Minori costa d´ Amalfi masso su tendostruttura salvi per miracolo 11 bambini

0

Sfiorata la tragedia in Costiera amalfitana Si stacca un masso dalla montagna e sfonda la sottostante tendostruttura. L’episodio è accaduto alle 13 e 30 a Minori, mentre in campo c’era una scolaresca di undici bambini • Proto Manuel; • Proto Claudio • Leone Raffaele; • Milano Luigi; • Reale Francesco; • Ottomana Mariangela; • Nuschese Giovanni; • Di Capua Giuseppe; • Del Pizzo Andrea; • Del Pizzo Pierfrancesco  (questi i nomi degli alunni forniti in un comunicato diffuso dal comune di Minori) accompagnati dall’istruttrice di educazione fisica, Concetta Lambiase.

Sul posto  il sindaco Andrea Reale i carabinieri della Compagnia di Amalfi e i vigili del Fuoco del distaccamento di Maiori coordinati dal capo squadra Carmine Cestaro che ha ordinato l’inibizione dell’intera area compreso il depuratore e il piazzale del limitrofo plesso scolastico. Il sindaco ha chiesto immediatamente la somma urgenza alla Regione Campania con un fax inoltrato alle auorità anche al prefetto di Salerno .

“Si rappresenta l’estrema gravità dei fatti accaduti in data odierna ed in particolare la caduta di un masso del diametro di circa cinquanta centimetri che ha forato la tendostruttura durante l’esercizio delle attività di educazione fisica della scuola secondaria di 1° grado, con grandissimo spavento delle persone ivi presenti  Si precisa, che il sottoscritto ha provveduto all’ interdizione ad horas delle aree interessate e potenzialmente pericolose per la privata e pubblica incolumità. Si ribadisce, la necessità di un intervento di somma urgenza per la messa in sicurezza del costone roccioso di che trattasi, anche in ragione del fatto, che nell’area interessata rientra un plesso scolastico di cui dovrà essere disposta la parziale chiusura cautelare se non verrà rimosso il pericolo.”

 Già ieri il sindaco Andrea Reale aveva inviato  comunicazione prot.n° 3107, era stato sollecitato un intervento ai diversi settori della Protezione civile della regione Campania interessati, per scongiurare il pericolo incombente nell’adiacente area del depuratore comunale. “Si ritiene, che il costone roccioso che incombe sull’impianto di depurazione e sull’impianto sportivo denominato “tendostruttura” interessa anche il plesso delle Scuole medie ed elementari e deve essere scrupolosamente verificato e messo in sicurezza nel più breve tempo possibile.

Tale richiesta formulata e sostenuta, fin dal giorno del luttuoso evento verificatosi nei vicini comuni di Atrani – Amalfi e Ravello in prossimità del ristorante ‘da Zaccaria’ ha riscosso solo un iniziale assenso congiunto della regione Campania e della provincia di Salerno, ma ad oggi ai buoni propositi non è seguito alcun fatto concreto nonostante la piena espressa condivisione di S.E. il Prefetto di Salerno; il relativo impegno economico venne valutato in meno di cinquecentomila euro annui per poter garantire nel tempo quelle condizioni di sicurezza in assenza delle quali, ancor oggi, si rischiano ulteriori lutti basti pensare alla fortunosa circostanza per la quale in data odierna unidici bambini e l’insegnate sono scampati al grave accadimento verificatosi nel nostro comune”.