venerdì 19 dicembre 2014 | Aggiornato alle 04:30

28/02/2013

Momento poetico cilentano, Gioi, il mio amato paese del campanili

La poesia è sempre intorno a noi; è tutto e niente; musica del pensiero; i versi sono nell'aria; la parola del poeta scava nel profondo; cerca un senso del vivere.   Giovanni Farzati  

A   Gioi,il mio amato

           "paese dei  campanili"

 

 

 

Caro paese mio,di questa terra queta,

 

per te m'impegno e gioco da poeta.

 

 

 

D'essere nato qui' io son felice

 

e avere avuto te come cornice.

 

 

 

L'aspetto tuo colpisce a prima vista

 

e meraviglia tutti,non sol l'artista.

 

 

 

Le tue bellezze hanno avuto parte

 

perche' il mio destin fosse dell'arte.

 

 

 

Le tue viuzze,interne e mulattiere,

 

mi videro iniziare col mestiere:

 

 

 

piccole mani impugnano carboni

 

e sulle pietre nascono emozioni.

 

 

 

Le Chiese ed i palazzi coi portali,

 

non hanno nei dintorni molti eguali

 

 

 

e per coprire il ruolo di modello,

 

ti fregi di una cinta e di un castello

 

 

 

e quando ci si affaccia dal bastione

 

non si puo' trattenere l'emozione.

 

 

 

Quale che sia ormai il mio futuro,

 

io restero' con te,ne son sicuro.

 

 

 

                    Mario Romano

 

Inserito da: Giovanni Farzati

Diventa fan di Positanonews

LA SETTIMANA
SERVIZI