Capaccio – Paestum quattro candidati a sindaco fuori UDC E Patella

0

 

Capaccio. Nessun simbolo di partito. Sará una sfida all’insegna della civicitá. E’ questo il primo dato che emerge all’indomani della presentazione delle liste elettorali in vista delle comunali di maggio. Non parteciperá alla competizione l’allergologo Vincenzo Patella, che ha deciso di ritirare la sua candidatura poche ore prima della scadenza della presentazione delle liste. • Fuori dai giochi, quindi, il partito dell’Udc che aveva puntato sulla candidatura a sindaco di Patella dopo la frattura con la coalizione di Italo Voza, che non ha accettato al suo interno nessuna lista di partito. • Una sfida a quattro che vede in campo i candidati sindaco Nunzio Daniele, Gennaro De Caro, Roberto Squecco e Italo Voza. • Daniele, guida turistica ha presentato una sola lista di 11 candidati con il simbolo “Progetto Paestum – Tutti insieme per vincere”. • Due le liste per il medico dentista Gennaro De Caro, “Alternativa democratica” e “Nuovo municipio”, tra le cui fila figurano Mauro Gnazzo (componente segreteria regionale dei Comunisti italiani) che ha rinunciato alla candidatura sindaco per entrare nella coalizione di De Caro, l’ex assessore Giovanni Monzo (segretario cittadino Idv), Angelo Cavallo (vicesegretario Gd) e Mimmo Sansivieri assessore molti anni fa. • Un solo simbolo, “Popolari Capaccio domani”, anche per l’imprenditore Roberto Squecco, tra i candidati ci sono gli ex consiglieri comunali dell’amministrazione Marino, Enzo Monzo e Pinello Castaldo. • Il medico di base Italo Voza, infine, correrá con cinque liste. La sua coalizione è costituita dalle liste “A voce alta” che vede tra i candidati gli ex amministratori Roberto Ciuccio, Gabriele Mauro, Pasquale Mazza e Maurizio Paolillo; “Nuova primavera”, tra i candidati il consigliere uscente Roberto Voza, il coordinatore cittadino del Pdl, Franco Sica, l’ex assessore Mimmo Nese e l’ex consigliere comunale Vincenzo Di Riso; “Vota col Cuore”, coordinata dal presidente del consiglio uscente e uno dei firmatari che hanno causato la fine anzitempo della legislatura Marino Paolo Paolino, e Eustachio Voza, segretario provinciale dell’associazione FareAmbiente; “Lab. Futura”, tra i nomi in corsa l’ex assessore Enzo Di Lucia, l’ex consigliere della passata amministrazione Sica, Luciano Farro, gli ex consiglieri comunali Leopoldo Marandino e Nino Pagano; “Altra Cittá”, tra i candidati gli ex consiglieri comunali Pasquale Cetta, Marilena Montefusco, Gerardo Rega, Nicola Ragni, Franco Longo e Maria Vicidomini. Questi ultimi tre tra i firmatari della sfiducia dell’ex sindaco Marino. • Tutte liste civiche, dunque, sebbene alcune vicine comunque a gruppi e sigle politiche. Candidati infatti, alla carica di consiglieri comunali, ci sono numerosi tesserati sia nei partiti di centrodestra che di centrosinistra, che hanno deciso di correre nelle liste civiche. • Una scelta che, in particolare, è stata intrapresa sin dall’inizio dal candidato sindaco Voza che non ha accettato nessun simbolo. Da qui la rottura con l’Udc rimasta fuori dalla competizione elettorale. Angela Sabetta

Lascia una risposta