A RASTELLI NON RIESCE L´IMPRESA CONTRO LA PAGANESE E CENTRARE L´OBIETTIVO PRIMATO

0

Pagani. Una ripresa da brividi costa un clamoroso tonfo all’Avellino. Non basta la rete di Angiulli per centrare l’obiettivo primato. Gli uomini di Rastelli crollano sotto i colpi di una Paganese straripante nella ripresa con le doppiette di Caturano e Scarpa. Il tecnico biancoverde si affida a Bariti tra le linee in luogo dello squalificato De Angelis. In attacco spazio al collaudato tandem formato da Castaldo e Biancolino, quest’ultimo recuperato dopo un fastidio al ginocchio accusato durante la settimana di preparazione. Sulla sponda azzurrostellata conferma per il 3-5-2. Grassadonia, appiedato e sostituito in panchina dal preparatore atletico Malafronte, getta nella mischia a sorpresa l’ex clivense Franco nella zona nevralgica. Ancora in panchina Scarpa così come a Sorrento. Si gioca su un rettangolo verde pesante per l’abbondante pioggia caduta nell’immediatezza del fischio d’inizio. La Paganese parte con il piglio giusto. Tortori ha spazio per battere a rete dal limite ma la mira è imprecisa (6’). Tre minuti più tardi la palla buona capita sul destro di Caturano la cui botta termina abbondantemente a lato. L’Avellino fatica ad orchestrare la manovra di fronte all’aggressività dei padroni di casa. Chance per la formazione di Rastelli al quarto d’ora. Biancolino pesca bene Castaldo. La bordata dell’attaccante di Giugliano è alzata in angolo da Robertiello. Non è da meno l’estremo difensore ospite Fumagalli che mette sopra la traversa una velenosa punizione di Romondini deviata dalla barriera (20’). La gara è piacevole e scorre via su buoni ritmi. Le condizioni del campo non aiutano le due squadre che cercano spesso il lancio lungo ma senza grossi esiti. Non manca di certo l’agonismo invece che rende avvincente la contesa. L’Avellino rischia poco dopo la mezz’ora. Azione manovrata con Girardi che fa da sponda per Tortori. Il tiro di prima intenzione trova la superlativa risposta di Fumagalli che salva i biancoverdi. Scampato il pericolo, gli uomini di Rastelli si affacciano minacciosi in attacco. Spizzata di Castaldo per l’accorrente Bariti la cui conclusione potente da posizione defilata non inquadra il bersaglio grosso (35’). Al 42’ invece a Robertiello a smanacciare un diagonale di Biancolino. È il preludio al vantaggio che porta la firma di Angiulli che batte Robertiello con un preciso diagonale di sinistro. Prima del riposo Fumagalli respinge con affanno la botta di Tortori. Quest’ultimo lascia spazio ad inizio ripresa a Scarpa per una Paganese che prova a raddrizzare la gara. Una manciata di secondi ed il neo entrato saggia i riflessi di Fumagalli con una conclusione centrale. I lupi rispondono con una sortita offensiva di Giosa che tenta la soluzione in spaccata senza fortuna (8’). Sul Torre si abbatte una pioggia fitta che facilita il lavoro dei difensori irpini bravi a chiudere tutti gli spazi davanti a Fumagalli. Il portiere biancoverde però non può nulla sul colpo di testa di Caturano che finalizza al meglio il traversone di Nunzella. La rete mette le ali ai padroni di casa. L’angolo di Nunzella è raccolto di testa da Scarpa che insacca nuovamente e capovolge il risultato. L’Avellino crolla sotto i colpi degli azzurrostellati. Alla mezz’ora la Paganese blinda il risultato. Sugli sviluppi di un corner, Fernandez centra la traversa di testa. Sulla respinta Caturano è il più lesto di tutti e sigla la sua doppietta. Non è finita perché la serata è da dimenticare per l’Avellino. Fumagalli perde ingenuamente palla e Scarpa va a segno con un delizioso pallonetto. Termina con la contestazione dei tifosi biancoverdi all’indirizzo dei propri beniamini.

 

5 Fumagalli Incassa un poker di reti con grosse responsabilità in occasione della doppietta di Scarpa. Peccato, perché aveva collezionato due buoni interventi. Rovina tutto in maniera incredibile. 

5 Bittante Prestazione non impeccabile per il giovane laterale destro. Si limita a presidiare la propria zona di competenza ma soffre la spinta di Nunzella. Non è un caso se il pareggio della Paganese arrivi dal suo settore d’azione. 

5,5 Fabbro Non è elegante ma serra bene i ranghi con piglio giusto. Non bada a fronzoli quando c’è da liberare l’area sulle palle vaganti. Si fa sorprendere però anch’egli nell’azione che porta Caturano a battere di testa in occasione della prima e della terza rete.

5,5 Giosa Non sembra essere nelle migliori condizioni fisiche. Ingaggia un duello ruvido con Girardi che diventa un tema tattico interessante. A volte però sbanda paurosamente e mette in affanno l’intero pacchetto arretrato.

5,5 Pezzella Incide poco sulla partita. Si limita a presidiare la fascia, una serata anonima.

5,5 D’Angelo Regge bene un tempo con dinamismo e sagacia tattica apprezzabili. Recupera un buon numero di palloni ma poi accusa un netto calo alla distanza. Cede il passo di fronte ai diretti avversari ed il cambio è inevitabile (dal 30’ st Herrera sv: un tiraccio di frustrazione e nulla più).

5,5 Massimo L’approccio alla gara non lascia ben sperare. Il terreno di gioco fangoso lo penalizza e lo limita nelle giocate. Nonostante tutto, riesce a mettere la testa fuori dal guscio ma non basta a guadagnare la sufficienza (dal 35’ st Arini sv: poco tempo a disposizione per provare a dare il suo contributo).

6 Angiulli Salva la sua prova con la rete che dà l’illusione del primato all’Avellino. Senza quel guizzo sarebbe stata un prestazione ben al di sotto della sufficienza.

6 Bariti Sfodera una prestazione di sostanza con corsa e senso tattico. Si sgancia sovente per affondare sulla destra e si rende protagonista di buone sortite offensive. Sostituito per esigenze tattiche (dal 37’ st Millesi sv: non lascia tracce).

5 Castaldo L’attaccante di razza non si esprime sui suoi soliti livelli e finisce dietro la lavagna. Solo un tiro pericoloso nel primo tempo.

5 Biancolino Il suo giudizio non si discosta molto da quello del suo compagno di reparto. Non è mai nel vivo dell’azione ed deludente sotto il profilo dell’impegno.

fonte:ilmattino

Gamberini out pronto il capitano per la sfida con il Parma

E-mailStampaPDF
Giornata di riposo oggi per il Napoli. Walter Mazzarri ritroverà i suoi giocatori domani pomeriggio, al centro tecnico di Castelvolturno. Il Napoli domenica pomeriggio sarà impegnato allo stadio Tardini contro il Parma. Il caso clinico più spinoso è quello di Alessandro Gamberini. La sua caviglia sinistrà sarà valutata dallo staff medico, il giocatore durante la gara contro la…

Leggi tutto…

Bergonzi incoerente e confuso

E-mailStampaPDF
Bergonzi ha offerto una prestazione arbitrale improntata prima sulla linea dura e poi sull’indulgenza: incoerente e confuso. Al 10′ su cross dalla trequarti di Pasqual, contatto Britos-Toni in area partenopea. Il tutto si consuma anche sotto gli occhi dell’arbitro d’area Giannoccaro. Fa bene Bergonzi a non intervenire. Al 12′ Behrami viene ammonito per fallo su Aquilani. Il cartellino…

Leggi tutto…

Britos errore di De Santis ecco cosa è successo

E-mailStampaPDF
Miguel Britos il gol di Roncaglia è stato  un errore di Morgan ,lui ha chiamato palla e io l’ho lasciata,purtroppo l’uscita dai pali non è stata delle migliori,ma il suo valore non si discute.Puo’ succedere.Ma De Santis ha compiuto anche delle parate importanti su Luca Toni.Il nostro obiettivo è la Champions col Parma bisogna conquistare i tre punti e ricominciare la rincorsa,io non mi…

Leggi tutto…

Walter Mazzarri gol balordo meritavamo di piu’

E-mailStampaPDF
Un errore del nostro portiere De Santis apre la strada alla Fiorentina pero’ ci pensa come sempre Edinson Cavani . Proteste di Montella per mancata espulsione di Behrami, grandi parate di Neto su Inler e Pandev

«Abbiamo tredici punti in più dello scorso anno e non ci accontentiamo». Walter Mazzarri ha preso con serenità il pareggio contro la Fiorentina, un punto che allontana il Napoli dalla…

Leggi tutto…

Miguel Angel Britos ai microfoni di Radio Marte