Castellammare di Stabia muore perchè senza chiavi si arrampica e poi cade

0

 Castellammare di Stabia Napoli . Tragedia in piazza Principe Umberto, in pieno centro cittadino a pochi passi dal Municipio. Un uomo è precipitato dal quarto piano di un edificio, secondo quanto accertato dalle forze dell’ordine, dopo essere scivolato nel tentativo di entrare nel suo appartamento. Nunzio Porzio, 60enne stabiese, vedovo con due figli, è stato trovato morto da alcuni condomini nell’androne del palazzo dove abitava in piazza Principe Umberto, nota anche come piazza Monumento. Il ritrovamento è avvenuto intorno alle 16 quando è scattato l’allarme. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di Ps di Castellammare, agli ordini del primo dirigente Pasquale De Lorenzo e del vicequestore Francesco Mainardi, insieme agli uomini del locale comando di polizia municipale, coordinati dal comandante Antonio Vecchione. Accorso anche il personale del 118, ma per Porzio non c’era già più nulla da fare. Nei pressi dell’edificio si è subito raccolta una folla di persone, mentre nell’androne le forze dell’ordine procedevano con i rilievi. Il traffico in zona è rimasto bloccato per diversi minuti. Tra le prime ipotesi al vaglio degli inquirenti c’era anche quella del suicidio. L’uomo però, secondo quanto appurato dagli agenti di polizia municipale, sarebbe stato vittima di un incidente. Sembrerebbe che Porzio sia scivolato, precipitando nel vuoto, nel tentativo di entrare nel suo appartamento poiché aveva dimenticato le chiavi all’interno. Nello specifico, ricostruendo l’accaduto, le autorità hanno escluso quasi subito la pista delittuosa. Più probabile, invece, che Porzio si stesse arrampicando quando è scivolato. Durante la caduta il corpo avrebbe anche urtato contro le vetrate di uno studio professionale situato al primo piano dell’edificio. Dopo gli accertamenti, alle ore 17 circa, la salma è stata portata via dall’impresa di pompe funebri. Alcuni vicini di casa di Porzio, ascoltati anche dalle forze dell’ordine, hanno raccontato come l’uomo fosse solito dimenticare le chiavi di casa e, per questo, spesso si serviva di un piccolo cornicione adiacente al vano ascensore per entrare all’interno del suo appartamento attraverso una finestra. Un’operazione molto pericolosa che ieri potrebbe essere stata fatale all’uomo.