Sorrento chiude la libreria Capsa la cultura muore e nessuno parla. Il sospetto su Piazza Veniero

0

 Sorrento chiude la libreria Capsa la cultura muore e nessuno parla. In penisola sorrentina stanno chiudendo ad uno ad uno veri presidi di cultura e socialità come le librerie, dopo la Libreria Jonathan a Sant’ Agnello e Diana a Vico Equense  la Capsa a Sorrento. Questa mattina a lanciare la riflessione, che Positanonews condivide in pieno, il consigliere comunale d’ opposizione Rosario Fiorentino 

In questi giorni dopo tanti anni ha chiuso la libreria la capsa .Silinzio da parte di tutti. Docenti,ragazzi,appassionati di lettura ed i tanti che si dilettano tutte le settimane a parlare di storia locale,a fare libri,a presentare libri.ebbene nessuna voce fuori dal coro.un vero schifo.ma perchè in una citta come la nostra che mobilita tante anime pie,con un Comune che spende fondi e soldi per Torquato Tasso e non solo ,cancella la destinazione del locale in Piazza Veniero a libreria che poteva essere un vanto per la citta,sembra che devono inventarsi qualcosa per accontentare il figlio di un pubblico amministratore che non si capisce bene cosa dovrà fare .Cosa si puo aspettare da una citta che cancella una libreria,un altra chiude sapendo che chi oggi continua a Venere libri bisogna fargli una statua invece silenziosa parte dei farisei e dei mercenari che chiedono alla Vesuviana spazi per chissà quale attivita o promuovono società per accaparrassi quale bene pubblico ? Non basta le rapine organizzate fino ad oggi ai danni della collettività .Con vero dispiacere ho visto la libreria chiusa e voi ?

Alla sua riflessione hanno risposto in pochi, ma qualificati, commentatori come Cecilia Coppola  “Un sindaco giovane ed innovatore insieme alla giunta dovrebbe assolutamente difendere nel suo paese soprattutto la Scuola e la Cultura anche nel senso di diffusione. Una libreria che chiude nella nostra Sorrento significa che un altro tassello importante della città muore. Una libreria non deve diventare memoria del passato, ma energia del futuro! Mi auguro che La Capsa riapra e che il vento e il profumo di una Primavera letteraria riporti i profumi del sapere e dell’informazione a tutti noi“..  ma le istituzioni sono assenti e così la cultura, quella vera, muore, soffocata da interessi commerciali ed economici da miopie politiche e da una società sempre più chiusa in se stessa. Quando muore una libreria, muore un pezzo dell’anima di una città e Fiorentino lancia anche un sospetto sulla destinazione della piazza Veniero dove si voleva fare una biblioteca (si parlava della Feltrinelli o della Mondadori )  si vuol fare altro…

Positanonews già ha parlato di questo triste fenomeno delle chiusure delle librerie in Penisola sorrentina news