MEDIAZIONE CIVILE: conviene e fa bene alla tasca e alla salute.

0

 

A.N.P.A.R. (Associazione Nazionale per l’Arbitrato & la Conciliazione)
www.anpar.it  
info@anpar.it

 

MEDIAZIONE CIVILE: conviene e fa bene alla tasca e alla salute.

 

Due accordi  di mediazione, uno per la Liguria e uno dalla Calabria,  omologati e resi esecutivi dal Tribunale di Salerno ove ha sede l’organismo di conciliazione & arbitrato dell’ANPAR.  Le due mediazioni portate  a termine  da due nostri mediatori professionali  il dott. Graziano Marenco in Sarissola (GE)   e il dott.ssa Giulia Conte in Cirò Marina (KR) e presentate per conto dell’organismo   dall’Avv. Massimo Sebastiano del foro di Salerno si aggiungono ad altri verbali di omologa alla firma del neo presidente del Tribunale di Salerno  dott. Ettore Ferrara.
Dunque la città e per essa il Tribunale di Salerno, comincia a far scuola in materia di mediazione ed in particolare per  quanto attiene le omologazioni  e la mediazione  –  dice Pecoraro, presidente dell’Organismo – nel mese di febbraio appena trascorso  sono stati 24  gli accordi conclusi, ciò significa  24 cause in meno sull’intero territorio nazionale.  Questi due verbali non sono importanti  per l’omologa ottenuta ma per il tipo di  controversia risolta. La prima riguarda  un accordo con il quale  due coniugi divorziati  si sono0 assegnati  gli immobili in modo diverso da quanto stabilito dal giudice in fase di divorzio. Il secondo caso  è il riconoscimento di un bene usucapito che con l’omologa costituirà titolo esecutivo  per la trascrizione.
Una considerazione che dovrebbe mettere a tacere una volta e per sempre i detrattori, della mediazione. Sapete quanto sono costate le due procedure compresa la richiesta di  omologa ? Complessivamente   mille  euro. Se fossero andate in causa  le parti avrebbero speso per i due giudizi  più di diecimila euro e circa 10 anni di attesa.  Ma, la soddisfazione è ancora più grande se si tiene conto della brevità della controversia (una sola seduta) e la reciproca soddisfazione delle parti, a “casa loro” senza sobbarcarsi chilometri per  raggiungere il tribunale di competenza. 
Ufficio stampa ANPAR

 

AIANNO