Agropoli depressione Killer 32enne studente universitario si suicida

0

 

AGROPOLI Trentunenne sale sul tetto della sua abitazione e si lancia nel vuoto. È morto così Lorenzo C., studente universitario presso la facoltà di Ingegneria di Fisciano. A causa dell’impatto violentissimo, dopo un volo da diversi metri di altezza, ha riportato delle lesioni gravissime. La tragedia si è consumata ieri nel tardo pomeriggio, intorno alle 18, in via Padre Giacomo Selvi in prossimità dell’oratorio, lungo la strada che conduce alla stazione ferroviaria. Sulla vicenda indagano i carabinieri della locale compagnia agli ordini del capitano Raffaele Annicchiarico. La salma è stata ricomposta nella sala mortuaria dell’ospedale di Agropoli. Stamani si terrà l’esame esterno disposto dal magistrato di turno della Procura di Vallo della Lucani e quindi i funerali. Un gesto estremo, secondo quanto sarebbe emerso dagli accertamenti effettuati dai carabinieri, che ha rappresentato l’epilogo di una sintomatologia depressiva in cui versava il giovane già dal 2008. Un momento di forte sconforto, che lo ha spinto a farla finita per sempre per spegnere quella sofferenza che, da tempo, lo faceva stare male. E, che forse è stata determinata anche dal fatto di non riuscire a raggiungere quel traguardo tanto agognato della laurea. Pochi esami, e avrebbe potuto svolgere l’attività di ingegnere che tanto amava. Un piano suicida forse studiato da tempo che ieri pomeriggio ha messo in atto. Quando si è consumata la tragedia in casa con lui i genitori ed alcuni familiari, da poco rientrati dal funerale del fratello del padre, al quale Lorenzo sembra non avesse preso parte. Tutto si è consumato in pochi drammatici attimi: il giovane ha raggiunto il tetto e si è lanciato compiendo un volo di diversi metri. Ad accorgersi del corpo del 31enne in strada riverso in una pozza di sangue alcune persone che si trovavano nell’oratorio “Padre Giacomo Selvi”. E’ stata allertata la centrale operativa del 118, diretta da Giuseppe Basile, che ha inviato sul posto due ambulanze della Croce Rossa e la rianimativa dell’Humanitas di Santa Venere. Le condizioni di Lorenzo sono apparse gravissime. A seguito della caduta ha riportato un grave trauma cranico e lesioni su tutto il corpo. Inutile la corsa all’ospedale il giovane è morto durante il tragitto. Sotto choc i genitori, che hanno raggiunto l’ospedale increduli per quanto successo. Un ragazzo tranquillo e molto riservato, che non è riuscito a vincere contro quel male oscuro che lo opprimeva. Angela Sabetta

Lascia una risposta