La Camera di Commercio e la Guardia di Finanza di Salerno a garanzia del mercato

0

L’Ente camerale mette a disposizione del Corpo un doppio decalitro per la verifica degli impianti di erogazione di carburante.

Si è tenuta oggi, giovedì 17 gennaio 2013, alle ore 10.00, presso la sede operativa della Camera di Commercio di Salerno – via S.Allende 19 – la cerimonia di consegna di un doppio decalitro che l’Ente camerale ha messo a disposizione della Guardia di Finanza di Salerno, affinché possa procedere autonomamente alle azioni di tutela della fede pubblica, con particolare riguardo alle operazioni di verifica degli impianti di erogazione di carburante.

La consegna dello strumento di verifica è avvenuta alla presenza del Presidente della Camera di Commercio di Salerno Guido Arzano e del comandante del Gruppo di Salerno della Guardia di Finanza Diego De Luca.

Il doppio decalitro consegnato alla Guardia di Finanza di Salerno, realizzato dalla ditta Gibertini, completo del certificato di taratura, è una misura speciale di capacità conforme alla Direttiva europea 2004/22/EC sugli strumenti di misura (Direttiva MID) ed è utilizzato per la verifica di complessi di misura per carburanti nazionali.

La consegna dello strumento è un ulteriore tassello che si colloca in continuità alla collaudata sinergia operativa tra la Camera di Commercio e la Guardia di Finanza di Salerno, il cui rispettivo personale è stato più volte protagonista, nei mesi scorsi, di azioni congiunte che a portato alla verifica, con apposite ispezioni, di numerosi impianti di distribuzione di carburante ubicati in circa 40 comuni della provincia di Salerno.

In particolare, le operazioni hanno riguardato la verifica di 60 impianti, per un totale di 474 strumenti di erogazione, che ha comportato l’emissione di 19 ordini di aggiustamento, l’irrogazione di 8 sanzioni amministrative, la disposizione di un sequestro amministrativo e di 2 sequestri penali.

In sintesi, le operazioni di verifica hanno messo in evidenza che il 95% degli impianti ispezionati opera nel rispetto delle normative, sia metrologiche che fiscali. Il dato degli ordini di aggiustamento va ritenuto ampiamente nella media così come è di conforto il riscontro sulla regolarità dei sigilli metrici, conforme in 59 impianti sui 60 oggetto di verifiche.