Le fiabe non possono che avere gli occhi blu…

0

Vico Equense – E’ stato presentato, ieri mattina, nella Sala Polifunzionale della Santissima Trinità e Paradiso, il libro “Fiabe dagli occhi blu” di Lara Vernaglia Lombardi, magistrato della sezione distaccata di Torre del Greco, edito da Loffredo. Un momento importante per i tanti bambini presenti della scuola di Vico Equense, che hanno avuto l’occasione di poter assistere alla manifestazione. Per proporre questa piccola raccolta di fiabe, si comincia dal titolo. “Non riuscivo a trovarne uno che – spiega l’autrice – in sintesi, esprimesse ciò che esse rappresentino per tre generazioni vale a dire, in ordine crescente, per le mie figlie Martina e Chiara, per me e per mia madre la quale, forse memore di quando toccava a lei raccontare alle sue bambine storie magiche, ha creduto e ha stimolato questo progetto. Dopo averlo cercato per mesi, è venuto lui a cercare me… in sogno. Ho sognato, in una libreria, una scatola colorata contenente le mie fiabe dal titolo “fiabe dagli occhi blu”. Gli occhi blu sono il sogno, l’invenzione, l’immaginazione che rende possibile tutto ciò.” Il volume è una raccolta di dieci favole. Nelle prime cinque fiabe è il senso di giustizia che risolve la narrazione (la principessa che sceglie il pretendente che le dona i fiorellini semplici e non le orchidee, gli insetti che pongono rimedio al malfatto nei confronti della bimba che li ha ospitati sul suo vestito ecc.). Le altre cinque sono puro divertimento e magia, condivisi con i destinatari nella narrazione. “Non pretendo che queste fiabe facciano sognare – continua l’autrice – chi le legge con la stessa intensità con la quale, a volte, ho fatto sognare le mie bambine, ma spero che riescano almeno a trasmettere un pezzettino di sogno, un pizzico di fantasia e una buona dose di divertimento.” Oltre all´autrice, sono intervenuti: Marinella Cioffi, Assessore alle Politiche sociali, Debora Adrianopoli, Dirigente scolastico del I Circolo didattico e Marina Ciaravolo, giornalista. L´attrice Angela Gelardi ha letto alcune fiabe tratte dal libro.

FONTE VICOEQUENSE ONLINE