Sorrento sul parcheggio Rota Rosario Fiorentino fa da testimone a Piano ancora tutto fermo. ECCO IL PROMEMORIA

0

In allegato pubblichiamo il promemoria del parcheggio Rota che vedrà Rosario Fiorentino testimoniare in aula martedì 29 a Torre Annunziata seguito da Positanonews a Piano di Sorrento da quando è stato scritto questo articolo (23 maggio) all’aggiornamento di oggi (28 maggio) nessuna novità se non no scontri verbali.  Il fronte antiboxlandia alza il tiro . Su Sorrento  Il consigliere comunale di opposizione Rosario Fiorentino martedì verrà ascoltato da testimone dalla Procura di Torre Annunziata per il prossimo processo sul parcheggio di Via Rota a Sorrento. La vicenda, riguardante 252 box su un terreno di proprietà dell’assessore alla provincia di Salerno della Giunta Cirilieli Adriano Bellacosa di Nocera , vede sotto inchiesta la Edilgreen di Lancillotto, legato (però in un’altra società non coinvolta nei progetti e nei lavori del parcheggio di Via Rota) al sindaco Giuseppe Cuomo. Insomma da qui è facile immaginare come la vicenda sia finita sotto i riflettori della stampa, in particolare quella attenta del collega del Corriere del Mezzogiorno di Napoli, alla quale collaboriamo, Fabrizio Geremicca.

Da questa vicenda  è scaturita tutta querelle sui parcheggi poi definita Boxlandia, proprio per oggi ha organizzato un convegno sulle mafie che si tiene a Sorrento “Ognuno si prenda le sue responsabilità – dice Fiorentino -, io assolvero fino in fondo al mio compito civico con l’intento di mettere la legalità al primo posto ed i giudici poi faranno il loro lavoro, sono preoccupato sinceramente per tutto ciò che c’è dietro al fenomeno dei parcheggi” La lotta ai parcheggi, iniziata da anni dal WWF Penisola Sorrentina (su Positanonews ma anche sul Corriere del Mezzogiorno ne parliamo da anni non demonizzando il fenomeno ma accendendo i riflettori sui rischi che possono derivare da interventi invasivi e devastanti del territorio ) , è diventata più cruenta negli ultimi tempi coinvolgendo una massa critica sempre più ampia di opposizioni che vanno da Massa Lubrense a Vico Equense (citiamo a memoria Antonetti IDV e De Vita Pd a Sorrento Natale Maresca a Vico, Guida professore universitario, fra i blogger Gaetano Maresca a Piano e Cuomo e Punto Rosso a Vico etc ilmovimento anti boxlandia è sempre più ampio ed esteso) . Dovunque si parla di Boxlandia, a torto e a ragione.

Dopo Sorrento altro fronte a pochi chilometri con riflettori puntati a Piano di Sorrento , dove proprio ieri sera l’associazione IN Primo Piano , guidata da Biagio Verdicchio, con i consiglieri Anna Iaccarino che ha fatto un fuoco di fila di interrogazioni e interventi, puntali ed efficaci, che hanno messo in difficoltà la Giunta Ruggiero,  e Antonio D’Aniello che occupa un importante ruolo nella commissione trasparenza , ha assunto una linea decisa volta a chiarire ogni aspetto del parcheggio di via Legittimo dopo il “consiglio comunale informale” (termine giornalistico, in realtà un incontro che però coinvolgendo tutti i consiglieri, come invito, sia di maggioranza che di minoranza, nella sede dell’edificio comunale giustificava pienamente l’iperbole giornalistica) e non solo.  Il capogruppo di minoranza Giovanni Iaccarino che sta mostrando la tempra da condottiero di opposizione con equilibrio e moderazione senza eccedere negli attacchi ma senza cedere ad accordi di palazzo, anche se questi fossero finalizzati al buon nome di Piano, buon nome che non è certamente compromesso dalle opposizioni e dalla stampa, ma da una incapacità di reazione che fatta nei modi giusti avrebbe sminuito la polemica riducendola nei canonici canali di scontro politico. 

 L’impressione è che la maggioranza non è stata capace di reagire in maniera opportuna e tempestiva per sedare subito tutte le polemiche sui box auto concessi al parcheggio di Via Legittimo. La sensazione che si ha è quella di paralisi politico-istituzionale, prima parla il responsabile dell’ufficio tecnico Graziano Maresca (che indubbiamente è competente sia tecnicamente che politicamente, ex vicesindaco di Meta, ma qui occupa il ruolo di funzionario del Comune, ndr), mentre il sindaco Giovanni Ruggiero taceva, e questa è stata un’incongruenza, un “vuoto” politico, testimoniato da interviste ed articoli usciti su tutti i giornali, insomma una cosa evidente e incontestabile.

A questo momento di impasse e sulle accuse di divisioni in maggioranza il sindaco ha reagito con lettere ai giornali che maggiormente ne hanno parlato, ma le difficoltà non sono finite,  una serie di sequestri e sopralluoghi di carabinieri, che hanno coinvolto ex assessori e assessori in carica, poi la stampa, sopratutto nazionale e regionale in Campania , che parla di possibili coinvolgimenti della Lap Immobiliare, che ha ottenuto una licenza per costruzione di parcheggi nel Fondo Lauro in Via Legittimo,  con parenti di camorristi, una svista, una omonimia?

Intanto, in mancanza di smentite alla stampa, se ne continuava a parlare, vicende che quella locale si limita a riportare,  e purtuttavia viene presa di mira, mentre a far tacere tali voci basta  l’azione politica che poteva essere semplice ed efficace se immediata. Tipo sospensione della autorizzazione con invio atti alla Procura e Prefettura, come fare? Come si è fatto con il permesso ottenuto da Elefante per il famoso ostello, parere legale e in seguito provvedimento. I costi di un eventuale ricorso al Tar compensavano ampiamente il casino che poi se ne è ricavato dando ora l’impressione, secondo noi umanamente ingiusta, ma politicamente realistica, di una amministrazione che sta pensando alle prossime elezioni , con conseguente sotterranea guerra di successione, senza ancora avere iniziato questa consiliatura… Quindi o si cambia registro o si torna a votare, verrebbe da dire..questa è l’impressione che se ne ricava in giro e non solo sui giornali.. sbagliata o meno saranno i fatti a dimostrarlo, ma è così. 

Questa città,  punto cruciale fra la Penisola Sorrentina e Costiera amalfitana, ha tanti problemi da affrontare e risolvere, da Villa Fondi alla Scuola Carlo Amalfi, bisogna archiviare  “Piano Futura”, oramai svuotata dalla pura demagogia con la quale è stata presentata, e pensare ad andare avanti con un’amministrazione che serri le fila e gestisca la vita pubblica cominciando a comunicare all’esterno veramente non con esternazioni su blog o face book, ma con una sana e istituzionale comunicazione rivolta a tutta la stampa e ai cittadini in maniera più aperta e trasparente, ma anche utile per il paese.

Pensiamo a tante cose che dovrebbero essere dette e non vengono dette, per esempio chi sa che il divieto di balneazione è stato revocato? Solo quei pochissimi che si vanno a leggere il sito del Comune di Piano, e perchè non lo si è comunicato a tutti i giornali?  Vi è di fatto una mancanza di gestione della comunicazione con i mass media e alle critiche, che possono essere costruttive e foriere di miglioramenti se ascoltate, si risponde solo con le contestazioni alla stampa “brutta e cattiva”, puntando il dito agli errori di questa, e non riflettendo sui propri, dimentichi che la stampa è un organo privato che stimola chi con il pubblico ha tutti i mezzi, che la stampa non ha,  di fare molto di più e meglio, nel bene e nell’interesse del paese