Frana Salerno Vietri sul mare sulla SS 18 verso riapertura la costa d´ Amalfi comincia a sperare

0

Frana Salerno Vietri sul mare sulla SS 18 verso riapertura la costa d’ Amalfi comincia a sperare. Sono tre le squadre di rocciatori della ditta Cardine da oggi al lavoro sulla parte che sovrasta la strada di collegamento tra Salerno e la costiera amalfitana interdetta alle automobili da 25 giorni a causa di una frana. Complice le ottime condizioni meteorologiche, i tecnici al lavoro per la messa in sicurezza del costone e della rete di protezione sono certi di poter completare il lavoro entro questa settimana e mettere così fine alle sofferenze di tutti i cittadini costretti a percorrere l’unica alternativa possibile, oltre ai piedi, ovvero il giro al casello autostrada di Cava dei Tirreni. Ad alleviare il disagio a poco è servita l’intesa raggiunta dai comuni interessati, dalla provincia e dalla società autostrade meridionali, che su invito della prefettura di Salerno, hanno reso gratuito il pagamento del pedaggio dalle 7 alle 9 per chi percorre l’autostrada da cava verso Salerno. Ai comuni che oggi sottoscrivono l’intesa il compito di risarcire l’ente che gestisce il tratto autostradale. Il passaggio gratuito avrà vigore fino alla riapertura dell’arteria che sembra ormai essere vicina. Stamani tra i responsabili della Total Erg, la compagnia petrolifera che sta finanziando l’intervento perché proprietari del costone, c’è un clima di ottimismo, guastato solo dalle critiche arrivate dall’amministrazione comunale di Salerno. Il sindaco De Luca intervenendo sulla questione aveva definito la situazione da terzo mondo, chiedendo l’intervento anche di notte dei rocciatori. Un’ipotesi non percorribile trattandosi di un intervento che costringe i lavoratori a stare appesi alla parete e che necessita di condizioni di luce buona. Alla critica , la ditta ed i tecnici ci impegnato nell’intervento rispondono con un’altra critica. Il comune di Salerno farebbe bene ad emanare l’ordinanza di chiusura senza la quale di fatto la presenza dei rocciatori sulla strada sarebbe abusiva e da 25 giorni si attende il dispositivo che manca. Tra qualche giorno potrebbe non servire più perchè, come auspicato dall’assessore ai lavori pubblci della Provincia di Salerno, Attilio Pierro, la strada potrebbe riaprire o interamnete o anche solo su una carreggiata.


 

Monica Di Mau

 

Lascia una risposta