Ad Amalfi domenica la regata delle repubbliche marinare

0

Il sindaco Del Pizzo: La Regata è la nostra coppa del mondo

 

 

 

AMALFI – Siamo nelle fasi cruciali della ‘coppa del mondo’ per Amalfi e la settimana ha visto molti eventi che si sono susseguiti quasi giornalmente intorno alla 57^ edizione della Regata delle Repubbliche Marinare che si svolgerà domenica pomeriggio nel mare antistante la cittadina costiera. L’antica regata che come sappiamo vede impegnati quegli equipaggi che nel Medioevo, dopo il X secolo, godettero, grazie alle proprie attività marittime, di autonomia politica e di prosperità economica. All’epoca come abbiamo letto da alcune notizie, non erano le quattro (Amalfi, Genova, Pisa e Venezia) che oggi danno vita a questa gara sportiva, ma tra esse bisogna  annoverare anche Ancona, Gaeta e la repubblica dalmata di Ragusa; in certi momenti storici esse ebbero un’importanza non secondaria rispetto ad alcune delle quattro più note. E secondo alcuni anche Noli e Tranisi possono considerare repubbliche marinare.

 

Amalfi ha avuto una storia gloriosa e precoce di potenza marittima, le sue navi solcavano i mari insieme a quelle veneziane, quando le altre repubbliche ancora dovevano affermarsi. La città costiera non occupò mai vasti territori ma ebbe il dominio commerciale nel Mediterraneo meridionale ed orientale molto prima di Venezia. Se la sua storia di indipendenza e di navigazione iniziò molto presto, anche la decadenza arrivò presto, principalmente a causa dell’arrivo dei Normanni nel Meridione, che soppressero le autonomie locali per dar vita al grande stato del Regno di Sicilia, oltre che per la rivalità delle nascenti repubbliche di Pisa e Genova.

 

Dalla rievocata storia al futuro presente, con la regata odierna che vedrà il remo amalfitano confrontarsi con quelli di Genova, Pisa e Venezia, che nel mare ‘saraceno’ daranno vita come sempre ad uno spettacolo vibrante dal tifo acceso sportivamente. Sperando che quest’anno ci sia un vincitore e non come non ci fu a Venezia, lo scorso anno, perché la giuria squalificò Amalfi, Pisa e Genova, assegnando a tavolino la vittoria a Venezia; quest’ultima, però, non accettò di vincere in questo modo, pertanto non ci fu alcun vincitore. Comunque l’entusiasmo che gira nella cittadina è enorme anche perché già in questa settimana ci sono stati vari eventi da contorno. Come l’inaugurazione della Mostra “Eolo nelle Rose dei Venti” in esposizione sino al 20 Giugno, l’ inaugurazione del “Villaggio del Mare”, alla Marina Grande di Amalfi, attivo da martedì 29 Maggio a venerdì 1 Giugno e fino ad oggi il Convegno su “La Cultura salverà l’Italia”, ad Amalfi al Salone Morelli. Nel quale ci sono gli interventi di scrittori, di giornalisti della carta stampata e radiotelevisivi, di artisti, di registi teatrali cinematografici, degli Assessori al Turismo ed alla Cultura, delle associazioni culturali ed degli operatori turistici. E ci sarà la video proiezione del corto “Corporate”, proiettato al Festival di Berlino, per la regia di Valentina Bertuzzi, ed interpretato da Valentina Lodovini. Poi fino a domenica gli altri eventi tra convegni, regate, trofei velici e nautici e concerti, saranno molti e si susseguiranno ad un ritmo che non avrà quasi nessuna sosta specie sabato e domenica. Ma l’entusiasmo e l’attesa che si respira sono tutte nelle parole del sindaco Alfonso del Pizzo: “La Regata è la nostra coppa del mondo”, e poi il suo sguardo è rivolto a tutte le altre ‘repubbliche’: “Le città, che un tempo si contesero il dominio sui mari, tutte insieme oggi sfilano in corteo e si dispongono in acqua con i galeoni a simboleggiare come, delle passate e spietate lotte, resti solo un ardente entusiasmo. Le gesta di queste quattro città, sono state il contributo alla storia della migliore civiltà d’Italia”. Non si sbilancia sul vincitore:Chi vincerà? Non voglio dirlo, per scaramanzia. Quello che mi preme sottolineare è che abbiamo incentivato i nostri giovani ad avvicinarsi al canottaggio. Oggi abbiamo un gruppo formato da una trentina di ragazzi validi e dal quale sono emersi due dei quattro amalfitani oggi in barca”. I vogatori che Amalfi farà scendere in campo sono: Matteo Castaldo, Luigi Amendola, Fabio Infimo, Emanuele Liuzzi, Rosario Agrillo, Alessandro Addabbo,  Luigi Lucibello e Paolo Mennella. A loro un caloroso in bocca al lupo.

 

   Sindaco Alfonso del Pizzo

 

GIUSEPPE SPASIANO