Traduzione napoletana interpretativa di “Socrates ad amicos” di Fedro

0

 

Traduzione napoletana interpretativa  di “Socrates ad amicos” di Fedro

La collega Grazia Cerino, figlia dell’emerito sommo poeta Salvatore Cerino, ci invia questa sua traduzione napoletana interpretativa, che volentieri ospitiamo nella nostra pagina.

Alberto Del Grosso

Giornalista Garante del Lettore

di Positano News

Veramice    di Grazia Cerino

Amico è na parola assaie usuale,

ma n’amico fedele è n’ata cosa.

Na casarella Socrate

se steva fravecanno,

(vurria ‘a morta soia, ma pure ‘a gloria,

parlassero ‘e me , mo,ma no quanno so’ muorto.)

sentette ‘e murmulià,

comme capita spisso,

uno ca ‘a llà passava:

“Chesto me pare strano,

n’ommo tanto importante

se fa ‘na casarella accussì piccerella?”

Socrate rispunnette:

-Vulesse ‘o cielo ca jenchere ‘a putesse

d’amice, veramice!-

 (Da ‘E cunte ‘e Fedro” Di Grazia Cerino Ed.Fratelli Ferraro

 

 

 

Lascia una risposta