Momento poetico cilentano, Emigrazione (da Gioi)

0

 Emigrazione   (da Gioi)

 

 

               Da   quanti anni i figli tuoi,

 

                 mentre tu nulla puoi,

 

               scendono   a valle, verso Omignano,

 

               per   emigrar,vicino o lontano.

 

                                             E tu,sdraiato sulla tua collina,

 

                                           tacito   patisci questa rovina……

 

                                             E mentre loro passan la fiumara,

 

                                             anche tu soffri per la scelta amara.

 

                E,quando ti lascia la tua gente,

 

                s’avverte il pianto tuo impotente.

 

                Lasciano la tua storia e i loro cari

 

                e quelli che ritornano son rari.

 

                                            Si   girano per coglier l’ultima occhiata,

 

                                             si sentono la faccia un po’ bagnata.

 

                                             Anche tu piangi,di sicuro,

 

                                             come la mamma poggiata ancora al muro.

 

                                                              

 

                                   Mario   Romano  Gioi Cilento

 

 

 

               Una piccola riflessione,espressa in semplici versi,su uno dei   nostri

 

               problemi piu’ grandi che il sottoscritto,assieme a tantissime altre  

 

               persone della nostra terra,ha vissuto ancora  ragazzo.



Lascia una risposta