“Le Corde della Costa d’Amalfi”: Primo Premio al Concorso Internazionale di Barletta

0

Ottimo risultato per la formazione a plettro della Costiera Amalfitana al prestigioso Concorso Musicale Internazionale, tenutosi a Barletta Sabato 28 Aprile 2012, presso il Teatro Comunale “Curci”. 

L’Ensemble a plettro si è classificata al primo posto nella Sezione Musica da Camera del 22° Concorso Internazionale per Giovani Musicisti – “Città di Barletta”, un appuntamento di prestigiosa e lunga storia che vanta una fama che da anni valica i confini nazionali.

 

 

 

Quarantasette i Paesi ospitati dalla Rassegna pugliese: un momento qualificato di verifica per  i giovani musicisti provenienti da tutto il mondo.

L’altissimo livello dei partecipanti e la notorietà artistica dei componenti delle Giurie hanno fatto dell’evento un riferimento di assoluto valore nel panorama musicale italiano ed internazionale.

I giovani mandolinisti e chitarristi della Costiera hanno sfidato nella Sezione Ensemble/Categoria D validi concorrenti provenienti da altre Regioni dell’Italia, dalla Polonia, Corea del Sud, Cina ed Iran.

La Giuria, composta da validi professionisti, i Maestri Carmine Rizzi, Massimo De Bonfils, Annibale Dambra e Palmira Monopoli, ha riconosciuto la raffinata ed elegante esecuzione degli strumenti a plettro, attribuendo il punteggio di 95/100 e assegnando ai musicisti campani il Primo Premio nella Sezione Musica da Camera.

Vivo entusiasmo da parte del Presidente dell’Associazione Mandolinistica Costiera Amalfiana. “Sono molto soddisfatto” – ha dichiarato il M° Carmine Milo – “dell’ottimo risultato raggiunto. L’Ensemble ha lavorato con costanza nei mesi scorsi per raggiungere il traguardo di Barletta. Il sacrificio ha ripagato i grandi sforzi profusi dai singoli musicisti. Barletta ha rappresentato una piacevole ed edificante occasione per mettersi alla prova con altri giovani musicisti di tutto il mondo. E’ stata una sfida di altissimo livello che ha premiato l’affiatamento musicale dell’Ensemble e le grandi potenzialità artistiche e stilistiche del mandolino. Per me, Susy, Marta, Eduardo, Pasquale, Carlo, Nicola e Michele, nonché per tutti gli altri soci dell’A.MA.C.A., Barletta non rappresenta un punto di arrivo, ma un significativo punto di partenza per continuare a percorrere la nostra strada artistica con tenacia e passione”.

 

 

 

s. d.