Sorrento,soldi per Premio Caruso e Premio Sirena mentre si continua ad escludere affitti sociali,artigiani e territorio.

0

 inserito da Salvatore Caccaviello

Lo rileva Rivoluzione Civile  con Antonetti (Idv) che propone per il 2013 l’ utilizzo dei 311mila euro del Premio Caruso e gli 80mila euro del Premio Sirena per gli affitti sociali, per i problemi delle piccole imprese artigianali  ed iniziare un’opera di tutela e messa in sicurezza del nostro territorio.

Sorrento – Dopo i recenti fatti di cronaca in Penisola Sorrentina, tra cui spiccano la rapina alla filiale di Sorrento della Deutsche Bank e lo sfratto dell’ultimo maestro d’ascia a Marina Piccola, arrivano le proposte dell’avv. Giovanni Antonetti (IdV) che chiede al sindaco Giuseppe Cuomo ed alla giunta comunale un diverso utilizzo delle risorse pubbliche, attraverso la formulazione di alcune proposte.E’ assurdo che l’amministrazione comunale abbia speso per la scorsa edizione del Premio Caruso 311mila euro (determina comunale n. 682 del 14 giugno 2012), che presumibilmente saranno stanziati anche per l’edizione del 2013, come è altrettanto incredibile che la giunta municipale appena 2 giorni fa (delibera n. 5 del 16 gennaio 2013) abbia stanziato 80mila euro per il ‘Premio Nazionale Olio D.o.p. extravergine di Oliva Sirena d’Oro’ ” dichiara l’avvocato Giovanni Antonetti, coordinatore IdV in Penisola Sorrentina “Ma dove sono finite le esigenze dei cittadini? Migliaia di euro spesi per manifestazioni, per fare un’ipotetica pubblicità al territorio di Sorrento, mentre tante persone, cittadini, sorrentini, si trovano costretti a confrontarsi quotidianamente con affitti superiori a 900 euro mensili per un abitazione, assistono impotenti alla rapina della principale banca della città, in pieno centro (!!), episodio mai verificatosi nella nostra amata Sorrento; commercianti costretti a chiudere le proprie attività perché letteralmente strangolati da fitti che superano i 2mila euro al mese ed attività artigianali abbandonate a se stesse, quasi come una specie in via di estinzione. Aldilà degli schieramenti politici e dei diversi partiti, in giro vedo tanta rabbia e frustrazione” continua il responsabile dipietrista “Una domanda che in tanti si piongono: perché la giunta municipale spende questi soldi per esigenze solo di facciata, come il Premio Caruso che è una passerella di nomi, della durata di appena un giorno (!!) e che tra l’altro viene trasmessa in differita ed in seconda serata, nel periodo estivo, quando nessuno guarda i programmi televisivi, oppure il Premio Sirena.” Un’analisi reale e concreta dell’attuale situazione della città quella di Giovanni Antonetti che tuttavia propone:Invito i componenti della giunta municipale ed il sindaco a comprendere i veri bisogni della persone, a scendere in strada per manifestare vicinanza alla gente; c’è una crisi senza precedenti, dal punto di vista economica e della sicurezza delle persone. Cosa fa, cosa ha fatto e cosa farà l’Ente Comunale per venire incontro alle esigenze dei cittadini, dei commercianti, degli artigiani?
E’ per questo” conclude l’esponente dipietrista che lanciamo un appello a tutti i membri della giunta ed al sindaco: confrontiamoci su proposte che abbiamo pronte da mesi e che non vengono puntualmente ascoltate: investimento in affitti sociali, con fondi ben oltre i 25mila stanziati nell’ultimo bando, un fondo per l’artigianato, investimenti in sicurezza e vigilanza stradale. Ora la parola passa al sindaco, ed aspettiamo una convocazione formale per discutere di queste proposte, nella speranza che i cittadini sorrentini non ricevano un danno, sol perché le nostre proposte provengono da una parte politica diversa dalla maggioranza comunale i centrodestra”.