Ravello, Urbania e strisce Blu. Di Palma, Attenti alle bugie. Replica Vuilleumier. Nota della redazione

0

Ravello, Costiera amalfitana . Intervento di Ulisse Di Palma su Urbania in basso il sindaco replica ed in calce nota della redazione

  Attenti alle bugie Io Cassandra ? No, per l’amor di Dio, sono solo un amministratore della minoranza consiliare del Comune di Ravello che si è sforzato di apirire gli occhi a chi gestisce la cosa pubblica, di tendere la mano nell’interesse del paese e, alla fine, devo solo registrare la crescita di un grande naso.

Povero Sindaco – pinocchio costretto a dire bugie o quantomeno a continuare nella disinformazione se è vero quello che dichiara al giornale on – line positano news, quando afferma che i conti, inerenti ai versamenti nelle casse comunali, da parte della società “ Urbania multi servizi” per la gestione delle aree di sosta sono in regola e di seguire con attenzione massima la vicenda ( cosa diversa si evidenzia nella delibera di G.C. n° 50 del 02 aprile 2012 oggetto : gestione delle aree di sosta a pagamento.Determinazioni).

Delle due l’una, o è un pessimo amministratore che non frequenta bene la casa comunale, per cui ha un continuo deficit informativo o ha dei pessimi collaboratori che gli fanno vedere e registrare cose false. Scarto la seconda ipotesi, perché ho stima della macchina amministrativa e, segnatamente dei funzionari tutti. Quest’ultimi, per la verità, dovrebbero, a scanso di equivoci anche alzare la voce, perché se pioverà, ci sarà acqua per tutti.

Voglio dire che questa vicenda ( gestione aree di sosta )oltre che interessare forse , probabilmente la sfera penale, sicuramente interessa o potrebbe interessare la Corte dei Conti, preposta dal legislatore a tali incombenze. Ma, dico io, bisognava aspettare veramente soltanto le interrogazioni del gruppo consiliare “ Ravello nel Cuore “, per aprire gli occhi e capire che si stava sbagliando e di grosso ? Responsabilità sembrano essercene in ordine amministrativo e sicuramente di ordine umano e, mi fa rabbia, che quando la casa bruciante sta per lasciar crollare l’ultimo palo su cui si regge si dia addosso all’impiegato, al funzionario cercando una via di fuga, ignorando i ritardi notevoli di pagamento accumulatisi nei tempo, non voglio dire in maniera connivente ma, in maniera da facilone.

La facinoleria , caro concittadino ravellese non sarà per te una dimenticanza ma, sarà occasione di recupero di liquidità, attraverso un aumento delle Tasse, perché, a questo punto, devo pensare in tanta distrazione nessuno strumento di salvaguardia ( fideiussione ) sia stato messo in atto. E, se dovesse fallire la società appaltatrice ? In tempi di magra a nessuno è dato di vigilare con un solo occhio ma, di tenere entrambi bene aperti.

Caro pinocchio così non va. Caro Pinocchio il danaro pubblico è pubblico non privato e, la gestione della cosa pubblica deve essere allargata a tutti…, soprattutto alle minoranze, totalmente ignorate, nonostante le ripetute richieste di documenti e di interrogazioni consiliari rimaste lettera morta.

Dott. Salvatore Ulisse Di Palma (Capogruppo consiliare “ Ravello nel Cuore “).

REPLICA DEL SINDACO PAOLO VUILLEUMIEUR

Caro dottore Ulisse,

 

capisco che probabilmente le lunghe nottate insonni possano stimolare “fecondamente” la tua ars poetica e la tua immaginazione, Ma ti ricordo e avresti già dovuto impararlo, che nella vita amministrativa contano gli atti e non ciò che riporta la stampa.

Fortuna  per tutti noi che il bene del paese non debba dipendere dalle tue esternazioni, caotiche, deliranti ed allucinate.

 

Dott. Paolo Vuilleumier

SINDACO DEL COMUNE DI RAVELL0

ph. 089 85 7122 – mobile 335 8291270

 NOTA DELLA REDAZIONE DI POSITANONEWS

Ci dispiace che i toni siano così alterati fra due politici di spessore compagni di viaggio per tanti anni e, crediamo, amici. Sulla vicenda Urbania il comune di Ravello ed i ravellesi sono stati i primi ad essere informati in Campania, ma gli ultimi a provvedere, basti pensare a Meta di Sorrento in penisola sorrentina che non ci ha pensato due volte in via cautelativa a sospendere il servizio.  Abbiamo reso nota la vicenda Urbania in Costiera amalfitana e penisola sorrentina proprio nella sezione Ravello news ma non solo sul sentito dire o dichiarazioni, che possono essere o rimangiate o malinterpretate o ripensate, di sicuro non vi è la malafede, anche se siamo certi di quello che abbiamo sentito, ma nel caso in questione allegammo il documento della prefettura di Napoli che era agevolmente scaricabile in rete. Il Comune di Ravello è stato più prudente e garantista, ha vagliato, accertato, insomma di tutto finchè non era evidente che il rapporto, almeno in via cautelativa non poteva andare. Ma rimangono lati oscuri, l’Urbania è vero che deve soldi al Comune di Ravello? E quanto? Il sindaco replica a muso duro e nessuno gli nega il diritto di farlo, ma alla replica dovrebbe far seguire atti, documenti e dati. A questo punto però riteniamo che il sindaco debba forniri una nota ufficiale dello stato dell’arte. E cioè se l’Urbania ha rispettato il contratto e pagato tutto specificandolo in dettagio e cosa vuole fare l’amministrazione per la gestione delle strisce blu e quando visto che siamo a stagione turistica inoltrata.

Il direttore

Michele Cinque

 P.S. Il sindaco ci ha riferito che il problema è complesso e che ci sono gli atti che parlano. Chiudiamo la vicenda qui.

P.P.s.: provvisoriamente il Comune di Ravello è tornato al sistema dei grattini