Ravello Siani , De Sica il cast de Il Principe Abusivo in costiera amalfitana ALTRE FOTO

0

In fondo FOTO. Una insolita e persistente pioggia e la nebbia non hanno smorzato il successo di un incontro del pubblico della costiera amalfitana con  il “Principe” Siani, campione d’incassi della stagione 2013 con i suoi 12 milioni che hanno dato un po’ di fiato all’asfittico botteghino del cinema italiano. “Il principe abusivo – ha detto Siani accompagnato a Ravello da Christian De Sica, Sarah Felberbaum, Marco Messeri e Nello Iorio per il mini tour che lo porterà nei prossimi giorni a Salerno, a Caserta e a Napoli – è stata come una creatura che è nata, è cresciuta e adesso sta dando i suoi frutti, frutti insperati ed incredibili per un periodo come questo”. All’Auditorium Oscar Niemeyer, da dicembre sede della seconda edizione del progetto Cinema, voluto e promosso dall’Amministrazione Comunale e diretto da Remigio Truocchio, il successo del film è stato, se possibile ancora maggiore che in altre parti d’Italia. Tre settimane di programmazione che hanno registrato quasi 4000 presenze e immancabile bagno di folla della costa d’ Amalfi  per le due proiezioni che hanno visto gli attori del cast guidati da Siani abbracciare Ravello e la Costiera Amalfitana. Attori che si sono concessi senza risparmiarsi alla stampa e ai fan che hanno invaso l’Auditorium Niemeyer sin dalle prime ore del pomeriggio e che hanno affollato la conferenza in programma. “Insieme alla produzione e alla distribuzione – ha detto in apertura Alessandro Siani, regista e protagonista del film – abbiamo pensato che era giusto festeggiare questo straordinario successo insieme al popolo campano. Ho accettato l’invito di Remigio Truocchio volentieri perché Ravello è un posto fantastico anche se c’è andata male con la nebbia. La prossima volta – ha scherzato – chiamatemi solo se c’è il sole”. Tra gli immancabili siparietti con De Sica e Messeri, c’è stata occasione anche di riflettere sui tristi fatti di cronaca accaduti nei giorni scorsi a Napoli: “La città è stata colpita da un infarto,- ha detto Siani – prima il crollo del palazzo a Chiaia e in serata l’incendio della Città della Scienza, il cuore di Napoli ha bisogno di un aiuto che venga dall’Europa e da livelli superiori”. Nonostante le riflessioni serie, a farla da padrone è stato il buon umore e la voglia di festeggiare un successo che è figlio “dell’amicizia e dell’amore – come ha confermato De Sica – Siani è un professionista ma quello che ci ha dato la marcia in più è stata la serenità e la complicità. Nella mia esperienza ogni volta che succede questo il successo è assicurato”. E’ stato un vero e proprio assalto a Ravello, tra telefonate, siti internet intasati, migliaia di contatti Facebook da tutta la regione Campania e code incessanti al botteghino e all’Azienda di Soggiorno e Turismo di Ravello. A far montare l’evento poi le ultime notizie di conferme di ospiti che arricchiranno e faranno unico il parterre previsto per domani all’Auditorium. Nessuno mai poteva credere che la Costiera Amalfitana divenisse la sede ufficiale dei festeggiamenti per il titolo di campione d’incassi attribuito alla commedia di Alessandro Siani “IL PRINCIPE ABUSIVO” e che Ravello ed il suo Auditorium fossero sotto i riflettori della stampa e dei media nazionali per un red carpet così esclusivo. Si sono ritrovati  a Ravello, infatti, ad un mese esatto dall’uscita del film, tutti i protagonisti del fortunatissimo film che vede Alessandro Siani principe e re incontrastato degli incassi di questa stagione. Una passerella di divi e di volti noti sia del cinema che della televisione affolleranno già dal pomeriggio l’Auditorium Oscar Niemeyer per un attesa conferenza stampa con le maggiori testate nazionali e regionali. Poi il bagno di folla e l’affetto del grande pubblico della Costiera Amalfitana. L’organizzazione ha inoltre previsto la distribuzione al pubblico partecipante di un simpatico gadget commemorativo dell’evento: una cartolina regalo con le foto degli attori del film, da utilizzare per la classica caccia all’autografo. foto PINO IZZO