CASERTANA – SARNESE 0-0-AL 93 TRAVERSA PER LA SARNESE

0

CASERTANA (4-4-2): Sestile (23′ pt Longobardi); Cirillo, Esposito P., Scognamiglio, D’Alterio; Bacio Terracino (23′ pt Chiavazzo), Ruscio, Toscano, Varsi; Palumbo, Martone (28′ st Esposito G.). A disp.: Gargiulo, Mastellone, Corsale, Alvino. All. Maiuri. SARNESE: D’Agostino; Zara, Maraucci, Panini, Arzeo; Alleruzzo, Iennaco (10′ pt Noto), Maisto, Allegretta; Tarallo, D’Avanzo (38′ st Izzo). A disp: Ricciardi, Monti, Valisena, Lenci, Di Leva. All. Balzano Arbitro: Montanari di Ancona. Note: spettatori 2000 circa (un centinaio da Sarno). ). Espulsi al 1′ st Corsale; al 13′ st Maiuri (Casertana) dalla panchina; al 15′ st Zara (Sarnese) per doppia ammonizione e Balzano dalla panchina. Ammoniti: Allegretta, Zara, Tarallo, Varsi e Cirillo Angoli 5-4 per la Sarnese. Recupero: pt. 5′ ; st. 3′. CASERTA La Sarnese esce imbattuta dalla supersfida del Pinto contro la Casertana. Con una cornice di pubblico da categoria superiore le due squadre danno vita ad una gara tesa, con poche occasioni da gol ma tanti ribaltoni. In avvio i padroni di casa si affidano al pressing a tutto campo e costringono la Sarnese a difendersi. Panini e Maraucci, però, giocano una partita monumentale e frenano le iniziative di Martone e Palumbo. Solo Varsi, sulla sinistra, pare in grado di vincere il duello con Zara. Col passare dei minuti, nonostante l’infortunio di Iennaco (sostituito da Noto) la Sarnese prende le misure e prima con Alleruzzo poi con una punizione di D’Avanzo costringe Sestile a sporcarsi i guanti. Al 23′ tegola sulla Casertana che perde proprio il portiere Sestile. Il gioco degli under costringe Maiuri ad operare due sostituzioni. Tra i pali va Longobardi mentre Chiavazzo prende il posto di Bacio Terracino. La gara scivola via fino al quando Palumbo prova a scuotere i suoi. Due tentativi del bomber da fuori area, il secondo dei quali molto pericoloso, vengono neutralizzati da D’Agostino tra il 31′ ed il 35′. Nel finale di tempo, sempre Palumbo su sponda di Martone spara alto da buona posizione. Al rientro negli spogliatoi la tensione cresce e le squadre si affrontano a muso duro prima dell’ingresso nel tunnel. Ne farà le spese Corsale espulso al rientro in campo. Nella ripresa è di nuovo la Casertana a cercare con convinzione ma poco ordine la via del gol. La prima occasione arriva quando D’Alterio trova Martone pronto alla sponda di testa per Palumbo. L’attaccante entra in area ma Maraucci lo contrasta regolarmente impedendogli di concludere da distanza ravvicinata. La Sarnese risponde al 10′ con D’Avanzo che prova a giro da limite ma conclude alto. Al quarto d’ora gli ospiti restano in dieci: Zara stende Varsi e si becca con merito la seconda ammonizione. Con l’avversario in 10 la Casertana, prende coraggio ma la manovra dei padroni di casa è frenetica e poco lineare. Entrambe gli allenatori vengono espulsi per aver valicato l’area tecnica. Nel finale i rossoblù si affidano ai lanci lunghi che i centrali della Sarnese neutralizzano facilmente. La storia non cambia nemmeno con l’ingresso di Gennaro Esposito per Martone. La Casertana chiede un rigore (dubbio) ma la più ghiotta occasione capita alla Sarnese. Al 48′ il neo entrato Izzo, supera Scognamiglio, arriva sul fondo e rovescia in mezzo dove trova Allegretta che tira a botta sicura. La palla incredibilmente rimbalza tra traversa e terreno di gioco per due volte senza entrare. Di qui il rammarico di una Sarnese che esce dal Pinto ancor più consapevole delle proprie forze.

Domenico Marotta

Fonte:cittadisalerno