Pillole di saggezza, ricordando le tante maestre del mio Cilento

0

I ricordi, la maestra, lavoro durissimo, non è per niente esagerato dire, spinale dorsale della nostra società…l’altra mamma.   w bay.

                                         ————–

 

 

Dopo le lunghe vacanze di Natale i nipotini sono tornati a scuola. Stamattina li ho accompagnati io ed ho salutato con grande trasporto una delle loro maestre e ci siamo scambiati gli auguri per il Nuovo Anno.E’, la maestra, una donna attaccata al suo dovere, ama i bambini, sempre allegra e con un bel sorriso contagioso e sa fare con amore il suo mestiere. I miei nipotini l’adorano.Ci siamo salutati e questa maestra romana piuttosto giovane e gioviale mi ha fatto venire alla mente le tante maestre del mio Cilento, che fanno il loro lavoro con amore nelle piccole scuole dei paesi e delle borgate della mia terra  lontana. Sono il punto di riferimento di bambini e famiglie e sono il primo fondamentale centro motore di cultura, attraverso il paziente lavoro di alfabetizzazione dei bambini. Io ho tante maestre tra le mie lettrici, cilentane  e non. E a tutte loro voglio dedicare questo mio delicato e commovente ricordo scritto per la mia prima maestra. E’ un riconoscimento, sull’onda della dolcezza della poesia, al lavoro spesso oscuro, però fondamentale di tutte le maestre del Cilento, il cui lavoro si svolge spesso in condizioni di grande diffcioltà, per insufficienza di strutture e di servizi e, proprio per questo, più apprezzabile

M’àno ritto ch’è morta la maestra,
chera ca mme mparào a, i, o, u.
Me la ricordo come fosse aieri
la prima vota ca m’accarezzao
e doce doce me tenia la mano
e mme mparava a legge a uno a uno
tutti li righi re lo sillabario.
“A come amore, B è come bere,
C come cuore, D come dovere
…………………………………….
M come mamma, N come nonna”
Na bella facci  rossa, tonna tonna
l’uocchi turchini e li capiddi r’oro
passava pe li banchi e ripetìa
“O come ostia, Z come zia”
Li iuorni re bontiempo, a primavera
ne portava a passeggio pe li campi
pe nne fa sapè ca li   listingi
se chiamano lentischi, e le rovete
rovi e li fringi ginestre, cardi
li carduni e macchia li machiuni.
Quanta pacienzia pe mparà li nomi
re sierpi, r’aucieddi e fruvugliuni
attuorno attuorno co la vocca aperta:
na ioccola ca ceva li prucini.
Oh, quanta vote m’è venuta a mente
la scola co li banchi, la lavagna,
nu crucifisso appiso e na bandiera
e no pallottolieri russo e ghianco;
e sotta no stipone  na vrasera
ca ne servìa a vierno, co lo gelo!
E nc’ieri sempe tu, bella signora
maestra, co na facci rossa e tonna,
l’uocchi turchini  e li capiddi r’oro.
Te nne sì ghiuta inta no momento
na matina r’abbrili, a primavera.
Te vengo a truvà a maggio co le rose
e co no bello fascio re ienestre.
Me pare re turnà pe n’ata vota
uaglioncieddo co no grembiule ianco
na nocca rossa, na borsa re pezza
ca porta tanta  fiuri a la maestra.     (Giuseppe Liuccio)