Il Sorrento ci crede fino in fondo

0

Il vice presidente Gambardella è fiducioso per la Serie B

 

 

SORRENTO – Quella forza da dentro che si è risvegliata come un vulcano in eruzione dopo la vittoria di domenica scorsa si è trascinata per tutta la settimana con allenamenti che hanno dato più fiducia nei propri mezzi. Non solo per la trasferta alla famosa ‘Arena Garibaldi’di Pisa con i neroazzurri ma anche per il prosieguo nei play off, che domenica prossima stabiliranno la griglia di partenza che vede momentaneamente il Taranto a 60 punti a pari merito on il Carpi. Con gli emiliani che però sono terzi per la classifica avulsa poiché hanno perso in casa con i pugliesi ed a Taranto hanno pareggiato, poi viene il Sorrento a 57 e la Pro Vercelli a 56, che però deve giocare in casa con il Carpi. Un bel ingarbuglio che potrebbe al 90’ dire molte cose. Ma in casa rossonera il treno sembra avviato sul binario giusto, anche come fanno capire quelle foto nello spogliatoio nel dopo gara con i vercellesi, con il presidente Mario Gambardella ed il vice Attilio entusiasti come i giocatori.

 

IL VICE PRESIDENTE GAMBARDELLA – E proprio lui ha la corda per spronare di più la squadra a fare bene non solo nell’ultima trasferta della regular season, ma anche per la cosiddetta roulette russa dei play off che, come crede fortemente, porteranno i rossoneri in Serie B. “E’ stato raggiunto l’obiettivo dei playoff e dobbiamo esserne soddisfatti –queste sono le sue entusiasmanti parole- . I complimenti vanno estesi a tutti. Ognuno si è impegnato con attaccamento alla maglia per riuscire a respingere il ritorno del Benevento. I playoff sono un risultato ragguardevole, un passo in avanti che conferma la bontà delle scelte della dirigenza operate sul mercato un’estate fa. Ora però viene il bello e non vogliamo fermarci più. Abbiamo un sogno e daremo tutto per farlo diventare realtà”. Una realtà che manca dalla costiera dal 1970-71, quando alla guida della società c’era il comandante Lauro, che lo scorso anno la si mancò sia per la sfortuna contro gli scaligeri, sia perché c’era stata la vana rincorsa su un Gubbio e sia perché non c’era Paulinho, ed i play off furono raggiunti ma con la testa pesante e fuori orbita. “Un anno fa arrivammo ai playoff –conferma il vice presidente- con delle premesse di certo abbastanza diverse da quelle attuali. Stanchi nella testa per l’intenso inseguimento al Gubbio e demoralizzati dalla perdita di Paulinho. Arrivare secondi, nonostante i vantaggi in chiave playoff, ci diede tanta delusione, inutile girarci attorno. I playoff vennero visti quasi come un ripiego. Poi affrontammo il Verona e perdemmo con un pizzico di sfortuna”. Invece oggi il clima è diverso anche se c’è l’ultima gara di domenica: “Ci aspetta la trasferta di Pisa. Bisogna dare continuità al successo con la Pro Vercelli evitando rilassamenti. Anche perché, matematicamente, siamo ancora in corsa per il terzo posto, attualmente occupato dal Carpi. Se domenica ci fossero i responsi giusti ed incroci favorevoli avremo la possibilità di giocare in casa, al campo Italia, la semifinale di ritorno. Un particolare che potrebbe risultare decisivo”. Insomma si ci crede fino in fondo, e se non fosse così bisognerebbe chiudere la saracinesca.

 

MISTER RUOTOLO – L’obiettivo promozione non fa distogliere il pensiero sulla trasferta pisana ad un mister Ruotolo che non nasconde una certa contentezza e che nonostante il ritrovato entusiasmo anche negli allenamenti , è sempre sul ponte di comando a fare la guarda. “Comunque questo entusiasmo –sottolinea – noi lo dobbiamo guardare sotto un altro aspetto per dare continuità e per far capire che ci siamo”. Per ora la sua vista guarda all’orizzonte verso Pisa e dice con franchezza: “Se dobbiamo andare lì a prendere la gara sotto gamba e meglio starcene qui a fare gli allenamenti. Andiamo a giocare su un campo dove si è giocata la Serie A, e non ci aspettiamo che il Pisa ci regali qualcosa”. Ma questo risvegliarsi di una forza sopita lo induce ad andare avanti così: “Si deve continuare su questa forma di entusiasmo e dobbiamo approfittarne. Meglio questa forma che ti fa stare bene e ti da stimolo. Perciò si deve portare avanti questo tipo di mentalità, perché un altro tipo di forma non ti giova”

 

LA FORMAZIONE – Sull’undici che scenderà all’ ‘Arena Garibaldi’ mister Ruotolo, come al solito, non si esprime, ma con ogni probabilità lascia capire che forse qualcosa cambierà e che forse ci saranno delle novità dettate da vari fattori. Come qualche infortunato e qualche diffidato che se sarà ammonito verrà squalificato per i play off. Comunque si potranno vedere all’opera anche qualche giocatore che fatto una breve apparenza e qualche altro che manca dal terreno di gioco da un pò di tempo. Staremo a vedere chi metterà in campo.

 

  Gennaro Ruotolo

 

   Pisa Calcio

 

 

GIUSEPPE SPASIANO