Anche a Sorrento ,con la nuova stagione turistica,assumere un over 50 conviene!

0

di Salvatore Caccaviello

Incentivi ed agevolazioni per le imprese che assumono lavoratori over 50 con sconti INPS sui contributi.

Sorrento – Come ogni anno in prossimità dell’apertura della nuova stagione turistica, tutte le strutture del settore spesso sono alla ricerca di personale. Infatti dal mese di Gennaio fino a Marzo inoltrato talvota si istaura un vero e proprio lavoro mercato,dovuto talvolta alla riapertura di nuove aziende oppure spesso perchè si cambia in meglio o talvolta anche in peggio. Sta di fatto che di solito in prossimità della Pasqua i giochi sono fatti e tutte le strutture ricettive alberghiere ed extra alberghiere del territorio sorrentino, hanno il personale al completo per affrontare la nuova stagione turistica. Un periodo di lavoro che tra alti e bassi garantisce alla comunità sorrentina un sufficiente tenore di vita, che sopratutto in questo periodo, evita la scure della crisi che in altre località inevitabilmente si fa sentire in maniera più dura. Quest’anno a differenza delle stagioni passate una buona novità si presenta sia per gli imprenditori che per quei lavoratori disoccupati la cui  età talvolta rappresenta un ostacolo e non permette facilmente di trovare lavoro. Infatti dal 1° gennaio 2013 sono partiti i nuovi bonus fiscali per le aziende che assumono lavoratori che hanno oltre 50 anni e sono disoccupati da almeno un anno. Per tali nuovi contratti sia a tempo determinato che a tempo indeterminato, sono previste assunzioni agevolate sotto forma di sconti contributivi.Infatti la Legge 92/2012, meglio conosciuta come Riforma Fornero, all ‘Art. 4, commi 8 e 10 prevede uno sconto sul costo del lavoro con una riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro. Tale agevolazione, con un contratto a tempo determinato avrà la durata di 12 mesi mentre con contratto a tempo indeterminato avrà una durata di 18 mesi. Mentre un’altra novità potrebbe interessare quei nuclei familiari la cui sopravvivenza è poggiata sulle spalle di un capofamiglia la cui età è superiore ai 55 anni per i quali le difficoltà ad inserirsi nel mondo del lavoro sono maggiori. Le aziende che intendono assumere lavoratori con tale caratteristica potranno avere l’opportunità di stipulare contratti di lavoro intermittenti, nella stessa modalità con la quale vengono regolate le prestazioni di lavoro di tipo discontinuo e occasionale con chi ha meno di 24 anni di età. Inoltre per tale categoria di lavoratori da 2016 la misura che prevede la corresponsione delle indennità ASPI invece di 12 mesi sarà di 18 mesi. 28 febbraio 2013 – salvatorecaccaviello positanonews.

fonte:Ansa