Serie D (XXXI Giornata), Gelbison-Nissa 2-1

0

 

VALLO DELLA LUCANIA – La Gelbison batte il Nissa e vola verso la salvezza diretta. Due a uno il risultato finale a favore degli uomini di Santosuosso che hanno chiuso la pratica nel primo tempo, mentre nei secondi quarantacinque minuti hanno solo pensato ad amministrare il risultato facendo muro contro la voglia degli ospiti di uscire almeno con un punto dal “Morra”. Mister Santosuosso, che deve rinunciare agli squalificati Sica e Fariello e a Senè che ancora in condizione precaria parte dalla panchina, presenta una squadra con Borsa a fare il quarto di difesa a sinistra, con l’inserimento di Grimaudo sulla linea dei centrocampisti e con la coppia d’attacco, già provata contro il Cittanova Interpiana, Siano-De Cesare. All’ingresso in campo le squadre osservano un minuto di silenzio per ricordare lo sfortunato giocatore del Livorno Piermario Morosini e si presentano sul terreno di gioco con una maglia che porta una grossa foto del centrocampista amaranto con la scritta “Uno di noi” e dietro il numero 25. Pronti via e i padroni di casa si portano subito in vantaggio. E’ scoccato da qualche secondo il primo minuto quando Siano si allarga a destra e crossa di prima intenzione al centro dove si trova Tulimieri che senza pensare gira a volo nell’angolino dove Novembre non riesce ad arrivare nonostante l’allungo in tuffo. E’ uno a zero e sembra una giornata tutta in discesa anche perché la reazione degli ospiti è tutta in due calci piazzati: uno al 20’ con Avola che mette al centro dell’area dove Butticè di testa non riesce a inquadrare lo specchio della porta e l’altro al 42’ con il pallone calciato dal solito Avola che finisce la sua corsa contro la traversa. La Gelbison che ha dominato a livello di possesso palla sfrutta il momento e raddoppia nell’ultima occasione utile del primo tempo con Siano, che dopo la tripletta di domenica scorsa entra di nuovo nella lista dei marcatori di giornata. Punizione battuta da Pascuccio che centra in pieno la traversa, la palla torna al centro dell’area dove ben appostato c’è l’attaccante salernitano che di testa non sbaglia il facile tap-in. A inizio secondo tempo doppio cambio per gli ospiti con l’ingresso di Rabbeni e Dellera. Dopo diversi tiri da lontano che mettono in apprensione l’estremo difensore vallese Spicuzza, l’occasione più limpida a favore degli ospiti, per accorciare le distanze, capita al 63’ con Sassano che mette scompiglio nella difesa cilentana e dopo aver superato tre avversari e il portiere tira in porta a botta sicura, ma è provvidenziale il recupero di Borsa che in scivolata salva sulla linea. La Gelbison cerca di giocare di rimessa ma sia De Cesare sia Siano non riescono a trovare il tocco vincente e allora è ancora Sassano, al 73’, che entra in area e a due metri dalla porta non riesce a siglare il gol del due a uno perché sulla sua strada si trova Amarante che respinge fuori. Passa un minuto e il Nissa accorcia le distanze con Rabbeni che sfrutta un’altra bella giocata di Sassano che arrivato in area serve il compagno che con un destro preciso può trafiggere l’incolpevole Spicuzza. La partita si riapre e allora Santosuosso corre ai ripari con l’ingresso di Anastasio al posto di Siano e così la squadra di casa a un più sicuro 5/4/1. Gli ultimi minuti sono un assedio da parte degli ospiti alla ricerca del provvidenziale pareggio, ma il fortino innalzato dalla Gelbison riesce a resistere e così la compagine di presidente Puglisi riesce a cogliere una vittoria preziosa in chiave salvezza.

Tabellino

Gelbison: Spicuzza, Borsa, Melcarne, Grimaudo, Pascuccio, Braca, Tulimieri (85’ Passaro), Pecora, De Cesare (81’ Senè), Amarante, Siano (74’ Anastasio). A disposizione: Brancale, Dell’Isola, Puglia, Santangelo. Allenatore: Pasquale Santosuosso

Nissa: Novembre, Marchesi (46’ Rabbeni), Cirilli, Guerrieri (92’ Mirabella), D’Angelo, Di Marco, Piangente, Avola, Bruno, Butticè (46’ Dellera), Sassano. A disposizione: Sanfilippo, Fiandaca, Orlando, D’Urso. Allenatore: Salvatore Marra

Arbitro: Giovanni Luciano di Lamezia Terme (Vecchi-Angotti)

Reti: 1’ Tulimieri (G), 45’+3’ Siano (G), 74’ Rabbeni (N)

Ammoniti: Spicuzza, Borsa, Pascuccio, Pecora, Siano (G); Guerrieri, D’Angelo, Sassano (N)

Angoli: 3 a 2 per il Nissa

Recupero: 3’ nel primo tempo; 4’ nel secondo tempo

Spettatori: 500 circa

Note: la partita è iniziata con dieci minuti di ritardo perché il Nissa è arrivato tardi al “Morra”. Le squadre hanno osservato un minuto di silenzio per ricordare Piermario Morosini e sono entrate in campo con una maglia su cui era stampata la foto del giocatore del Livorno con la scritta “Uno di noi e il numero 25 dietro le spalle

Interviste

Pasquale Santosuosso (allenatore Gelbison): Con questa vittoria abbiamo compiuto un importante passo in avanti, ma nonostante ciò non ci possiamo dire tranquilli perché ancora è tutto in gioco. E’ stato fondamentale sbloccare subito la partita perché come dice un famoso proverbio è meglio vivere con due pensioni che con una. Devo fare i complimenti sia a Siano e sia a De Cesare che si sono comportati benissimo e non hanno fatto rimpiangere le pesanti assenze di Sica e Senè. Per essere al sicuro dobbiamo raggiungere quota 45 punti e quindi nelle ultime tre partite dobbiamo continuare a tenere gli occhi aperti perché i giochi ancora non sono fatti.

Salvatore Marra (allenatore Nissa): Il gol subito a freddo ha cambiato la partita. Sono contento della prestazione offerta dai miei soprattutto nel secondo tempo e se eravamo più fortunati potevamo arrivare al pareggio. Ora dobbiamo pensare alla fondamentale partita di mercoledì contro l’Acireale così da approdare ai play out e giocarci lì la nostra permanenza in categoria.