Piano di Sorrento Iaccarino e Ruggiero bagarre in minoranza e maggioranza e intanto c´è il toto assessori

0

 Giovanni Iaccarino si sfoga si dice “amareggiato” personalmente per l’abbandono Anna Iaccarino gli risponde che gli parlerà da vicino per l’aspetto umano, ma che le sue scelte sono politiche. Insomma in questo momento a Piano di Sorrento , comune centrale della penisola sorrentina, sembra essere tutto in ridiscussione. Iaccarino che si fa da parte per nominare Enzo Parlato capogruppo di minoranza “Io preferisco dedicarmi all’associazione”, ci spiega Iaccarino. Insomma in minoranza non si sta tranquilli, tantomeno in maggioranza dove Giovanni Ruggiero ha azzerato antipicatamente le deleghe. Il toto assessori impazza ma ci sono dati scontati, Daniele Acampora al posto di Maurizio Gargiulo, Salvatore Cappiello potrebbe subentrare al posto di Francesco Gargiulo, insomma può succedere di tutto. Una cosa è certa così non va e Ruggiero lo sa bene…

Ecco come descrive, secondo noi in maniera migliore, la vicenda Ciriaco Viggiano su Il Mattino di Napoli principale quotidiano della Campania . «È tempo di verifiche necessarie»: così il sindaco Giovanni Ruggiero ha comunicato agli assessori la revoca delle deleghe. Con una nota indirizzata ai componenti della giunta, ai consiglieri e al segretario comunale, il primo cittadino ha dato il via al mini rimpasto, annunciato già a maggio 2011, all’indomani della sua rielezione. «Il momento è delicato sotto il profilo amministrativo, sociale e politico, e impone una riflessione su ciò che abbiamo realizzato – si legge nella nota firmata da Ruggiero – Verificheremo insieme risultati ed energie e ripartiremo per realizzare il bene della nostra città». Per il momento, quindi, tornano nella disponibilità del sindaco le deleghe assegnate poco meno di due anni fa agli assessori Pasquale D’Aniello, Rossella Russo, Francesco Gargiulo, Maurizio Gargiulo e Vincenzo Iaccarino. Per quest’ultimo, responsabile tra l’altro di Edilizia privata e Sanità, confermata la carica di vicesindaco. Azzerate anche le deleghe dei consiglieri comunali e del presidente dell’assise cittadina, Luigi Maresca, fino a poche ore fa titolare di Cultura e Turismo. Nel corso della prossima settimana, comunque, il sindaco dovrebbe ridisegnare deleghe e competenze dei componenti dell’esecutivo. Francesco Gargiulo potrebbe conservare la delega all’Ambiente, ma non si escludono nemmeno newentry in giunta: ad avere un ruolo di primo piano potrebbe essere Salvatore Cappiello, attuale capogruppo di maggioranza, primo eletto alle comunali del 2011. In fibrillazione anche la minoranza, dopo la decisione di Anna Iaccarino, di abbandonare il gruppo «In primo Piano» e rendersi indipendente. «Bisogna guardare al futuro con una connotazione politica più marcata – ha detto la Iaccarino – La stagione delle liste civiche è finita». Il consigliere comunale, infatti, ha scelto di aderire al Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo in vista del voto. Nel frattempo, anche Antonio D’Aniello valuta la possibilità di dar vita a un gruppo autonomo nel Pd: «Dopo che Iaccarino avrà formalizzato la sua decisione – fa sapere il consigliere di opposizione – aprirò una riflessione con la sezione cittadina e gli organi provinciali del partito per valutare l’opportunità di archiviare l’esperienza della lista civica». Ecco spiegata la delusione del leader della minoranza Giovanni Iaccarino: «Le aggregazioni vanno fatte sulla base dei programmi e dell’appartenenza ad un partito piuttosto che a un altro – osserva – Occorre essere fedeli al voto degli elettori, senza ambiguità».

Lascia una risposta