LETTERA DEL SINDACO DI AGEROLA INVIATA AGLI STUDENTI PER LA MORTE DI MELISSA BRINDISI

0

 

Riceviamo e pubblichiamo dal sindaco di Agerola Luca Mascolo

Care ragazze e cari ragazzi,

vi ho pensato molto in questi giorni, vi ho immaginati seduti tra i vostri banchi sereni e con tante speranze, nelle vostre aule a temere qualche professore o qualche interrogazione poco desiderata.

 Ho visto tra le mura delle vostre classi il futuro della terra che viviamo, nelle vostre capacità e nelle vostre intelligenze le risorse reali, non solo di Agerola.

Mi sono sentito fiero di voi.

Per questo motivo ho deciso di scrivervi dopo il disumano gesto di sabato che come sapete ha portato via Melissa, una ragazza di 16 anni.

Melissa voleva fare la modista, poi forse avrebbe cambiato idea e sarebbe partita per l’America, poi forse avrebbe fatto per un periodo la cameriera, magari avrebbe sposato un ragazzo del suo paese, di Mesagne in provincia di Brindisi.

Melissa voleva vivere, voleva crescere, semplicemente, come voi.

Vi affidiamo alla scuola tutti i giorni per farvi venir su forti e preparati, per farvi sviluppare curiosità, per potenziare le vostre capacità, ed in fondo per proteggervi.  

Gli adulti sono stati piccoli prima di voi e ora sanno quanto la vita riesca a complicarsi nel tempo, sanno quanta fatica costi anche a voi crescere, portare  tutti i giorni uno zainetto pieno di libri e quaderni, pieno dei vostri tanti sogni e progetti per il futuro.

Sabato scorso dei folli, degli uomini brutali e senza coscienza hanno deciso di fare esplodere delle bombole dinanzi ad una scuola dove stavano entrando, assonnate delle ragazze come voi.

Hanno voluto colpire basso, dove fa più male, alimentando la paura ed il terrore.

Hanno portato via ai suoi familiari ed ai suoi amici la piccola Melissa.

Hanno provato ad uccidere la speranza che rappresenta la vostra generazione. La speranza di una ripresa libera, di un Paese che in questo periodo sta soffrendo, ma che fiero ed orgoglioso quale è non abbassa la testa.

Sant’Agostino diceva che la Speranza ha due bei figli : la rabbia nel vedere come vanno le cose, il coraggio di vedere come potrebbero andare.

Fa rabbia vedere quello che è successo a Brindisi, fa rabbia pensare che chiunque sia stato e chiunque pagherà, la piccola Melissa non tornerà a casa da scuola come tutti i giorni.

Fa rabbia accendere la tv e continuare a sentir parlare di crisi, di violenza.

Fa rabbia vedere che a pagare siano i più deboli, e stavolta i giovani.

Ma ci vuole coraggio, ed oggi ce ne vuole ancora di più.

Vedete, avere paura è normale, tutti ne abbiamo. E quando si ha paura che si fa?

Si chiama la mamma o il papà, si pensa ad una cosa bella, si stringe la mano ad un amico.

E questo si deve fare oggi che il futuro fa un po’ più paura. Dobbiamo restare uniti.

Ancora non si conosce con precisone chi abbia ideato e concluso l’attentato alla Scuola Morvillo Falcone, gli inquirenti stanno lavorando ininterrottamente per individuare i colpevoli di un gesto cosi brutale.

Eppure l’Italia tutta sabato è scesa in piazza, ha mostrato solidarietà, ha avuto coraggio di mettersi contro la prepotenza e l’odio dell’illegalità.

 L’Italia tutta chiede Verità per poter fare Giustizia.

Perché sia stata la mafia, qualche mitomane o qualche altro attentatore, a colpire la scuola di Brindisi è stata la vigliaccheria, la disumanità.

Noi invece vogliamo avere coraggio ed essere uomini degni di essere chiamati tali.

Noi dobbiamo essere più forti e sentire il dovere di fare la nostra parte, sempre.

Nell’osservare le regole nel quotidiano, nella fiducia nelle istituzioni, nel rispetto delle altre persone: è in queste cose che c’è la democrazia vera.

Oggi più di ieri dobbiamo scegliere e restare dalla parte della legalità, oggi più di ieri dobbiamo alzare la voce e puntare il dito contro la prepotenza e la violenza di un sistema corrotto che ci vorrebbe tutti più deboli e facilmente gestibili.

Lo dico a voi, provando a farvi capire cose difficili da comprendere, ma chiedendovi di mantenere intatti i vostri sogni, autentiche le vostre speranza e di combattere contro tutto e tutti per vederli realizzati.

Voi avete la forza dei vostri anni e dei vostri occhi puliti.

Non permettete a nessuno di  portarseli via.

Dite di no alla violenza, alla corruzione, a chi vi promette scorciatoie per arrivare, dite di no alle strade buie.

Restate dalla parte di chi lavora, di chi si affatica, di chi ci crede, restate dalla parte dei colori.

Abbiamo bisogno di voi quanto voi di noi.

 

Il vostro amico sindaco

Luca

Ricordiamo che Positanonews per Agerola , Gragnano e altri paesi della zona ha la sezione Monti lattari News che però molte notizie si trovano anche nella sezione Costiera amalfitana news perchè Agerola fa parte della conferenza dei sindaci della Costa d’ amalfi mentre per gli sport locali e per gli eventi Agerola è accorpata alle rispettive sezioni relative alla Costiera amalfitana che troverete sempre su Positanonews anche nella sua versione mobile. PN oltre ad essere il più visto in Penisola sorrentina e Costiera amalfitana è anche il primo fra i Monti Lattari Capri ed il dirimpettaio Cilento provincia di Salerno e Napoli abbracciate