Processing...
Napoli. Castel dell´Ovo. Opere di Maria Luisa Casertano in mostra.
Articolo di Maurizio Vitiello Maria Luisa Casertano con le sue emozioni, tra soffi e impulsi, a Castel dell Ovo. Maria Luisa Casertano ha prodotto opere interessanti che saranno in mostra sino al 26 settembre 2012 a Castel dell Ovo, sul lungomare di Napoli. Vicini criticamente e operativamente a quest esposizone sono stati Giorgio Di Genova, Rosario Pinto, Gilda Luongo, che cura l evento, Stefania Spisto, Linda Irace, Stefania Falco.La curatrice Gilda Luongo ha segnalato, tra l altro: La poetica informale dai tratti nucleari in questo spartito volatile ritrova ancora le sue margherite gialle con la consapevolezza di essere una pittrice creatrice di un qualcosa che somiglia solo a se stessa, al suo sguardo, al suo gesto, e alla cifra piu autentica del suo essere donna. Maria Luisa Casertano ha, invece, sottolineato, quanto segue: Sono nata a Napoli dove vivo e lavoro, da sempre ho sentito intorno a me l amore per l arte; il lavoro del nonno materno, valente pittore ligure, ha influenzato sia me che imie fratelli trasportandoci in questo mondo dove la mente guarda con il cuore. Ho cosi, tentato di dare corpo ai pensieri, ai sentimenti, che muovono e commuovono. Nascono forme in continuo movimento alla ricerca del colore del sentire. Masse definite, di materia ora porosa con increspature, lacerazioni eper questo piu viva, ora superfici lisce con velature e trasparenze che captano la luce. Le forme compiono un continuo viaggio e il colore le investe trasformandole. Lungo il cammino infiniti intralci, barriere tentano di annullarle, ma esse riemergono sempre, con esplosioni di vita . Il dettato cromatico determinato da soffi e impulsi muove un registro pittorico intenso, volutamente intimista. I colori assumono valenze energetiche e segnano, tra sbalzi e motivazioni ondivaghe, percorsi accidentali, ma sentiti. Tra brevi, penetranti, gremiti, condensati segni colore s eleva la volonta di ripristinare un armonia perduta. Il mondo interiore insegue la vita. Maurizio Vitiello