, dove pure c’è uun progetto dove Quagliarella è socio dell’ingegner Antonio Elefante, per noi è una bella notizia, fra l’altro già vecchia.. forse ci sono sfuggiti dei particolari? Non è per difendere il sindaco Piergiorgio Sagristani o la sua amministrazione, tanto è vero che noi abbiamo prontamente pubblicato e anche criticato che un consigliere De Angelis, che poi ci ha spiegato le sue ragioni e documentato i suoi diritti, è tra i possibili assegnatari, ma è proprio una cosa di cui siamo convinti .. parliamo di Quagliarella, una persona pubblica che ci risulta integerrima dal punto di vista penale e morale…di che parliamo? Piùttosto Magistrati ed esperti di antimafia parlano della possibilità di riciclaggio di denaro sporco, camorra etc, anche in penisola sorrentina, insomma soldi della criminalità organizzata che qui è stata presente.. perchè non puntare il dito li per chi ha accesso alla Procura ? Noi purtroppo siamo sul territorio ma non nelle stanze dei giudici, salvo che vi sia un pubblico processo, ma molti sanno, ma non parlano.. come diceva Pasolini. Ovviamente non crediamo che tutto ciò che luccica sia oro, l’imprenditore farà sicuramente i suoi interessi e lucri.. poi la notizia non è fresca, insomma se ne è parlato già mesi fa.. chi ci capisce è bravo.. attenzione lettori su Sant’Agnello comunque si avvicina il voto e quindi , da una parte e dall’altra, le notizie voleranno come gli Scud fra Israele e Palestina.. http://www.positanonews.it/articolo/3175656/santagnello-anche-fabio-quagliarella-entra-nellaffare-housing-sociale  

Ovviamente ci riferiamo alle reazioni negative non agli articoli fatti dai giornalisti .. sulla vicenda Fabrizio Geremicca ha fatto un articolo, come al solito ben fatto,  sul Corriere del Mezzogiorno di Napoli che da particolari maggiori  “Spunta un nome famoso nella vicenda dei 52 appartamenti, negozi e parcheggi che dovrebbero essere costruiti a Sant’Agnello – costiera sorrentina – in un agrumeto in via Gargiulo, nell’ambito di un progetto di housing sociale. Questione che da un paio di anni almeno suscita critiche e proteste da parte del Wwf e di Italia Nostra, secondo i quali, in quella zona, gli strumenti urbanistici non permetterebbero quel tipo di intervento e secondo i quali i criteri di accesso agli appartamenti – potevano concorrere coppie con un reddito fino a 50.000 euro – avevano ben poco a che fare con l’housing sociale. Ebbene, tra i protagonisti dell’operazione che tante polemiche sta sollevando compare ora Fabio Quagliarella, il calciatore nato a Castellammare di Stabia che ha vestito anche la maglia del Napoli ed ora è in forza alla Sampdoria. Fabio Quagliarella, infatti, risulta essere il titolare delle quote di Faviad srl, una società con sede a Castellammare di Stabia che è amministrata da suo padre Vittorio ed ha un capitale sociale di 62.000 euro. Faviad a sua volta è socia al 50% di Shs, l’impresa alla quale il Comune di Sant’Agnello, amministrato dal sindaco Piergiorgio Sagristani, ha rilasciato il permesso a costruire i 52 appartamenti nell’agrumeto. Shs ha un capitale sociale di 100.000 euro ed ha sede anch’essa a Castellammare di Stabia. L’altro socio di Shs è Saec e qui spunta un altro nome molto noto in costiera.
Quest’ultima impresa, infatti, che ha circa 10.000 euro di capitale sociale, è di proprietà dell’ingegnere Antonio Elefante, il professionista al centro da anni di molteplici progetti edilizi tra Vico Equense e Sorrento, compresi molti box interrati. Ingegnere con interessi molteplici, perfino in Russia, attualmente al centro di numerose operazioni immobiliari in costiera. L’uomo, peraltro, che, in qualità di assessore a Vico Equense, scovò il tallone di Achille dell’ecomostro di Alimuri. Appurò, infatti, che la struttura realizzata era difforme da quella autorizzata mezzo secolo fa e riuscì ad ottenerne la demolizione. Saec è amministrata da Luigi Elefante, il figlio di Antonio. Quest’ultimo è, invece, uno dei due amministratori di Shs, la società titolare del permesso a costruire. L’altro è Massimiliano Zurlo un commercialista molto noto a Castellammare e dintorni.
Il progetto di housing sociale, si diceva, è da tempo oggetto di polemiche, solo in minima parte attutitesi dopo che la Soprintendenza ha imposto un ridimensionamento dell’intervento. Sulla operazione ha acceso i suoi riflettori anche la Procura della Repubblica di Torre Annunziata, che ha conferito delega d’indagine ai carabinieri, per appurare se siano state pienamente rispettate le procedure. Indagine conoscitiva, nella quale non risultano, al momento, iscritti nel registro dergli indagati. I lavori, però, non sono per ora partiti, nonostante siano stati aggiudicati i 52 appartamenti in progetto, pescando nella lista di quelli che avevano presentato domanda. Compresi gli esponenti delle forze dell’ordine i quali, da bando, avevano diritto ad una quota del 10% delle case che saranno realizzate.”

Positano da non perdere i Sonacore domenica a Nocelle e a San Giacomo

0

Positano da non perdere i Sonacore domenica a Nocelle e a San Giacomo a Liparlati il 26 luglio . Domenica alle 19:30 messa a Nocelle a seguire processione per le vie del paese e al termine i Sonacore allieteranno la serata con la loro musica. Nel meraviglioso borgo di Nocelle, fra i borghi più belli del mondo nel cuore del Sentiero degli Dei, finalmente un momento di relax e gioia.  I Sonacore poi torneranno a fare musica nella perla della Costiera amalfitana a Liparlati per San Giacomo Dunque appuntamento per  domenica 23 a Nocelle e sabato 29 a Liparlati . Uno spettacolo divertente, popolare e di qualità ripercorrendo le nostre radici culturali , ballando si impara ad amare la nostra terra

L'immagine può contenere: 1 persona

Nerano, da “Il Trono di Spade” a “Quattro Passi”: ecco Kit Harington! – FOTO

0

Bellissima notizia per tutti i fans della serie statunitense di grande successo “Il Trono di Spade”. E’ in Penisola Sorrentina, infatti, Kit Harington, l’attore londinese che interpreta il personaggio di Jon Snow nella serie. Harington, infatti, è stato immortalato a Nerano, dopo aver pranzato nella giornata di ieri al ristorante Quattro Passi, ristorante stellato dove opera il grande chef Antonio Mellino. Dalla pagina Facebook del ristorante si legge: “Al #RistoranteQuattroPassi Kit Harington – Jon Snow, il Re del Nord di Game of Thrones. Un bravissimo attore, amato per la sua sensibilità, umiltà e senso dell’umorismo!”.

Ha ottenuto fama mondiale con la serie Il Trono di Spade, andata in onda su HBO, negli States. Dopo il provino, è stato confermato per la prima stagione nei panni del personaggio Jon Snow. Per questo ruolo Harington ha vinto (insieme al resto del cast) l’Empire Hero Award 2015 ed è stato candidato come migliore attore non protagonista ai Saturn Award (2012 e 2015) e agli Emmy (nel 2016). Ha debuttato al cinema nel 2012 col ruolo di Vincent nel film horror Silent Hill: Revelation 3D e nel 2013 ha ricevuto il premio Attore dell’anno agli Young Hollywood Awards 2013, manifestazione che celebra i talenti emergenti nell’ambito di film, musica e televisione.

Positano auguri per i 18 anni di Andrea Ercolino

0

Positano, Costiera amalfitana. Gli auguri per i 18 anni di Andrea Ercolino dai genitori ai quali associamo i nostri “Quello che è sempre contato per Te è stato impegnare la tua vita con infiniti interessi e raggiungere nuovi traguardi ogni giorno, oggi ne hai raggiunto un altro… auguri per i tuoi 18 anni “

FINE SETTIMANA 22-23 LUGLIO – CHE FARE

0

E’ un pò triste in penisola sorrentina amalfitana questo sabato e domenica, per gli incidenti in mare e in terra, per l’innaturale dipartita dei figli prima dei genitori, per il fuoco che sta divorando il nostro verde. Gli eventi si svolgono quasi in sordina, velati di malinconia, non c’è voglia nemmeno di riprendere o fotografare. Abbiamo raccolto qui per il pubblico di Positanonews alcuni appuntamenti della serie da non perdere, chi per location, chi per lunga tradizione, chi per argomento. C’è solo da scegliere secondo le proprie preferenze.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

L'immagine può contenere: 1 persona, sMS

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

L'immagine può contenere: una o più persone, sMS e spazio all'aperto

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

L'immagine può contenere: 1 persona, sMS

L'immagine può contenere: una o più persone e sMS

 

L'immagine può contenere: 1 persona, sta suonando uno strumento musicale e sMS

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

L'immagine può contenere: una o più persone, sMS e cibo

L'immagine può contenere: 5 persone, sMS

L'immagine può contenere: 1 persona

L'immagine può contenere: sMS

Sabato 22 luglio Belvedere di Villa Rufolo, ore 21.30 Abballamm’! PALESTINIAN KARMA
Progetto Ravello Festival/SareyyetRamallahCompany /Accademia Nazionale di Danza diretta da Enrica Palmieri * Si ringrazia l’Ambasciata di Palestina

REVOLVING KARMA coreografia di Fabrizio Esposito a cura di @motion
Progetto Speciale/Residenza Laboratorio Ravello Festival  in collaborazione con i Centri di formazione riconosciuti dal Mibact e dalla Regione Campania e con l’Università degli Studi di Salerno
ITALIA / PALESTINA

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che ballano, persone sul palco e scarpe

 Positano Teatro Festival – Premio Annibale Ruccello a Napoli. IL VIDEO

0

Positano Teatro Festival . Successo della presentazione della rassegna teatrale di Gerardo D’Andrea patrocinato con proprie risorse dal Comune di Positano .Articolo aggiornato con video e foto della presentazione dal Direttore e  Luigi Russo intervenuti all’evento.

L'immagine può contenere: 4 persone, persone sul palco e notte

L'immagine può contenere: 2 persone, notte, scarpe e spazio al chiuso

L'immagine può contenere: 2 persone, persone in piedi e spazio al chiuso

L'immagine può contenere: 2 persone, spazio al chiuso

Altre immagini  a questo sito  https://www.facebook.com/lurus/media_set?set=a.10210627037617749.1073742546.1401728833&type=3&pnref=story.unseen-section

 

Venerdì 21 luglio 2017, presso il Nuovo Teatro Sancarluccio, Via San Pasquale, 49, Napoli, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione della XIV edizione del Positano Teatro Festival – Premio Annibale Ruccello, 26 luglio – 7 agosto 2017.

6 palcoscenici per il festival ad alto tasso panoramico: Piazzale della Chiesa Madre – Piazzetta della Chiesa Nuova – Piazzetta di Montepertuso – Belvedere di Nocelle – Borgo di Liparlati – La Garitta.

Il Positano Teatro Festival Premio Annibale Ruccello, la rassegna diretta da Gerardo D’Andrea, che “offre uno sguardo sulla drammaturgia contemporanea, italiana e straniera”, quest’anno celebra la sua quattordicesima edizione con i suoi 13 giorni di rappresentazioni per 14 occasioni di teatro.

Come lo scorso anno, oltre a Gianmarco Cesario dell’ufficio stampa a fare da presentatore, hanno preso parte alla conferenza stampa, sul palco del teatro, Gerardo D’Andrea, direttore artistico e ideatore del festival, il sindaco di Positano Michele De Lucia e il vicesindaco e assessore al turismo e alla Cultura Francesco Fusco.

La rassegna, giunta quest’anno alla XIV edizione, è interamente finanziata dal Comune di Positano, grazie all’impegno di De Lucia, convinto sostenitore della “creatura” di Gerardo D’Andrea.

Tredici giornate di eventi che si svolgeranno dal 26 luglio al 7 agosto in diversi luoghi della bella città del salernitano, anch’essa drammaticamente colpita in questi giorni dagli “attentati incendiari”, come li ha acutamente definiti Gianmarco Cesario.

Proprio per i giorni difficili che i cittadini di Positano, come degli altri comuni colpiti dai roghi, si sono trovati a dover fronteggiare, l’edizione di quest’anno del Positano Teatro Festival avrà un ruolo particolarmente importante per stemperare le tensioni e lo scoramento, come ha tenuto a rimarcare il sindaco Michele De Lucia:

Dopo quindici giorni di fuoco in senso sia letterale sia metaforico è bello, finalmente, essere qui oggi per un evento positivo come il Positano teatro Festival.

Questa rassegna che caratterizza le scelte del Comune, grazie all’opera meritoria del direttore artistico Gerardo D’Andrea, è un evento a cui teniamo tantissimo, a cui abbiamo dedicato tante risorse.

È una rassegna interamente sovvenzionata dai bilanci comunali per cui possiamo dire orgogliosamente che è pienamente positanese e ci teniamo anche in virtù del fatto che ci aiuta a valorizzare l’intero territorio del comune di Positano.

Quest’anno avremmo avuto l’occasione di riportare la rassegna della parte bassa del paese, dove nel frattempo sono stati ultimati i lavori nell’anfiteatro – nuova struttura voluta dal comune – ma dopo il grande successo registrato l’anno scorso, ho voluto riconfermare la piazza della Chiesa Nuova come location principale per gli eventi della rassegna, nonostante il volere contrario del direttore artistico.

Come sempre, però, coinvolgeremo anche le frazioni, Montepertuso e Nocelle in particolare, le quali da giorni vivono momenti drammatici.

Colgo l’occasione della presenza della stampa per ringraziare i cittadini di queste frazioni che durante l’emergenza dei roghi hanno fatto molto più che volontariato, sono stati eroici nella loro difesa del territorio.

Da quindici giorni non si dorme, per cui ringrazio di cuore questi angeli che hanno scongiurato il pericolo di danni ancor più gravi.

Tornando alla rassegna: non vediamo l’ora che abbia inizio, il paese è in fermento nell’attesa.

Aggiunge l’assessore Francesco Fusco:

Come diceva il sindaco, crediamo fortemente in questa rassegna, come crediamo nella promozione della nostra città e dei nostri borghi attraverso la cultura e il teatro in particolare. È stata una scelta che, con la sua formula, fin da subito si è rivelata ben riuscita.

Abbiamo fatto conoscere luoghi di Positano che in precedenza non erano noti ai più.
In questo momento particolare i positanesi aspettano di voltare pagina dopo i giorni difficili e non c’è occasione migliore di questa per riportare il sorriso in quei luoghi.

La formula itinerante, dicevo, è stata particolarmente felice anche perché la gente ci ha seguiti, decretando a questo festival il successo che merita.

Prima di passare in rassegna i singoli spettacoli, Gerardo D’Andrea si è rivolto al primo cittadino del comune salernitano, dicendo:

Ringrazio il sindaco De Lucia e il vicesindaco Fusco non solo per il consueto impegno nei confronti del Positano Teatro Festival, ma anche per essere qui questa mattina.

So bene, come ci hanno appena raccontato, quello che hanno dovuto passare in questi giorni e in queste notti, ciononostante sono venuti a presenziare a questa conferenza stampa perché tengono alla rassegna in maniera viscerale e ne consentono lo svolgimento con convinzione ed orgoglio.

Tutti gli spettacoli saranno gratuiti, previa prenotazione attraverso i recapiti in calce a questo articolo. Durante la rassegna sarà assicurato il trasporto pubblico cittadino fino alla mezzanotte.

Il Premio Annibale Ruccello 2017 è assegnato all’Artista Lina Sastri, con la seguente motivazione:

Per la straordinaria capacità di immergersi con tutta la propria professionalità e la propria umanità nel fertilissimo humus di un immaginario lirico, poetico e drammatico che le appartiene visceralmente e che riesce a rendere universale in virtù di quell’esperienza interpretativa, di quel talento e di quella consapevole disciplina che ne hanno fatto modello internazionale di artista completa.

Lina Sastri
Lina Sastri

Di seguito, il calendario degli eventi come riportato nella cartella stampa.

Il programma

Mercoledì 26 luglio alle 18,00, come è ormai tradizione, si alza il sipario sulle strade del centro cittadino, con il gruppo folkloristico Positano Senza Tiempo nella performance di musica e danza popolare ‘Free free. Tutt’e sere free’.

Dichiara il direttore artistico, Gerardo D’Andrea:

‘Ridere, Riflettere, Commuoversi’ è da sempre lo slogan che caratterizza il Positano Teatro Festival ed io, nello scegliere gli spettacoli da inserire in cartellone seguo pedissequamente queste che sono per me le caratteristiche fondamentali per appassionare il pubblico.

Per questa quattordicesima edizione, tra graditi ritorni, riconferme e straordinari debutti, ho voluto raccontare, attraverso soprattutto tre dei titoli in programma, il percorso di una drammaturgia che vede protagonisti tre grandi autori che hanno fatto della trasgressione la loro cifra stilistica: il dandy Oscar Wilde, che con il proprio vissuto scandalizzò la benpensante società vittoriana, il franco-algerino Jean Genet, la cui surreale drammaturgia rispecchiava la sua vita borderline, ed Annibale Ruccello, a cui è dedicato il festival, che, facendo tesoro dell’opera dei due grandi predecessori, si inserisce di diritto come una delle principali voci di fine XX secolo che abbia riportato a teatro la provocazione di un travestitismo schiacciato dall’orrore della contemporaneità.

Sempre mercoledì 26 luglio, a seguire, alle ore 20:45, sul sagrato della Chiesa Madre, dopo la rappresentazione del corto teatrale ‘Trullo’ di Diego Sommaripa, anche in scena con Laura Pagliara, avrà luogo l’inaugurazione ufficiale del Festival con la consegna del Premio Annibale Ruccello 2017 alla grande interprete del teatro e della canzone Lina Sastri che dedicherà a Positano un breve omaggio in musica e prosa.

Quest’anno l’autore del Premio è l’artista Mimmo Paladino.

Giovedì 27 luglio, alle 21:00, incomincia con la piazzetta di Montepertuso la parte itinerante del cartellone del Festival, con lo spettacolo ‘Oscar Wilde, il processo’ di e con Roberto Azzurro che sarà accompagnato in scena da Pietro Pignatelli e Alessio Marchetti.
Le fasi salienti del processo al primo autore irlandese saranno raccontate su un tappeto musicale eseguito dal vivo dalla pianista Rebecca Lou Guerra.

Venerdì 28 luglio, alle 21:00, il Borgo di Liparlati si infiammerà con la verve di Rosaria De Cicco nel monologo ‘Bella da Morire’ di Antonio Mocciola, tratto dal racconto di Tiziana Beato, regia Fabio Brescia.

Sabato 29 luglio, alle 20:30, serata dedicata ai bambini, con quello che è diventato un appuntamento fisso per il Festival, che vede il meraviglioso scorcio della località La Garitta ospitare il poetico spettacolo per grandi e piccini ‘Ufficio parole smarrite’, portato in scena dal gruppo del Teatro del Baule.

Domenica 30 luglio, alle 21:00, l’atteso ritorno, nella Piazzetta di Nocelle, dello chansonnier Massimo Masiello in ‘Sfogliatelle ed altre storie d’amore’, un percorso musicalteatrale sull’artista napoletana Ria Rosa. Masiello sarà accompagnato dalla splendida voce di Lalla Esposito.

Da lunedì 31 luglio, alle 21:00, il palcoscenico fino al termine del Festival si sposta alla Piazzetta della Chiesa Nuova, dove ci sarà il gradito ritorno di ‘Mamma’ di Annibale Ruccello, dopo il successo al Teatro Nazionale di Napoli, in cui è protagonista assoluta Antonella Morea diretta da Gerardo D’Andrea.

Martedì 1 agosto, alle 21:00, in scena ancora una regia del direttore artistico D’ Andrea: ‘Requiem per due serve’ ispirato al dramma Les Bonnes di Jean Genet , tradotto in napoletano da Fabio Brescia, che ne è anche protagonista con Stefano Ariota e Giuseppe Cantore.

Mercoledì 2 agosto, alle 21:00, in scena la poetica, divertente e visionaria scrittura di Spiro Scimone e Francesco Sframeli che ritornano con lo spettacolo ‘Nunzio’, per la regia di Carlo Cecchi, con cui hanno partecipato alla prima edizione del Festival nel 2002.
Spiro Scimone, nel 2011, ha ricevuto il Premio Annibale Ruccello.

Giovedì 3 agosto, alle 21:00, nella Piazzetta della Chiesa Nuova, ci sarà una Serata d’onore per Paolo Graziosi. Quest’anno il sindaco Michele De Lucia, la Giunta Comunale di Positano, la Direzione Artistica del Positano Teatro Festival, hanno scelto di assegnare il Premio ‘Pistrice – Città di Positano’ al grande interprete del teatro italiano: Paolo Graziosi, diventato beniamino del Festival, grazie alle sue tre partecipazioni consecutive, tutte applauditissime dal pubblico.

Venerdì 4 agosto, alle 21:00, ancora un omaggio alla drammaturgia di Annibale Ruccello, con ‘Le cinque rose di Jennifer’, firmato da Peppe Miale, che ha come interpreti Ernesto Lama ed Elisabetta d’Acunzo.

Sabato 5 agosto, alle 21:00, il nuovo lavoro di Carmine Borrino ‘Cantami o Diva’ che mescola tragedia greca e sceneggiata napoletana. Protagonista una beniamina del pubblico: Monica Sarnelli affiancata dallo stesso Borrino, Giorgio Pinto e Giusy Freccia. Musiche dal vivo eseguite da Mariano Bellopede.

Domenica 6 agosto, alle 21:00, dopo il debutto all’ultima edizione del Napoli Teatro Festival, andrà in scena lo spettacolo nell’adattamento, regia e musiche di Paolo Coletta ‘I Cani e i Lupi’, tratto dall’omonimo romanzo di Irène Nèmirovsky, con Martina Carpi, Salvatore D’Onofrio, Giacinto Palmarini ed Annalisa Renzulli.

Lunedì 7 agosto, alle 21:00, la programmazione del Festival si conclude con l’atteso e irriverente humor di Massimo Andrei, con lo spettacolo ‘Fenomenologia del culo ovvero le natiche chiamate in giudizio’, di cui è autore e interprete in scena.

Condurrà le serate di gala l’attrice Martina Carpi, abiti Pinù Couture.

Per la prenotazione degli spettacoli e le informazioni:
positanoteatrofestival@gmail.com
335-8185695
089-8122535
380-4932026

 

Massa Lubrense, fermati due rom: picchiarono disabile durante una rapina

0

Sono stati fermati due uomini di etnia rom che a giugno scorso rapinarono e picchiarono un disabile a Massa Lubrense. Si tratta di un trentenne e di un diciassettenne che sono domiciliati in un campo rom nella periferia di Napoli, con precedenti: per loro, come si legge su Il Mattino, si parla di rapina aggravata.

All’azione criminale presero parte in realtà in tre, tutti fratelli, solo che uno di essi all’epoca dei fatti aveva 12 anni e quindi non è imputabile. I tre, quindi, entrarono in un’abitazione nella quale risiedeva un disabile: due dei tre fratelli cominciarono a picchiare l’uomo sulla sedia a rotelle e lo obbligarono ad aprire la cassaforte, mentre saccheggiavano l’appartamento. Beni per oltre 50 mila euro furono sottratti. Pare addirittura che fosse il 12enne a minacciare il disabile con un cacciavite.

La Procura di Torre Annunziata ha avviato le indagini e successivamente i Carabinieri di Sorrento hanno dato il loro decisivo contributo. Dopo un’accurata indagine sono risaliti ai tre.

Positano, Adam Sandler torna in Costiera: visita a “La Tagliata”! – FOTO

0

L’attore americano Adam Sandler torna in Costiera Amalfitana. Dopo la visita di qualche mese fa, eccolo tornare a Positano. Nella giornata di ieri, infatti, è stato ospite del grande ristorante “La Tagliata” a Positano, appunto. Qui si è lasciato deliziare in un panorama fantastico. La struttura, come sappiamo, è posizionata su tre terrazze, in un posto dove gli alberi danno un tocco in più e riescono a offrire un’atmosfera unica. Tutti i terrazzi sono accompagnati da orti che producono prodotti genuini, tutti disponibili nei menù del ristorante. Continuano, quindi, le visite dei grandi vip mondiali al ristorante “La Tagliata”.

Adam Sandler, classe ’66, si distinse negli anni novanta come membro del cast del programma televisivo Saturday Night Live, successivamente ha preso parte a diverse produzioni hollywoodiane di successo. È stato per due anni consecutivi il terzo attore più pagato dell’anno secondo la rivista Forbes, con un guadagno di 40 milioni di dollari nel 2011 e di 37 milioni nel 2012. Ha fondato la compagnia di produzione cinematografica Happy Madison Productions, chiamata così in onore a due dei suoi primi film di successo: Un tipo imprevedibile (Happy Gilmore) e Billy Madison. Tra le altre cose, la sua casa di produzione ha sviluppato anche la sit-com Le regole dell’amore (Rules of Engagement).

Ambiente. Sorrento: domenica ecologica alla Regina Giovanna

0

Domenica 23 luglio, doppio appuntamento in località Capo di Sorrento, per una giornata interamente dedicata a sito della Regina Giovanna.
In campo numerosi volontari per una pulizia dell’area archeologica, nonché delle due scogliere della Regina Giovanna e della Solara. Nel frattempo alcuni gruppi di sub saranno impegnati nella pulizia di una parte dei fondali antistanti il sito.
Chiunque voglia prendere parte alla domenica ecologica, può presentarsi alle ore 8.30 presso la chiesa parrocchiale del Capo di Sorrento.
L’iniziativa è promossa dall’assessorato all’Ambiente del Comune di Sorrento, Penisolaverde, Marevivo e Area Marina Protetta Punta Campanella, in collaborazione con la Grande Onda, il gruppo scout di Piano di Sorrento, l’associazione Jacques Cousteau, la cooperativa Sant’Anna e l’associazione Fondali Campania.
Questa iniziativa – dichiara il consigliere comunale Luigi Di Prisco – si inquadra nel piano di valorizzazione e promozione del sito della Regina Giovanna avviato quest’anno dall’amministrazione comunale. Oltre alla guardiania, partita a fine giugno, questo appuntamento farà da viatico ad un’accurata pulizia del sito garantita, a partire dalla settimana prossima, in maniera gratuita, da Marevivo che ha manifestato il proprio interesse a collaborare con il Comune. E’ bello vedere una pluralità di soggetti accomunati da un solo obiettivo: quello di valorizzare e rivalutare il nostro patrimonio storico–ambientale. A tutti loro va il nostro sentito ringraziamento”.

MASSALUBRENSE .Limoni in festa 2017

0

L’avvenimento clou dell’estate massese, l’occasione è ottima per degustare tantissime prelibatezze delle cucina di Massa Lubrense a base del tipico agrume che dà il nome alla festa: il limone ovale massese detto “femminiello”.

le foto della prima serata del nostro inviato Gaetano Starace a questo sito https://www.facebook.com/staracegaetano/media_set?set=a.1675291882490681.1073742363.100000296571987&type=3&pnref=story.unseen-section

Una serie di appuntamenti che si svolgono nel centro cittadino, seguendo i sapori dei piatti al profumo di limone, i suoni delle musiche popolari, la riscoperta dei palazzi più antichi, delle stradine, degli angoli tipici.


Programma

Venerdì 21 luglio 2017
18.30 – 23.00 Mercatino con prodotti tipici e artigianato locale
19.00 Inaugurazione della mostra d’arte presso la Pro Loco Massa Lubrense
20.30 Spettacolo musicale: gruppo folkloristico locale “New Wind Ensemble”

Sabato 22 luglio 2017
10.30 – 23.00 Mercatino con prodotti tipici e artigianato locale
10.30 – 23.00 Mostra d’arte presso la Pro Loco Massa Lubrense
19.00 – 23.00 Percorso gastronomico al limone
20.30 Spettacolo musicale: Enzo Avitabile e Black Tarantella

Domenica 23 luglio 2017

10.30 – 23.00 Mercatino con prodotti tipici e artigianato locale
10.30 – 23.00 Mostra d’arte presso la Pro Loco Massa Lubrense
16.30 – 19.30 Agropasseggiata: Massa – Annunziata – Marina Lobra – Massa
19.00 – 23.00 Percorso gastronomico al limone
20.30 Spettacolo musicale: i tre soprani “Le Loving”

Location  Largo Vescovado, 80061 Massa Lubrense, Napoli, Italia

DALL’ARCHIVIO VIDEO DI POSITANONEWSTV IMMAGINI DI REPERTORIO

FESTA DEL LIMONE 2015 MASSALUBRENSE

  • 1 anno fa
  • 95 visualizzazioni
Saraci

FESTA DEL LIMONE 2015 MASSALUBRENSE

  • 1 anno fa
  • 166 visualizzazioni
Saraci

Vico Equense. Degrado assoluto nel giardino comunale di viale Rimembranza

0

Vico Equense. Siamo su Viale della Rimembranza. Su questa strada super trafficata insistono due dei tanti ingressi dell’Istituto SS. Trinità e Paradiso. Due cancelli dividono la strada dal piccolo giardino pubblico che confina con il portone del chiostro del complesso monumentale.

Questo giardino, dapprima di proprietà conventuale poi delle scuole, fu acquistato mezzo secolo fa dall’amministrazione comunale dell’epoca, rendendola parte del patrimonio comunale.

Un luogo anche di giorno molto amato dai giovani per appartarsi e fare ciò che gli passa in quel momento per le loro teste. Uno spazio non curato, lasciato a se stesso.

Uno dei tanti posti dove veramente accade di tutto. Qualche mese fa ho parlato del secondo piano interrato dei box pubblici di Massaquano dove ho denunciato pubblicamente oltre alle giostre delle scuole medie della frazione, l’aver trovato siringhe e tutti gli “accessori” per drogarsi.

Questo giardino in pieno centro, lo possiamo dichiarare succursale di tutto ciò. Si aggiunge alla lista dei tanti luoghi del centro dove accade di tutto e di più: il Pozzillo con via Castello Marina (pezzi di vetro e molto altro sia a terra sia nei terreni privati sottostanti), piazza Marconi (lato dietro chiesa parrocchiale Santi Ciro e Giovanni), le spiagge di sera, villetta antistante la chiesa di Puntamare, il Vescovado e chi più ne ha più ne metta!

È accaduto che i ragazzini della parrocchia del centro, che dovendo partecipare all’oratorio o ai giochi estivi in queste settimane nel chiostro dell’Istituto, si sono trovati a passare davanti a tutto questo e costatare di persona anche di peggio. Non c’è il minimo rispetto di questo/in questo luogo. Da attimi di intimità, a fumo sfrenato, qualche siringa e spazzatura sparsa a volontà, nelle buste e soprattutto nei cespugli!

Non basta un addetto della Sarim che ogni tanto annaffia le piante che di giorno si trovano a combattere la siccità, ma ci vorrebbe un po’ di pulizia, un mini restyling e qualche telecamera per intimorire questi gesti irrispettosi e rendere vivibile uno dei pochi angoli verdi ancora fruibili e non interdetti.

Bisogna dire che da qui passano gli stranieri e i cittadini che si recano a visitare il museo mineralogico, ad assistere a qualche convegno nella sala delle Colonne o si recano in vari uffici comunali qui dislocati. E’ il biglietto da visita della città: qualcosa di inguardabile! Non c’è uno spazzino, un giardiniere, un operaio che possa fare un pochino di manutenzione e controllo?

Positano ancora un incendio sotto Nocelle ad Arienzo. Aiutateci

0

Positano ancora un incendio sotto Nocelle ad Arienzo. Non se ne può più, non volevo crederci, ma invece è vero. Ancora un incendio nella perla della Costiera amalfitana. Stiamo aggiornando da tutta la notte. “Ancora una notte di paura – dice una residente di Nocelle -, ci sono due squadre al lavoro, l’incendio è per fortuna più lontano dal centro abitato ma Arienzo è vicina”. L’incendio si è sviluppato dopo le 21 di sera. I volontari di Nocelle hanno presidiato tutta la notte e anche la mattina hanno bisogno di aiuto , di cambi per vigilare ed evitare ulteriori incendi. “Abbiamo bisogno di aiuto, non abbiamo dormito per vigilare e spegnere l’incendio”. La paura è alta. Non sarebbe il caso di riprendere il presidio di volontari delle associazioni ambientaliste che negli anni scorsi facevano i campi antincendio?

Maiori / Tramonti sversamenti sospetti nel Fiume Reginna scatta l’inchiesta

1

ANTEPRIMA Maiori sversamenti sospetti nel Fiume Reginna e a Mare, scatta l’inchiesta. Uno sversamento sospetto dal fiume che si riversa nel mare della Cittadina della Costiera amalfitana mercoledì scorso ha fatto scattare l’allarme ambientale nel paese. Ad intervenire una task force di guardie zoo file ambientali Dell ENPA, carabinieri di Maiori e Amalfi , polizia municipale e Arpac della Campania. Controlli al depuratore di  Tramonti per eventuale anomalia sull’ impianto che potrebbero essere attenzionati alla Procura della Repubblica di Salerno.

Che fatica amministrare Minori

0

Governare un borgo delle dimensioni di Minori è come amministrare un condominio allargato (Minori conta meno di tremila anime) dove ogni famiglia, volendo, potrebbe accogliere una coppia di ospiti  con lo jumping o con il coffeebed o altra formula semplice. Le animazioni del condominio allargato sarebbero le feste di compleanno o le ricorrenze e tutti potrebbero vivere in pace. Perchè Minori inizia  con Mi, ma non è Milano. Eppure tutti o quasi sono convinti di essere grandi economisti, esperti politici, storici , ecc.  Se ti rivolgi a qualcuno (tranne Andrea che è sufficientemente disponibile a tutto) è come parlare con un navigato capocorrente di partito che tutto sa e tutto dispone.  Noi, in tutta sincerità, abbiamo chiesto fino alla noia (sempre per altri, per il borgo, mai per problemi personali) soluzioni semplici per il quotidiano, ricevendo sempre o quasi risposte evasive date con estrema sufficienza ( conme a dire ma tu cosa vuoi, tu chi sei, tu chi rappresenti); allora noi cosa stiamo a fare qui.(e vorremo saperlo)

Sono secoli che chiediamo a tutti un  cartello direzionale per le scale per Ravello, un  cartello in piazza Umberto per la Villa Romana, l’eliminazione di una schifosa e pericolosa panchina a via Gatto, la pulizia ed il divideto di sosta a vicolo Masuccio Salernitano (chissà dove si trova) , lo svuotamento di alcuni tombini di scarico, l’eliminazione di quella miserevole barriera per le scale per il cimitero, il ripristino delle telecamere (se mai in funzione) per via santa Lucia, la sostituzione di alcuni cartelli di divieto non in regola, l’eliminazione della striscia bianca accanto a quella bleu per la sosta; l’eliminazione dei posti per la sosta di falsi portatori di handicapp; e chi più ne ha che ne metta, perchè c’è da mettere.

Non vale propagandare per via TV  quando la realtà in loco è ben diversa.

Fateci capire!      g.a.

L’opinione di Pitirane   l’Italia nei guai per la politica del “volemose bene”

0

Tuteliamo l’Italia. Son troppe le persone che sbarcano, con tutto il marcio che si è creato attorno. Tutelare gli interessi del paese, proteggere in primis i cittadini italiani. Non certo permettere (quando non facilitare) un’invasione come quella in atto. Gli accordi sottoscritti in Europa sono chiari: i ricollocamenti possono riguarda solo i migranti a cui è stato riconosciuto lo status di rifugiato (meno del 10% sul totale degli arrivi), tutti gli altri sono clandestini che vanno rimpatriati nei paesi di origine.

Il fatto è che l’Italia accoglie tutti alla rinfusa e poi non effettua i riconoscimenti; il governo italiano segue la politica papalina dell’accoglienza, ad ogni barcone di migranti che arriva in Italia, Salvini alza l’asticella del consenso a suo favore. (Giovanni )

Marina del Cantone: festa in uno stabilimento balneare mentre ancora si piange Ciriniello..

0

Mentre ancora si piange la tragica morte di Antonino Pane “Ciriniello”, travolto da un gommone mentre pescava a poca distanza dalla costa di Marina del Cantone, un noto stabilimento balneare della zona, non si è esentato dal promuovere una bella festa in spiaggia con tanto di drinks, musica e quant’altro. Anche se ognuno è libero di fare ciò che vuole, a soli due giorni dalla scomparsa del povero Ciriniello, forse sarebbe stato più opportuno lasciare Marina del Cantone in silenzio rispettando il dolore che ancora gran parte della popolazione sta vivendo. Sarebbe stato bello ma purtroppo la sensibilità d’animo è un dono che appartiene a poche persone…

La tratta dei baby-calciatori africani. Falsi documenti per portali in Italia

0

I più piccoli avevano 12 anni, i più grandi poco più di 16. Arrivavano in Italia quasi sempre dall’Africa più povera e dimenticata, accompagnati da documenti falsi, dichiarazioni fasulle d’improbabili maternità e impossibili ricongiunzioni. E la promessa di diventare campioni di calcio e guadagnare una fortuna. Ma dietro all’arrivo in Italia di questi talenti in erba, per lo più bambini e ragazzini della Costa d’Avorio del Senegal, per la procura di Prato si nascondeva un mercimonio. Molto redditizio, perché i ragazzini più promettenti venivano venduti anche per più di 400.000 euro a società di calcio blasonate di serie A e B che, in buona fede, li compravano e facevano loro frequentare scuole di calcio sino al debutto nelle giovanili e persino nelle prime squadre. Alcune promesse interessavano Fiorentina ed Inter alle quali la procura ha chiesto la documentazione che comprova eventuali stage o prove dei bambini. «Che avvenivano in assoluta buona fede da parte di queste società che non avevano sentore del traffico irregolare», spiegano gli investigatori. «Questi giovani talenti venivano allevati insieme alle società del Prato e della Sestese con l’intendimento di trarre profitto attraverso la loro valorizzazione», ha spiegato il procuratore Nicolosi. E in alcuni casi i soldi incassati erano più che soddisfacenti. Come nel caso dell’attaccante Christian Kouamé, oggi maggiorenne, venduto dal Prato al Cittadella (serie B) per 400.000 euro. Sconcertanti alcune intercettazioni. In una di queste uno dei sospettati propone, in caso di problemi burocratici per l’arrivo in Italia, di far salire uno dei bambini-calciatori su un barcone da solo. Il traffico, vero o presunto, è stato scoperto e stroncato dalla squadra mobile di Prato, diretta da Francesco Nannucci e coordinata dal questore Paolo Rossi, e dalla procura di Prato coordinata da Giuseppe Nicolosi. Quattro le misure cautelari con tre arresti e un’interdizione. Quattro gli indagati. In carcere, su richiesta dei pm Lorenzo Gestri e Lorenzo Boscagli, è finita Stephanie Nety Eulalie, una donna ivoriana residente a Firenze che secondo gli investigatori pratesi si era spacciata la madre di un baby-calciatore (poi finito in un club di serie A), ma poi è stata smascherata dalle analisi del Dna. Arresti domiciliari per il presidente della Sestese Calcio, Filippo Giusti, il procuratore sportivo Filippo Pacini, mentre il presidente e ad del Prato Calcio, Paolo Toccafondi, è stato raggiunto da un provvedimento di interdizione per quattro mesi dalla gestione della società. Le ipotesi di reato vanno dall’immigrazione clandestina, al falso sino al favoreggiamento. Sarebbero una decina i ragazzini coinvolti. «Ma abbiamo indagato soltanto su un periodo limitato e dunque è probabile che siano molti di più», spiega il capo della Mobile di Prato, Francesco Nannucci. Un’inchiesta parallela sta cercando di stabilire se ci sono state combine in undici partite di serie minori. Nel mirino anche alcuni arbitri. Sono 24 gli indagati per frode sportiva. (Corriere della Sera)

Siena. Cavalli al Palio maltrattati. Processo per tre fantini

0

Tra i rinviati a giudizio c’è anche lui, Trecciolino, al secolo Luigi Bruschelli, fantino super premiato che all’ultimo Palio di Siena ha tentato di montare Tornasol, il cavallo della contrada della Tartuca che fiero e ribelle si è rifiutato di correre facendo scoppiare un caso unico. Bruschelli è accusato, insieme al figlio Enrico e a un terzo fantino, Sebastiano Murtas, di maltrattamento di animali, falso ideologico e concorso in violazione dei sigilli. Secondo la Procura di Siena i tre, con la complicità di un veterinario di Viterbo, avrebbero sostituito i microchip ad alcuni cavalli per «camuffarli» da mezzosangue al fine di eludere il regolamento sull’iscrizione degli animali all’albo del Comune di Siena che dà accesso al Palio e che vieta rigorosamente di far correre purosangue. Ma c’è un’accusa ancora più pesante e odiosa nei confronti degli inquisiti che, se confermata, getterebbe un’ombra pesante sulla kermesse senese e riguarda la presunta somministrazione ad alcuni cavalli di un terribile «beverone», come si dice in gergo, ovvero un cocktail di farmaci. Pratica assolutamente vietata dai regolamenti della competizione. Secondo la procura, che per effettuare le analisi ha utilizzato alcuni laboratori universitari anche fuori Siena, i fantini avrebbero somministrato ai poveri destrieri antinfiammatori e antidolorifici con l’intenzione di mantenere il loro sangue al di sotto della soglia di rilevanza. La pratica, assolutamente illegale, sarebbe stata attuata nel 2015 in preparazione dell’allora Palio al quale però i cavalli non parteciparono. Il gup del tribunale di Siena, Roberta Malavasi, ha accolto tutte le richieste della procura e ieri ha disposto il rinvio a giudizio dei quattro imputati. È la prima volta che accade nella storia del Palio di Siena. Soddisfazione è stata espressa dagli animalisti della Lav. Che in una nota si augurano che «il processo possa dimostrare che i cavalli non sono macchine da corsa, ma esseri viventi incompatibili con la vita e attività di un palio». La Lav ha inoltre chiesto che, in attesa del dibattimento, Siena fermi la gara del 15 agosto. (Corriere della Sera)

Avvocata accoltellata nel suo studio a Milano. Urla il nome dell’aggressore

0

Poco dopo essere stata accoltellata, con una larga chiazza di sangue sui vestiti, all’altezza dell’addome, e mentre i medici la stavano accompagnando verso l’ambulanza, l’avvocata Paola Marioni, 57 anni, è riuscita a pronunciare un nome. L’ha ripetuto più volte. E da quell’indicazione è partita poco dopo le 19 di ieri l’indagine della polizia alla ricerca dell’uomo che ha aggredito la professionista nel suo studio, un seminterrato in via dei Pellegrini, piccola strada del centro di Milano, una traversa di corso di Porta Romana. La donna ha anche l’abitazione nello stesso stabile. Subito dopo l’aggressione è riuscita a chiedere aiuto a un inquilino, che ha sentito le sue urla dall’androne del palazzo e ha chiamato i soccorsi. In quel momento la donna riusciva ancora a parlare, tanto che in un primo momento l’ambulanza l’ha portata al Policlinico in «codice giallo» (quello di media gravità), ma una volta in ospedale le condizioni dell’avvocatessa si sono molto aggravate e il codice è passato a «rosso»: nella tarda serata era ancora in sala operatoria. I poliziotti dell’Ufficio prevenzione generale e della Squadra mobile hanno a lungo cercato tra i cespugli e le magnolie nel cortile dello stabile, ma probabilmente l’aggressore ha portato via con sé il coltello. In zona ci sono almeno un paio di telecamere che potrebbero aver ripreso qualche immagine utile. Oltre al nome pronunciato dall’avvocata, i poliziotti si stanno concentrando sul suo lavoro. Negli ultimi anni Paola Marioni s’è occupata spesso di aste e recupero crediti, e più volte è stata nominata dal Tribunale civile nel ruolo di custode giudiziario per apparta menti e stabili pignorati. L’ipotesi prevalente, al momento, è che l’aggressione sia legata al suo lavoro o ai suoi incarichi. Anche l’«agenda» della professionista dovrebbe fornire qualche spunto, perché ad aggredirla potrebbe essere stata una persona con la quale aveva fissato un appuntamento, l’ultimo del suo pomeriggio. Fino alle prime ore della notte la polizia Scientifica ha esaminato lo studio dell’avvocata: due tende a coprire le finestre del seminterrato verso la strada; all’interno, alcuni quadri alle pareti e un’ampia scrivania, con i fascicoli ben ordinati sul piano di lavoro, come ancora in ordine negli scaffali è stata trovata la maggior parte dei documenti. Quando ha aperto la porta al suo aggressore, in quelle ampie stanze ben illuminate dalla luce chiara dei faretti sul soffitto, l’avvocata Paola Marioni era da sola. (Corriere della Sera)

La Danza in scena con “Corpo-Sa-Mente”

0

Questa sera la Junior Company Ballet del Liceo Coreutico Alfano I sarà ospite della XX edizione dei Concerti d’Estate di Villa Guariglia all’Arena Archeologica di Fratte

Di OLGA CHIEFFI

“Corpo – SA – mente” è il titolo dello spettacolo di danza che stasera, alle ore 21, andrà in scena all’Area Archeologica di Fratte con assoluta protagonista la Junior Company Ballet del Liceo Coreutico Statale Alfano I. L’appuntamento tersicoreo di domani sera per i “Concerti d’estate di Villa Guariglia in Tour” è un gradito ritorno. “Quest’anno siamo riusciti ad inserire in cartellone – spiega Antonia Willburger, ideatrice dello storico festival – le diverse anime artistiche: la musica, la danza, la poesia, il teatro, la scrittura. Ho sempre creduto nell’intreccio dei saperi come occasione di confronto e di crescita. Tutto ciò mi lega al passato, alle serate che da bambina vivevo con mio padre Peter ed i suoi tanti amici”.   Scuola, musica, danza sono le componenti dello spettacolo Corposamente, il pensiero in movimento. «Corposamente», realizzato dai docenti del Liceo coreutico Alfano I di Salerno, è uno spettacolo visivo-uditivo che mette insieme le diverse possibilità espressive e stilistiche dell’ arte della danza e della musica coinvolgendo in maniera diretta il pubblico. Il progetto e vede la partecipazione e la collaborazione degli alunni della Junior Company Ballet con gli studenti e i docenti delle orchestre del liceo musicale. Le coreografie sona state curate dai docenti di tecnica della danza classica e contemporanea del Liceo Romina Bordi, Pierluigi De Santis, Beatrice Del Galdo, Annalisa Di Matteo, Francesca Mottola e Massimiliano Scardacchi. La regia è stata curata dalla professoressa Annarita Pasculli. Ospite dell’ evento la Compagnia Campania Danza di Salerno diretta da Antonella Iannone. Lo spettacolo si compone di sei diverse proposte e vede la commistione tra due discipline importanti: la danza e la musica grazie alla collaborazione di alcuni allievi del Liceo Musicale Alfano I, guidati dal proprio docente di strumento il prof. Marco Cuciniello. Gli allievi presenteranno sei coreografie, a cominciare da “Maschere in corsa”, su musiche di Georg Philipp Telemann, Johann Sebastian Bach e di Marco Cuciniello, che in questa XX edizione dei concerti sta veramente facendo la parte del leone, in tutte le vesti. Si passerà, quindi, celebre Pas de quatre dal “Romeo e Giulietta” di Sergeij Prokof’ev per la regia di Anna Rita Pasculli e la supervisione del M° Massimiliano Scardacchi. Prokofiev coglie qui, soprattutto il carattere di dramma universale, dello scatenamento di conflitti indicibili dalla portata immensa, ove i contrasti deflagrano con la forza oscura di incomprensibili ragioni, tutto spazzando via, sentimenti, valori, speranze, senso delle cose belle nella vita; pur accettando con naturale prontezza i suggerimenti descrittivi e figurativi che certi squarci di ambienti e situazioni, di collocazione storica, gli facevano balenare davanti, e a cui si abbandonava gioiosamente, come solo lui sapeva fare, affidandosi quasi per gioco all’estro del momento. Si continuerà con “Tango Triste” dell’Associazione Campania Danza firmato dalla coreografa Antonella Iannone, una danza portatrice di messaggi misti, il tango è ancora accerchiato dai luoghi comuni. Il pacchetto di aggettivi con cui lo si suole definire, sensuale, peccaminoso, trasgressivo, lascivo, scandaloso, ruffiano, finisce col banalizzarlo e limitarlo, solo il corpo in movimento stasera, riuscirà a far ri-cominciare il suo racconto. Ed ecco Dido and Aeneas di Purcell, evocato nella coreografia Nessuno, firmata da Annarita Pasculli, Un percorso psicologico ricco di sfumature e di grande forza drammaturgica, le caratteristiche formali e la densità narrativa di un’opera di grande coesione, attraversata da un unico, coerente gesto teatrale: la personalità di Didone, con la sua grandezza d’animo, costituisce il fulcro espressivo di accadimenti che coinvolgono, in chiave simbolica, situazioni mitologiche e arcadiche. Solo for man, penultima coreografia di Annarita Pasculli, evocherà uno delle più famose performances del ceco Jiri Kylián, “Gods and Dog” che ha rielaborò personalmente temi di Beethoven, quelli dei sei quartetti dell’opera 18, insieme a Dirk Haubrich, conferendo alla musica una sotterranea inquietudine che fa un tutt’uno con la danza. Finale con una coreografia di Annalisa Di Matteo “Terzo grado”, su di un eterogeno tappeto musicale.

UNO YACHT A VAPORE NEL GOLFO DI NAPOLI

0

Oggi sabato 22 luglio 2017, è in rada a Positano.

Se non fosse per quella prua a taglio perpendicolare, potrebbe essere scambiato per uno dei vecchi traghetti del golfo di Napoli. Si tratta dello SS Delphine, ove SS stanno per steam ship, nave a vapore. Vale la pena osservarlo con attenzione, esso contiene in se oltre che  storia della navigazione, le vicissitudini di navi e marinai lunghe un secolo. Varato nel 1921 dai cantieri Great Lakes Engineering per Mr Dodge, quelle delle auto americane, era equipaggiato con tre caldaie Babcock & Wilcox, molto note ai Capitani di Macchine del Bixio, e macchina alternativa da 1.500 cavalli di potenza. Fu requisito in tempo di guerra, si incendiò e affondo nella baia di New York nel 1926. Fu recuperato e rimesso in navigazione nel 1940 nei Grandi Laghi, successivamente la Marina Americana lo acquisisce come USS Dauntless (PG-61), quale nave ammiraglia di Ernest King, comandante in capo della Flotta Usa e Capo delle Operazioni Navali. A conclusione della seconda guerra mondiale Dodge lo ricompra. Fino al 1997 cambia più mani e nomi e poi venduto per ferro vecchio. Nel 2003 Stephanie di Monaco, la principessa, lo ribattezza,dopo un lungo restauro con ripristino come nel 1921. Di tutti i grandi yacht a vapore americani costruiti tra il 1893 e il 1930, il Delphine è l’unico rimasto nella sua condizione originale con i suoi originali motori a vapore ancora in servizio.

E’ una storia d’amore e di passione, prima ancora di essere una storia di mare, di un epoca andata, tra la famiglia Dodge, la USS Navy e il mondo del mare.

Oggi fa base a Montecarlo, con bandiera Portoghese, viene noleggiato a settimane o per funzioni di cerimonie a bordo.E’  dotato di uno pianoforte stainway 7 metri, ma anche di playstation, piscina massaggio e una seri di giocattoli per divertirsi in mare.

I cacciatori di Positanonews lo hanno beccato a Capri, ma spesso è nel porto di Castellammare di Stabia

foto di Mauro Rispoli

L'immagine può contenere: oceano, cielo, spazio all'aperto, acqua e natura

L'immagine può contenere: oceano, cielo, spazio all'aperto, acqua e natura

SS DELPHINE (MMSI: 255986000) ; Place: a remolque en dirección al Estrecho de Gibraltar

Piano di Sorrento. Tragedia sfiorata sul Corso, cade un marmo vicino negozio

0

Piano di Sorrento. Tragedia sfiorata pochi minuti fa sul Corso Italia quando alcuni pezzi di marmo si sono improvvisamente staccati dal rivestimento di un edificio e sono caduti colpendo di striscio il braccio di un passante che, fortunatamente, non ha riportato ferite ma solo tanta paura.

 

 

Non è più muto il Sorrento

0

I costieri sembrano muoversi sul mercato per l prossima stagione

 

 Sorrento – Alla fine il muto Sorrento inizia a parlare e sembra muovere i primi passi sul mercato per la prossima stagione.

Certo e che qualcosa stia cambiando, come anche traspare dalla pagina di Facebook della società, e staremo a vedere, come, diciamo, il comunicato che è apparso, anche sul sito in work in progress della società, sul rientro di Alfonso Gargiulo. Un calciatore che ha giocato nella fila rossonere e che questo suo ritorno da un lato da un buon input alla squadra che sta costruendo, in prima persona, mister Guarracino, e che sta volendo alla sua corte anche qualche sua conoscenza. Come si è potuto leggere su varie pagine web.

Si è parlato di Cifani ed è così come il calciatore ha postato sulla pagina del suo diario di Facebook: la foto dello stemma del Sorrento, dichiarando che ci metterà tutto il suo “…..max impegno e professionalità per la gente è per il Sorrento calcio !!”.

Ed a fare da cornice, secondo alcune voci e come riportano anche dei siti web, c’è stata la firma di Ciro Schettino, un classe ’93 proveniente dalla Turris ed in cui ha giocato negli ultimi tre anni. Sembra che per ora questi sono i certi, poi ‘vox populi dixit’ che sarebbe dovuto approdare in costiera sorrentina anche Guarro e che avrebbe dovuto anche firmare, ma almeno per ora nulla sotto il sole.

Almeno stando a quello che si sta apprendendo, tramite il web, i rossoneri si stanno muovendo per mettere sul manto verde sintetico un team giovane ma che abbia dietro ai pargoli pimpanti dei buoni esperti. E speriamo che ci siamo nelle prossime ore e giorni anche dei comunicati stampa e delle presentazioni dei calciatori.

 

GISPA

 

Venerdì 21 luglio e sabato 22 luglio sono Africana Famous Club Night

0

Oggi, Venerdì  21 luglio 2017 Africana Famous Club presenta  “Peace & Love”Heroes of Rock,  Party con Dj Sasà Avallone e Voice Tony Ray star 11.00 PM.

Sabato 22 luglio 2017,invece presenta The Classic Saturday, con  International Dj Rae voice Chelsea Como.

Da sempre il palcoscenico musicale dell’Africana accompagna il suo pubblico con un limpido sound ma soprattutto musica adatta ad ogni evento.
Dall’apertura ad oggi si è sempre mantenuto lo stile musicale dell’africana di sempre. Musica commerciale,musica anni’90 ,lounge, live Piano bar.

Info e contatti

Africana Famous Club

Via Terramare, 2
84010 Praiano

Tel. 331 533 0612

Cinema Teatro Armida programmazione dal 20 al 25 luglio 2017

0

Programmazione dal 20 al 25 luglio 
Cinema Teatro Armida, ristrutturato con ampie sale, offre ai propri clienti vaste sale per passare una serata tranquilla con un buon film.

Spider-Man: Homecoming

Ore 17.00 – 19.30 – 22.00

Reduce dallo straordinario debutto nella battaglia in aeroporto di Captain America: Civil War, Spiderman ritorna da protagonista nella prima pellicola Marvel dedicata a lui. Tagliato fuori dalle imprese dei grandi, il giovane Peter Parker (Tom Holland) è stanco dell’eroismo “da quartiere” e sente il bisogno di sconfinare il perimetro rionale per poter dimostrare il suo vero potenziale. Non soltanto alle persone che seguono le gesta dell’Uomo Ragno su Youtube, ma anche e soprattutto al mentore Tony Stark (Robert Downey, Jr.) che, dopo lo scontro tra storici Avengers e piccoli outsider (come Ant-Man) ha preso la questione del ragazzo a cuore. Da quando ha acquisito incredibili abilità fisiche e riflessi di ragno, Peter è passato dall’essere un adolescente ordinario, alle prese con i compiti e la scuola, gli amici invadenti, i bulli, le prime cotte, lo sguardo vigile di zia May (Marisa Tomei), a vestire i panni dell’eroe novello, lanciandosi in missioni pericolose contro avversari spietati e pieni di rancore, e all’insaputa dell’inflessibile Iron Man. Fino a quando un nemico sconosciuto di nome Avvoltoio (Michael Keaton) non minaccia la sua famiglia e i suoi affetti. Allora Spider-Man dovrà mettere da parte l’imprudenza e l’entusiasmo del ragazzino e diventare un eroe adulto e capace. Nel cast troviamo anche la cantante Zendaya, che interpreta la compagna di scuola Michelle, e Jacob Batalon che è Ned, il nerd entusiasta nonché migliore amico di Peter.

 

THE WAR – IL PIANETA DELLE SCIMMIE

Ore 18.30 – 21.30

In The War – Il Pianeta delle scimmie, il nuovo film diretto da Matt Reeves, lo scontro fra scimmie e uomini si profila inevitabile. Le prime sono riunite intorno a Cesare (Andy Serkis), protagonista anche di questo terzo film del reboot della serie de Il Pianeta delle scimmie. Condottiero giusto e malinconico, Cesare abbandona presto l’idea di raggiungere la pace con la fazione nemica e, per vendicare le perdite subite tra i suoi simili, dichiara guerra alla razza umana. Di fronte a lui si dispiegano gli squadroni corazzati dello spietato colonnello senza scrupoli interpretato da Woody Harrelson. Quest’ultimo si rifiuta di cedere il pianeta ai primati, e al grido di “siamo l’inizio e la fine”, marcia con sue le truppe per distruggerli tutti. Un pugno di scimmie si addentra nel mezzo di una landa innevata alla ricerca di un misterioso fortino, dove si nasconde qualcuno che potrà determinare l’esito del conflitto, le sorti delle due specie e il destino di tutto il pianeta.
Al centro del The War – Il Pianeta delle Scimmie non c’è solo il racconto dell’ineluttabile battaglia che si prepara tra scimmie ed esseri umani, c’è anche la storia dell’oscuro conflitto interno in cui si dibatte Cesare, che comincia ad avere dubbi su i suoi principi come scimmia e inizia a perdere le speranze di una pssobile pacificazione con gli esseri umani che lo hanno ferito nel modo più profondo possibile. Via via che il terrore della guerra si diffonde nel cuore della sua famiglia, Cesare si trova in guerra sia con gli esseri umani, che con se stesso per la rabbia incontenibile causata dalle sofferenze a cui ha assistito e a cui deve cedere il passo per una nuova visione necessaria a far progredire la sua specie e portarla fuori dal caos.

USS INDIANAPOLIS 

Ore 17.30 – 20.00 – 22.30

Durante la Seconda Guerra Mondiale la USS Indianapolis si distingue come uno degli incrociatori più veloci e temuti della marina americana e sotto il comando del valoroso capitano Charles McVay (Nicolas Cage) il suo equipaggio combatte con coraggio le più importanti battaglie sul fronte del Pacifico. Nel luglio 1945 a McVay e ai suoi marinai viene affidata una missione top secret: operare in gran segreto il trasporto di una delle due bombe atomiche che metteranno fine alla guerra. Ma durante la traversata la USS Indianapolis viene affondata dall’attacco di un sommergibile giapponese. Vista la segretezza della missione la nave non viene data per dispersa e il suo equipaggio abbandonato per 5 interminabili giorni nel Mare delle Filippine infestato di squali. Dei 1197 membri dell’equipaggio solo 317 uomini vengono ritrovati ancora in vita da un velivolo della US Navy durante un normale volo di pattugliamento. Per nascondere le proprie colpe agli occhi dell’opinione pubblica, qualche mese dopo il disastro il Governo degli Stati Uniti chiama McVay a giudizio davanti la Corte Marziale. La tragedia dell’Indianapolis e il processo a McVay restano una delle pagine più drammatiche della storia militare americana.

Tutte Le Novità Su PROGRAMMAZIONE e PROSSIME USCITE
Sono Disponibili Anche Sul loro Sito Web! www.cinemateatroarmida.it
Per Informazioni 0818781470
MERCOLEDI CHIUSURA SETTIMANALE
……………………………………………………….
CINEMA TEATRO TASSO
• SORRENTO MUSICAL •
Ore 21.30 – Info & Prenotazioni 0818075525

Cresce la differenziata ad Amalfi. Cittadini premiati con agevolazioni

0

Agevolazioni sulla Tassa dei Rifiuti perché in un anno la percentuale della differenziata è aumentata di 10 punti. Il passaggio è stato dal 65% a 75%. Così l’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Daniele Milano, in via eccezionale, ha deciso di premiare i cittadini per esser stati virtuosi. I risparmi di spesa sul conferimento in discarica, previsti per circa € 10.000,00 per l’anno 2017, saranno devoluti agli utenti meno abbienti attraverso una riduzione o esenzione della Tassa Rifiuti per l’anno in corso. Ogni contribuente potrà beneficiare di un bonus fino ad un valore massimo di 200 euro che farà risparmiare sulla Tari.

L’istanza per il bonus deve essere presentata al Comune di Amalfi entro il 16 agosto 2017, utilizzando l’apposito modello disponibile sul sito del Comune di Amalfi, www.amalfi.gov.it, al quale va allegata la certificazione ISEE dell’ultimo anno disponibile.

Il Comune provvederà alla predisposizione di una apposita graduatoria secondo le domande pervenute entro il termine previsto, che terrà conto dei valori ISEE più bassi. Tutti coloro che faranno richiesta saranno informati della posizione da loro raggiunta in graduatoria e dell’entità dell’esenzione o riduzione.

Visto che la scadenza della prima rata della Tari è fissata per tutti i contribuenti di Amalfi per il 31 luglio 2017, per quanti faranno domanda per il bonus, ma non risulteranno tra i beneficiari del bonus, la scadenza sarà posticipata al 31 agosto 2017.  I moduli per la richiesta sono disponibili al seguente link: http://www.amalfi.gov.it/procedimento/misura-agevolativa-tari-2017/

MUSIC ON THE ROCKS Sabato 22 Luglio #ShuffleOnTheRocks

0

Music On the rocks, la splendida discoteca in riva al mare di Positano presenta, domani sabato 22 luglio 2017 #ShuffleOnTheRocks Guest Djs Max Zotti + Willy Ragosta
Resident Dj Mario Iovieno
Voice Gianluca Gallo
Live Show Claudio Fiori

Non mancare

Info e contatti
Music On The Rocks
Via Grotte dell’Incanto, 51 – Spiaggia Grande – Positano
Cel. 089 875874

Fauno Notte club speciale weekend venerdì e sabato

0

 

 

La storica discoteca di Sorrento, il Fauno Notte club, aperto tutti i giorni per il tuo divertimento. Il weekend al Fauno Notte Club inizia venerdì con Franky D.PPepyx Mc e prosegue sabato con Simon5 che si aggiunge a loro due!!

Non mancate

Info e contatti

Piazza Tasso, 13 80067 Sorrento

081 8781021 – 3332972983

info@faunonotte.it

Strisce blu….poca trasparenza a Piano di Sorrento

0
Riceviamo e pubblichiamo . Piano di Sorrento In piazza mercato e altre zone carottesi molte  persone  si lamentavano per l’assenza di un tariffario .  Mi giro attorno  e vedo che in tutte le segnaletiche verticale sta scritto , orario di pagamento , ma non la   tariffa di quando andrebbe pagato ad ora o frazione .  Le segnaletiche di S’Agnello  sono  a norma con orario e tariffa, mentre Piano di Sorrento no .. c’è poca trasparenza nei confronti degli automobilisti ,Perché non si prendono provvedimenti in merito a questo disagio? Perché permettere a questa ditta del Nord di fare i propri comodi nel nostro Paese e raggirare i Cittadini? Chi dovrebbe controllare?

“L’ORO DI NAPOLI ED IL RESPIRO DELLO YOGA” DOMENICA 23 LUGLIO ORE 21.00

0

Il concerto a Torre  e’ programmato per il 23 luglio . La canzone Napoletana, cantata con la maestria delle  raffinate interpretazioni di Sabrina Cimino e’ la protagonista . Inoltre , per la prima volta,  sarà realizzata  la sinergia fra le pratiche dello yoga, coordinate da Maria Pia Milano  e i capolavori della canzone napoletana con le note  al pianoforte di Roberto Ruocco , che sostituiranno le atmosfere musicali  che abitualmente incorniciano meditazioni e relax. La carismatica bellezza della location sarà naturalmente essenziale elemento  per questo inedito abbinamento, fortemente auspicato da Roberto , che unisce in un abbraccio  in un unico contenitore ricco di vibrante umanità’ , la dedizione alla terra , il profumo dei limoni, la profondità della tradizione yoga e le  storie musicali d’amore della tradizione canora partenopea.

 

Napoli fiducioso di poter vincere il lodo arbitrale contro Higuain

0

De Laurentiis è in vantaggio, è la sintesi della controversia che vede contrapposti Higuain e la Ssc Napoli. L’attaccante argentino ha già avviato da mesi una battaglia legale richiedendo 2,5 milioni di euro tra emolumenti, premi e contributo di solidarietà. «La mia sensazione è che la posizione della società azzurra sia corretta. Francamente pensare che un calciatore che è stato alle dipendenze di un club per tre anni, percependo uno stipendio netto di 5.750.000 euro netti all’anno, si possa essere dimenticato per strada 2.5 milioni mi sembra prima che giuridicamente ancor più logicamente impossibile: Higuain non se ne sarebbe mai andato senza aver prima riscosso queste somme. A noi non risulta che il Napoli possa aver tralasciato di aver corrisposto quanto dovuto a Gonzalo Higuain, dato che riceve visite trimestrali dalla Covisoc, il club sarebbe stato sicuramente deferito o penalizzato», ha dichiarato l’avvocato Grassani. I legali di Higuain non hanno rispettato le scadenze nella consegna dei documenti, ciò porterebbe il Napoli in una situazione di vantaggio. L’esito, però, non è ancora scontato, il Napoli è sulla buona strada per arrivare alla vittoria ma non c’è la decisione definitiva. L’ha reso noto l’avvocato Massimo Farina, presidente del collegio arbitrale all’Ansa: «Nella qualità di presidente del collegio arbitrale nella controversia tra Higuaìn la società Calcio Napoli dichiaro che in merito alla vicenda il lodo non è stato ancora depositato e che non è stata ancora assunta nessuna decisione». Il collegio arbitrale, formato da tre arbitri, si esprimerà tra circa 15 giorni, la vittoria del Napoli è probabile ma non ancora definitiva. Sembra che il Napoli abbia dimostrato ai giudici di aver destinato quel denaro a fini fiscali. La battaglia tra De Laurentiis e Higuain sembra aver raggiunto un punto decisivo, la controversia legale è l’ultimo atto di una guerra aperta, in cui spesso De Laurentiis ha fatto resistenza davanti ai colpi dell’argentino. E’ stato un lungo «botta e risposta» iniziato nella conferenza stampa di presentazione a Vinovo, che si è trascinato fino alla doppia sfida di Coppa Italia. Ci sarà ancora da aspettare ma in casa Napoli già s’assapora la vittoria. «Sta andando tutto nella direzione giusta», ha commentato con ottimismo l’avvocato Grassani. il verdetto dovrebbe arrivare tra una decina di giorni come ha confermato Massimo Farina, presidente del collegio arbitrale. (Corriere del Mezzogiorno)

Una scuola di restauro alla Reggia di Caserta, l’ok dell’Accademia

0

Una scuola di restauro nella Reggia di Caserta. Un progetto voluto dalla direzione del complesso vanvitelliano e dall’Accademia di belle arti di Napoli in partenariato con l’Aren, l’associazione dei restauratori napoletani. La scuola nasce come sezione secondaria dell’Accademia a Caserta, che già rilascia a Napoli il diploma accademico di secondo livello di durata quinquennale in Restauro che abilita alla professione di restauratore di beni culturali. I corsi partiranno in autunno all’interno della Casa del giardiniere, edificio settecentesco che sorge all’interno del giardino inglese, spazi «rimessi a nuovo almeno 15 anni fa e mai utilizzati – dice il direttore della Reggia, Mauro Felicori – noi li mettiamo a disposizione gratuitamente per dieci anni e in cambio l’Accademia non solo porterà i propri allievi a frequentare il palazzo, ma realizzerà interventi di restauro sul patrimonio storico-artistico dell’appartamento storico». Felicori insiste nel potenziamento delle relazioni tra il capoluogo e la Reggia, «dove vivevano i re di Napoli, non quelli di Caserta» e legge l’accordo tra Belle arti e il suo museo come esempio di contaminazione. La scuola e i laboratori saranno destinate alla formazione finale degli allievi dell’Accademia: ogni anno sono trenta gli studenti che vengono ammessi all’istituto di via Bellini per diventare restauratori, suddivisi in tre percorsi formativi: materiali lapidei, dipinti e ceramica. Con l’apertura della sede casertana il numero è destinato a crescere, anche perché – grazie all’accordo con l’Aren – verranno allestiti nuovi laboratori al servizio, in particolare, dei territori di Caserta e Benevento. «Inseguiamo un sogno – dice il presidente dei restauratori Emanuele Vitulli – conservare l’alta professionalità di noi italiani e per questo serve una formazione continua». «Si tratta di un’occasione per costruire alte professionalità – precisa il direttore dell’Accademia Giuseppe Gaeta – capaci di generare innovazioni di prodotto e di processo. Anche in Campania si apre una fase nuova: di recente la Regione ha recepito gli standard per formare i collaboratori restauratori. C’è molto da fare e l’Accademia, assieme alla Reggia di Caserta, si candida a divenire punto di riferimento». Felicori ricorda infine i rapporti avviati con il museo Madre sulla collezione Terrae Motus. «Il Madre potrebbe organizzare mostre alla Reggia, abbiamo tanti spazi che possono essere utilizzati dalle grandi istituzioni napoletane. Sono pronto a collaborare». (la Repubblica) 

Centro sportivo polivalente a Capri, presentato l’avvio della gara

0
polivalente capri foto di ferdinando mezzelani gmt 00393932005777

Il Presidente del CONI Giovanni Malagò e il Sindaco della città di Capri Giovanni De Martino, unitamente all’Amministratore Delegato di Coni Servizi Alberto Miglietta e all’Assessore allo Sport della città Vincenzo Ruggiero, hanno presentato ieri al Foro Italico l’avvio della gara per la realizzazione in Finanza di Progetto del “Centro sportivo polivalente a Capri”. Si tratta di un’iniziativa pubblico-privata per la costruzione e la gestione trentennale di un complesso sportivo comunale, con piscine e copertura mobile. Per l’occasione è stata rinnovata una collaborazione, già avviata nel settembre 2015, quando l’isola fu scelta come location per un match amichevole di pallanuoto tra Italia e Spagna, due delle nazionali più titolate al mondo, per uno spettacolo sportivo unico nel famoso scenario dei faraglioni. A inizio 2016 l’Amministrazione Comunale ha chiesto supporto alla Coni Servizi, leader nel mercato dell’assistenza per l’impiantistica sportiva, al fine di intraprendere una procedura per la costruzione del centro sportivo in oggetto in località San Costanzo. L’obiettivo è quello riqualificare una zona nella quale in passato era prevista la realizzazione di un Palazzetto dello sport, costruito solo in parte e ad oggi incompiuto. Si tratta di un progetto molto ambizioso, finalizzato alla costruzione di un complesso natatorio comprendente due piscine (di cui una per le attività fisioterapiche), dotate di una performante copertura apribile, tribune, servizi ed impianti tecnici. La struttura sarà inoltre integrata con una palestra piccola, un bar-ristorante, una sala fitness, un centro fisioterapico, un centro medico sportivo, spazi per attività ludiche ed arti marziali, una foresteria, oltre ad aree attrezzate all’aperto. Coni Servizi ha assunto il ruolo di Advisor tecnico e, collaborando in sinergia con professionisti esperti in materia di Partenariato Pubblico Privato, ha supportato il Comune nella redazione un progetto di fattibilità tecnico economica, con l’obiettivo di attrarre investitori privati a cui affidare – con lo strumento della finanza di progetto (Project Financing) – la progettazione, la realizzazione e la seguente gestione della struttura. Gli elaborati tecnici, redatti dal Comune, prevedono la creazione di circa 3.500 mq di superficie coperta di cui 2.300 ad uso sportivo e 1.200 ad uso commerciale di supporto all’attività sportiva, stimando un valore delle opere da realizzare, con risorse esclusivamente private, pari a circa 5.300.000 euro al netto dell’IVA. L’Amministrazione pone a base di gara un contratto di 30 anni complessivi, di cui 2 stimati per la costruzione e 28 per la gestione. Al termine della concessione l’impianto tornerà nella disponibilità del patrimonio della Città di Capri senza alcun onere di riscatto. Il Comune di Capri è disponibile ad erogare un contributo pubblico annuale pari a 50.000 euro, che rappresenta il 3% dei ricavi annuali attesi, a fronte della fruizione dell’impianto di particolari categorie di cittadini (bambini, anziani, portatori di handicap) a tariffe agevolate. L’Amministrazione è inoltre disponibile a concedere la fruizione dell’adiacente campo di calcio a 11 comunale per due giorni a settimana nel periodo invernale e giornalmente per l’intero periodo estivo. Con l’avvio della procedura di gara, della durata di 120 giorni, si conclude la prima di tre fasi; la seconda sarà relativa alla progettazione, la terza, consisterà nella costruzione e gestione dell’opera. In conclusione si può asserire che quello che il Comune di Capri sta mettendo in campo è un progetto molto ambizioso, una risposta concreta ai tempi che cambiano e all’immobilità generale per ciò che concerne la realizzazione di nuove strutture sportive e luoghi di aggregazione. Il Presidente Malagò ha espresso l’orgoglio dello sport italiano per il progetto: “Questo incontro mi rende felice. Capri è Capri, non devo aggiungere altro. É clamoroso che non esista una piscina con le caratteristiche che presenta la struttura che si sta realizzando. É un elemento indispensabile. Questo é un tema che mi appassiona molto, da imprenditore, e la formula pubblico privato è la più virtuosa e intelligente. Serve un know how importante da affidare a un soggetto terzo in questi casi perché la redditività ruota intorno a una vasca e al contesto; aspetti commerciali, giuslavoristici, legati al marketing e ai servizi integrativi. C’è un campo attiguo ed è un aspetto importante. Complimenti alla città di Capri e orgogliosi della Coni Servizi. Potrebbe essere bello pensare a chi intitolare l’impianto per identificare ancora di più questa struttura”. Soddisfatto il sindaco De Martino: “Avevamo assunto l’impegno di realizzare questa struttura e siamo riusciti a trasformare il sogno in una realtà cartacea con l’obiettivo di farla diventare concreta. L’amministrazione pubblica ha fatto il suo dovere, ora ci apriamo all’imprenditorialitá privata per dare luce al progetto. Grazie al CONI e a Coni Servizi per l’entusiasmo e la competenza”. L’Assessore allo Sport Vincenzo Ruggiero è sceso nel dettaglio: “La città vuole realizzare un centro sportivo polivalente per tutto l’anno, destinato a colmare tutti i gap del territorio. Speriamo nell’intervento dei privati perché Capri è un brand unico che va valorizzato. Si tratta di un progetto da poco più di 5 milioni e l’amministrazione è disposta a concedere una cifra per garantire la fruibilità della struttura a livello locale. Il potenziale investitore potrà godere anche di agevolazioni fiscali. La gara è di 120 giorni per lavorare in modo serio e con una progettualità che deve rimanere nel perimetro delle linee guida redatte grazie al fondamentale contributo di Coni Servizi”. L’Ad di Coni Servizi, Alberto Miglietta, ha chiuso gli interventi: “Orgoglioso di questa sinergia importante tra il CONI, tramite Coni Servizi, e Capri. Entusiasmo professionalità e know how sono i tre cardini di questo progetto. L’amministrazione comunale ha dimostrato caparbia nel superare gli ostacoli e lungimiranza nel perseguire questo obiettivo. La professionalità deve essere un esempio e un punto di riferimento: in questo particolare frangente ha risolto i problemi. Il know how è legato alle persone, in particolare a Marco Sanetti e ad Andrea Pivano che hanno segnato e costruito questa collaborazione fino a redigere il progetto insieme alla città. Vogliamo essere al fianco dello sport e delle amministrazioni per promuovere il nostro mondo nel modo più efficace”. I vertici amministrativi della città di Capri sono stati salutati, prima della conferenza stampa, anche dal primo cittadino di Bari e Presidente dell’ANCI, Antonio Decaro. (coni.it)

Sulla pineta delle Tore incendio criminale

0

Distrutta una vasta parte della zona

 

Sorrento – Parte dell’Italia è sotto la morsa delle fiamme e del fuoco e non poteva mancare che anche uno dei polmoni verdi della costiera sorrentina non venisse attaccato da un Incendio criminale: la pineta delle Tore. L'immagine può contenere: spazio all'aperto e natura

Gli alti fusti di pino che la compongono per la maggior parte sono andati in fiamme in una vasta zona nella parte che guarda il golfo di Salerno, e che porta verso la zona del tiro al piattello.

In poche parole i piromani hanno agito nella zona dove c’è il sentiero che parte un centinaio di metri dopo l’ex abbandonato eliporto e porta verso l’interno della pineta, dove come suddetto, ci sono moltissimi pini che hanno subito l’onta delle fiamme che però non li ha messi completamente ko. Forse qualcuno potrebbe ancora dire la sua, se però non ci sarà ancora chi ne vuole la morte a tutti i costi per i tanti interessi che forse ci sono sotto. Sul posto si sono recati i Vigili del fuoco e gli operatori della Sma che sono stati impegnati per due ore a domare le fiamme. Alla fine tutto è stato risolto anche se resta qualche residuo di fumo attivo.

L'immagine può contenere: albero, spazio all'aperto e natura

Ma qualcosa aveva previsto Claudio Esposito del WWF perché qualche giorno fa aveva fiutato che anche questo polmone verde sarebbe stato attaccato, ed infatti è stato così anche perché la zona è infestata da rovi a causa della mancata pulizia e questo è stato un facile innesco per i piromani.

Foto tratta da google, com’era

Una delle mete che sono preferite non solo dagli escursionisti, dagli amanti della natura che in questo, ormai semi distrutto, polmone verde ci  vanno per godersi una salubre passeggiata o solo per godersi sia il verde che il paesaggio della zona, ma anche da chi vuol passare delle ore in spensieratezza.

L'immagine può contenere: pianta, albero, cielo, spazio all'aperto e natura

Molta è la tristezza che avvolge i molti residenti della zona ma ormai si sa che c’è la mano del dolo e con ogni probabilità non si darà un volto ai piromani che si sono messi in azione in queste ultime ore. Agli agenti della polizia municipale che si sono recati sul posto, il compito di effettuare la conta dei danni e reperire elementi utili alle indagini.

Le foto  corredo dell’articolo sono di Giuseppe Spasiano

 

GISPA

 

ANTEPRIMA – Riaperta la S.S. 163 Amalfitana fra Positano e Amalfi VIDEO

0

A sorpresa, il tratto di strada statale Amalfitana tra Furore e Conca de’ Marini che era stato chiuso riaperta agli automobilisti. A sorpresa, perché viste le condizioni in cui versava la strada questa mattina era davvero difficile riuscire nell’impresa. E invece l’apertura c’è da Positano ad Amalfi finalmente non siamo più isolati.

Solo questa mattina eravamo stati sul posto e avevamo riscontrato una situazione ancora in alto mare: una quantità incredibile di massi sull’asfalto che facevano presagire ancora tempi lunghi per l’apertura della strada.

Il tratto in questione era molto importante per la circolazione veicolare e una sua chiusura a tempo indeterminato poteva essere assolutamente deleteria anche per il turismo.

 

SS 163

  • 127 visualizzazio

Allenamento tattico per il neoacquisto Mario Rui: con il Chievo vuole esserci

0

«La linea, la linea», chissà quante volte avrà ascoltato le urla di Sarri che ai tempi degli allenamenti a porte aperte al «Castellani» di Empoli chiedeva ai suoi l’armonia e l’attenzione ai movimenti del reparto difensivo. Mario Rui ieri mattina al campo di Carciato ha ascoltato nuovamente le indicazioni di Sarri quando per la prima volta è stato coinvolto nel focus sulla fase difensiva. Il terzino portoghese si è cimentato in tutti i movimenti richiesti, sia nella fase d’impostazione che quella di copertura e nel pomeriggio ha anche partecipato alla partitella a campo ridotto. Mario Rui è arrivato al Rosatti martedì 11 Luglio, per due giorni ha dovuto aspettare che si sbloccasse il nodo dei diritti d’immagine per poter diventare ufficialmente un calciatore del Napoli. Una quarantina di ore trascorse in forma riservata, mantenendo costantemente i contatti con il suo entourage, con la volontà di rispettare l’evoluzione della trattativa senza forzare le situazioni e mettersi in mostra prima della firma. Neanche per una pizza al ristorante «Al Ponte» a pochi metri dall’albergo, Mario Rui ci stava andando ma poi ci ha ripensato per rispettare il percorso formale che l’ha portato al Napoli. Giovedì scorso la trattativa si è finalmente sbloccata e Mario Rui, in camera in albergo con Duvan Zapata, ha potuto iniziare ad allenarsi con i nuovi compagni. Prima di scendere in campo, la gioia espressa nei post sul suo profilo Instagram, dove ha trasmesso anche un indizio sul numero di maglia, che dovrebbe essere il 6. All’ingresso sul terreno di gioco il pubblico gli ha riservato un lungo applauso. Mario Rui, reduce dagli insulti dei tifosi giallorossi beccati a Villa Stuart, ha accolto con grande entusiasmo il calore dei fans napoletani rispondendo con un saluto al pubblico in tribuna. Il suo volto trasmetteva la felicità di chi si fa travolgere dall’abbraccio azzurro, non aveva mai visto tanto entusiasmo appena giunto in ritiro, senza neanche disputare una partita. Mario Rui ha dovuto lavorare per arrivare al livello di condizione atletica dei compagni, il terzino portoghese si è concentrato su palestra, corsa, allunghi, esercizi sulla velocità. Contro il Trento e il Carpi l’ex Roma non è stato neanche convocato, ha svolto degli allenamenti al campo di Carciato con gli altri compagni che non hanno partecipato alle partite. Il giorno del debutto potrebbe essere sabato 22 Luglio, quando a Trento si disputerà l’amichevole contro il Chievo Verona. terzo portoghese della storia del Napoli, dopo Vidigal e Rolando, è pronto per essere la nuova freccia sinistra a disposizione di Sarri. Sarà l’alter ego di Goulham in questa stagione che può essere quella della sua consacrazione ad alti livelli. (Corriere del Mezzogiorno)

QUEI FIGURI DI TANTI ANNI FA. ATELLANA AD ATRANI

0

Atellana, gruppo teatrale  Filodrammatica di Maiori, presenta QUEI FIGURI DI TANTI ANNI FA atto unico di eduardo de Filippo. Lunedi 24 luglio alle 21.30 nel piazzale Casa della Cultura di Atrani.

L'immagine può contenere: 9 persone, persone che sorridono, sMS

 

 

Incendi in Cilento.Presidente del Parco: sono dolosi, molti interessi criminali

0

Tommaso Pellegrino è il giovane e dinamico presidente del Parco nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni. Il parco è in piena attività nonostante l’emergenza incendi che sta interessando anche il suo territorio. Ieri mattina la presentazione del Rapporto Lupo 2017 redatto in collaborazione con il Dipartimento di Biologia della Federico II e coordinato dallo zoologo Domenico Fulgione, con l’ausilio dell’Istituto di gestione della Fauna. Presidente Pellegrino, bruciano le aree protette della Campania, dal Vesuvio al Cilento. «Va fatta innanzitutto una precisazione. Gli incendi che hanno interessato il Parco nazionale del Vesuvio credo siano il frutto di un’unica matrice criminale. Quelli che si sono sviluppati nel nostro territorio, certamente di origine dolosa, sono di matrici diverse. Noi comunque ci riteniamo parte lesa perché quando si brucia un’aria protetta si fa un attentato alla bellezza di un paesaggio, ma come parco non riteniamo di avere compiti che non abbiamo assolto». Come gestite l’emergenza? »Abbiamo un sistema di telecamere efficiente e otto moduli antincendio che ci consentono di tenere il territorio abbastanza monitorato, siamo dotati inoltre di mezzi piccoli con i quali riusciamo ad intervenire soprattutto in quelle aree interne più difficili da raggiungere. Contiamo molto anche sulla collaborazione dei cittadini che ci avvisano quando avvistano un incendio e sui sindaci dei singoli Comuni. Grazie a questa collaborazione fattiva si riesce ad intervenire con maggiore velocità. Ritengo che siano due i fattori principali da tenere sempre presente di fronte all’emergenza incendi: la condanna dell’azione criminale e la tempestività dell’intervento. Gli incendi sono devastanti per la biodiversità vegetale ed animale. Il rapporto Lupo 2017 dice dati interessanti: il più grande predatore d’Europa è in aumento nei territori del Parco in maniera significativa si parla di 20-30 individui che crescono, si riproducono e mangiano essenzialmente cinghiali. Siamo orgogliosi e fieri di presentare questo lavoro sul lupo che è al centro dell’interesse della comunità scientifica internazionale, grazie al lavoro impeccabile del professor Fulgione della Federico II, con cui stiamo lavorando ad altri progetti importanti per la gestione del territorio tra cui la gestione dell’emergenza cinghiale e la prevenzione del bracconaggio, tutti progetti che si inseriscono nella politica della tutela della biodiversità così come la prevenzione degli incendi». (Corriere del Mezzogiorno)

Napoli. Ragazza violentata in spiaggia. Sui social: «Così impari a denunciare»

0

Napoli. Umiliata, offesa, oltraggiata e addirittura minacciata di morte da amici e conoscenti dei ragazzi accusati di averla stuprata. La giovane vittima della violenza sessuale a Marechiaro ieri mattina ha trovato la forza di ribellarsi all’ennesima provocazione. Quando ha saputo che i carabinieri avevano notificato ai tre minorenni accusati di aver abusato sessualmente di lei un avviso di garanzia, ha spulciato tra i profili dei loro amici, di altri in comune, in una cerchia virtuale ampissima. E lì la prima amara scoperta: qualcuno di loro ha commentato ironicamente per quanto le era accaduto, ridendoci sopra e facendo battute di infima qualità. Altri avevano manifestato perplessità sul suo racconto mettendo in dubbio la versione fornita ai carabinieri e appellandola in ogni modo. Così la quindicenne, con la forza e il coraggio che l’hanno contraddistinta sin dal primo momento, quando dopo poche ore dallo stupro ha cercato su Facebook i volti e i nomi dei suoi aggressori, ha voluto scrivere un post sulla propria «bacheca». Lo ha fatto senza restrizioni, in maniera pubblica, cosicché chi doveva vedere poteva farlo. «Siete ridicoli – ha scritto – ma nel vero senso della parola. Io non vi auguro assolutamente quello che è successo a me, però almeno non rideteci sopra, perché così facendo la ruota gira». Uno sfogo a provocazioni che non ha avuto la forza di incassare in silenzio. Perché per molti ragazzini le piazze virtuali e i commenti ai post sono molto più dolorosi di litigi e confronti che una volta invece avvenivano in strada. E allora le hanno fatto male le risate ironiche e i commenti facilmente fraintendibili, facendola passare come una ragazza «facile» tanto da aver teso lei stessa una trappola ai tre indagati. Ma quello che è accaduto poco dopo la pubblicazione del suo post è difficile da comprendere. La ragazza è stata bombardata di messaggi, tutti in presunto dialetto napoletano, zeppi di volgarità. Parole scritte come pronunciate, quasi incomprensibili. Lei li ha cancellati di volta in volta, ma subito ricomparivano. Ed è stato così per tutta la giornata fino a quando, ad uno ad uno non ha bloccato tutti quei contatti di persone che non solo difendevano i ragazzi, ma che la offendevano e la minacciavano di morte. «Ma come, prima fai e poi ti tiri indietro?», le scrive una donna, amica degli indagati. E rincara la dose: «Io se devo fare sesso non vado a chiamare ’e guardie». Lei prova a rispondere dicendole: «Ma se non sai le cose perché parli? Pensa prima di parlare». «Ti picchio, ti ammazzo», le dice l’altra. Le rispondono anche alcuni ragazzi, uno con un cognome «pesante» e legato a un clan della camorra del centro storico, anche loro amici del branco. Riempiono la bacheca di offese, facendo anche riferimento a posizioni sessuali che uno degli indagati avrebbe usato per violentarla. Una brutalità che porta alla memoria la lapidazione sul web operata contro Tiziana Cantone, la trentenne di Mugnano suicidatasi perché caduta in un pozzo senza fondo dopo la pubblicazione in internet di alcuni video hot girati con il suo fidanzato. Tra i commenti orrendi appare un briciolo di umanità, chi esprime solidarietà postando cuori e baci. Il processo al momento i social l’hanno fatto alla vittima. Che alla fine ha cancellato il suo profilo Fb. (Corriere del Mezzogiorno)

Ipotesi di Default, di Carla Villa Maji.

0
L’ attuale assetto degenerato delle istituzioni dello Stato italiano, il non adempimento di adeguate funzioni di garanzia da parte degli organi preposti, Presidenza della Repubblica Corte Costituzionale Consiglio Superiore della Magistratura, per il modo con cui vengono eletti ma non solo,  il decadimento intellettuale e culturale del Parlamento ovvero la sua inadeguatezza alla compilazione di leggi conformi ai principi generali dell’ ordinamento e utili alla loro realizzazione, l’ asservimento dei Governi a interessi non coincidenti a quelli del Popolo italiano, questi sopratutto alla base del gonfiarsi del nostro debito e non i nostri più o meno gestibili sprechi, le condizioni di disagio in cui le Forze Armate e dell’ Ordine si trovano nel servire tale assetto, il non rispetto degli elementari diritti delle Persone e delle Società, costituiscono il Nostro molteplice e integrale ‎fallimento.
Una stella prima di spegnersi  prende a dilatarsi sempre più per poi collassare.
Non si vede come possiamo avere più credibilità nei mercati continuando a portarci dietro un debito oltre il 130 per cento del Pil e non si vede come possiamo essere credibili continuando a non fare delle riforme istituzionali che realizzino valori e diritti universali e inalienabili.
‎‎
‎‎Si può quindi pensare a una dichiarazione di fallimento dello Stato italiano, cessazione dell’ agonia, fine dell’ accanimento terapeutico e del lucro per chi vi provvede, i primi a sprofondare sarebbero i  Tedeschi considerando il loro export nel Bel Paese, e sarebbe un piacere, e con il default a quanto segue.
Ri-nazionalizzazione della Banca d’ Italia e stampa di valuta italica equivalente alla nostra ricchezza mobile e immobile e aurea e alle necessità della domanda interna.
‎Imprescindibili la chiusura delle frontiere, i carrarmati al Brennero e agli altri valichi, il ponte della Marina Militare ai limiti delle acque territoriali, lo straniero non passi, non a nord, non a sud, il suo solo passaggio richiederebbe ulteriori costi troppo alti e  problemi di ordine pubblico in una fase così delicata,  chi rimanesse da vecchio comunque graverebbe sui nostri conti, altroché salvataggio dell’ Inps, follia pura, di coloro che necessitano asilo si possono interessare gli Stati più stabili del Nord Europa passando per lo stretto di Gibilterra e soprattutto i responsabili primi e principali di quanto accade in Africa a causa della lotta per l’ accaparramento delle risorse.
Forse tassa unica giornaliera di soggiorno per i turisti eccetto che per gli studenti, ma è da studiare coi pro e contro.
Immediato inizio di abbassamento delle tasse e progressivo, abolizione di bolli e gabelle per gli atti della PA.
‎Rifornimento energetico con patners adeguati al mutamento delle condizioni, accordi preventivi.
Sviluppo settore produzione energetica interna.
Fine di sprechi e consumismo, educazione ecologica merceologica e per quanto necessario e possibile autarchica, in Italia abbiamo già molto di quanto serve per vivere, si compri e si produca strettamente quello che serve‎ al Nostro benessere e sviluppo e per quanto possibile italiano, si accetti che per uscire dal tunnel potremmo affrontare delle privazioni, del resto siamo già preparati, in gioco c’ è la Nostra libertà.
Abbozzo di riforma costituzionale degli organi di garanzia, Presidente della Repubblica eletto a suffragio universale e capo delle FA e del Governo, CSM e Corte Costituzionale eletti per metà  dal Presidente e per metà dal Parlamento e per un solo terzo tra i Magistrati‎, gli altri due terzi scelti tra Cittadini di alta cultura giuridica e comprovata moralità e fedeltà allo Stato, loro avvicendamento ogni volta per la parte spettante a ciascun organo elettore con l’ avvicendamento del medesimo. Infatti gli organi di garanzia riguardano tutti i Cittadini e non si vede perché i Magistrati debbano avere un mandato privilegiato, tanto più che hanno mostrato di non farne buon uso, per soli motivi tecnici è da riservare loro un terzo dei seggi, una quota non sufficiente a essere da soli maggioritari né alla Consulta né al Csm.
‎Ulteriore riordino dell’ Amministrazione.
Reale riordino Forze Armate e dell’ Ordine, a meno che la presa in giro di un paio di mesi fa ai danni di chi tutti i giorni rischia la vita Vi sia sembrata tale…
Accelerazione dei tempi dei processi una volta completata la fase preliminare, abolizione delle norme che aumentino i tempi per permettere l’ indugio nei disservizi dello Stato, in ogni cosa deve valere la salvaguardia dei diritti civili, il Cittadino non deve essere ostaggio e vittima designata di uno Stato colposamente e dolosamente incapace e lento, uso esteso dell’ arbitrato privato, pene detentive solo in caso di pericolosità ovvero di gravi reati contro le Persone e la collettività, smaltimento dei processi arretrati con semplificazione delle procedure quando possibile e incremento degli organici‎ della Magistratura, dove necessario.
Distribuzione delle terre e dei borghi abbandonati e incentivi per le aziende agricole,  il turismo, e il ripristino dei luoghi dissestati.
Incentivi per il settore manifatturiero a ogni livello.
‎Lotta all’ analfabetismo funzionale, ripristino di condizioni più severe per l’ accesso all’ Università, innalzamento del livello scolastico a ogni grado, individuazione dei programmi di ricerca più adeguati.
Prevenzione e educazione sanitaria, inizio di forme di lotta contro i profitti delle multinazionali del farmaco, lotta agli sprechi.
Difesa dei‎ diritti e delle libertà della Persona, Sua inviolabilità e autodeterminazione nella vita come nella cura e nel tempo ultimo.
Più in generale, i diritti fondamentali della Persona sono inviolabili dallo Stato in quanto originariamente al di là di ogni volontà comune.
Lo Stato hegeliano i Tedeschi, se proprio lo vogliono, devono tenerselo a casa loro, ma anche loro dovrebbero aver imparato qualcosa dalla Storia!
Queste cose le inizierei e attuerei nei primi cento giorni‎ dal default, gli Italiani, se scelgono tale opzione, devono farlo prima della scadenza del mandato di Draghi alla Bce nel novembre 2019 e del subentro del Suo successore probabilmente tedesco e prima che i burocrati europei alla loro oppressione sui Popoli vogliano aggiungere quella di qualche forza armata europea e comune e l’ abolizione del contante!
Immediata espulsione quindi dall’ Italia di tutte le rappresentanze diplomatiche di ‎Stati che in modo diretto o indiretto minaccino ritorsioni o ventilino e finanzino il terrorismo o seminino panico o non rispettino i diritti fondamentali riconosciuti dalla Nostra legge fondamentale.
Potenziamento delle relazioni internazionali con gli Stati che riconoscano da subito e in pieno la Nostra Sovranità e siano disposti a collaborare.
‎‎
Carla Villa Maji

Escursionisti australiani eroi, fermano il fuoco a Nocelle. Cittadini soli

0

Ancora paura a Positano . Un ulteriore incendio stava divampando al di sotto del cimitero nei pressi del centro abitato. Con i residenti arrivano i soccorsi anche degli stranieri, dall’Australia. Dei turisti che passando di li, vedendo il fuoco, si sono uniti ai cittadini per spegnere le fiamme. Sono stati molto coraggiosi gli escursionisti australiani, in vacanza in costiera Amalfitana.

I cinque si sono trovati nel bel mezzo di un incendio mentre percorrevano la scala che dopo il Sentiero degli dei porta ad Arienzo, la passeggiata più bella della Costa d’ Amalfi , senza alcuna paura, hanno cercato di aiutare per spegnere le fiamme, ed insieme ai residenti hanno fatto una catena umana.

Un altro incendio si stava sviluppando da Agerola ed un altro nei pressi della casa di Richard dove è intervenuto tempestivamente Giglio Casola, il figlio di Antonio. Piccole fiamme che propagandosi potevano arrivare a lambire le case.

Le impressioni sono che i soccorsi non siano tempestivi ne vi sia coordinamento. Il 115 che non si attiva subito, gli elicotteri che arrivano dopo ore, bisogna chiamare varie istituzioni, gli elicotteri vanno per fatti loro, i vigili del fuoco pure, manca quel coordinamento che una volta faceva la Forestale e che per una scelta sciagurata è stata smantellata. A tutti i livelli si percepisce una improvvisazione e superficialità che porta a paura ed insicurezza e , sia a Montepertuso che a Nocelle, solo l’intervento dei volontari ha portato ad evitare il peggio. I cittadini si sentono soli ad affrontare questa emergenza, tanto da far addirittura invocare l’intervento dell’esercito. Da due settimane le zone alte di Positano vivono nella paura delle fiamme, un incubo che non sembra terminare mai, come questa siccità.

FESTA DI SAN GIACOMO 2017 A LIPARLATI DI POSITANO

0

Martedi 25 luglio 2017, festa di San Giacomo a Positano, nel quartiere Liparlati. Alle 19.30 processione con la banda musicale Città di Sorrento.

La storia della chiesa trqatta da questo sito http://www.positanonline.it/chiesa_s_giacomo.htm

È la chiesa del rione  Liparlati ed una delle più antiche di Positano. Fondata nel XII secolo, in onore di Santiago de Compostela, (S. Giacomo del Campo di stelle) dalla famiglia Parrata che aveva interessi commerciali con la Spagna, è il cuore intorno al quale ha preso forma e si è sviluppato l’antico borgo medievale.
Alcune decorazioni a carattere religioso, rinvenute sulle mura di vecchie case parzialmente dirute e prossime alla chiesa, fanno ritenere che vi fosse aggregato un cenobio di cui si è persa memoria.
Come la maggior parte delle chiese minori, è ad una sola navata con copertura a volta lunettata con quattro oblò, per poter meglio illuminare l’interno con i due altari. L’altare principale, in commesso marmoreo, ha, al di sopra, in una cornice, un quadro di S. Giacomo. Sul secondo altare in muratura, sulla destra, vi è un dipinto, di buona fattura, che rappresenta l’ultima cena. In una nicchia di fronte al secondo altare sono custodite le statue di rappresentanti delle varie etnie convertite al Cristianesimo.
Sull’ingresso vi è la cantoria accessibile dalla sacrestia.

S. Giacomo: statua
S. Giacomo: statua

Fu la prima chiesa positanese ad essere restaurata, nel XVIII sec., a cura di Giovanni Cimmini e dei suoi marinai, scampati ad un naufragio, come ricorda l’epigrafe sul pavimento parzialmente maiolicato e ora quasi del tutto consunta per il calpestio. “Insignis miraculi B. Jacobo intercedente Jhoannes Cimini ejusque nautae naufragio periculo liberati pavimentum hoc in memoriam posuere XII Kalendas majas anno aere christianae MDCCVII”.(1)
Al centro del pavimento sono riportati i simboli dei pellegrini che si recavano a Santiago de Compostela, bordone col nodo al centro, la conchiglia (2) e la mantella.
All’esterno, ai lati dell’ingresso, sono murate due formelle in marmo con incise le figure degli apostoli S. Giacomo e S. Giovanni(?). Su quella a destra vi è la scritta R.D. GAETANO PUSO EX CHARITATE 1708 D. e su quella di sinistra FAM. PUNZI E 1709. 
L’elemento peculiare che caratterizza la chiesa e con essa l’intero rione, è il campanile con la caratteristica cupoletta a cipolla rivestita con ambrogette colorate, così descritto da Errico Talamo:-Dalla sacrestia con una comoda scala si sale sul campanile. Il quale sorge a due piani ed è alto settanta palmi, ed il suo culmine acuminato a guglia, presenta da lontano una vaga vista per i vari colori che l’adornano. Ed ancora Giuseppe Vespoli:Oltremodo caratteristico il suo campanile ritratto sullo sfondo del rione da tutti i pittori che lo trovano oltremodo artistico pur nella sua semplicità e nei suoi colori.

(1) In riconoscimento e a memoria del miracolo ottenuto grazie all’intercessione di S.Giacomo, Giovanni Cimmino e i suoi marinai scampati ad un naufragio posero in opera questo pavimento nell’anno cristiano 1707.
Tra la chiesetta e la Via G.Marconi vi è una casa indicata da sempre come casa Cimmino è evidente che lì doveva abitare la famiglia Cimmino che restaurò la chiesa di S. Giacomo.

(2) Si racconta che mentra la nave, che trasportava il corpo di S.Giacomo.fatto decollare da Erode Agrippa, costeggiava le coste spagnole, un cavaliere su un cavallo bianco sorse dalle onde coperto di conchiglie che furono poi assunte come simbolo del pellegrinaggio al santuario. Il pellegrinaggio a Santiago di Compostela era considerato pari al pellegrinaggio a Gerusalemme.

 

 

L'immagine può contenere: 1 persona

ZANOTTELLI E CIOTTI PER UN ESTATE SORRENTINA DIVERSA video

0

Il vescovo Monsignor Francesco Alfano ha segnato nella sua agenda queste due date :

venerdì, 21 luglio  19:30   Incontro con Alex Zanotelli – Cattedrale: Sorrento
venerdì, 28 luglio 19:30  Incontro con Don Luigi Ciotti – Cattedrale: Sorrento
Due incontri che lasciano il segno, sia nell’animo di chi li ascolta che nella estate della Sorrento turistica. Non è la prima volta che sono da noi, Zanotelli nell’ottobre 2010 e Don Ciotti nel 2015. Le loro parole sono sferzate all’uomo, all’amministratore, alla città senza colori politici, ma con gli insegnamenti del vangelo, strutturate sulle relative esperienze personali.Da non perdere.
foto e video in real time di  Luigi Russo

L'immagine può contenere: 1 persona

Despacito: 4,6 miliardi di riproduzioni è la canzone più ascoltata in streaming

0

da Il Mattino
Quattro miliardi e seicento milioni: è questa la cifra record che ha permesso a Despacito, brano dei portoricani Luis Fonsi e Daddy Yankee, di diventare la canzone più ascoltata in streaming di sempre. Dopo aver recentemente raggiunto il vertice della Hit 100 di Billboard, cosa che non accadeva a un brano in lingua spagnola dal 1996, il tormentone dell’estate 2017 è riuscito così a togliere il primato all time in fatto di riproduzioni a Sorry di Justin Bieber, pezzo dedicato a Selena Gomez che dal 2015 è stato sentito 4,38 miliardi di volte.

«Lo streaming è un connettore per il pubblico di tutto il mondo e ha aiutato la mia musica a raggiungere ogni angolo del pianeta – ha affermato Fonsi commentando il record, annunciato dalla Universal Music Latin Entertainment -. E’ veramente un onore sapere che Despacito è ora la canzone più ascoltata in streaming della storia».

Dopo la premiata ditta Fonsi-Daddy Yankee e l’onnipresente Bieber, che, tra l’altro, ha partecipato a un remix dello stesso Despacito, al terzo posto nella classifica di tutti i tempi delle hit più riprodotte troviamo Ed Sheeran e la sua Shape of You, udita in streaming in 4,07 miliardi di occasioni.

Vico Equense. Lunedì 31 Consiglio Comunale

0

Vico Equense. Il Presidente del Consiglio Comunale, Avv. Massimo Trignano, rende noto che il Consiglio Comunale avrà luogo il giorno lunedì 31 luglio 2017 alle ore 16.00 in seduta pubblica e sessione ordinaria di prima convocazione, da tenersi nell’aula consiliare della Nuova Casa Comunale di Via Luigi De Feo, per la trattazione degli argomenti di cui al seguente

ORDINE DEL GIORNO
1. Comunicazioni.
2. Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi – Salvaguardia degli equilibri di bilancio ex art. 193 del D.Lvo n. 267/2000 – Riconoscimento di legittimità di debiti fuori bilancio ex art. 194 del D.Lvo n. 267/2000.
3. Rendiconto 2016 – Approvazione conto economico e stato patrimoniale (termini differiti ai sensi dell’art. 18 – comma 3 – quater – Legge 21/06/2017 n. 96).
4. Regolamento per la definizione agevolata delle liti tributarie pendenti (art. 11 DL. n. 50/2017 convertito in Legge n. 96 del 21/06/2017).
5. Riscossione: delega delle funzioni e delle attività all’Agenzia delle Entrate – Riscossione.
6. Rideterminazione Compenso al Collegio dei Revisori dei Conti.
7. Mozione: progetto “Grande Pompei”.

Eventi

I limoni in festa a Massa Lubrense boom con Avitabile ...

Stasera ultimo appuntamento di tre giorni della festa per il Limone a Massa Lubrense. Insomma il limone, simbolo della bellezza della nostra terra, l'oro...