Serie D (XXXII Giornata), Acri-Gelbison 0-1

0

 

ACRI – Senè regala la vittoria a una Gelbison che vede sempre più vicino il traguardo salvezza. Terza vittoria consecutiva per la squadra di Santosuosso che compie un’impresa sbancando, in un delicato match per la salvezza, il campo dell’Acri. Partita giocata sul filo dell’agonismo più esasperato da parte dei calciatori di casa che cercano il risultato pieno per uscire dalle secche di una classifica sempre più disastrosa. Dall’altra parte mister Santosuosso presenta un undici ancora privo di Senè e con la coppia d’attacco De Cesare-Siano. Al 10’ prima occasione per gli ospiti con Pecora che di testa indirizza verso la porta dove Bilotta riesce a respingere, ma la palla va sui piedi di Siano che spara fuori. Al 18’ è De Cesare che si libera in area ma Deffo salva sulla linea di porta. Prima azione dei padroni di casa al 22′ con la punizione di Foderaro che finisce sulla testa di Galantucci che non inquadra lo specchio della porta e la palla finisce fuori. Al 33’ cambia la partita che fino ad allora è stata equilibrata; follia di Levato che compie un fallo pericoloso su Grimaudo al limite dell’area e Fabbro è costretto a decretare l’espulsione diretta. Al 37’ intemperanze dei tifosi di casa con lancio di monetine che colpiscono il guardalinee e costringono l’arbitro a sospendere il gioco per circa tre minuti. Ma la giornata storta dei padroni di casa non finisce qui perché al rientro delle squadre negli spogliatoi i calciatori della Gelbison subiscono una vera e propria aggressione da persone non identificate. Al ritorno sul rettangolo di gioco Santosuosso inserisce il bomber senegalese Senè al posto di Siano. Ed è proprio lui a rendersi subito pericoloso con un tiro da fuori area ben bloccato da Mauro. Al 52’ è ancora Gelbison, padrona del campo, ad andare vicina alla segnatura con De Cesare che colpisce bene di testa un cross di Tulimieri, ma il pallone termina la corsa di poco fuori. Al 54’ il vantaggio ospite con Senè che di testa beffa Mauro dopo aver sfruttato il corner battuto da Tulimieri e spizzato da Braca. La Gelbison cambia atteggiamento e arretra per sfruttare il contropiede e con De Cesare, al 60’, va vicino al raddoppio. L’Acri non riesce a reagire al gol di Senè e non crea pericoli tranne che al 75’ quando Galantucci chiama alla deviazione in angolo l’attento Spicuzza. Poi al 90’ altro contropiede rossoblù con Senè che non inquadra la porta e al 91’ è Grimuado a colpire il palo dopo essersi liberato di tre uomini. Dopo cinque minuti di recupero Fabbro decreta la fine dell’incontro con il numeroso pubblico di casa che applaude i giocatori vallesi che hanno compiuto una vera e propria impresa portandosi a un soffio dalla salvezza diretta.   

Tabellino

Acri: Mauro, Sposato (55’ Filippo), Martucci, Levato, Bilotta, Deffo, Foderaro, Cavatorpi, Galantucci, La Canna (75’ Alessandrì), Berlingeri. A disposizione: Di Gregorio, Perrelli, Maccarato, Bonomo, Domanico. Allenatore: Francesco Ferraro

Gelbison: Spicuzza, Fariello, Melcarne, Grimaudo, Pascuccio, Braca, Tulimieri (70’ Borsa), De Cesare (75’ Anastasio), Amarante, Siano (46’ Senè), Pecora. A disposizione: Brancale, Dell’Isola, Passaro, Santangelo. Allenatore: Pasquale Santosuosso

Arbitro: Riccardo Fabbro di Roma 2 (Nigito e Ieracitano)

Reti: 54’ Senè (G)

Espulso: 33’ Levato (A)

Ammoniti: La Canna, Martucci e Filippo (A); De Cesare, Pascuccio, Senè e Pecora (G)

Angoli: 10 a 5 per l’Acri

Recupero: 2’ nel primo tempo; 5 minuti nel secondo tempo

Spettatori: 1.000 circa con sparuta rappresentanza ospite

Interviste

Pasquale Santosuosso (allenatore Gelbison): Una vittoria meritata che ci fa compiere un importante passo in avanti in classifica. Siamo a un soffio dalla salvezza, ma dobbiamo giocare con questa intensità e determinazione fino all’ultimo minuto del campionato. Oggi abbiamo affrontato questo delicato incontro in maniera perfetta e l’unico neo è che abbiamo sprecato troppe occasioni per raddoppiare e chiudere definitivamente il match.