martedì 16 settembre 2014 | Aggiornato alle 10:51

24/07/2012

Sorrento Rossetti ed MSC le storie nascoste dai media dell´inferno dei musicisti sulle Navi Crociera

Le crociere un paradiso? Per i musicisti un'inferno . Positanonews ha sentito un musicista di Sorrento (che ha chiesto l'incognito) che lavora, come tanti della penisola sorrentina, sulle navi crociere dell' MSC di Aponte . "Molti non conoscono le condizioni di noi musicisti, lavoriamo ore ed ore sulle navi crociere, senza sosta, e dormiamo in cuccette in spazi angusti e ristretti..." Chi abbiamo sentito è un musicista dell'area sorrentina (che va da Massa Lubrense a Vico Equense ) e ci racconta come avviene l'ingaggio "Noi non veniamo assunti dall'MSC, in realtà a contattarci era la Rossetti Entrateinment che si trova a Gragnano.. con annunci su giornali o in rete molto generici, non sta scritto dove si va a lavorare ma genericamente navi crociera.." Quindi i Rossetti ti fanno il contratto? "Una volta era così, ora ultimamente si ha a che fare sempre con loro ma il contratto si fa con una società che si chiama  Bromford dopo un'audizione, a me la ha fatta  Gabriele Iaconis.." Quindi sulle navi crociere i musicisti vengono subappaltati? "Veramente questo avviene con l'MSC e altre ma non tutte, sulla Costa mi pare  ci sono contratti italiani, anche se mi pare che anche l'MSC stia facendo contratti italiani.." E altri lavoratori "Sulle navi crociere trovi equipaggi rumeni, cuochi ucraini, oramai è tutto personale estero, lo sa che negli USA le crociere costano anche solo 200 euro a settimana? Perchè li il personale è ancora più sottopagato, ma le figure più sfruttate sono quelle dei musicisti che, fra l'altro, hanno passato anni a studiare e quindi sono persone con titoli di studio e cultura che vive con stipendi inadeguati rispetto ai sacrifici a noi va pure bene arriviamo fino 1.500 euro al mese ma senza garanzie.."  Che significa senza garanzie? Intendo dire con tutte le garanzie previste dai contratti italiani, quali diritto alla riassunzione, disoccupazione etc.." Perchè quelli con questa Bromford non lo sono? "Non sono garanzie italiane.. nel senso che non si hanno gli stessi diritti contributivi , disoccupazione etc, se una musicista va in maternità non gli viene riconosciuto niente.." Ma non è possibile.. "Si lo è perchè la sede di questa società è all'estero, non so se alle Bahamas o a Panama, fra l'altro pure la MSC  batte bandiera italiana,  ma è solo l'ente appaltante, questi contratti non sono con l' MSC ma con un'altra società e rispetto alle loro leggi è tutto perfettamente legittimo.." Dunque nulla di illegittimo, ma la cosa ci fa rimanere sconcertati, un mondo, quello del lavoro, e dei sacrifici,  dei musicisti sulle navi crociere, nascosto dai media

Inserito da: Redazione PN

1 Commenti dei lettori

paolo pillio

03/06/2014 alle ore 01:07

anche io ho lavorato sulle navi da crociera , si fa per dire , della Msc ...sono un musicista , cantante , cantautore ed e' stata una esperienza allucinante , ai confini della realta', per quanto mi riguarda ho preso un esaurimento nervoso dovuto al fatto che noi musicisti venivamo trattati come animali , e forse peggio senza nessun diritto con cibo e alloggio da galera .....un vero schifo .

Diventa fan di Positanonews

»» Visualizza tutti ««
LA SETTIMANA
SERVIZI