INFERNO NELLA ZONA DEI GRANDI ALBERGHI A SORRENTO di lucio esposito

0

 

Inferno nella zona dei grandi alberghi.

 

Una frase mutuata dai reporter della guerra Beirut nel 1982, ma che ben si addice all’inferno di traffico che si produce nel tratto di strada  compreso tra hotel Cocumella e Parco dei Principi,  a Sorrento, alla quale tre marescialli della polizia urbana a stento  riescono a far fronte, e siamo solo all’inizia della stagione turistica!.

Grandi alberghi pluristellati, tutti dotati di meravigliosi giardini, veri e propri orti botanici nostrani,ma che lasciano che il carico e scarico dei loro avventori avvenga sulla strada , per di più stretta e trafficata, in un orario compreso tra le 07.30 e le 09.00, con già un precedente mortale incidente avvenuto qualche anno fa in Viale dei Pini,proprio in occasione di scarico turisti.

Si trovi una soluzione! Turismo ecosostenibile per una convivenza possibile è stato il titolo di una delle lezioni al corso di accoglienza turistica indetto dal Comune di Sorrento e diretto dalla Dott.ssa Maresca  Che si sacrifichi un piccolo spazio interno e si metta in sicurezza l’operazione di imbarco e sbarco dai bus evitando così un inferno di clacson , valigie, studenti del vicino istituto e imprecazioni verbali che lasciano sicuramente nella memoria del turista un caotico ricordo poco piacevole.

Che entri al più presto il sistema ascensori che collegherà il parcheggio Correale con il porto, per evitare i bus navetta che fanno la spola  ping-pong tra piazza Tasso e il porto , che seppur alcuni elettrici sono comunque un carico di traffico non indifferente, e che  quegli stessi bus saranno dedicati al collegamento turistico con le colline e  altre zone meravigliose della penisola per amene passeggiate e no stressanti rapidi trasferimenti.