MOLLUSCHI EDULI AL CENTRO CULTURALE DI VIA DELLE ROSE

0

 L’università delle tre età di Piano di Sorrento, ha organizzato in collaborazione con il responsabile cultura Dott Carlo Pepe e il sig Salvatore Notturno, una particolare conferenza con mostra e degustazone su MOLLUSCHI EDULI, la  presentazione è stata svolta da Nino Casola e da Sergio Duraccio, all’esposizione hanno contribuito vari ed appassionati collezionisti come il presidente dell’associazione Malacologica sig Paolo Crovato, il sig Gianni D’Anna,reduce dalla mostra presso la Fedrico II ‘I frattali: la geometria della natura’,  il prof  Umberto Aubry,maggior collezionista al mondo di particolari conchiglie denominate TEREBRE, Alberto Pingitore, alla degustazione è intervenuta l’Associazione Cuochi Sorrentina e l’Hotel Johanna Park. Un pomeriggio di totale coinvolgimento per tutti e con tutti i sensi.

La prof Cecilia Coppola ha sottolineato l’importanza del mare e della sua storia anche attraverso questi importanti particolari.

Il prof Aubry noto ortopedico, ha posto la problematica del futuro del collezionista. In penisola Sorrentina manca un vero e proprio museo del mare , un museo malacologico per vederlo dobbiamo andare sulla costa adriatica.

Il dott Duraccio, ha illustrato uno per uno tutti i molluschi commestibili svelando , le loro proprietà organolettiche e i pregi di un mercato ricco ma frettoloso e tendente al guadagno.

I lavori si sono conclusi con la proposta di un documento, caldeggiato dell’UNITRE  in cui ,il presidente dell’Associazione Malacologica e tutti le altre importanti autorità scientifiche presenti chiedono a tutti i comuni della Penisola Sorrentina Amalfitana un luogo ove poter raccogliere tutte le collezione dei vari appassionati, pronti a donarle alla fruizione didattica. Impegno non da poco, in quanto molti di essi vi hanno dedicato la vita e gran parte delle energie economiche per assemblare pezzi straordinari provenienti dai quattro angoli del mondo , ma anche solo dal golfo di Napoli, straordinariamente ricco di cose delicate e non appariscenti come quelle tropicali.

lucioespositopositanonews