Sindaci della penisola sorrentina fuori dalla GORI

0

Un’interessante apertura quella di Agorà in edicola da questa mattina che riferisce dell’intento dei sei primi cittadini dei Comuni peninsulari di uscire dalla GORI ed hanno chiesto alla Regione di nominare un commissario ad acta come previsto dalla legge. Portavoce dei sindaci su quest’argomento è Gian Michele Orlando che illustra le ragioni di una decisione presa e già annunciata anche all’assessore regionale Giovanni Romano. Secondo “titolo forte” del settimanale una nuova puntata della querelle politico-amministrativa su boxlandia a Piano di Sorrento, con l’annuncio di un corposo dossier che la consigliera di opposizione Anna Iaccarino avrebbe predisposto in vista del consiglio comunale convocato per la prossima settimana dove, tra l’altro, si discuterà della mozione presentata dalla minoranza sulla Lap Immobiliare, società su cui sono concentrate le indagini della Procura ed addirittura dell’Antimafia per venire a capo dei veri soci delle due “fiduciarie” che costituiscono la compagine sociale. Torna ad affacciarsi nel dibattito politico locale l’istituzione dell’Unione dei Comuni cui propri i Sindaci questa settimana hanno dedicato un summit all’Arips. Il Partito Democratico, con un intervento a firma di Stefania Astarita la coordinatrice peninsulare, boccia l’ipotesi cui stanno lavorando i sindaci peninsulari coordinati da Leone Gargiulo. Un “parto” evidentemente difficile se si considera che sono trascorsi circa due anni da quando se ne è discusso in un convegno istituzionale a Sorrento promosso dal Sen. Raffaele Lauro. Astarita invoca un ampio confronto con i cittadini su quest’argomento visto che l’Unione dei Comuni costituisce un “ente di secondo livello“, cioè non eletto dai cittadini, bensì dai consigli comunali, e quindi “deresponsabilizza” i Sindaci rispetto a scelte amministrative anche impopolari. Astarita preannuncia la nascita di un variegato fronte politico contrario a questo tipo di impostazione del progetto cui aderiscono tutti i gruppi di opposizione da Vico Equense a Massa Lubrense. A Sorrento bliz della Polizia Municipale contro l’abusivismo edilizio in centro e nelle aree collinari. Intervista a Massimo Coppola, consigliere della maggioranza con delega alle politiche giovanili, che smentisce l’interesse a entrare in giunta, ma rivendica attenzione al proprio gruppo che, anche alla luce del lavoro svolto in questi anni, gode di un ampio consenso giovanile nel paese che rafforza in modo consistente il consigliere Coppola. A Sant’Agnello cala vertiginosamente la tensione politica-amministrativa con tutti gli attori delle consuete e infuocate polemiche rifugiati in posizione attendista in attesa delle scintille d’autunno quando parte la volata per le amministrative del 2013. Circola però con insistenza una voce che accrediterebbe un’inversione di tattica posta in essere dai due potenziali sfidanti, il sindaco Gian Michele Orlando e l’assessore provinciale Pietro Sagristani: sottrarsi al gioco al massacro alimentato da assessori e consiglieri per tenere alto ognuno il proprio prezzo e studiare con maggior attenzione le mosse da compiersi visto che, a conti fatti, gli spazi per i candidati, da entrambe le aprti, si riducono all’osso e nella prospettiva ci sarebbe più “da scaricare che da caricare a bordo“, soprattutto per chi intende rinnovare l’amministrazione. Cambia quindi la tattica e si affinano le strategie… Intanto Sagristani ha incassato la riconferma di assessore alla Provincia, blindato com’è dal presidente Luigi Cesaro, e si prepara a sfruttare tutte le opportunità di fine mandato che potrebbero ritornargli utili anche sul piano amministrativo locale. Contravvenzioni alle auto in divieto di sosta delle famiglie che partecipavano al recital di fine anno scolastico alla scuola di Via Ciampa a Sant’Agnello: polemiche e scontri che hanno coinvolto anche la politica con qualche risvolto dimissionario cui, però, Agorà mostra di non dar troppo credito. A Piano di Sorrento Biagio Verdicchio, coordinatore del movimento civico “In Primo Piano”, tira il bilancio del primo anno di lavoro in Comune. Inquinamento marino: rientra l’allarme a Piano di Sorrento, mentre si parla di un nuovo stop alla realizzazione del nicchiario municipale. Carlo Sassi, a Meta, ci va giù durissimo sul sindaco Paolo Trapani… ai limiti dell’offesa! Guerra aperta tra ex alleati, possibile il ritorno in campo di Sassi alle prossime elezioni metesi. A Vico Equense l’opposizione denuncia le incongruenze del regolamento sui rifiuti. Flora Beneduce “scopre” che il PDL è un partito del malaffare… e si lamenta!” A Massa Lubrense l’ex assessore Michele Giustiniani apre il dibattito sugli affidamenti diretti alla cooperativa “La Coccinella“. Ambrogio Amitrano chiede i danni dal Comune di Massa Lubrense. Blog Politica in Penisola