Equitalia, allarme bomba negli uffici di Salerno

0

SALERNO – Tre ore di allarme, poi rientrato. Tanto è durato il timore che potesse esserci un ordigno nella sede Equitalia di Salerno. MISSIVA FAI – Una lettera del Fai (Federazione anarchica informale) recapitata alla redazione salernitana de «Il Mattino» ha fatto scattare oggi, mercoledì, l’allarme bomba nella sede Equitalia di Salerno. La missiva segnalava la presenza di un ordigno negli uffici di Equitalia in via delle Calabrie, zona industriale della città. Subito è scattato l’allarme e prima delle 14 sono stati fatti evacuare gli uffici al cui interno c’erano 60 dipendenti e alcuni contribuenti. Sul posto gli uomini della Digos della Questura di Salerno, gli artificieri della polizia e i carabinieri stanno procedendo alle operazioni di bonifica. IL TESTO – «È già stata collocata una bomba ad alto potenziale nella sede di Equitalia di Salerno. Inutile cercarla, perchè è stata molto bene occultata e sfugge a qualsiasi controllo tecnologico. Ciò avverrà in un giorno qualsiasi, da noi stabilito, per la prossima settimana o quella successiva». Questo il contenuto della lettera firmata «F.A.I.- Cellula Armata Sud Italia». La lettera era datata Catanzaro, 19.5.2012. Sulla busta, di colore giallo, non vi era un timbro, ma un codice a barre simile a quelli utilizzati da Poste italiane. Ad aprire la busta è stato il responsabile della redazione Gianni Molinari, che ha informato le forze dell’ordine. Dopo l’ esito negativo dei controlli negli uffici di Equitalia resta alta l’attenzione degli investigatori. TRE ORE – È durato oltre tre ore il lavoro degli artificieri. La bonifica ha dato esito negativo. Gli uffici di Equitalia sono poi rimasti chiusi.

IL CORRIERE DEL MEZZOGIORNO