NOCERINA:I GOL DI EVACUO,GARUFO,E CORAPI,PIEGANO IL PISA-SECONDO POSTO PIU´ VICINO

0

 

NOCERA INFERIORE Anche con una punta sola, pur fantastica. Si può vincere, si può giocare più che degnamente. Mostrando superiorità netta, leggendo alla perfezione quasi tutto. Il secondo posto ad un punto, il primo a cinque lunghezze attendendo la partitissima ad Avellino del prossimo lunedì sera. Auteri, senza Negro e Mazzeo (oltre che senza Pepe), alla fine ha deciso di lasciare Corapi nell’assetto standard di mediana e di avanzare il raggio d’azione di Garufo, posizionato sull’inedita linea d’offesa. Al 3’ Evacuo ha smarcato Russo, titolare per la terza volta in campionato: il giovanotto s’è inserito nel varco ed ha concluso decentrato cogliendo la traversa. È stato avviso immediato ad un Pisa talmente timoroso nelle premesse da rinunciare alla classica difesa a tre. Nocerina a far la partita, ovviamente pagando qualcosa a livello d’inventiva. Quando non hai Mazzeo, l’avversario può almeno cercare di prenderti misure in prevedibilità. Giuliatto ci prova su punizione al 21’: Sepe respinge. Lo imita De Lucia tre minuti dopo, opponendosi alla bordata da fermo di Benedetti. Nocerina convinta, determinata, conscia di andare oltre le difficoltà di giornata. Il piccolo grande uomo va a fare la differenza al 39’. Segna Corapi, fattosi apprezzare prima dell’evento fatale per un fondamentale recupero arretrato. Il calabrese finalizza l’azione nata dalla protezione di Russo, dal successivo smistamento in profondità di Evacuo. A quel punto s’è infilato Corapi, che ha cercato l’imitazione povera di Messi, controllo di tacco e tiro preciso di destro. Uno a zero da trionfo personale mille volte meritato. Una sola disattenzione dietro crea attimo di caos: Gatto, subentrato al subito infortunato Buscè, supera Giuliatto e serve un assist grandioso allo smarcato con leggerezza altrui Benedetti: si definirebbe rigore in movimento l’occasione malamente sprecata dal numero 11 avversario (41’). Allo scadere, però, è quasi raddoppio: ancora bravo Sepe ad opporsi al tiro di Daffara, su pallone di Garufo conseguente ad angolo battuto da Giuliatto. Partita sempre dalle parti della squadra di casa, nel primo tempo così come nel secondo. Anche qui una sola disattenzione, precisamente al 6’: Chiosa perde tempo e palla, Perez mette largo il diagonale. Poi Nocerina e basta. Sepe respinge al 7’su Corapi servito da Garufo. La questione vien chiusa proprio da Garufo: schema Bruno-Giuliatto su punizione da una trentina di metri, botta secca del siciliano, Sepe nell’occasione in fatale ritardo. Il lampo del Pisa, in cerca di ritorno orgoglioso in partita, segnala il palo di Sabato al 27’ e lo sbrogliare di De Luca in uscita su Gatto al 27’. Niente da temere, la rovesciata di Evacuo è da 3-0 da tripudio. Arriva prima della mezz’ora scoccata. Corner di Garufo, qualche difficoltà per Sepe nell’intervenire su Andjelkovic, bravo Baldan a rimettere a centro-area per la prodezza acrobatica del centravanti idolo indiscusso della piazza.

Marco Mattiello

fonte:cittadisalerno

Lascia una risposta