Castellammare arrestato il consulente di Bobbio De Vita feste gratis a spese del Comune

0

Castellammare arrestato il consulente di Bobbio De Vita capodanno gratis al Crowne Scandalo al Comune di Castellammare di Stabia. Indagati per peculato Francesco De Vita e Vincenzo Battinelli. Il primo è il superconsulente dell’ex sindaco Luigi Bobbio, il secondo è dirigente del settore Settore Affari Generali di Palazzo Farnese. De Vita è finito agli arresti domiciliari, per Battinelli, invece, è scattato un provvedimento di obbligo di dimora al di fuori della Regione Campania. L’inchiesta è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, le ordinanze sono state eseguite questa mattina dalla Guardia di Finanza su disposizione del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Torre Annunziata. I fatti sono quelli che negli ultimi anni ha raccontato Metropolis, nonostante le smentite dell’amministraziobne guidata dall’ex pubblico ministero sfiduciato in consiglio comunale alla fine del 2012. Francesco De Vita, avvocato e testimone di nozze dell’ex sindaco Luigi Bobbio, era il coordinatore della cabina di regia del Comune di Castellammare di Stabia. In ballo c’è una cifra di 30mila euro incassata dal superconsulente. Una somma che ha percepito euro come rimborsi spese erogati per il suo incarico di coordinatore della Cabina di Regia. Al dirigente comunale si contesta «di aver erogato quelle somme nella consapevolezza che fossero illeciti, e di aver omesso i dovuti controlli sulle richieste di rimborso avanzate da De Vita». Tra le voci rimborsate al delfino di Luigi Bobbio anche un pranzo a Roma consumato ben 21 giorni prima della nomina del professionista a coordinatore della Cabina di Regia, come i numerosissimi rimborsi richiesti per altri pranzi e cene avvenuti di sabato e domenica a Castellammare di Stabia, Roma e Milanol quindi non inerenti agli incarichi istituzionali. Sono stati anche rimborsati pernottamenti presso lussuosi alberghi di Milano relativi a soggiorni nei fine settimana, con arrivo il venerdì e partenza la domenica. «Le attività investigative hanno anche fatto emergere che ai pranzi per i quali erano stati ottenuti i rimborsi, avevano partecipato molteplici commensali (da quattro ad otto persone), per importi notevoli», scrive la procura. ln un caso è stato chiesto due volte il rimborso per lo stesso pranzo, prima presentando uno scontrino fiscale regolare e poi uno non fiscale. «Per ben tre volte, poi, nel 2010, l’avvocato De Vita ha richiesto il rimborso per servizi forniti da un noto complesso balneare di Vico Equense, nonché da un albergo di Castellammare di Stabia, ove aveva trascorso la notte di capodanno, ponendo tutti i costi a carico del comune di Castellammare di Stabia». De Vita è anche indagato per «abuso d’ufficio» relativamente alle procedure con le quali fu nominato coordinatore della Cabina di Regia di Palazzo Farnese. Incarico per il quale ha percepito compensi netti pari a poco meno di 170.000 euro, per un periodo di circa sedici mesi. 04/03/2013 Fonte Metropolis

Lascia una risposta