NAPOLI BLOCCO MENTALE.TROPPI ERRORI IN DIFESA-HAMSIK E CAVANI SEMBRANO ESSERSI PERSI.INLER CALCIATORE DA B

0

Napoli in piena crisi,in questa parte finale del campionato,mancano dieci partite alla fine sono venuti a mancare gli uomini migliori.Lo stesso Hamsik non gioca piu’ bene,Cavani sembra essersi perso e non parliamo di Inler,Maggio e Zuniga non fanno la differenza.A Verona il Napoli in campo camminava,mentre il Chievo andava a mille.Un blocco soprattutto mentale. Le prime avvisaglie contro la Lazio. Poi il disastro nel match di andata di Europa League contro il Viktoria Plzen, la sconfitta pesantissima per 3-0 al San Paolo che minò in maniera clamorosa le certezze degli azzurri. Poi il pari con la Sampdoria che frenò il Napoli lanciato verso un possibile meno due alle spalle dei bianconeri che avevano perso il giorno precedente a Roma. Poi l’inutile trasferta di Europa League in Repubblica Ceca, partirono tutti ma ormai l’eliminazione era già scritta: gli azzurri persero 2-0 ed ebbero poi solo due giorni per preparare la sfida contro l’Udinese. Un altro duro colpo al morale del gruppo fu il pari contro l’Udinese al Friuli che consentì alla Juventus si allungare a più sei. Cinque giorni dopo lo scontro diretto attesissimo contro i bianconeri: finì in pareggio e il distacco restò immutato. Difficile restare con le proprie convinzioni a mille con il sogno scudetto che si allontanava. Il tonfo con il Chievo Verona, una sconfitta arrivata dopo dieci partite utili consecutive, è stato il colpo più duro perchè con questo ko gli azzurri danno l’addio in maniera definitiva ai sogni scudetto. Morale da ritrovare, blocco psicologico da rimuovere, c’è da risolvere innanzitutto questo problema. E in questo momento potranno essere proprio i leader a suonare la carica. 

 

 

Quando i risultati non arrivano, quando cominci ad accusare dei momenti di difficoltà tutto gira male e anche gli episodi cominciano a diventare tutti sfavorevoli. A Udine al Napoli non venne fischiato un rigore netto su Cavani, poteva essere quello del vantaggio. Stesso discorso contro la Juventus, la tirata di capelli di Chiellini a Cavani non venne punita con il calcio di rigore. Rigore che invece è stato concesso a Verona ma che Cavani ha fallito. Il gol poteva rilanciare il Napoli in una possibile rimonta e il Matador avrebbe potuto ritrovare il morale giusto. Invece è arrivato l’errore, il secondo quest’anno dal dischetto dopo quello contro la Lazio. Errore però da un peso specifico completamente diverso perchè di fatto estromette in maniera definitiva il Napoli dalla lotta scudetto. Episodi negativi in verità anche contro la Sampdoria, Hamsik colpì un palo, poteva essere il gol della vittoria. E in verità a Udine oltre al rigore di Cavani sono state diverse le occasioni non concretizzate dagli azzurri e in quella sfida il portiere friulano fu decisivo come lo è stato domneica scorsa Puggioni del Chievo Verona. Episodi sfavorevoli che si possono leggere anche con i gol subiti in avvio di partita, come quello di Dramè del Chievo che domenica scorsa ha pescato un vero e proprio jolly con un tiro dalla distanza.

Il Napoli parte malissimo: subisce il gol di Dramè. Poi produce uno dei suoi guizzi negli spazi sull’asse Hamsik (lancio da dietro)-Cavani (controllo volante e tiro, troppo debole)

Campagnaro esce in prima battuta su Thereau che si libera della palla e attacca la profondità. Gamberini è lento nel ripiegamento e lascia a Thereau il tempo per il controllo e il tiro che sorprende De Sanctis, 2-0.

Il valzer delle sostituzioni non aiuta il Napoli che si ritrova nell’ultimo quarto di gara con 3 trequartisti alle spalle Cavani. Manca però costrutto. Il Chievo chiude tutti gli spazi.

Il Chievo è aggressivo sin dalle prime battute, il Napoli manifesta evidenti distrazioni difensive sin dai primi minuti quando lascia una nitida palla gol a Thereau direttamente da fallo laterale. Il campanello d’allarme serve agli azzurri che iniziano a manovrare da dietro con maggior personalità e a spingere con più convinzione sulle fasce. È proprio da una percussione sulla sinistra di Behrami che nasce la prima fiammata del Napoli, con tiro da fuori insidioso di Zuniga.
Il Napoli però non fa in tempo a prendere fiducia in se stesso che il Chievo passa. Al 12’ Dramè recupera una respinta corta di Rolando, lontano dal capitano per personalità e capacità di dettare i tempi al reparto, prima di scaricare a rete un sinistro da 33 metri a 98 km/h. De Sanctis parte tardi e non spinge con le gambe. La conclusione non è nè alta nè angolatissima ma beffa lo stesso il portiere. 
L’eliminazione in Europa League, l’occasione persa nello scontro diretto con la Juve, la vittoria del Milan il giorno precedente e ora il gol subito quasi a freddo, gettano nello sconforto il Napoli che barcolla. Il Chievo ne approfitta e cerca il colpo del ko collezionando angoli e crando altri pericoli. Prima Paloschi sfiora il raddoppio di testa, poi è Cofie a tirare senza convinzione da posizione favorevole. I tre tenori? Si intravedono al 20’. Hamsik lancia lungo per il taglio largo di Cavani che controlla bene ma batte male. Insigne si vede 5 minuti dopo con un tiro da fuori area che sfiora il palo a Puggioni battuto.
Segnali di risveglio che inducono il Chievo ad una maggiore prudenza. Al Napoli non manca l’ardore. Si butta in attacco con veemenza ma con scarsa precisione. Le verticalizzazioni sono precipitose, i dribbling forzati. Lo schermo dei 3 mediani gialloblù funziona: recupero palla e ripartenza automatica. Al 31’ intercettazione di Hetamaj e passaggio filtrante per Thereau. Da dietro arriva Dramè che nell’1 contro 1 salta facilmente Maggio e tira a lato prima del raddoppio di Campagnaro.
Mazzarri chiede di far girare la palla con calma aspettando il momento giusto per l’imbucata. Insigne non deve isolarsi a sinistra ma svariare tra le linee e da qui combinare con Hamsik e Cavani. Qualcosa accade ma non basta a perforare il bunker del Chievo che, seppur con qualche affanno, resiste. Gli ultimi 10’ del primo tempo si giocano praticamente dentro l’area di rigore clivense ma il Napoli soffre troppo le ripartenze manovrate dei padroni di casa. Dramè, migliore in campo, anticipa nettamente Maggio e verticalizza su Thereau sempre bravo ad offrirsi come vertice alto nei disimpegni dei compagni. Azione alla mano verso destra prima con Cofie poi con Frey che alza la testa e attende l’inserimento di Thereau stesso prima di battere lungo. Gamberini gli lascia colpevolmente spazio. L’attaccante francese controlla al volo di esterno, fa rimbalzare la palla e calcia sotto il braccio destro di De Sanctis che per la seconda volta non si fa trovare pronto. Mazzarri ora non sorride più, nel suo volto si leggono solo pensieri sofferti alla ricerca di una soluzioni per tornare in campo, nella ripresa, con qualche idea nuova. 
La soluzione adottata è quel 4-3-3, che tanti avrebbero voluto vedere dal primo minuto, con Hamsik e Insegne alle spalle di un sempre più spaesato Cavani schiacciato, evidentemente, dalle responsabilità che tutti gli scaricano addosso. 
Già al 3’ il bomber urugagio alza sopra la traversa un buon invito di Dzemaili. Poco dopo salva con uno stop di petto il Chievo. La conclusione acrobatica di Insigne avrebbe infatti ingannato Puccioni ma Cavani, in offside, transitava abulico da quelle parti. La nemesi del Matador si compie con il rigore sbagliato al 14’. Dopo avergli ragalato tante gioie Cavani toglie al Napoli, con il penalty respinto da Puggioni, le ultime speranze di scudetto. 
È evidente che senza i suoi gol il Napoli non può competere a certi livelli. L’ultima mezz’ora è solo agonia. Entrano Armero e Pandev per cercare alternative credibili in zona gol. Il Chievo però che col passare del minuti ripiega, dal 3-5-2 iniziale, al 5-4-1 arroccandosi, senza grossi affanni, in difesa. Finisce mestamente 2-0. Ora il Milan e la Fiorentina fanno più paura.

fonte.ilmattino

Napoli troppi errori in difesa.Maggio e Zuniga non fanno la differenza.Inler potrebbe giocare in B

E-mailStampaPDF
Napoli in piena crisi,in questa parte finale del campionato,mancano dieci partite alla fine sono venuti a mancare gli uomini migliori.Lo stesso Hamsik non gioca piu’ bene,Cavani sembra essersi perso e non parliamo di Inler.Maggio e Zuniga non fanno la differenza.

Il Napoli parte malissimo: subisce il gol di Dramè. Poi produce uno dei suoi guizzi negli spazi sull’asse Hamsik (lancio da…

Leggi tutto…

Giovanni Galli.il Napoli avrebbe potuto lottare per lo scudetto

E-mailStampaPDF
Giovanni Galli, ex portiere di Napoli e Milan, non mi aspettavo minimamente che il Napoli potesse avere un calo cosi vistoso  lo dice, chiaramente. «Ho sempre sostenuto che il Napoli poteva lottare fino all’ultima giornata per lo scudetto. Sono rimasto sorpreso da questo calo degli azzurri nelle ultime partite».
Quali le motivazioni?
«Diverse, ovviamente. Quando c’è un calo di una…

Leggi tutto…

Napoli in piena crisi.Il secondo posto vale trenta milioni

E-mailStampaPDF
Per il Napoli il secondo posto vale trenta milioni

Il Napoli è in piena crisi

Diversi uomini chiave in difficoltà. L’appannamento di Cavani innanzitutto ma non solo. Il Matador non segna da otto partite e rappresenta lo specchio fedele della crisi. Ma in difficoltà ci sono altri uomini chiave con lo stesso Hamsik a corrente alternata e non decisivo come lo è stato per buona parte…

Leggi tutto…

De Laurentiis e il problema Mazzarri.Contattato Pioli

E-mailStampaPDF
Il 30 giugno 2013 scade ufficialmente il contratto di Walter Mazzarri ,ma la data per decidere la permanenza di mazzarri al Napoli sara’ il 20 Maggio

La crisi di Cavani e una media punti preoccupante: si prova a blindare la Champions. De Laurentiis parla al gruppo Cannavaro rientra Maggio e Inler sono sotto esame

A dieci giornate dalla fine del campionato Mazzarri non ha ancora deciso se…

Leggi tutto…

Mazzarri contro il Chievo voglio il massimo.

E-mailStampaPDF
Mazzarri contro il Chievo vuole la vittoria per rilanciare il suo Napoli. Era il 16 dicembre dell’anno scorso. Quella domenica, di buon mattino, il miracolo della liquefazione del sangue di San Gennaro, nella terza – e meno conosciuta – ricorrenza dell’anno in cui il prodigio si rinnova. La sera il Napoli perse per 3-2 contro il Bologna. È questo, l’ultimo ko degli azzurri in…

Leggi tutto…

Eugenio Corini.Sara’ dura per il Napoli lo batteremo

E-mailStampaPDF
Eugenio Corini tecnico del Chievo.Sara’ dura per il Napoli al Bentegodi,cambieremo atteggiamento e vinceremo la gara.I veneti sono reduci da due sconfitte nelle ultime due gare giocate, le trasferte contro Sampdoria e Fiorentina. In attesa del match con gli uomini di Mazzarri Corini cerca di recuperare quanto di positivo i gialloblù hanno fatto comunque vedere nelle due ultime partite…

Leggi tutto…

La prima di Rolando contro il Chievo

E-mailStampaPDF
La prima di Rolando.Il portoghese in campo dal primo minuto a Verona: centrale nella difesa a tre con Campagnaro e Gamberini ai lati. L’ex difensore del Porto giocò le due partite di Europa League contro il Viktoria Plzen ma era tutta un’altra cosa. Quello non era il vero Napoli: tre gol al San Paolo, due gol in Repubblica Ceca. Due serate da incubo, Rolando crollò con tutta la…

Leggi tutto…

Chievo Napoli.Il Bentegodi tinto di azzurro

E-mailStampaPDF
Il Bentegodi sara’ tinto di azzurro,sono moltissimi i tifosi napoletani  giunti a Verona per incitare la squadra.Ci saranno molto più di duemila tifosi partenopei provenienti per la maggior parte dal Nord Italia, ma la quota è destinata a salire con i tanti non residenti in Campania che acquisteranno il tagliando solo oggi e attesi, con mezzi privati, dalla periferia veronese e dalla…