BRIVIDI ALL´OMBRA DEL VESUVIO

0

Si terrà mercoledì 14 marzo 2012, alle ore 10.30, presso la Casa di Reclusione “Rebibbia” a Roma, un incontro culturale con Anna Maria Ghedina e Antonio D’Addio dal titolo “Brividi all’ombra del Vesuvio. Guida ai fantasmi napoletani tra sapere esoterico, tradizione popolare, leggenda e magia”. Sarà un’occasione per discutere, per divulgare concetti che intrigano e interessano sempre e per presentare la produzione letteraria di Anna Maria Ghedina, giornalista, scrittrice e massima esperta di esoterismo. Si parlerà del nuovo libro dal titolo “Il ritorno del Principe di Sansevero e altre strane storie paranormali neapolitane” con un intervento di Antonio D’Addio (Adriano Gallina Editore). Sette storie, tutte ambientate a Napoli, tutte incentrate sul mondo dell’impalpabile, che hanno come comune denominatore il paranormale e la magia. Il libro si inserisce nelle molteplici iniziative che si stanno compiendo per celebrare e festeggiare i trecento anni dalla nascita di Raimondo de Sangro, principe di San Severo, considerato fino a poco tempo un alchimista/stregone ed ora rivalutato come scienziato. L’autrice ha raccolto la testimonianza diretta di Mimì De Simone, decano dei giornalisti della Campania, che ha avuto molteplici “contatti” con il principe e che negli anni Settanta si è reso promotore di un processo di riabilitazione del Principe che aveva fatto sentire la sua presenza attraverso una medium. Un’esperienza vera e vissuta con grande partecipazione che l’autrice ha raccolto dalla viva voce del protagonista che narra un’altra avvincente storia del principe più famoso dei miti e delle leggende della Napoli occulta. Gli altri titoli dei racconti sono: “Il quadro misterioso”, “La strana storia sull’autobus M4”, “Terno secco”, “Cobaltina la janara” e “’O cellulare”, mentre “Don Salvatore” è il titolo della storia scritta dal giornalista Antonio D’Addio. Nel corso dell’incontro si parlerà anche del libro “Fantasmi a Napoli”, un vero best seller, giunto alla sua ottava edizione, un cult del genere mistery, una guida attraverso le “presenze” napoletane e non. Un argomento attuale e appassionante, che sta interessando molto l’opinione pubblica basti pensare alle recenti produzioni televisive che hanno per soggetto il mondo dell’impalpabile: “Il Tredicesimo Apostolo”, “Il Restauratore”, “I cerchi nell’acqua” e al prossimo film di Ferzan Ozpetek “Magnifica Presenza”. Il carcere di Rebibbia non è nuovo a iniziative culturali e artistiche: è di questi giorni la notizia dell’Orso d’Oro vinto dai fratelli Taviani al Festival di Berlino per il film “Cesare deve morire”, girato tra i detenuti della Casa Circondariale Romana.