Villa Romana Marittima di Minori: ancora lamentele

0

Non c’è pace per il sito archeologico della Villa Romana Marittima di Minori, inclusa di diritto per la sua immensa importanza nel percorso che, da Roma, attraverso Pompei-Nuceria Alfaterna- Polvica di Tramonti- Minori- Amalfi- Positano, arriva a Capri, refugium di Tiberio imperatore. Noi abbiamo descritto ultimamente il degrado,su queste pagine, che caratterizza il monumento; abbiamo assistito l’altro giorno, alle lamentele di una coppia di turisti bergamaschi che ritornava in visita dopo venti anni e che, grazie alla disponibilità di un custiode, ha dovuto rivedere qualcosa con l’aiuto di torce a batteria . Ora, giovedì 14 marzo 2013, (dopo che l’on Brunetta aveva promesso interventi semirisolutori) sono intervenuti i Vigili del Fuoco del distaccamento di Maiori (anche se si trattava di acqua) per svuotare l’area circostante l’impluvium, invasa, complice la pioggia insistente, dall’acqua. Qualche scarico si sarà, forse, bloccato: qualcosa non ha fun zionato a dovere. Noi ricordiamo, al tempo della nostra adolescenza, uno scarico alla spiaggia che veniva dall’area archeologica: può essersi verificato un intoppo. E, così, si assiste, nonostante i numerosi proclami, al degrado quotidiano d’un importante sito che, se preso sul serio, potrebbe contribuire alla fortune economiche della cittadina. Noi, in tutta sincerità, forse perchè troppo innamorati e memori dei fasti di un tempo, non vorremmo più “tornare sull’argomento” gaspare apicella