IL CAMPO COMUNALE DIVENTA UNA

0

Spettacolare azione di stampo futurista effettuata nella nottata a Minori, Costiera Amalfitana.

 

La superficie del campo comunale “Leo Lieto”situato sul lungomare costiero è stata coperta da lumini votivi di colore rosso accesi, posti in maniera da formare una grossa croce. Ai suoi piedi uno striscione indica, proprio come su di una tomba, le date di fondazione del campo e la data di inizio lavori che tengono ancora bloccata la struttura.

Nella macabra ed insolita scenografia infatti c’è l’intento di denunciare l’inattività cronica della struttura comunale ridotta ormai dall’amministrazione minorese a monumentale “Tomba dello sport”.

Ad introdursi nel campetto ed effettuare l’azione gli attivisti di Casapound. In una nota spiega le motivazioni del gesto Antonio Cioffi, tra i militanti del movimento in costa d’Amalfi:

“Nonostante promesse e garanzie che durano da circa 8 mesi il campetto di Minori, unica fonte di aggregazione sportiva e giovanile della città, è fermo ed inutilizzato, in un evidente stato di degrado.

Questa stasi che denota insensibilità totale dell’amministrazione è seguita a dei lunghi lavori, intervallati dal montaggio della “Tenda per feste danzanti”,montata a dicembre in occasioni delle feste natalizie, e gestita da associazioni “amiche” che hanno ricevuto “fondi comunali”

L’interesse economico di alcuni privati e quello politico di altri non è certo un buon motivo per privare giovani e meno giovani, nonché la squadra di calcetto locale, dell’utilizzo del campo comunale. Quello che, nell’incuria e nell’indifferenza degli amministratori, si trova di fronte ai vostri occhi non è più il campetto sul quale siamo cresciuti noi tutti: ma una grossa tomba dello sport e della socialità minorese!”

Lascia una risposta