NA-15/04/12 Ass.Lucana G. Fortunato pres.to: “Omaggio a Taranto, Viviani, Totò, Eduardo e Carosone” in chiave di flash..

0

 

NA-15/04/12 Ass.Lucana G. Fortunato presentato: “Omaggio a Taranto, Viviani, Totò, Eduardo e Carosone” in chiave di flash giornalistici.

 

 Il giorno 15 aprile, alle ore 17:30, si è tenuto all’Associazione Lucana Giustino Fortunato ( via Tarantino 4 al Vomero ) lo spettacolo “Omaggio a Taranto, Viviani, Totò, Eduardo e Carosone”, nato dall’idea e regia dello stimato e camaleontico giornalista Alberto Del Grosso.

L’evento, celebrato in una delle zone in della città, proprio nel giorno in cui si celebrava il 45° anniversario della scomparsa di Antonio de Curtis e gli si inaugurava un intero museo nel Rione Sanità, ha voluto rendere onore e ringraziamenti a quegli attori e cantanti che nel corso degli anni hanno reso indimenticabile la musica italiana e la stessa Napoli, innalzandola a capitale del genio artistico e musicale. Son passati così tanti e tanti anni, eppure il loro ricordo e la loro memoria nemmeno in minima parte è stata scalfita, e il riportare sul palco le loro canzoni ed i loro monologhi ha permesso a tutti di rivivere quei bei momenti.

Particolarità originale e forse chiave del successo dello spettacolo, è stato sicuramente il cast composto interamente da giovani talenti, frutto dell’attività di talent scout di Alberto Del Grosso in giro per il mondo, e del programma suo portato avanti: “Porte aperte ai giovani”.

Hanno preso parte quindi, in ordine alfabetico, i seguenti artisti: Arianna Avolio, Francesco Cece, Antonio e Domenico Frate, Antonio Gallo, Chiara Rubino con la partecipazione straordinaria di Giò Siciliano. Al piano i maestri Nataliya Aponenskaya, Antonio Landolfi e Danilo Festinese alla chitarra. Al montaggio filmati e alla grafica Umberto Santacroce e Salvatore Scotto; Fotografie di Filippo Tufano, direzione di scena e riprese video affidate a Slavik Del Grosso Ozinkovski, l’assistenza di scena affidata a Raffaele Esposito e Chiara Rubino, sistema audio-video nella mani di Mark Piantadosi.

“Omaggio a Taranto, Viviani, Totò, Eduardo e Carosone”, patrocinato dalla V Municipalità di Napoli, dalle associazioni culturali “Cosmopolis”, “Domina Nostra”, dall’Accademia Alta Cultura Europea 2000, Club Unesco sezione di Napoli e dal quotidiano di informazione online “Positanonews”. Tutto ciò,  ha permesso a questi giovani e talentuosi nuovi volti dello spettacolo partenopeo di mettersi in mostra, di veder puntati i riflettori del palcoscenico solo su di loro, stelle nascenti che in futuro risplenderanno di luce propria. I gemelli Antonio e Domenico Frate, rispettivamente tenore e baritono alla tenera età di 16 anni,. sono già conosciuti nel mondo dello spettacolo, hanno offerto una interpretazione di Granada che il pubblico ha premiato con scroscianti applausi. Antonio Gallo di soli 18 anni, già allievo della scuola di recitazione di Palligiano e protagonista in diversi lavori teatrali, tra canto e recitazione, è stato una delle travi portanti dello spettacolo. Francesco Cece, già noto per le sue bellissime liriche, stasera recitate tra il pubblico in sala, ha ottenuto meritato successo, Danilo Festinese, maestro di chitarra, (figlio del noto maestro Gianni Festinese chitarra e voce), ha impreziosito con il suo accompagnamento, le interpretazioni di Arianna Avolio di soli 14 anni e di Giò Siciliano, medico chirurgo nella vita e nota cantante, già presente in altri spettacoli di Alberto, che stasera ha offerto la sua partecipazione straordinaria al concerto. Le giovanissime Chiara Rubino ed Arianna Avolio, ambedue quattordicenni, ottime spalla per Antonio Gallo nelle macchiette di Nino Taranto e in Miss mia cara miss di Totò.  I maestri Antonio Landolfo, e Nataliya Apolenskaya anche soprano e regista, sono  ben noti ed apprezzati nel mondo dello spettacolo.

Suggestivi ed apprezzati gli audio video che hanno intervallato i numeri dal vivo.     

Lo spettacolo è stato presentato in chiave di Reporter Narrante da Simone Ambrò,  laureando in Scienze della Comunicazione del Suor Orsola Benincasa..

L’evento ha riscosso un enorme successo, dovuto oltre che alla bravura degli stessi artisti soprattutto all’impegno e sacrificio del dott. Alberto Del Grosso, ideatore, regista  e organizzatore di tutta la magnifica serata che stasera, abbiamo avuto modo di vedere anche quale valido interprete della conclusione di “Le voci di dentro”di Eduardo De Filippo. 

La riuscita serata si è conclusa con il canto di ‘A tazza ‘e cafè” intonata da Giò Siciliano accompagnata al piano da Nataliya, ripreso poi da tutta la compagnia e dal pubblico in sala.

I ringraziamenti di Alberto Del Grosso, seguiti dalle belle parole del dott. Vincenzo Ciruzzi per tutti i protagonisti, targhe ricordo  e fiori donati dal direttivo dell’Associazione Lucana, hanno sigillato l’evento.

La gremita platea, ha premiato tutti con lunghi applausi all’unisono.  

In sala, membri del direttivo del Lucano; Annamaria Forte sorella di Austin Forte, la tromba d’oro italiana; Tra le varie personalità presenti, sono intervenuti per la stampa, Amedeo Finizio del giornale “Il Roma”, Michele Cinque direttore di Positanonews con Giulia Nardone, professoressa e giornalista di Positanonews con Paola D’Esposito della redazione; il prof. Fortunato Danise, presidente del Club Unesco di Napoli; il prof. Mimmo Piscopo, in rappresentanza del direttivo dell’Accademia di Alta Cultura Europa 2000. Ci scusiamo per la impossibilità a poter elencare i tanti altri noti nomi presenti in platea.  

Simone Ambrò

 

Nota di Alberto Del Grosso:

Desidero ringraziare ancora l’Associazione Lucana per l’ospitalità offerta allo spettacolo, la stampa, tutti i bravi protagonisti, quanti con la loro collaborazione hanno reso possibile la realizzazione dell’evento; la V Municipalità, le Associazioni culturali che mi hanno offerto la loro adesione morale, gli ospiti in platea che ci hanno seguito sino alla fine del concerto e “dulcis in fundo” Simone Ambrò, al quale ho affidato la funzione di Presentatore – Reporter Narrante, che con appropriata dizione, tempismo, presenza e stretta collaborazione, ha condotto gli spettatori lungo il tragitto dell’intero spettacolo.

Alberto Del Grosso

Giornalista Garante del Lettore di positanonews