MINORI, COSTIERA AMALFITANA FRANCO NUSCHESE PATRON DEL RISTORANTE PREFERITO DA OBAMA

0

 Per festeggiare, il compleanno della moglie il presidente degli stati Uniti Obama ha scelto il Cafe Milano, la notizia battuta da tutti i media sta facendo il giro del mondo. Quello che ci inorgoglisce è che questo ristorante è di un cittadino di Minori in Costiera amalfitana Franco Nuschese.A Minori in piazza Cantilena vi sono nuclei familiari con questo cognome, tra l’altro raro in Italia, sicuramente parenti.

Il presidente americano Barack Obama, per festeggiare il 49esimo compleanno della moglie Michelle  – scrive il corriere del Mezzogiorno -, , ha scelto il più esclusivo ristorante italiano di Washington: il Caffè Milano. Dove la coppia della Casa Bianca ha deciso di trascorrere, insieme ad alcuni amici, una serata di divertimento. Ma il nome evocativo del centro lombardo non inganni. Il proprietario dell’elegante ristorante che si trova nel cuore di Georgetown – al 3251 di Prospect Street – è di origini salernitane. Di Minori in costa d’ Amalfi . Da qui Franco Nuschese è partito cullando il grande sogno americano. Riuscendoci, perchè ora è uno dei ristoratori più famoso degli Usa. Padre bidello, madre casalinga, Nuschese ha coltivato da bambino la passione per la cucina abbinata a quella per il mare. Nel 1982 lascia Minori per Londra: qui comincia a lavorare nei ristoranti ricoprendo tutti i ruoli. Fino a quando, messi da parte i giusti risparmi, riesce a volare negli Stati Uniti. A Las Vegas, dove continua a lavorare sodo e imparare i trucchi del mestiere. Facendo leva su una grande prerogativa: oltre ad essere bravo in cucina è particolarmente apprezzato per la capacità di stringere rapporti interpersonali. Il grande salto lo porta a Washington Dc. «Caffè Milano», finalmente il suo ristorante, in poco tempo si distingue per qualità gastronomica e scelta raffinata nell’arredamento degli interni. Conquistando il titolo di miglior ristorante della East Coast. Ma il business di Franco Nuschese non si è fermato alla Capitale. Oggi possiede una catena di ristoranti sparsi in diversi stati della Confederazione e sta iniziando a diversificare gli investimenti in altri settori commerciali. Una ventina gli invitati. L’amica di una vita di Michelle, Valery Jarrett oggi senior adviser del presidente; la mamma di Barack, signora Robinson; il ministro della Giustizia Eric Holder e signora. Il menù: antipasti a base di mozzarella di bufala e peperoni marinati, fusilli bucati alla genovese con pecorino romano. Per secondo cernia con purea di finocchio e cime di rapa, tagliata di manzo al sale nero. E per finire ricotta e pera. Nuschese, nominato di recente commendatore della Repubblica, è abituato alla presenza dei vip di Washington: Bill Clinton e Arianna Huffington tra i clienti affezionati. Nel 2008, quando Benedetto XVI venne in visita pastorale a Washington, fu lui a organizzare il pranzo in occasione del suo 81/esimo compleanno che cadeva in quei giorni. E sono di casa anche giudici della Corte suprema come Antonin Scalia e stelle della musica come Quincy Jones. «Siamo stati pre allertati due settimane fa – ha rivelato Nuschese – ma solo ieri abbiamo avuto la conferma che sarebbero arrivati. Michelle ha mangiato qui durante la campagna elettorale. Ma Obama mai da quando è presidente, mentre in passato, quando era senatore, veniva spesso. È stata una bella serata: ci ha detto che questa era un pò l’ultima sera un pò tranquilla prima di rituffarsi nel secondo mandato. Mi ha detto sorridendo che Panetta è a Roma in questi giorni. Hanno cantato happy birthday a Michelle, che era raggiante. Il piatto che ha gradito di piu? Senza dubbio i fusilli alla genovese. Io l’ho salutato dicendogli che se lui ha successo, anche noi, uomini del business avremo successo».

ECCO IL RAFFINATO SITO INTERNET  http://www.cafemilano.net/ 

 

Lascia una risposta