A scuola di cuore con Ciò Ciò

0

Il libro “A scuola di cuore con Ciò Ciò” dell’autrice Cecilia Coppola, presidente dell’Associazione Culturale Cypraea, già da tre anni ha fatto il suo ingresso nelle scuole della penisola sorrentina perché parte integrale del progetto “Piano in salute”, promosso dal vice sindaco il cardiologo Vincenzo Iaccarino ed ha la finalità di insegnare ai ragazzi l’importanza di far stare bene il cuore, l’organo più importante e vitale del corpo umano.
Una campagna di sensibilizzazione condotta con il professore Maurizio Santomauro, presidente della GIEC gruppo intervento per le esigenze cardiologiche, Costantino Iaccarino primario unità operativa complessa di Cardiologia e Adolfo Chiazzo caposala dell’Utic all’Ospedale di Sorrento, e Carmine Liguori dottore istruttore Gruppo Giec, impegnando anche i docenti e i genitori, facendo capire quale importanza abbia il movimento e il cibo sano per un cuore sano, ma quello che è stato efficace sono le semplici e valide lezioni di come fare un pronto intervento e le manovre necessarie in caso di emergenza nella scuola per un malore o arresto cardiaco.
Lunedì 14 maggio dalle ore 10,00 a mezzogiorno, alla Scuola Cavour a via Nicolardi nella zona Capodimonte a Napoli, diretta da Aurora Alfano, l’equipe medica spiegherà le manovre per il primo soccorso, convinta che “una lezione di cuore realmente potrà salvare questa straordinaria vita in un momento di primo urgente intervento e permetterà ai giovanissimi di responsabilizzarsi in azione positive rivolte a se stessi e al prossimo”.
 “Il mio libro ‘A scuola di cuore con Ciò Ciò’, ha come protagonista una azzurra busta di plastica e si rivolge ai ragazzi affinché siano attenti a tutelare la Natura e di conseguenza la salute dell’essere umano e li coinvolge in numerose avventure calamitandoli – spiega Cecilia Coppola –  Devo ringraziare la Fondazione Banco di Napoli per l’assistenza all’infanzia che ha appoggiato questo progetto e ha dato all’Associazione Culturale Cypraea il supporto della stampa del libro che è stato distribuito gratuitamente da settembre in diverse scuole a Barra, ai Ponti Rossi, a Caiano, a Ponticelli, a Tre Case, a Capodimonte nel territorio di Napoli”.
L’autrice segue un iter didatticamente valido, incontrando in una prima fase le scolaresche, discutendo con loro sui vari momenti di conoscenza anche scientifica, proponendo insieme ai docenti dei laboratori adatti quale strumento divulgativo. In una seconda fase intervengono i dottori, eseguendo una dimostrazione più specifica.
“L’episodio attuale della morte del calciatore Morosini ha messo in evidenza come sia importantissima l’informazione ed una accurata visita medica del dottore di famiglia soprattutto per i ragazzi che non sono calciatori ma praticano lo sport del calcio a scuola o in partite amichevoli – ha sottolineato il Professore Maurizio Santomauro – e siamo felici di essere con Cecilia Coppola che ci aiuta ad evitare con un linguaggio semplice che i ragazzi di oggi abbiano da adulti problemi di salute”.